Saggi

Cara Silvia

Tortora Enzo e Silvia

Descrizione: Le lettere di Enzo Tortora alla figlia Silvia, da quest'ultima raccolte e pubblicate

Categoria: Saggi

Editore: Marsilio

Collana: Le maschere

Anno: 2003

ISBN: 9788831782838

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

Cara Silvia – Lettere per non dimenticare di Enzo Tortora

Cara Silvia di Silvia Tortora (Marsilio, collana Le maschere) – Il 17 giugno 2023 saranno trent’anni esatti dall’arresto di Enzo Tortora. Presentatore tivù con 28 milioni di spettatori al tempo di “Portobello”, improvvisamente trasformato in mostro, detenuto, camorrista, poi eletto deputato europeo, Tortora è diventato, suo malgrado, il simbolo dell’ingiustizia all’italiana. Su questa vicenda è stato scritto molto, sia in termini giuridici che giornalistici. Eppure chi ricorda la storia del presentatore dato in pasto ai media in manette, processato sui giornali prima che nelle aule dei tribunali? Il volume raccoglie le lettere che Tortora scrisse alla figlia Silvia prima dal carcere di Regina Coeli, poi da quello di Bergamo e dalla sua casa di Milano, dove scontò gli arresti domiciliari.

Silvia Tortora, la figlia di Enzo, ha curato la realizzazione del film Un uomo perbene (Regia: Maurizio Zaccaro – Interpreti: Michele Placido, Stefano Accorsi, Giuliano Gemma, Mariangela Melato, Giovanna Mezzogiorno, Leo Gullotta) – Nel giugno 1983, Enzo Tortora riceve una telefonata che gli preannuncia una notizia Ansa del giorno dopo: “Arresteranno Enzo Tortora”. Venerdì 17 giugno, ore quattro e un quarto, all’hotel Plaza dove alloggia il presentatore arriva un’auto da cui scendono dei carabinieri che chiedono di lui: l’accusa? Associazione per delinquere e droga. Inizia un calvario giudiziario e umano che porta Tortora da una prigione all’altra nel tentativo di provare la sua innocenza. La vera storia del presentatore televisivo Enzo Tortora.

Silvia Tortora è morta il 10 gennaio 2022. Per tutta la vita ha seguito le orme del padre Enzo e lo ha difeso. Giornalista per la tv e per la carta stampata,  era nata a Roma il 14 novembre del 1962: aveva 59 anni ed era ricoverata da qualche tempo in una clinica romana. Aveva speso gran parte della sua carriera in Rai, occupandosi di ricostruire la storia del nostro Paese. A lungo aveva lavorato con Gianni Minoli, a Mixer, già a partire dal 1985. In seguito era entrata nella redazione di “La storia siamo noi”, realizzando una serie di interviste.

Assieme alla sorella minore Gaia, la giornalista è sempre stata in prima linea nella difesa delle ragioni del padre: nel corso del processo che lo vide condannato e poi assolto per associazione camorristica, ma anche dopo la morte. Silvia ha voluto ricordare e ricostruire la figura del papà attraverso il  film Un uomo perbene di Maurizio Zaccaro: il soggetto era suo e le è valso nel 1999 il nastro d’argento al Festival di Taormina.  «Dal mio punto non è cambiato nulla: sono 30 anni di amarezza e di disgusto — ha detto in occasione del trentesimo anniversario della morte di Enzo Tortora —. Mi aspettavo una riforma del sistema giudiziario, invece non è accaduto. I processi continuano all’infinito. Anzi in trent’anni c’è stata una esplosione numerica».

