Saggi

Casanova l’ultimo mistero

Mainardi Angelo

Descrizione: Giacomo Casanova muore nel castello di Dux, in Boemia, nel 1798, lasciando dietro di sè le Memorie di una vita straordinaria che attraversa la storia del Settecento fino alla Rivoluzione Francese. Ma come sono giunte a noi quelle Memorie? E sono integrali? Perchè scomparvero la tomba e il corpo dell'avventuriero e filosofo veneziano intorno al quale fiorirono tentativi per salvare Luigi XVI e Maria Antonietta? Che rapporti egli ebbe con Robespierre? E come morì il Grande Libertino circondato sino alla fine da intrighi di palazzo e congiure giacobine all'ombra inquietante della Massoneria? Uno scrittore e giornalista cerca di svelare l'Ultimo Mistero. Un viaggio appassionante là dove nessuno si era ancora avventurato.

Categoria: Saggi

Editore: Tre

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788886755573

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Il testo di Angelo Mainardi è dedicato al Casanova che non tutti conosciamo: non il grande avventuriero e seduttore, ma l’homme-de-lettres.

Pochi biografi, infatti, si sono occupati delle vicende successive alla fuga dai Piombi e, in particolare, del ritorno a Venezia dopo il lungo esilio, della permanenza a Vienna e del periodo nella città boema di Dux, eppure anche l’ultimo terzo dell’esistenza di Casanova è ricco di avvenimenti che, oltre a chiarire aspetti salienti della sua controversa personalità, sono molto utili per spiegare l’alone di mistero che contorna la sua morte.

Casanova si ammalò nel 1798. Come per Mozart anche per lui manca un certificato di morte, la sua sepoltura fu anonima e clandestina e soltanto un’iscrizione murata sulla parete del cimitero lo ricorda. Difficile spiegare il perchè: si trattava di un’epoca di complotti, vendette e sconvolgimenti politici. Casanova era stato coinvolto in una lite con i dipendenti del castello del conte Waldstein, si era rifugiato a Oberleutensdorf dopo l’aggressione subita nelle vie di Dux e la palese ostilità delle autorità austriache, era stato avvertito da un amico su un possibile attentato giacobino per i suoi attacchi a Robespierre. Allo stesso tempo, il gioco politico di quegli anni ormai era passato nelle mani di Napoleone… Casanova era forse ritenuto ancora un personaggio scomodo o l’occultamento della sua tomba fu solo una misura precauzionale dovuta ai clamorosi casi di profanazione avvenuti nella Francia rivoluzionaria?

Un altro mistero è collegato poi a Cècile, ultima seduzione di Casanova. A suo dire, Casanova avrebbe voluto lasciarle in eredità le sue Memorie (anche se alla fine il lascito andò a favore del nipote Carlo Angiolini), ma la lettera mai ritrovata di Casanova parlava di quindici volumi invece dei dodici esistenti, scritti questi entro il 1792. I tre volumi mancanti furono effettivamente scritti? E se sì, chi li fece sparire e perché?

Mainardi compie una ricerca approfondita (e arricchita da una serie di note) che sicuramente risulterà coinvolgente per quanti sono incantati o semplicemente incuriositi dalla figura del notissimo avventuriero che Cendrars definisce “un educatore incomparabile della gioventù che amerà sempre la vita e l’amore, le donne e il vino, le avventure e il successo, l’insubordinazione e il gioco, le compagnie in cui ci si incanaglisce e la società, le questioni d’onore che comportano qualche follia (…)”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Angelo

Mainardi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mainardi Angelo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Roma, via Puccini, 30 agosto 1970. L’avvocato Cesare Previti, all’epoca trentaseienne, arriva con la polizia sulla scena di un triplice omicidio. Tre corpi, tre vite: un viveur, una arrampicatrice sociale, un miliardario. Tre storie avvitate l’una all’altra, strette intorno a un unico asse patrimoniale. Il giovane e rampante legale romano capisce subito che a quel delitto è agganciata una delle più grandi collezioni di beni della storia d’Italia: l’eredità Casati Stampa. Luca Telese ha inseguito, con il fiuto e la tenacia del vero cronista d’inchiesta, le tracce del mega business (per Berlusconi e i suoi, naturalmente) che fu l’acquisto della villa nel 1974. Ne è uscito uno spaccato inquietante e decisamente esemplare della modalità di “condurre gli affari” da parte dell’avvocato di fiducia del Cavaliere, Previti, e del Cavaliere stesso. Sin da quei lontani anni Settanta che videro l’inizio delle loro fortune, delle loro ascese irresistibili e strettamente intrecciate.

La marchesa, la villa e il Cavaliere

Telese Luca

Elisa è felice: ha una vita perfetta e un futuro di certezze davanti a sé. Poi l'incontro fortuito con Luca, la passione mai sbocciata ai tempi dell'università che prende finalmente il sopravvento, una notte di amore intenso. Il mondo di Elisa è sconvolte, le vite di entrambi segnate per sempre. Elisa non sa darsi pace, mette in discussione tutto per comprendere l'inafferrabile essenza dell'amore: cosa fa scattare l'attrazione? Cosa trasforma due persone in amanti? L'amore romantico è possibile o esiste solo la chimica dei corpi? Una storia d'amore che è allo stesso tempo un romanzo sul desiderio, la passione e il mistero dell'amare.

Che cosa resta dell’amore

Romeo Rosita

L'azione si svolge in un futuro prossimo del mondo (l'anno 1984) in cui il potere si concentra in tre immensi superstati: Oceania, Eurasia ed Estasia. Al vertice del potere politico in Oceania c'è il Grande Fratello, onnisciente e infallibile, che nessuno ha visto di persona ma di cui ovunque sono visibili grandi manifesti. Il Ministero della Verità, nel quale lavora il personaggio principale, Smith, ha il compito di censurare libri e giornali non in linea con la politica ufficiale, di alterare la storia e di ridurre le possibilità espressive della lingua. Per quanto sia tenuto sotto controllo da telecamere, Smith comincia a condurre un'esistenza "sovversiva". Scritto nel 1949, il libro è considerato una delle più lucide rappresentazioni del totalitarismo.

1984

Orwell George

Un segreto covato tutta la vita condiziona fortemente la donna che lo custodisce finché, d'improvviso, la liberazione, e di qui una vera e propria rinascita. Attraverso la narrazione si viene a contatto con un'eroina bella e innamorata e per questo debole e spaurita, ma che non esita ad agire contravvenendo agli ordini del marito e a sua insaputa, atteggiamento questo che già dice molto sulla tipologia femminile brontëana. All'ingenuità di Marian, la protagonista, si contrappone la falsità dell'astuta istitutrice Foxley, le cui trame malefiche sono infine smascherate da un arrabbiatissimo Douro, marito di Marian, non senza contribuire a creare un pathos sottile circa l'evolversi della vicenda. Ciò che caratterizza in maniera singolare questo racconto ancora acerbo della nostra autrice è quel senso di suspance tanto abilmente convogliato dalla pur semplice trama. Intrighi, bugie e duplicità brillantemente superati in nome dell'amore si fondono armoniosamente per far sbocciare quella tecnica narrativa che sarà il piccolo grande segreto racchiuso nella penna di Charlotte Brontë.

Il segreto

Brontë Charlotte