Racconti

CARMILLA – di J. Sheridan Le Fanu

Le Fanu Joseph Sheridan

Descrizione: Avvolti in atmosfere sinistre e inquietanti, popolati da creature sospese tra la vita e la morte, assetate di sangue e portatrici di sciagure, questi 15 racconti di Joseph Sheridan Le Fanu hanno profondamente influenzato la narrativa fantastica e dell'orrore. La fantasia di Le Fanu risveglia invincibili paure ancestrali, creando un uniiverso oscuro e sconvolgente.

Categoria: Racconti

Editore: Newton Compton

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788854121867

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

carmillaTitolo: Carmilla
Autore: Joseph Sheridan Le Fanu
Anno: 1872

“Carmilla” di Joseph Sheridan Le Fanu è il racconto che, dal punto di vista cronologico, svolge un ruolo pionieristico nella letteratura horror sui vampiri.

La fanciulla vampiro creata dalla fantasia dello scrittore irlandese è datata 1872, mentre “Dracula” al risale 1897: quindi Le Fanu ha anticipato esattamente di venticinque anni il più famoso Bram Stoker, che viene comunemente considerato il capostipite degli attuali filoni che fanno capo a Stephenie Morgan Meyer e a Lisa James Smith o la fonte d’ispirazione della fortunata cinematografia che annovera il Nosferatu di Herzog e, ai giorni nostri, l’intera saga (Twilight, New Moon, Eclipse, Breacking Dawn …) tratta dal paranormal romance.

In questo commento cercherò di rilevare quali siano gli elementi di originalità, presenti in Carmilla, poi ripresi dalle opere che anche ai giorni nostri mietono tanti consensi.

Il rapporto sentimentale tra predatore e vittima. L’eros asessuale.

1 

Tra il predatore e la sua vittima prediletta si instaura una relazione ambivalente, che spesso prescinde dall’appartenenza a un sesso o all’altro. Il racconto di Le Fanu, in modo velato e allusivo, narra di un rapporto saffico tra due giovani donne e di un sentimento che affonda le proprie radici psicologiche in un contesto affettivo di insoddisfazione e di ricerca:

“La prima notte in cui la vidi, mi conquistarono la confidenza e l’amicizia che volle offrirmi, ma adesso non capivo perché mi nascondeva tutto di sé.”

2

Eros e Thanatos

Il legame intenso che si instaura tra predatore e vittima richiama la (futura) dialettica freudiana tra pulsione verso la vita e il desiderio di morte:

“E’ da te che mi viene la vita, e tu dovrai morire per me.”

Quasi a significare che un sentimento totalizzante non può prescindere da un destino di distruzione:

“… a causa di un amore strano, un amore che mi portava via la vita. Ma il vero amore miete sempre vittime, e si nutre di sangue.”

Sorge il forte sospetto che sia tutta una metafora …

3

Il somatismo

Sto per addentrarmi nell’immagine della creatura maledetta che, da qui in poi, assumerà forme canoniche ricorrenti:

“Quella sua amica … ha dei canini lunghi e stretti, affilati come aghi.”

Se la creatura è un morto vivente, sarà assediata dal gelo, non soltanto corporeo:

“Ho freddo, ho tanto freddo. Ti prego, portami a casa.”

Il determinismo

Un altro interessante “topos” di questa letteratura horror è ravvisabile nella maledizione strutturale: una sorta di legge necessitante che costringe il predatore a un destino eterno di dannazione e incatena la vittima a questa stessa sorte:

“Sono legata a un voto inviolabile, come e più di una monaca …”

Come dire: sono fatto così per una volontà imperscrutabile. Contro la quale nulla posso. Soltanto una forma di morte superiore potrà pacificare la mia condizione esistenziale di cadavere vivente.

Il ritualismo

Quello che farà la fortuna del genere, in quanto evidentemente stimola l’immaginario collettivo che dalla morte trae terrore attrazione, è il ritualismo immaginifico di pratiche macabre e, al tempo stesso, catartiche. Questo ritualismo, c’è già tutto in Carmilla.

Nell’individuazione del giaciglio:

“Il giorno seguente, la tomba della contessa Mircalla fu aperta, e mio padre e il generale … riconobbero in lei la donna perfida e straordinariamente bella che avevano ospitato nella loro casa.”

Nella pratica totemica di distruzione del cuore:

“Il cuore fu rimosso e un paletto acuminato fu conficcato nel cuore del vampiro, il quale lanciò un grido lancinante.”

Nel desiderio di recidere la maledizione:

“Poi fu spiccata la testa dal busto, e un fiotto di sangue zampillò dal collo tagliato.”

Nell’istinto di garantirsi una sicurezza nella natura ove, secondo Lavoisier, “nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma”:

“Infine, sia il corpo che la testa furono bruciati su carboni ardenti, e le ceneri disperse nelle acque del fiume.”

