Narrativa

Cassandra

Christa Wolf

Descrizione: Cassandra, la figlia veggente di Ecuba e Priamo, attende la morte per mano dei Greci vincitori alle soglie della fortezza di Micene. Davanti ai suoi occhi scorrono intrecciate la sua storia e quella della città di Troia. L'amore per Enea e la rottura con la famiglia che, accecata dall'andamento della guerra, non riesce a vedere con gli occhi di Cassandra. La vita nelle comunità femminili sulle rive del fiume Scamandro e la distruzione e la rovina della sua città. Un romanzo che dà una visione diversa da quella omerica classica recuperando lo sguardo e la voce della sacerdotessa troiana per darci il resoconto della liberazione femminile e del bisogno di pace.

Categoria: Narrativa

Editore: Edizioni e/o

Collana: Dal Mondo

Anno: 1996

ISBN: 8876410155

Recensito da iroha

Le Vostre recensioni

Micene, la porta dei leoni, «l’ultima cosa che vide» Cassandra è l’inizio del racconto di Christa Wolf. Un’immagine, uno specchio: tra storia e mito, passato e presente, voce e silenzio, due donne si incontrano. L’inascoltata profetessa ha ora diritto di parola.

Un flusso di pensieri, una prosa ininterrotta, un Io che si rivela. Una prospettiva interna e soggettiva, così diversa dal canto epico di Omero, dall’astrazione tragica di Eschilo ed Euripide, dall’ansia mitopoietica di Virgilio.

Il ciclo troiano, Iliade e Odissea, le storie degli eroi che si affrontarono in una lunga, sanguinosa guerra per la bella Elena – vuole la leggenda – o per il controllo dei Dardanelli – dicono gli storici – sono un mito fondativo della civiltà occidentale. Tra le prime manifestazioni di quella cultura binaria per la quale c’è solo «verità o menzogna, giusto o sbagliato, vittoria o sconfitta, amico o nemico».

Un’identità collettiva fondata, come suggerisce Ernest Renan, sull’oblio consapevole e condiviso dei vinti: la storia la fanno i vincitori. «I loro cantori» afferma Cassandra a proposito dei Greci «non tramanderanno niente di tutto ciò». Della grandezza di Troia e di come fu il tradimento dei valori della comunità a segnarne il declino, prima dell’inganno del nemico. Di come la guerra non fosse uno scontro di civiltà, ma il feroce gioco dei maschi, «bambini egocentrici» mossi da un desiderio insaziabile di affermazione di sé, tanto che «gli uomini di entrambe le parti sembravano alleati contro le nostre donne».

In questo rimosso Christa Wolf immerge la sua coscienza di donna, scrittrice, intellettuale moderna. Presta la voce a Cassandra, che invece si dice più interessata al piacere del vedere, perché le parole non tengono dietro alla frenesia delle immagini mentali. Un sodalizio che permette alla sacerdotessa troiana di vincere la condanna all’incomprensione e all’autrice tedesca di rivelare le contraddizioni profonde del vivere sociale degli esseri umani. Condannati all’eterna ripetizione del ciclo violento vittoria-sconfitta. «Forse in futuro» immagina Cassandra «ci saranno esseri umani che sapranno trasformare la loro vittoria in vita»; una speranza, non una profezia.

Ciò che vede la sacerdotessa è che la fine di Troia infligge ai vincitori la condanna a vivere «per tutti coloro che hanno ucciso» e consegna Enea, l’amato Enea, alla ripetizione della storia, mentre a lei, costretta a vedere e tacere, è concessa la fine. «Perire? Il pensiero, una volta nel mondo, continua a vivere in altri?».

