Saggi

Cara Silvia

Tortora Enzo e Silvia

Descrizione: Le lettere di Enzo Tortora alla figlia Silvia, da quest'ultima raccolte e pubblicate

Categoria: Saggi

Editore: Marsilio

Collana: Le maschere

Anno: 2003

ISBN: 9788831782838

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

Cara Silvia – Lettere per non dimenticare di Enzo Tortora

Cara Silvia di Silvia Tortora (Marsilio, collana Le maschere) – Il 17 giugno 2023 saranno trent’anni esatti dall’arresto di Enzo Tortora. Presentatore tivù con 28 milioni di spettatori al tempo di “Portobello”, improvvisamente trasformato in mostro, detenuto, camorrista, poi eletto deputato europeo, Tortora è diventato, suo malgrado, il simbolo dell’ingiustizia all’italiana. Su questa vicenda è stato scritto molto, sia in termini giuridici che giornalistici. Eppure chi ricorda la storia del presentatore dato in pasto ai media in manette, processato sui giornali prima che nelle aule dei tribunali? Il volume raccoglie le lettere che Tortora scrisse alla figlia Silvia prima dal carcere di Regina Coeli, poi da quello di Bergamo e dalla sua casa di Milano, dove scontò gli arresti domiciliari.

Silvia Tortora, la figlia di Enzo, ha curato la realizzazione del film Un uomo perbene (Regia: Maurizio Zaccaro – Interpreti: Michele Placido, Stefano Accorsi, Giuliano Gemma, Mariangela Melato, Giovanna Mezzogiorno, Leo Gullotta) – Nel giugno 1983, Enzo Tortora riceve una telefonata che gli preannuncia una notizia Ansa del giorno dopo: “Arresteranno Enzo Tortora”. Venerdì 17 giugno, ore quattro e un quarto, all’hotel Plaza dove alloggia il presentatore arriva un’auto da cui scendono dei carabinieri che chiedono di lui: l’accusa? Associazione per delinquere e droga. Inizia un calvario giudiziario e umano che porta Tortora da una prigione all’altra nel tentativo di provare la sua innocenza. La vera storia del presentatore televisivo Enzo Tortora.

Silvia Tortora è morta il 10 gennaio 2022. Per tutta la vita ha seguito le orme del padre Enzo e lo ha difeso. Giornalista per la tv e per la carta stampata,  era nata a Roma il 14 novembre del 1962: aveva 59 anni ed era ricoverata da qualche tempo in una clinica romana. Aveva speso gran parte della sua carriera in Rai, occupandosi di ricostruire la storia del nostro Paese. A lungo aveva lavorato con Gianni Minoli, a Mixer, già a partire dal 1985. In seguito era entrata nella redazione di “La storia siamo noi”, realizzando una serie di interviste.

Assieme alla sorella minore Gaia, la giornalista è sempre stata in prima linea nella difesa delle ragioni del padre: nel corso del processo che lo vide condannato e poi assolto per associazione camorristica, ma anche dopo la morte. Silvia ha voluto ricordare e ricostruire la figura del papà attraverso il  film Un uomo perbene di Maurizio Zaccaro: il soggetto era suo e le è valso nel 1999 il nastro d’argento al Festival di Taormina.  «Dal mio punto non è cambiato nulla: sono 30 anni di amarezza e di disgusto — ha detto in occasione del trentesimo anniversario della morte di Enzo Tortora —. Mi aspettavo una riforma del sistema giudiziario, invece non è accaduto. I processi continuano all’infinito. Anzi in trent’anni c’è stata una esplosione numerica».

La giornalista ha lavorato anche per la carta stampata: dopo aver collaborato con il settimanale Epoca ha pubblicato diversi libri, tra cui Cara Silvia (Marsilio) che raccoglie le lettere che il padre Enzo le scrisse dal carcere. Dal 2009 ha condotto Big con Annalisa Bruchi, su Rai 3. Era mamma di due figli, Philippe e Michelle, avuti dal marito, l’attore francese Philippe Leroy.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

