Narrativa

La casa delle belle addormentate

Kawabata Yasunari

Descrizione: Un raffinato racconto erotico centrato sulle visite del vecchio Eguchi a un inconsueto postribolo in cui gli ospiti possono passare la notte con giovanissime donne addormentate da un narcotico. Un viaggio tra i più misteriosi recessi della psiche.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Oscar classici moderni

Anno: 2001

ISBN: 9788804496106

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“La casa delle belle addormentate” di Yasunari Kawabata è un’opera che esprime il senso dell’erotismo orientale attraverso una storia ricca di simbolismo e sottintesi.

Eguchi comincia a frequentare la casa delle belle addormentate (“Che le ragazze dormivano nell’attesa, che non si svegliavano e tutto il resto”), una casa di piacere insolita sia per le attrici (“Non aveva domandato con che cosa avessero fatto dormire la ragazza”), sia per gli avventori (tutti anziani ormai innocui: “Ospiti di cui si può essere tranquilli”), sia per la scenografia (“Il rumore delle onde era fragoroso”).

Dopo il primo sorprendente incontro (“Non la sola bellezza di lei era imprevista, ma la sua giovinezza”), ne seguono altri quattro, via via sempre più ravvicinati nel tempo.
Ciascuna delle notti trascorse con le prostitute-vergini (“Non era dunque diventata una bambola vivente, era ridotta a un balocco concepita per non far vergognare i vecchi asessuati”) è occasione per evocare ricordi, per assaporare odori (“l’odore di latte della ragazza dormiente… i ricordi o le memorie…”) e piaceri nuovi (“L’incalcolabile estensione del sesso, la sua inconoscibile profondità fino a che punto, nei passati sessantasette anni, era stata da lui esplorata?”), per attraversare immagini  e fantasie di fiori: (“Ai piedi dell’alto muro di cinta di un vecchio tempio dello Yamato, due o tre peonie fiorite..; nel giardino presso la veranda del monastero Shisendo una bianca sassifraga sbocciata; … i fiori di rododendro di Nara, i glicini, il tempio Tsubaki-dera tutto fiorito di camelie”), per sperimentare tentazioni (“Doveva infrangere la regola della casa”) e impulsi estremi (“Anche strangolarla sarebbe stato facile”).
In questa pluralità di pensieri ed emozioni, Eguchi ricorre sempre allo stesso metodo (“Conteneva due pillole bianche. A prenderne una, un’ebbrezza da sogno; a prenderne due, si piombava in un sonno di morte”) per trascorrere le sue nottate di piacere. E sogna (“Venuto lì in cerca di piaceri mostruosi, aveva sognato piaceri mostruosi”)… E si risveglia (“Nel giovane calore e nel delicato odore di lei era stato un dolce risveglio da fanciullo”) al mattino quando le ragazze ancora dormono…

Kawabata cattura il lettore con un impianto narrativo originale, lo accarezza con lo stile ricercato e immaginifico, lo stupisce con un finale noir insospettato nel quale l’eros si combina a thanatos tra i profumi degli aceri e dei cedri, sotto i raggi del sol levante… Attraverso la magia dell’arte del Maestro giapponese, la bella addormentata emigra dalla tradizione europea della favola di Charles Perrault per rifrangersi nelle mille sfumature della sensibilità orientale.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

L’eros giapponese in mostra e Kawabata – i-LIBRI

[…] adeguatamente il senso dell’eros giapponese in letteratura abbiamo scelto di commentare a questo link “La casa delle belle addormentate” di Yasunari […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yasunari

Kawabata

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kawabata Yasunari

C'è una donna che lo cerca: è una biologa russa, affascinante. In un'osteria affacciata sulla laguna di Venezia dichiara di voler clonare un cavallo portentoso, quello del monumento a Bartolomeo Colleoni in campo San Zanipolo. Alvise Pàvari dal Canal ne ha sentite tante nella vita, ma questa le batte tutte. Clonare una statua? Certo che no, gli spiega dolcemente la russa. Lei allude a tessuti organici di cinquecento anni fa, perfettamente conservati. Alvise finge di non capire, ma pensa alla teca con due sfere di vetro ambrato custodita nel palazzo avito sul Canal Grande. E una leggenda di famiglia ci trascina indietro nel tempo: al banchetto di cento portate in cui il Colleoni, capitano generale della Serenissima, conquista una donna troppo piena di vita per accontentarsi del vecchio marito mercante; alla frenesia di amorosi sensi che Leonardo da Vinci, giunto in laguna da Firenze, scatena a Ca' Pàvari, seminando nostalgia inguaribile e un capolavoro sorprendente.

DUE BELLE SFERE DI VETRO AMBRATO

Caponetti Giorgio

Cosa fare per trasformare le cose che non ci piacciono? Come cambiare per essere felici? Non esiste una risposta giusta o una sbagliata. Esiste solo la domanda giusta. Questo libro ha il potere di rivelarci che cosa è meglio per noi. Nella coppia, in famiglia, nel lavoro, nelle relazioni interpersonali. Una serie di domande-chiave che dissipando le insicurezze e sbloccando schemi mentali di cui non siamo consapevoli, stimolano la conoscenza di noi stessi e mettono a fuoco i nostri reali desideri, fino a farci scoprire quali scelte ci porteranno alla felicità.

Il potere delle domande

Giovannini Lucia

Il libro che dava inizio alla saga di Arturo Bandini. Un commosso, divertito ritratto di una famiglia italo-americana e del suo disperato tentativo di integrazione. Con l'introduzione di Niccolò Ammaniti.

Aspetta primavera, Bandini

Fante John

Cesare è stato il primo della stirpe dei Cesari. Politico, letterato, condottiero, capo carismatico, dittatore. Geniale e determinato. Corruttore senza rimorsi. Grande oratore, amatore ancora più grande. Uomo d’azione e di pensiero, di crudeltà e di perdono. Un autentico conquistatore, ambizioso oltre ogni misura. Amato e temuto. Odiato. Non amava i limiti, di nessun genere. Ha voluto, fortissimamente, essere il Primo. Lo è diventato, grazie alla sua intelligenza, alla sua determinazione e, soprattutto, al suo coraggio. Al suo fascino, talvolta. Alla sua spregiudicatezza, non di rado. Senza dimenticare la Fortuna, dea che rispettava e onorava. I suoi assassini l’hanno reso immortale.

Giulio Cesare, il primo dei Cesari

Di Martino Antonella