Racconti

Cara Napoli

Marone Lorenzo

Descrizione: “A volte penso addirittura che Napoli possa essere ancora l’ultima speranza che resta alla razza umana.” Luciano De Crescenzo Cari librai, sono felice di presentarvi questo libro a cui tengo molto perché, più di tutti, parla della città in cui sono nato e vivo da oltre quarant’anni: Napoli. È una raccolta dei miei “Granelli”, gli articoli che negli ultimi tre anni ho scritto ogni domenica per “la Repubblica” di Napoli, attraverso i quali ho cercato di descrivere le mille sfaccettature di questa città. È un libro che mi aiuterà a spiegare perché, a mio avviso, sia necessario cambiare prospettiva su Napoli, perché occorra mostrarla in modo diverso a chi non la vive quotidianamente e ne sente sempre parlare in chiave critica, sottolineando quanto sia una città normale, piena di buchi neri, certo, ma anche di luce, e quanto valga la pena conoscerla, visitarla, viverla. Una passeggiata sottobraccio con i miei lettori, insomma, per raccontare a modo mio i granelli di verità che ho raccolto strada facendo. Credo che il paese abbia più che mai bisogno di Napoli, di capirla fino in fondo, assorbirne la mentalità, la sua cultura del vivere, quell’affrontare l’esistenza con un’alzata di spalle, con la velata ironia che serve a mascherare la malinconia. Credo che abbia infinitamente bisogno della sua “filosofia leggera”, della sua arte, della creatività che riesce a esprimere nonostante tutto, la capacità di convertire il brutto nel bello, le difficoltà in successi, la vita in commedia e di “farsi bastare” la poesia delle piccole cose...

Categoria: Racconti

Editore: Feltrinelli

Collana: Varia

Anno: 2018

ISBN: 9788807492440

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Cara Napoli, scrive Lorenzo Marone.
È un testo che potrebbe far convergere l’orgoglio nazionale e il senso di appartenenza in luogo dei vergognosi episodi di contrapposizione che costellano la cronaca fattuale, politica e sportiva dei nostri giorni.

La lettera che Lorenzo Marone scrive ha capitoli intitolati con binomi saldati dalla “e commerciale”. Interroghiamo www.sapere.it e leggiamo:
Da dove deriva il simbolo “&”?
In italiano si riconosce come e commerciale: in realtà il suo nome è ampersand ed è il simbolo della congiunzione coordinativa “e“, l’”and” inglese. In passato l’ampersand veniva collocata al termine dell’alfabeto latino, come se fosse una lettera a sé stante; prese il nome di ampersand nell’Ottocento in Gran Bretagna e pur occupando l’ultimo posto anche nell’alfabeto inglese, dopo la zed (zeta). Oggi si usa di solito nei nomi di imprese commerciali, non più nel linguaggio corrente.

Dunque il simbolo della connessione. Connessione tra elementi spesso contrastanti: Nord & Sud, Ieri & oggi, Storia & leggenda, Sacro & profano, Salite & discese, Dentro & fuori, Regola & eccezione, Bellezza & miseria.
Così come al centro dei pensieri di Lorenzo Marone sta proprio la Cara Napoli, fulcro di contrasti ma anche elemento di coordinamento dei “granelli” che sono racconti-riflessione.

Nord & Sud

Il “granello” più umano?
‘O mariuolo ‘ncuorpo: qui lo scrittore confessa un sentimento di protezione nei confronti della sua città (“Avvertivo… una specie di ansia che ora chiamerei semplicemente senso di responsabilità”), la stessa preoccupazione (“Sentirti responsabile per qualcosa che non hai commesso, a discolparti anche quando non sei accusato”) che ci occupa quando invitiamo qualcuno a casa nostra e vogliamo ben figurare. O quando mostriamo al giudizio altrui qualcosa a cui teniamo…

Un sentimento che fa il paio con l’apertura (La porta di casa accostata) di una città che è una civiltà (“Ce l’abbiamo nel DNA l’ospitalità”), un inno alla comunicazione (“Toccare in continuazione l’interlocutore per sentirlo vicino”), un’eredità culturale e storica (“La storia ci ha insegnato a ricevere i popoli più che a combatterli”).

