Giallo - thriller - noir

LE CASE DEGLI ALTRI

Picoult Jodi

Descrizione: Jacob Hunt è un teenager bravo in matematica, con uno spiccato senso dell’umorismo, estremamente preciso e organizzato e con una vita sociale senza speranze. È affetto dalla sindrome di Aperger, è autistico insomma, imprigionato in un mondo tutto suo. Il fratello Theo, un ragazzo normale, soffre delle attenzioni che i genitori riservano naturalmente a Jacob e per sentirsi veramente parte di una famiglia spia le case altrui… Tutto bene finché l’insegnante di Jacob non viene trovata morta dentro casa e i sospetti ricadono sul ragazzo, così diverso dagli altri, così imprevedibile…

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Corbaccio

Collana: Romance

Anno: 2011

ISBN: 9788863802337

Trama

Le Vostre recensioni

 

Ci sono alcune cose che proprio non sopporto.

1. Il rumore della carta quando viene accartocciata.

2. Troppo rumore o luci lampeggianti.

3. I cambiamenti di progetti.

4. Perdere Crime Busters, che è su USA Network ogni giorno alle sedici e trenta.

5. Quando mia madre ripone i miei vestiti. Io li tengo nella sequenza dei colori dell’arcobaleno, RAGVAIV, e i colori non possono toccarsi.

6. Se qualcuno dà un morso al mio cibo.

7. Perdere i capelli.

8. Essere toccato da qualcuno che non conosco.

9. I cibi su cui si forma la pellicola.

10. I numeri pari.

11. Quando la gente mi chiama ritardato.

12. L’arancione.

Non è semplice affrontare il tema del “diversamente abile” in un romanzo, senza rischiare di cadere nel banale o nell’ipocrisia. L’autrice Jodi Picoult ci è riuscita, affrontando un argomento complesso come quello dell’autismo, attraverso l’intreccio di vissuti e punti di vista diversi e sviluppando, in un crescendo pieno di suspance, una trama avvincente e nello stesso tempo fortemente accattivante.

Protagonista, suo malgrado, di questa storia è Jacob, diciottenne affetto dalla sindrome di Asperger, ossessionato dai casi giudiziari e dalla crimonologia, che sfoga attraverso la visione quotidiana di Crime Busters su USA Network.

La routine quotidiana, così fortemente vitale per l’equilibrio di Jacob, viene però interrotta bruscamente da un evento tragico: Jessica Ogilvy, la sua insegnante di abilità sociali, viene trovata assassinata nel proprio appartamento e Jacob è l’ultima persona ad averla vista. Da qui ha inizio l’odissea del giovane e della sua famiglia, attraverso interrogatori, accuse e difese, il tutto intervallato dai profondi crolli emotivi e psicologici dello stesso Jacob.

L’intera vicenda viene letta da diversi punti di vista, primo fra tutti quello della madre Emma, la cui forza di volontà viene costantemente messa alla prova dalle meravigliose stranezze di Jacob, che la costringono ad affidarsi, per la prima volta in vita sua, all’aiuto di qualcuno che non sia se stessa, in questo caso un giovane avvocato, poco avvezzo alla giurisprudenza, ma disponibile fin da subito ad imparare le corrette strategie per entrare in contatto con il giovane imputato.

Accanto a Emma c’è Theo, il fratello più piccolo di Jacob, ragazzo “normale”, emotivamente provato per le difficoltà famigliari che si è sempre trovato a vivere a causa della disabilità di Jacob.

Theo sogna una famiglia diversa e per questo motivo si ritrova a spiare le famiglie degli altri, intrufolandosi di nascosto nelle loro case, una delle quali è proprio quella di Jessica, l’insegnante di Jacob assassinata.

La vicenda si snoda attraverso il racconto e le emozioni dei diversi personaggi, i quali investono a turno il ruolo di narratore: Emma, Jacob, Theo, l’avvocato Oliver Bond e il detective Rich Matson.

L’autrice, utilizzando un linguaggio semplice e incisivo, offre al lettore l’opportunità di entrare in contatto con le difficoltà tipiche dello spettro autistico, disabilità affascinante, ma assai complessa dal punto di vista delle relazioni sociali. La fatica di Jacob nell’entrare in relazione con gli altri diventa una montagna insormontabile nel momento in cui deve dimostrare a una giuria la propria innocenza, a causa dell’incapacità ad essere empatico ed emotivamente disponibile.

Jodi Picoult si conferma regina incontrastata del thriller statunitense, coniugando suspance e pathos, attraverso uno stile avvincente che permette al lettore di scivolare con facilità tra le 650 pagine, spinto dal desiderio di svelare il mistero che avvolge l’intera vicenda.

