Saggi

Casanova l’ultimo mistero

Mainardi Angelo

Descrizione: Giacomo Casanova muore nel castello di Dux, in Boemia, nel 1798, lasciando dietro di sè le Memorie di una vita straordinaria che attraversa la storia del Settecento fino alla Rivoluzione Francese. Ma come sono giunte a noi quelle Memorie? E sono integrali? Perchè scomparvero la tomba e il corpo dell'avventuriero e filosofo veneziano intorno al quale fiorirono tentativi per salvare Luigi XVI e Maria Antonietta? Che rapporti egli ebbe con Robespierre? E come morì il Grande Libertino circondato sino alla fine da intrighi di palazzo e congiure giacobine all'ombra inquietante della Massoneria? Uno scrittore e giornalista cerca di svelare l'Ultimo Mistero. Un viaggio appassionante là dove nessuno si era ancora avventurato.

Categoria: Saggi

Editore: Tre

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788886755573

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Il testo di Angelo Mainardi è dedicato al Casanova che non tutti conosciamo: non il grande avventuriero e seduttore, ma l’homme-de-lettres.

Pochi biografi, infatti, si sono occupati delle vicende successive alla fuga dai Piombi e, in particolare, del ritorno a Venezia dopo il lungo esilio, della permanenza a Vienna e del periodo nella città boema di Dux, eppure anche l’ultimo terzo dell’esistenza di Casanova è ricco di avvenimenti che, oltre a chiarire aspetti salienti della sua controversa personalità, sono molto utili per spiegare l’alone di mistero che contorna la sua morte.

Casanova si ammalò nel 1798. Come per Mozart anche per lui manca un certificato di morte, la sua sepoltura fu anonima e clandestina e soltanto un’iscrizione murata sulla parete del cimitero lo ricorda. Difficile spiegare il perchè: si trattava di un’epoca di complotti, vendette e sconvolgimenti politici. Casanova era stato coinvolto in una lite con i dipendenti del castello del conte Waldstein, si era rifugiato a Oberleutensdorf dopo l’aggressione subita nelle vie di Dux e la palese ostilità delle autorità austriache, era stato avvertito da un amico su un possibile attentato giacobino per i suoi attacchi a Robespierre. Allo stesso tempo, il gioco politico di quegli anni ormai era passato nelle mani di Napoleone… Casanova era forse ritenuto ancora un personaggio scomodo o l’occultamento della sua tomba fu solo una misura precauzionale dovuta ai clamorosi casi di profanazione avvenuti nella Francia rivoluzionaria?

Un altro mistero è collegato poi a Cècile, ultima seduzione di Casanova. A suo dire, Casanova avrebbe voluto lasciarle in eredità le sue Memorie (anche se alla fine il lascito andò a favore del nipote Carlo Angiolini), ma la lettera mai ritrovata di Casanova parlava di quindici volumi invece dei dodici esistenti, scritti questi entro il 1792. I tre volumi mancanti furono effettivamente scritti? E se sì, chi li fece sparire e perché?

Mainardi compie una ricerca approfondita (e arricchita da una serie di note) che sicuramente risulterà coinvolgente per quanti sono incantati o semplicemente incuriositi dalla figura del notissimo avventuriero che Cendrars definisce “un educatore incomparabile della gioventù che amerà sempre la vita e l’amore, le donne e il vino, le avventure e il successo, l’insubordinazione e il gioco, le compagnie in cui ci si incanaglisce e la società, le questioni d’onore che comportano qualche follia (…)”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Angelo

Mainardi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mainardi Angelo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sulle sedia sbagliata

Sara Rattaro

Per migliaia di chilometri, in auto, a piedi, su traghetti, bus e funivie, una carovana piena di colori tenta di stare dietro al ritmo furibondo imposto dai ciclisti che in tre settimane girano tutta l'Italia, dalla costiera amalfitana agli aspri profili del Vajont. Fa parte della carovana anche uno scrittore, che fin da bambino sognava di partecipare al Giro d'Italia e affronta questa avventura con entusiasmo assoluto, pronto a infiammarsi per l'epica che il ciclismo da sempre sprigiona. Ma presto scoprirà che la tenacia e la passione dei corridori sono solo una parte della storia. Perché sarà proprio tutto quello che accade intorno alla corsa a rendere il viaggio strepitoso. Lungo le strade secondarie, nel cuore selvatico o cementificato della provincia italiana, si rischia di perdersi a ogni bivio mentre si incontrano folle festanti e personaggi clamorosi, paesini pazzeschi come la gente che li abita, assessori dediti alla promozione di figlie cantanti, pompieri ballerini di break dance, maturi musicisti da pianobar che cercano di infilarsi in casting riservati agli adolescenti, oscuri poeti a caccia di editori... le mille impossibili follie che solo la vita vera ci può regalare. Alla passione ardente per il ciclismo - grandissima metafora della fatica e della gloria nascosta a ogni curva della vita - Fabio Genovesi unisce il suo impareggiabile umorismo, facendo di queste pagine la cronaca di un'impresa sportiva straordinaria e insieme il racconto stralunato e memorabile del nostro Paese, delle sue debolezze e dei suoi grandi sogni.

TUTTI PRIMI SUL TRAGUARDO DEL MIO CUORE

Genovesi Fabio

L'opera e il pensiero di Fabrizio De André sono ininterrottamente e spontaneamente richiamati in incontri, convegni e dibattiti tesi non solo ad analizzare la sua poetica ma anche ad approfondire le tematiche trattate nelle sue canzoni. "Ai bordi dell'infinito", titolo che si riferisce a un verso del brano cantico dei drogati, riprende il percorso antologico cominciato da Fondazione Fabrizio De André Onlus con il volume "Volammo davvero" proponendo a cinque anni di distanza una nuova raccolta di scritti nati da interventi di artisti letterati, appassionati della sua opera, ma non solo, che in varie occasioni si sono confrontati con il pensiero di De André, spesso servendosene come lente attraverso la quale leggere problematiche ancora attuali e che riguardano gli ultimi, i più deboli, gli emarginati. Un coro di più toni e linguaggi, siano essi letterari o della testimonianza, che guarda a quell'"ansia di giustizia sociale" , per usare le sue parole, principale binario su cui ha camminato il lavoro di De André. Una raccolta di scritti inediti, anche di autori inaspettati, che aiuta ad approfondire la molteplicità dello sguardo di uno degli artisti italiani più spesso richiamato per l'intelligente ironia, la profondità delle idee e l'autentica coerenza.

Ai bordi dell’infinito

Valdini Elena

Una vacanza in apparenza convenzionale cambia la vita di quattro persone. Al ritorno da un viaggio in Cina, Marino, un imprenditore criminale, tornerà con un bottino che per lui somiglia all'amore. Sua moglie Felicita non riuscirà più a restare nella noia e nelle menzogne, analizzerà con cinismo il suo matrimonio bianco e con la risorsa dell'autoironia sceglierà di dirsi quello che è diventata, quello che non vuole essere più. Sergio, un inetto e affascinante dipendente dell'imprenditore criminale, scoprirà di saper combattere per quello che riconosce come il suo ultimo amore di carne e mistero. Una ragazza cinese senza identità, che non è stata dichiarata al momento della nascita come circa venticinque milioni di neonate connazionali, sceglierà di non essere più vittima della politica del figlio unico e di molto altro: da martire diventerà predatrice e userà senza pudore il corpo, le culture, la determinazione e qualsiasi altra avventura per salvarsi la vita.

La figlia maschio

Rinaldi Patrizia