In punto di morte, il valore testimoniale della parola spinge Cassandra al racconto: seguendo il filo dei pensieri ritorna alla Troia dell’infanzia, al rapporto col padre Priamo, alla scelta del sacerdozio, all’incontro con gli uomini e alla scoperta delle donne. Personaggi mitici, conosciuti per le loro eroiche gesta, messi a nudo dallo sguardo ravvicinato della profetessa. Il «minuscolo rigagnolo» dei suoi ricordi fluisce «accanto al fiume delle canzoni delle gesta degli eroi» e dà corpo a un personaggio femminile complesso, tradotto da Christa Wolf in eroina moderna.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Wolf

Christa

Libri dallo stesso autore

Intervista a Christa Wolf


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Johnny, la Resistenza e le Langhe sono i tre protagonisti a pari titolo di questo romanzo, trovato tra le carte di Fenoglio dopo la morte. Cronaca della guerra partigiana, epopea antieroica in cui l'autore proietta la propria esperienza in una visione drammatica, Il partigiano Johnny rivela un significato umano che va ben aldilà di quello storico-politico. Dalla formazione delle prime bande fino all'estate del '44 e alla presa di Alba seguiamo l'odissea di Johnny e dei suoi compagni fra gli ozi forzati nei casali, le imboscate contro gli automezzi fascisti, le puntate per giustiziare una spia in pianura, le battaglie campali, i rapporti tra le varie formazioni ribelli. Con un saggio di Dante Isella.

Il partigiano Johnny

Fenoglio Beppe

Torte di mele, brownies al cioccolato, muffin e tisane profumate... È questo il regno di Estelle, l’intraprendente proprietaria del Café Crumb. Ma gestire una piccola pasticceria non è facile: come allargare il giro di affari, spingendo nuovi clienti a varcare la soglia del delizioso caffè dalle tovaglie bianche e rosse? Rattristata dalla chiusura della libreria accanto al suo locale, Estelle, fervida lettrice, ha un’idea: perché non provare a risollevare le sorti del Café con un book club, affiancando ai dolci qualche buona lettura? La partenza non è delle migliori. Gli iscritti al club, oltre a Estelle, sono solo quattro: Gracie, giovane bibliotecaria femminista e fissata con la moda vintage; Rebecca, un’insegnante trentenne sposata da poco più di un anno; la neopensionata Sue, ansiosa di fuggire da casa e da un marito in pantofole, e il timidissimo Reggie, presente solo per fare ricerche per la propria tesi. Un piccolo gruppo fin troppo eterogeneo, con gusti che non potrebbero essere più diversi tra loro. Il primo libro preso in esame non scatena alcun dibattito. Estelle decide allora di giocare il tutto per tutto aggiungendo un pizzico di pepe agli incontri. La lettura successiva verterà sul bestseller del momento: una piccante storia d’amore e sesso, condita da sculacciate e frustini. Il successo è sfrenato, tanto che il book club decide di focalizzarsi solo sulla letteratura erotica. Libro dopo libro, spaziando dai classici ai casi editoriali più recenti e peccaminosi, Gracie, Rebecca, Sue, Reggie ed Estelle lasceranno da parte inibizioni e paure, dando un salutare scossone alle loro vite. Perché, come direbbe Mae West, che senso ha resistere a una tentazione, se tanto poi ce n’è subito un’altra?

Il club delle cattive ragazze

Hart Sophie

Perle di un filo pulito

Yuko è in grado di vedere cose che gli altri non vedono, e di indovinare i desideri e i pensieri di chi le sta intorno grazie a una sensibilità fuori dal comune. Nell’autunno dei suoi quattordici anni, tutto sembra assumere sfumature misteriose, e il mondo si popola di bizzarre creature. Yuko sta imparando ad assegnare un colore a ogni stato d’animo e a ogni emozione; a insegnarglielo è Kyu, il suo maestro di disegno, che ha il doppio dei suoi anni. Quando dal fusto di una pianta fuoriescono degli strani omini verdi, loro sono gli unici a vederli. Nello stesso istante, Yuko assapora l’incanto sottile del primo amore. Sospesa tra realtà e immaginazione, un’adolescente va incontro alla vita accompagnata dagli affetti più cari, e scopre, giorno dopo giorno, i turbamenti del cuore, la tenerezza dei sentimenti e la difficoltà di diventare grande.

HIGH & DRY. PRIMO AMORE

Yoshimoto Banana