La giornalista ha lavorato anche per la carta stampata: dopo aver collaborato con il settimanale Epoca ha pubblicato diversi libri, tra cui Cara Silvia (Marsilio) che raccoglie le lettere che il padre Enzo le scrisse dal carcere. Dal 2009 ha condotto Big con Annalisa Bruchi, su Rai 3. Era mamma di due figli, Philippe e Michelle, avuti dal marito, l’attore francese Philippe Leroy.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

E

Enzo

Tortora

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tortora Enzo e Silvia

L’America come la conosciamo non esiste più. Le macchine si sono fermate, la popolazione è stata decimata da una misteriosa epidemia, il terreno contaminato da tossine, e in questo scenario di morte e dolore è cominciata la grande emigrazione: i sopravvissuti si muovono verso est, verso la speranza e la possibilità di un imbarco per l'Europa. Ferrytown è una stazione di transito, che sopravvive proprio su questo incessante, disperato flusso migratorio. Ed è qui che arrivano Franklin Lopez e suo fratello Jackson, pellegrini verso l'oceano. Franklin ha un dolore a un ginocchio e si ferma sulle colline, mentre il fratello scende a Ferrytown per vedere di guadagnare qualcosa. In una casupola sulle colline Franklin incontra una donna, Margaret, febbricitante e isolata da tutti. Insieme i due intraprenderanno il cammino attraverso quest'America distrutta, aiutandosi a vicenda e trovando anche la forza di un amore inaspettato.

TUTTO CIO’ CHE ABBIAMO AMATO

Crace Jim

Ci sono bar e bar e poi c’è il Bar Sport che tutti li accomuna e li fonde in un solo paradigmatico universo, in una sola grande scena di umanità raccolta sotto la fraterna insegna come intorno a un fuoco, intorno al calore di un’identità minacciata. Stefano Benni, con il suo Bar Sport, ha aperto la porta su un mondo che per tutti è diventato un luogo, anzi il luogo familiare per eccellenza. Il Bar Sport è quello dove non può mancare un flipper, un telefono a gettoni e soprattutto la "Luisona", la brioche paleolitica condannata a un’esposizione perenne in perenne attesa del suo consumatore. Il Bar Sport è quello in cui passa il carabiniere, lo sparaballe, il professore, il tecnnico (proprio così, con due n) che declina la formazione della nazionale, il ragioniere innamorato della cassiera, il ragazzo tuttofare. Nel Bar Sport fioriscono le leggende, quella del Piva (calciatore dal tiro portentoso), del Cenerutolo (il lavapiatti che sogna di fare il cameriere) e delle allucinazioni estive. Vagando e divagando Benni ha scritto la sua piccola commedia umana, a cui presto aggiungerà un nuovo capitolo. Ebbene sì, Bar Sport è vivo, è ancora vivo.

BAR SPORT

Benni Stefano

Imperniato attorno a un leggendario brano blues, il racconto parla con la voce di un sedicenne che scopre di avere un difetto irreversibile all’udito. Il suo è un viaggio attraverso la presa di coscienza dell’handicap, ma è anche il cammino di un teenager come tanti, alla ricerca della propria identità. È un’empatia che lo sorregge dove i sensi vengono meno: trasporta lontano e pone un diaframma tra lui e il mondo degli uomini che si muovono in fretta, e coltivano cinici il destino come fosse un’occasione. Il ragazzo osserva, memorizza i suoni per riascoltarli nell’animo e attende il silenzio che verrà, e che forse sarà davvero un’occasione. Lo fa in disparte, perché non ama la compagnia chiassosa e accessoria delle conoscenze di passaggio. L’affiancano gli amici dai quali trae, come dalla musica, l’energia per combattere la deriva. L’amicizia è il sentimento che conforta e dà voce a ogni cosa, mentre sul mondo cade fragile il sipario del silenzio.

La Forma Fragile del Silenzio

Pigola Fabio Ivan

Quentin è innamorato di Margo Roth Spiegelman da sempre. Tra loro c'è un legame speciale da quando, all'età di nove anni, hanno ritrovato insieme in un parco il corpo di un ragazzo morto suicida. Dopo anni di amicizie ed esperienze diverse, poco prima del diploma Margo riappare alla finestra di Quentin e lo trascina in piena notte in un'avventura indimenticabile. Sembra l'inizio di una nuova fase insieme. E invece no. La mattina dopo Margo scompare misteriosamente, come ha già fatto altre volte. Solo che questa è diversa. Questa fuga da Orlando, la sua città di carta, dopo che tutti i fili dentro di lei si sono spezzati, potrebbe essere l'ultima. Età di lettura: da 14 anni.

Città di carta

Green John