E

Enzo

Tortora

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tortora Enzo e Silvia

Al tenue chiarore della luna, le paludi che circondano la cittadella medievale di Aigues-Mortes restituiscono alle autorità il cadavere di una donna: si tratta di Deanne Bréchet, una giornalista parigina. La polizia concentra subito i sospetti su Fabienne Lacati, una giovane ricercatrice della Sorbona che si trova nel sud della Francia per un convegno sulle crociate. Le due donne, infatti, si conoscevano bene e la sera dell'omicidio molti testimoni le hanno viste litigare furiosamente nella hall dell'albergo. Determinata a provare la propria innocenza, Fabienne scopre che, nelle settimane precedenti, la giornalista era andata spesso in quella enigmatica e affascinante città-fortezza per documentarsi sui Penitenti Grigi, un antico ordine caritatevole che esiste ancora oggi. Ma l'aspetto più inquietante della vicenda è che pure Fabienne è interessata a quella confraternita, e forse non è una coincidenza se, da mesi, le negano il permesso di visitare il luogo dove sono raccolti i registri della congregazione: la Cappella dei Penitenti Grigi. È possibile che Deanne avesse scoperto un segreto scottante, custodito proprio in quella chiesa inaccessibile? La drammatica conferma arriva quando, l'uno dopo l'altro, tutti coloro che Deanne aveva contattato muoiono in circostanze misteriose. Fabienne intuisce quindi di essere in pericolo e, con l'aiuto di Daniele Ferrara, un collega italiano, si convince che l'unico modo per salvarsi la vita è andare a caccia della verità...

La cappella dei penitenti grigi

Luini Lilli

Una giovane donna va in anni recenti alla ricerca del misterioso passato dei reclusi di un enorme lager in un'isola greca dove il regime dei colonnelli confinò insieme folli, poeti e oppositori politici. E sprofonda, come il coniglio di Alice, seguendo tracce semicancellate archivi polverosi e segni magici, in una catena imprevista di orrori e segreti dove la pazzia sempre più si mostra come eterno segno dell'opposizione e della ribellione e il passato rivive in storie miracolose, in una festa del linguaggio e della parola. Nella seconda parte del romanzo la detection su follia, normalità e violenza della giovane donna si allarga al mondo contemporaneo e finisce col diventare inevitabile, sconvolgente autobiografia dell'autrice, dove il nodo del rapporto con la madre e la scoperta del fantasma della propria follia (e di quella materna) si aprono in immagini di rara forza. Unica salvezza è la parola poetica, la passione di dire e raccontare che unisce i mondi nel gesto individuale di chi ha il coraggio di cercare ancora "la prima verità".

La prima verità

Vinci Simona

Versailles, 1774. Giocatore d'azzardo, spadaccino ed ex spia del Doge di Venezia, Pietro Viravolta ha abbandonato la Serenissima per entrare nel Segreto del Re, una rete d'informatori al servizio di Luigi XV. Perciò non è sorpreso quando il duca d'Aiguillon, ministro della corona, lo convoca d'urgenza a corte per far luce sul brutale omicidio di una giovane donna. Tuttavia non può immaginare ciò che l'assassino ha lasciato accanto al cadavere: un'elegante edizione delle opere di La Fontaine e una pergamena, sulla quale sono stati vergati col sangue i titoli di dieci favole e una firma, "il Favolista". Il messaggio è chiaro: qualcuno si appresta a compiere una serie di omicidi, inscenando macabre rappresentazioni delle opere del celebre autore. E c'è un altro dettaglio, ancora più sconcertante: quattro anni prima, lo stesso Viravolta aveva ucciso un agitatore politico che si faceva chiamare il Favolista... In bilico tra lo sfarzo abbagliante di Versailles e gli oscuri meandri di una nobiltà inquieta, la spia veneziana verrà risucchiata in un vortice di tradimenti, inganni e morti efferate, un vortice che potrebbe cambiare il destino del regno di Francia...

Il traditore di Versailles

Delalande Arnaud

Lago di Como, primi giorni d'estate. Benedetta, diciassettenne appartenente a una famiglia influente e facoltosa, scompare nel nulla. Il suo motorino viene ritrovato sul fondo di una scarpata, in una zona isolata e impervia, tra le montagne. Il commissario Gropello e la sua squadra, a cui è stato assegnato il caso, devono perciò scartare l'ipotesi di una fuga volontaria e cercare un'altra pista, ma gli indizi sono davvero pochi. A mettersi sulle tracce del vero responsabile del rapimento, anche se all'inizio solo per gioco, sono invece Federico e Massimo, due ragazzi che stanno trascorrendo le vacanze a Nisio, un paesino abbarbicato sulle pendici della tetra Valle dei Cani, vicino al bosco dov'è stato abbandonato lo scooter. La polizia riuscirà a risolvere il caso prima di loro e a ritrovare Benedetta sana e salva? Quella che sembrava una tranquilla realtà di provincia si trasforma in un paesaggio inquietante, intriso di violenza. Lo sciabordio sinistro delle onde del lago e il cupo silenzio dei boschi diventano il palcoscenico di uno spettacolo perverso, in cui tutti gli attori, sia gli adulti che gli adolescenti, risulteranno colpevoli.

La valle dei cadaveri

Invernici Antonio