L’estetica

4

L’estetica del “bello e maledetto” è un altro motivo conduttore:

“Era trascorso un secolo e mezzo dalla sua morte, ma nonostante questo la contessa era intatta, e pareva addormentata. Aveva un colorito roseo, gli occhi aperti, e non c’era traccia di quel fetore che i morti emanano a causa del processo di putrefazione.”

Questa estetica rappresenta una delle leve sulle quali agisce la macchina del business cinematografico contemporaneo, che ha creato veri e propri idoli. E icone per adolescenti e giovani sempre alla ricerca di miti nei quali identificarsi.

Per quanto mi riguarda, io rifuggo le degenerazioni truci e sanguinolente. Così come rimane affascinato dall’estetica neoclassica e soavemente terrificante di Carmilla …

Voto i-LIBRI:

5stelle



       

button acquista feltrinelli



               


{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Joseph

Fanu

Le

Libri dallo stesso autore

Intervista a Le Fanu Joseph Sheridan


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un raccapricciante delitto si è consumato nella città di Metz. Il dottor Valadier, medico legale in pensione, si trova inspiegabilmente coinvolto nelle indagini e si mette sulle tracce degli assassini. Più le sue ricerche procedono, più una complicata trama viene alla luce, intessuta da menti sottili e diaboliche. All'insaputa dell'intera umanità, è in corso una guerra combattuta da forze occulte che si muovono nell'oscuro universo dell'Esoterismo. Le origini di due antichi popoli, gli Ebrei e gli Zingari, legati da un comune destino di sofferenza e di persecuzione, sono la chiave per comprendere l'incredibile vicenda che sta per compiersi. La protagonista è una giovane e bellissima zingara, che si dibatte tra la sottomissione al suo Dio e la passione per un uomo. Un dilemma che riflette quello dell'intera umanità, alla vigilia di un eccezionale cambiamento. La Zingara fa le carte al mondo, e scopre l'Angelo del Giudizio, mentre un'epoca spirituale sta per tramontare e un'altra completamente nuova, sta per sorgere.

La zingara di Metz

Rosaci Domenico

Pubblicato postumo dopo il precoce suicidio del suo autore e tradotto ora per la prima volta in Italia, “Lezioni di striptease” conferma il talento brillante e misconosciuto di John O'Brien, che con “Via da Las Vegas” aveva già creato uno dei romanzi di culto degli anni Novanta, portato al successo dal fortunato adattamento cinematografico con cui Nicolas Cage si aggiudicò un premio Oscar. In queste pagine O'Brien torna a indagare le esistenze di silenziosa disperazione che si annidano ai margini del sogno americano, regalandoci una storia d'amore e di solitudine che non è solo il ritratto toccante di un personaggio, ma anche un atto di accusa contro la società del benessere, del profitto, della performance. Il protagonista è Carroll, un uomo timido di mezza età, archivista in un ufficio legale dove accumula solo umiliazioni e nevrosi. Carroll è privo di fascino e di amici: a rischiarare il grigiore della sua esistenza ci sono solo gli scintillii di paillettes dello strip-club di second'ordine dove passa sempre più spesso le sue serate, in cerca non tanto di eccitazione sessuale, quanto - per improbabile che sia - di un contatto umano con le ragazze che ai suoi occhi rappresentano solo calore e bellezza. Quando nel locale arriva una nuova spogliarellista, Stevie, che per la prima volta sembra concedergli un briciolo di confidenza, la sua vita abituale comincia a sussultare e sgretolarsi: sarà un nuovo inizio, o solo l'inizio della fine?

LEZIONI DI STRIP-TEASE

O'Brien John

Sarajevo, 28 giugno 1914. Sei colpi di rivoltella freddano Francesco Ferdinando d’Asburgo e Sophie Chotek, sposa morganatica dell’erede di Francesco Giuseppe perché “non abbastanza nobile” per diventare imperatrice. In sette capitoli, corrispondenti ai giorni in cui si dipana la querelle fra l’opinione pubblica e Alfred di Montenuovo, incaricato di organizzare le esequie, Edgarda Ferri racconta le discussioni, i puntigli, i compromessi dell’inquietante Gran Ciambellano di Corte, che non riconosce Sophie come moglie legittima dell’erede al trono, arrivando a concederle soltanto un paio di misteriosi guanti bianchi posati sulla bara, poggiata a terra e lontana da quella del marito, issata su un enorme catafalco ornato dai simboli imperiali.

Guanti bianchi

Ferri Edgarda

La realtà che Tris ha sempre conosciuto ormai non esiste più, cancellata nel modo più violento possibile dalla terrificante scoperta che il "sistema per fazioni" era solo il frutto di un esperimento. Circondata solo da orrore e tradimento, la ragazza non si lascia sfuggire l'opportunità di esplorare il mondo esterno, desiderosa di lasciarsi indietro i ricordi dolorosi e di cominciare una nuova vita insieme a Tobias. Ma ciò che trova è ancora più inquietante di quello che ha lasciato. Verità ancora più esplosive marchieranno per sempre le persone che ama, e ancora una volta Tris dovrà affrontare la complessità della natura umana e scegliere tra l'amore e il sacrificio.

Allegiant

Roth Veronica