Tra i più divertenti?
Andateci cuonci con i botti: quando, a Capodanno, Napoli si trasforma in una santabarbara (“C’è da consumare l’intero arsenale”)…

Il più amaro?
Le lucciole tra i veleni. È un “granello” di denuncia: perché il Nord (“a far scivolare i fusti nella fossa”) tratta l’incantevole – e anche per questo fragile – meridione del Belpaese alla stregua di una discarica (“La pioggia cancellerà anche le tracce dei copertoni, cosicché il lungo viaggio da Nord a Sud sarà come se non fosse mai avvenuto”) anziché – sarebbe così naturale in tutti gli altri paesi dell’Europa! – come patrimonio da valorizzare?

Ieri & oggi

È un rapido excursus tra i decenni: i meravigliosi anni sessanta rivissuti inventando una storia che trae spunto da una foto in bianco e nero (Quei due nella città di un tempo), i creativi e sofferti anni settanta (“Sono nato a metà degli anni settanta”, Scusate se è poco), gli estetizzanti anni ottanta (Cosa resterà di quegli anni ottanta), i telematici anni novanta del vuoto socio-pneumatico…
Napoli intanto è diventata Una città senza più ironia, senza più l’ironia di Totò e Troisi. “È cambiato il modo di raccontarla.”
“Oggi Napoli la si descrive soprattutto tramite Gomorra.”
Anche se Una forma di poesia è il ricordo (“In quella famosa domenica di fine novembre dell’ottanta avevo sei anni”), perfino il più doloroso: quello del terremoto…

Da leggere, da gustare nella pacatezza e nell’intimità anziché nel frastuono delle zuffe social…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lorenzo

Marone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Marone Lorenzo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La ragazza di Bube

Cassola Carlo

Imperniato attorno a un leggendario brano blues, il racconto parla con la voce di un sedicenne che scopre di avere un difetto irreversibile all’udito. Il suo è un viaggio attraverso la presa di coscienza dell’handicap, ma è anche il cammino di un teenager come tanti, alla ricerca della propria identità. È un’empatia che lo sorregge dove i sensi vengono meno: trasporta lontano e pone un diaframma tra lui e il mondo degli uomini che si muovono in fretta, e coltivano cinici il destino come fosse un’occasione. Il ragazzo osserva, memorizza i suoni per riascoltarli nell’animo e attende il silenzio che verrà, e che forse sarà davvero un’occasione. Lo fa in disparte, perché non ama la compagnia chiassosa e accessoria delle conoscenze di passaggio. L’affiancano gli amici dai quali trae, come dalla musica, l’energia per combattere la deriva. L’amicizia è il sentimento che conforta e dà voce a ogni cosa, mentre sul mondo cade fragile il sipario del silenzio.

La Forma Fragile del Silenzio

Pigola Fabio Ivan

Un’isola stupenda, avviata alla totale indipendenza energetica, alla piena ecosostenibilità, che già vive nella società all’idrogeno decide di utilizzare la scoperta di un giovane ricercatore italiano emigrato in California: una tecnologia solare dal rendimento eccezionale e dall’impatto visivo nullo. Quest’isola è la Corsica del 2025. Situazione opposta in Italia, dove la sua innovazione è duramente osteggiata da un sistema che ha scommesso sul nucleare e che non tollera deviazioni, forte del supporto della“democrazia continuativa”. La vita per l’inventore diventa difficile, oggetto di attenzioni sgradite. Ma il giovane ed i suoi amici non si danno per vinti e riescono a mettere in ridicolo il sistema energetico italiano, evidenziandone le debolezze strutturali, e a comunicare attraverso i media in maniera inaspettata e devastante, creando una situazione esplosiva.

2025 BLACKOUT

Riva Renato

Natalia, bellezza prorompente, ribelle per natura ma madre giovanissima. Suo marito, chiuso "per indole naturale o per disperazione nei confronti di quella moglie bambina troppo bella e altrettanto indomabile, dedito al gioco e al bere". Loro figlio Renzo, sempre serio ma felice, con il privilegio di avere una madre tutta per sé quando i genitori si separano. Cominciamo a conoscerli dall'album di famiglia, quando ancora abitavano in Istria, immortalati in tanti istanti di vita felice. Poi, per tutti, viene l'esilio, che porta i loro corpi a trasferirsi in un luogo alieno, mentre la vita non vuole saperne di staccarsi dall'Istria, angolo incantato di Adriatico. Ecco, quindi, che Natalia, Renzo e gli altri personaggi si ritrovano muti nell'animo e paralizzati nei sentimenti. La voce narrante passa così prima alle case testimoni di vita ormai lontana e di desolazione presente -, poi addirittura agli oggetti - una credenza, un pettine, un orologio... -, divenuti unici depositari della memoria. Perché le anime sono rimaste altrove.

L’anima altrove

Mori Anna Maria