Narrativa

Cartongesso di Francesco Maino

Maino Francesco

Descrizione: Cartongesso è un'invettiva viscerale e drammatica contro il Veneto attuale e contro un intero paese, l'Italia tutta. Michele Tessari è un avvocato che avvocato non vuole essere, ex necroforo, affetto da un disturbo bipolare, intrappolato nella vita come una cavia isterica ma consenziente, persino complice. Un "complice debole" del mondo in cui è immerso. Il disfacimento della sua terra si rispecchia in quello della sua esistenza, inquinata da un odio "che cammina come l'infezione, dalle caviglie alla bocca", dove si trasforma in grido. Un grido che investe la classe politica, le carceri, la giustizia, il sistema universitario, giù giù fino ai singoli individui, fino al narratore stesso, imbibito degli stessi mali contro cui si scaglia. Non c'è consolazione in queste pagine, nessuna catarsi: solo letteratura. E, in letteratura, "coraggio" è soprattutto raccontare la verità.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2014

ISBN: 9788806218416

Recensito da Silvia Borghi

Le Vostre recensioni

Cartongesso è scritto da un avvocato di San Donà di Piave, vincittore del Premio Calvino 2013 ed è atteso dai concittadini di Francesco Maino con ansia e anche con preoccupazione, in quanto prometteva di sparare a zero sulla gente del Basso Piave.

Il risultato? Una critica sostanzialmente corretta nei contenuti, ma troppo feroce nella forma.

Da un lato era interessante l’idea che un avvocato si mettesse a nudo, “denunciando” delle mancanze importanti nella personalità, e spesso nella moralità, dei suoi compaesani. Ma un originario di zone limitrofe – parecchio differenti eppur parecchio affini – non può fare a meno di notare quanto lo stesso Maino sia più sandonatese dei sandonatesi. Per certi versi lo ammette pure: di non avere coraggio, di non averne mai avuto, di essersi alla fine per lo più adeguato a questa mancanza di valori. Seppure senta di far parte di quella “minoranza minorata” (come la chiama lui) di coloro che non riescono a non vedere e a non indignarsi per questa pochezza.

Peccato che il tutto risulti uno sproloquio: il libro è costruito su periodi lunghi anche tre pagine, con virgole a iosa usate non per cadenzare il discorso, bensì per fare quasi una lista della spesa. Manca un racconto, un filo logico insomma. E, a mio gusto, l’uso di vocaboli eccessivamente diretti, l’uso di situazioni sessuali applicate volgarmente in molti contesti potevano trovare alternative più consone.

Resto perplessa e mi chiedo se un siciliano, ad esempio, non avendo la scusante della curiosità e morbosità legate al territorio, possa trovare interessante superare la metà libro. In Cartongesso l’autore sputa sul piatto dove mangia con una ferocia eccessiva, quasi dannosa alla causa.

Non dubito che Maino abbia cultura, sensibilità e sappia scrivere. Spero, però, che possa darne miglior prova col prossimo libro.

Qui il sito ufficiale dello scrittore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francesco

Maino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Maino Francesco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

«Giorni lieti s'avvicinavano per la famiglia Portolu, di Nuoro. Agli ultimi di aprile doveva ritornare il figlio Elias, che scontava una condanna in un penitenziario del continente; poi doveva sposarsi Pietro, il maggiore dei tre giovani Portolu. Si preparava una specie di festa: la casa era intonacata di fresco, il vino ed il pane pronti; pareva che Elias dovesse ritornare dagli studi, ed era con un certo orgoglio che i parenti, finita la sua disgrazia, lo aspettavano. Finalmente arrivò il giorno tanto atteso, specialmente da Zia Annedda, la madre, una donnina placida, bianca, un po' sorda, che amava Elias sopra tutti i suoi figliuoli.»

Elias Portolu

Deledda Grazia

Una voce si muove tra ombrelloni e corpi distesi al sole, ne coglie il chiacchiericcio ingombrante, i movimenti imperscrutabili. Coinquilini di un condominio si cercano come fossero l’ultimo avamposto di un’umanità che scompare. Una ragazzina è certa che il mondo stia finendo, e vede nel suo fratellino parpalegico la risposta a ogni sua paura. Un padre nasconde a sua figlia il lavoro che fa - l’editore - spacciandosi per un attore porno. Due astronauti in orbita vedono i continenti spegnersi uno dopo l’altro, la Terra inghiottita dal buio di qualcosa che non conoscono, convincendosi che nel piccolo abitacolo che abitano, resista l’ultimo germe del futuro. Questi alcuni dei racconti di questo nuovo e sorprendente libro.

La gente non esiste

Zardi Paolo

Un vocabolario che comincia con un "abbraccio" e prosegue con "cuore", "dedica", "incontro", "notte", e "piangere" in cui Barthes interviene con il suo sottile ingegno di linguista a collezionare tutti questi discorsi spuri in un unico soliloquio. Per il grande pensatore francese l'amore è un discorso sconvolgente ed egli lo ripercorre attraverso un glossario dove recupera i momenti della "sentimentalità", opposta alla "sessualità", traendoli dalla letteratura occidentale, da Platone a Goethe, dai mistici a Stendhal. Si realizza così un repertorio suffragato da calzanti riferimenti letterari e da obbligati riferimenti psicanalitici sul lessico in uso nell'iniziazione amorosa.

Frammenti di un discorso amoroso

Barthes Roland

Caligola. Impero e follia (dialogando con l’autore)

Forte Franco