Mistero che può essere svelato solo comprendendo quanto può essere duro, per Jacob (e per quelli come lui) spiegare perché è così difficile guardare qualcuno negli occhi.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jodi

Picoult

Libri dallo stesso autore

Intervista a Picoult Jodi


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Questo saggio nasce dalla passione dell'autrice per la psicoanalisi e per il canto, ed esplora la voce nel suo valore di legame sociale, di capacità inventiva e sublimatoria. È uno sguardo attento sulla voce mentre fa arte, in un'epoca, quella attuale, controversa e per molti cospetti anestetica, cioè sfavorevole all'estetica e alla sensibilità. All'interno di un discorso dominante in cui "la sicurezza è il bene supremo e l'unica audacia ammessa è quella del consumo", cantare può divenire un modo per affermare la propria unicità e contrastare la spinta all'omologazione del mondo contemporaneo. Come si manifesta nel canto la dimensione pulsionale che contraddistingue ogni atto creativo? In che senso un corpo che dà voce è metaforicamente femminile? Qual è il rapporto tra canto e godimento? A queste e altre domande il volume risponde spaziando dalle "voci narcise" a quelle sperimentali, da Tom Waits a Demetrio Stratos a Mina, dai castrati alla death voice (nata nell'universo heavy metal), dalle diplofonie al rumore bianco, al silenzio. Non mancano una rivisitazione del mito di Orfeo e l'esame coraggioso di tematiche quali la dislessia e le voci stonate, la relazione tra canto e anoressia, il vissuto del cambio della voce negli adolescenti, le voci trans.

Voci smarrite

Pigozzi Laura

In un elastico spettacolare di azzardi e tradimenti, di inseguimenti e azione, di disperazione e visionarietà, questo "romanzo criminale" scandinavo viene consegnato al lettore come un pacco che non si può mandare indietro, e la storia (realmente accaduta) dei tre ragazzi "uniti contro il mondo", il loro legame unico segnato dalla violenza, la loro reazione a un destino sfortunato ci rivela una volta per tutte quanto sia sottile la linea di demarcazione tra condanna e assoluzione. Scritto da Anders Roslund (autore, assieme a Börge Hellström, di bestseller mondiali come Tre secondi) e da Stefan Thunberg, sceneggiatore all'esordio narrativo e fratello di Carl, Johan Alin e Lennart Sumonja, i veri autori delle rapine sulla cui storia è basato il romanzo, Made in Sweden è stato salutato come una miracolosa sintesi tra Stieg Larsson e Romanzo criminale. Il libro è in via di traduzione in tutti i paesi del mondo, i diritti cinematografici sono stati acquistati dalla DreamWorks e, appena uscito, ha raggiunto in Svezia il primo posto in classifica.

Made in Sweden

Roslunf Anders, Thunberg Stefan

Una vincita insperata in un casinò sul confine cambogiano-thailandese, e Robert, giovane insegnante inglese in vacanza, decide di non tornare più al torpido grigiore del Sussex e restare invece in Cambogia, come «barang» a tempo indeterminato - uno dei tanti espatriati occidentali che «cacciano al buio», cercando a tentoni la felicità in un mondo che non potranno mai comprendere appieno, e finiscono per lasciarsi semplicemente trascinare alla deriva. Ma anziché la chiave d'accesso a una nuova vita, quella vincita si rivelerà l'innesco di una reazione a catena, destinata a coinvolgere un americano incongruamente elegante, un poliziotto locale dal lugubre passato e la rampolla di un ricco cambogiano.

Cacciatori nel buio

Osborne Lawrence

Gideon Cross. Innamorarmi di lui è stata la cosa più semplice che mi sia mai capitata. È successo istantaneamente. Completamente. Irrevocabilmente. Sposarlo è stato un sogno. Rimanere con lui sarà la sfida della mia vita. L’amore è trasformazione. Il nostro è sia un rifugio che la più violenta delle tempeste. Due anime ferite legate insieme. Abbiamo condiviso i più profondi e inconfessabili segreti. Gideon è lo specchio che riflette tutte le mie debolezze e tutta la bellezza che non riesco a vedere in me. Lui mi ha dato tutto. Ora devo essere io quella forte, devo dimostrare di essere per lui un sostegno come lui lo è stato per me. Insieme possiamo affrontare chi sta cercando di mettersi così crudelmente tra di noi. Anche se la battaglia più dura sarà quella che intraprenderemo per mantener fede alle nostre promesse. Giurarsi amore è stato solo l’inizio. Lottare per il nostro amore ci renderà liberi o ci dividerà per sempre.

Insieme a te. The crossfire series Vol. 5

Day Sylvia