Saggi

Casanova l’ultimo mistero

Mainardi Angelo

Descrizione: Giacomo Casanova muore nel castello di Dux, in Boemia, nel 1798, lasciando dietro di sè le Memorie di una vita straordinaria che attraversa la storia del Settecento fino alla Rivoluzione Francese. Ma come sono giunte a noi quelle Memorie? E sono integrali? Perchè scomparvero la tomba e il corpo dell'avventuriero e filosofo veneziano intorno al quale fiorirono tentativi per salvare Luigi XVI e Maria Antonietta? Che rapporti egli ebbe con Robespierre? E come morì il Grande Libertino circondato sino alla fine da intrighi di palazzo e congiure giacobine all'ombra inquietante della Massoneria? Uno scrittore e giornalista cerca di svelare l'Ultimo Mistero. Un viaggio appassionante là dove nessuno si era ancora avventurato.

Categoria: Saggi

Editore: Tre

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788886755573

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Il testo di Angelo Mainardi è dedicato al Casanova che non tutti conosciamo: non il grande avventuriero e seduttore, ma l’homme-de-lettres.

Pochi biografi, infatti, si sono occupati delle vicende successive alla fuga dai Piombi e, in particolare, del ritorno a Venezia dopo il lungo esilio, della permanenza a Vienna e del periodo nella città boema di Dux, eppure anche l’ultimo terzo dell’esistenza di Casanova è ricco di avvenimenti che, oltre a chiarire aspetti salienti della sua controversa personalità, sono molto utili per spiegare l’alone di mistero che contorna la sua morte.

Casanova si ammalò nel 1798. Come per Mozart anche per lui manca un certificato di morte, la sua sepoltura fu anonima e clandestina e soltanto un’iscrizione murata sulla parete del cimitero lo ricorda. Difficile spiegare il perchè: si trattava di un’epoca di complotti, vendette e sconvolgimenti politici. Casanova era stato coinvolto in una lite con i dipendenti del castello del conte Waldstein, si era rifugiato a Oberleutensdorf dopo l’aggressione subita nelle vie di Dux e la palese ostilità delle autorità austriache, era stato avvertito da un amico su un possibile attentato giacobino per i suoi attacchi a Robespierre. Allo stesso tempo, il gioco politico di quegli anni ormai era passato nelle mani di Napoleone… Casanova era forse ritenuto ancora un personaggio scomodo o l’occultamento della sua tomba fu solo una misura precauzionale dovuta ai clamorosi casi di profanazione avvenuti nella Francia rivoluzionaria?

Un altro mistero è collegato poi a Cècile, ultima seduzione di Casanova. A suo dire, Casanova avrebbe voluto lasciarle in eredità le sue Memorie (anche se alla fine il lascito andò a favore del nipote Carlo Angiolini), ma la lettera mai ritrovata di Casanova parlava di quindici volumi invece dei dodici esistenti, scritti questi entro il 1792. I tre volumi mancanti furono effettivamente scritti? E se sì, chi li fece sparire e perché?

Mainardi compie una ricerca approfondita (e arricchita da una serie di note) che sicuramente risulterà coinvolgente per quanti sono incantati o semplicemente incuriositi dalla figura del notissimo avventuriero che Cendrars definisce “un educatore incomparabile della gioventù che amerà sempre la vita e l’amore, le donne e il vino, le avventure e il successo, l’insubordinazione e il gioco, le compagnie in cui ci si incanaglisce e la società, le questioni d’onore che comportano qualche follia (…)”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Angelo

Mainardi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mainardi Angelo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Che cos'è la libertà? Difficile dirlo per Emma Bonelli, che sulle colline del Monferrato piemontese nell'aprile del 1935 per la prima volta varca la soglia della casa dei Francesi, come sposa del ciabattino zoppo che le hanno dato per marito. Emma è una contadina che ha la terza elementare. La sua dote è misera. Però è una gran lavoratrice, e per questo i Francesi l'hanno voluta come nuora. Anche per sua figlia Luciana, libertà non è che una parola lontana. Solo una volta l'ha quasi assaporate quando le è stata offerta l'occasione di realizzare il sogno di diventare sarta, ma poi il marito la figlia, la casa, la vita hanno preso il sopravvento. Forse solo Anna, nata negli anni Settanta, l'unica donna nella famiglia a poter proseguir gli studi, spezzerà la catena di rinuncia e sottomissione a cui ha visto piegarsi la madre la nonna. Emma, Luciana, Anna, tre donne diverse, ugualmente legate con la mente e il cuore alla vecchia casa in collina, obbligate a lasciarla dai rivolgimenti della Storia e dalla durezza de rispettivi destini. Tutte, dolorosamente, desiderose di tornarvi. E tutte, in modi diversi, masnà, bambine. In un gioco di sorprendenti rivelazioni, miserie quotidiane e commoventi eroismi, questo romanzo è la storia di una scelta difficile e coraggiosa: romper l'esilio, tornare alla casa dei Francesi, decidere della propria vita, sentirsi libere. Perfino di sbagliare. E smettere, finalmente, di essere masnà.

LA MASNA’

Romagnolo Raffaella

Le abitudini della felicità

Colbert Brian

Poesia del buonumore

A Ischiano Scalo il mare c'è ma non si vede. E' un paesino di quattro case accanto a una laguna piena di zanzare. Il turismo lo evita perché d'estate s'infuoca come una graticola e d'inverno si gela. Questo è lo scenario nel quale si svolgono due storie d'amore tormentate. Ammaniti crea e dissolve coincidenze, è pronto a catturare gli aspetti più grotteschi e più sentimentali, più comici e inquietanti della realtà.

TI PRENDO E TI PORTO VIA

Ammaniti Niccolò