Narrativa

La casa delle belle addormentate

Kawabata Yasunari

Descrizione: Un raffinato racconto erotico centrato sulle visite del vecchio Eguchi a un inconsueto postribolo in cui gli ospiti possono passare la notte con giovanissime donne addormentate da un narcotico. Un viaggio tra i più misteriosi recessi della psiche.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Oscar classici moderni

Anno: 2001

ISBN: 9788804496106

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“La casa delle belle addormentate” di Yasunari Kawabata è un’opera che esprime il senso dell’erotismo orientale attraverso una storia ricca di simbolismo e sottintesi.

Eguchi comincia a frequentare la casa delle belle addormentate (“Che le ragazze dormivano nell’attesa, che non si svegliavano e tutto il resto”), una casa di piacere insolita sia per le attrici (“Non aveva domandato con che cosa avessero fatto dormire la ragazza”), sia per gli avventori (tutti anziani ormai innocui: “Ospiti di cui si può essere tranquilli”), sia per la scenografia (“Il rumore delle onde era fragoroso”).

Dopo il primo sorprendente incontro (“Non la sola bellezza di lei era imprevista, ma la sua giovinezza”), ne seguono altri quattro, via via sempre più ravvicinati nel tempo.
Ciascuna delle notti trascorse con le prostitute-vergini (“Non era dunque diventata una bambola vivente, era ridotta a un balocco concepita per non far vergognare i vecchi asessuati”) è occasione per evocare ricordi, per assaporare odori (“l’odore di latte della ragazza dormiente… i ricordi o le memorie…”) e piaceri nuovi (“L’incalcolabile estensione del sesso, la sua inconoscibile profondità fino a che punto, nei passati sessantasette anni, era stata da lui esplorata?”), per attraversare immagini  e fantasie di fiori: (“Ai piedi dell’alto muro di cinta di un vecchio tempio dello Yamato, due o tre peonie fiorite..; nel giardino presso la veranda del monastero Shisendo una bianca sassifraga sbocciata; … i fiori di rododendro di Nara, i glicini, il tempio Tsubaki-dera tutto fiorito di camelie”), per sperimentare tentazioni (“Doveva infrangere la regola della casa”) e impulsi estremi (“Anche strangolarla sarebbe stato facile”).
In questa pluralità di pensieri ed emozioni, Eguchi ricorre sempre allo stesso metodo (“Conteneva due pillole bianche. A prenderne una, un’ebbrezza da sogno; a prenderne due, si piombava in un sonno di morte”) per trascorrere le sue nottate di piacere. E sogna (“Venuto lì in cerca di piaceri mostruosi, aveva sognato piaceri mostruosi”)… E si risveglia (“Nel giovane calore e nel delicato odore di lei era stato un dolce risveglio da fanciullo”) al mattino quando le ragazze ancora dormono…

Kawabata cattura il lettore con un impianto narrativo originale, lo accarezza con lo stile ricercato e immaginifico, lo stupisce con un finale noir insospettato nel quale l’eros si combina a thanatos tra i profumi degli aceri e dei cedri, sotto i raggi del sol levante… Attraverso la magia dell’arte del Maestro giapponese, la bella addormentata emigra dalla tradizione europea della favola di Charles Perrault per rifrangersi nelle mille sfumature della sensibilità orientale.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

L’eros giapponese in mostra e Kawabata – i-LIBRI

[…] adeguatamente il senso dell’eros giapponese in letteratura abbiamo scelto di commentare a questo link “La casa delle belle addormentate” di Yasunari […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Yasunari

Kawabata

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kawabata Yasunari


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In una Londra irrequieta e vibrante, le avventura, gli amori, la passione per la musica, i sogni e le disillusioni di una generazione di trentenni ancora piena di voglia di vivere. Commovente, scanzonato, amaro, ma soprattutto molto divertente, Alta fedeltà è il libro culto della nuova letteratura inglese, diventato un grande successo internazionale.

ALTA FEDELTA’

Hornby Nick

"La voce di un poeta che nel seguire le intermittenze della coscienza ci indica una volta di più la necessità della poesia, unica via di salvezza..." (dalla prefazione di Andrea Matucci)

La morte di Empedocle

Di Carlo Franco

E se il matrimonio da sogno che fantasticavi da una vita andasse improvvisamente a monte per colpa della tua (ex) migliore amica? E se ti ritrovassi tra le mani un biglietto già pagato per fare il giro del mondo in quella che avrebbe dovuto essere la tua luna di miele? Avresti mai il coraggio di partire da sola? È quello che accade a Bianca, biologa marina all’acquario di Londra, ormai senza un lavoro e prossima alle nozze. Lei decide di partire: donna impulsiva e determinata, col suo tacco 12 è pronta a sfidare il mondo intero anzi, il giro del mondo, che una delle navi da crociera più lussuose del mondo, la Queen Victoria, percorrerà in 109 lunghi giorni. Un’anziana coppia sempre in vena di litigare, un galante scrittore in cerca di ispirazione, un affascinante e scorbutico pianista, una bionda tutto pepe e una misteriosa vecchietta saranno alcuni dei suoi compagni di avventura. Riuscirà Bianca ad arrivare alla fine del viaggio, tra serate di gala, ladri di gioielli, persone che scompaiono misteriosamente e i ricordi dolorosi di un passato che cerca di tornare prepotentemente a galla?

UNA CROCIERA SUI TACCHI

Conti Valeria Angela

Non c'è persona, tra i contemporanei di Oscar Wilde (1854-1900), che l'abbia conosciuto e non sia rimasto ammaliato dall'arte della sua conversazione. Le platee londinesi del tempo furono conquistate dai dialoghi effervescenti, dai paradossi cinici e brillanti delle sue commedie che mettevano a nudo le convenzioni e le manie della società vittoriana. E se la reputazione letteraria di Wilde ha tratto a volte più danni che vantaggi da tanto virtuosismo verbale, in realtà, come è facile comprendere leggendo gli aforismi - dai più famosi ai meno conosciuti - raccolti in questo volume, l'effetto delle sue battute folgoranti scaturisce dall'innato talento del loro autore, maestro nel cogliere la sottile rete di relazioni fra i concetti più disparati. Con l'effetto di stravolgere e smontare una volta di più le parole chiave della borghesia vittoriana e di scuotere l'Inghilterra dal suo stato di compiaciuto torpore, affermando la dignità, la libertà dell'individuo e la superiorità dell'Arte sulla Vita.

Aforismi

Wilde Oscar