Narrativa

C’E’ MA NON SI

Smith Ali

Descrizione: Durante una cena in un'elegante casa di Greenwich un amico di un amico dei padroni di casa si alza da tavola e non torna più. Si scopre che si è chiuso nella stanza degli ospiti e non ha la minima intenzione di uscire. Perché ha preso questa decisione? Cosa spera di ottenere? E soprattutto chi è Miles Garth? Gen, la padrona di casa, si mette alla ricerca di amici e parenti del suo ospite indesiderato che possano convincerlo a desistere dal suo proposito inspiegabile. Comincia così una carrellata di personaggi, ricordi, situazioni buffe o commoventi che prendono spunto dalla presenza/assenza di Miles, ma in realtà sono un'occasione per la scrittrice di esplorare vari aspetti della vita quotidiana nell'Inghilterra di oggi. Una scrittura divertente e divertita, una girandola di giochi di parole e rimandi che vanno da Shakespeare al punk passando per i musical e le canzoni dell'Eurofestival. Il nuovo splendido romanzo di Ali Smith cerca di rispondere a una domanda semplicissima: perché siamo qui?

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2011

ISBN: 9788807018770

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

L’ultimo lavoro di Ali Smith non è un libro per tutti, perché combina una trama paradossale con uno stile alquanto bizzarro e frammentato. Il lettore che ami l’ordine, la linearità, la purezza del linguaggio, probabilmente resterà perplesso di fronte a questa girandola di eventi, fatta di ambiguità e salti temporali.

D’altronde, che si tratti di un testo non convenzionale lo si capisce sin dal titolo, una frase spezzata, quel C’è ma non si che ti invita a mettere subito in moto la fantasia.

La sensazione che si prova è di confusione, ti senti sospeso a mezz’aria in uno spazio indefinito, che si espande progressivamente in un gioco di parole e di rimandi.

Il protagonista, Miles Garth, è un misterioso assente e possiamo conoscerlo solo attraverso i ricordi e i racconti delle varie voci fuori campo.

Invitato da un ragazzo, appena conosciuto, a una cena a casa di amici, prima del dolce Miles si rintana nella stanza degli ospiti, al piano di sopra, e non vuole più uscire. Allora Genevieve, la padrona di casa, prova a rintracciare amici, parenti e conoscenti dello strano ospite, nel tentativo disperato di liberarsene una volta per tutte.

Indubbiamente la trama è coraggiosa e originale e, cosa davvero lodevole, riesce a incuriosire sino alla fine. Per apprezzare questo libro devi andare oltre, guardare al di là. La Smith si serve di una situazione assurda per riflettere le assurdità della società, e anche della vita, spingendoti a cercare un senso solo per concludere che un senso non c’è.

Convincente? Sì, però.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ali

Smith

Libri dallo stesso autore

Intervista a Smith Ali


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L’eco del silenzio

Andrea Sangalli

L’impronta, un racconto di Patrizia Rinaldi

Stefan Zweig scrisse Novella degli scacchi nel 1941, pochi mesi prima di suicidarsi, insieme con la seconda moglie, nella città brasiliana di Petropolis, il 22 febbraio 1942. La notizia della sua morte fu soffocata da quelle provenienti dai fronti di guerra e così anche la sua ultima, disperata protesta, non fu che un flebile grido, quasi inudibile nel frastuono di quegli anni. Nella Novella degli scacchi lo stato d'animo di abbandono, di infinita stanchezza, di rinuncia alla lotta, che portò l'autore al suicidio, è prefigurato nella sconfitta di colui che rappresenta la sensibilità, l'intelligenza, la cultura per opera di un semianalfabeta, ottuso uomo-robot. E, a rendere ancora più crudele la disfatta dello spirito, Zweig scelse come terreno dello scontro una scacchiera. Dallo sfacelo della sua «geistigen Heimat Europa», della sua patria spirituale, l'Europa, Zweig non vuole salvare nemmeno il gioco degli scacchi, ormai appannaggio non più di uomini dotati di talento, estro, passione, ma di «campioni» come Czentovic, un rozzo quanto prodigioso accumulo di facoltà puramente meccaniche.

LA NOVELLA DEGLI SCACCHI

Stefan Zweig

"Seduto di fronte alla sua esistenza densa di avventure come un romanzo, ho ascoltato i racconti di mio padre con la devozione di un figlio che compie i primi passi stringendo la mano di chi lo guida. Senza sapere se mai avrei trovato il coraggio di aprire questo ripostiglio così intimo da diventare, paradossalmente, universale. Forse è solo la presunzione a farci credere che ogni nostra avventura sia degna di nota. Eppure, mentre ascoltavo i suoi racconti, ho provato spesso a chiudere gli occhi per condividere con lui la paura del buio e perché la fantasia potesse regalarmi immagini sempre più vive. E le immagini tornano a vorticare ricche di colori sfavillanti, come quelli di un'esistenza unica, in un Paese che, nello sforzo di crescere, regalava opportunità da cogliere come fiori dalla vita breve. La storia di mio padre, Albino Buticchi, è una storia singolare e avventurosa. Questa storia nasce, infatti, quasi dal nulla come tante altre che, insieme, hanno fatto l'Italia. Una storia semplice, in una Casa di mare..." Marco Buticchi

Casa di mare

Buticchi Marco