Narrativa

C’E’ MA NON SI

Smith Ali

Descrizione: Durante una cena in un'elegante casa di Greenwich un amico di un amico dei padroni di casa si alza da tavola e non torna più. Si scopre che si è chiuso nella stanza degli ospiti e non ha la minima intenzione di uscire. Perché ha preso questa decisione? Cosa spera di ottenere? E soprattutto chi è Miles Garth? Gen, la padrona di casa, si mette alla ricerca di amici e parenti del suo ospite indesiderato che possano convincerlo a desistere dal suo proposito inspiegabile. Comincia così una carrellata di personaggi, ricordi, situazioni buffe o commoventi che prendono spunto dalla presenza/assenza di Miles, ma in realtà sono un'occasione per la scrittrice di esplorare vari aspetti della vita quotidiana nell'Inghilterra di oggi. Una scrittura divertente e divertita, una girandola di giochi di parole e rimandi che vanno da Shakespeare al punk passando per i musical e le canzoni dell'Eurofestival. Il nuovo splendido romanzo di Ali Smith cerca di rispondere a una domanda semplicissima: perché siamo qui?

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2011

ISBN: 9788807018770

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

L’ultimo lavoro di Ali Smith non è un libro per tutti, perché combina una trama paradossale con uno stile alquanto bizzarro e frammentato. Il lettore che ami l’ordine, la linearità, la purezza del linguaggio, probabilmente resterà perplesso di fronte a questa girandola di eventi, fatta di ambiguità e salti temporali.

D’altronde, che si tratti di un testo non convenzionale lo si capisce sin dal titolo, una frase spezzata, quel C’è ma non si che ti invita a mettere subito in moto la fantasia.

La sensazione che si prova è di confusione, ti senti sospeso a mezz’aria in uno spazio indefinito, che si espande progressivamente in un gioco di parole e di rimandi.

Il protagonista, Miles Garth, è un misterioso assente e possiamo conoscerlo solo attraverso i ricordi e i racconti delle varie voci fuori campo.

Invitato da un ragazzo, appena conosciuto, a una cena a casa di amici, prima del dolce Miles si rintana nella stanza degli ospiti, al piano di sopra, e non vuole più uscire. Allora Genevieve, la padrona di casa, prova a rintracciare amici, parenti e conoscenti dello strano ospite, nel tentativo disperato di liberarsene una volta per tutte.

Indubbiamente la trama è coraggiosa e originale e, cosa davvero lodevole, riesce a incuriosire sino alla fine. Per apprezzare questo libro devi andare oltre, guardare al di là. La Smith si serve di una situazione assurda per riflettere le assurdità della società, e anche della vita, spingendoti a cercare un senso solo per concludere che un senso non c’è.

Convincente? Sì, però.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ali

Smith

Libri dallo stesso autore

Intervista a Smith Ali


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ucciderò i tuoi desideri, uno alla volta, fin quando sarò io il tuo unico desiderio....

Amore inverso

Panzacchi Francesca

Diego De Silva fa un passo a lato, si allontana dalle irresistibili vicende di Vincenzo Malinconico e ci regala una semplice storia d'amore. Semplice per modo di dire, perché la scommessa è tutta qui: nel nascondere la profondità in superficie, nel tratteggiare desideri e dolori, speranze e rovine, con poche parole essenziali, dritte e soprattutto vere. Perché, come diceva Fanny Ardant ne La signora della porta accanto, solo i racconti scarni e le canzoni dicono la verità sull'amore: quanto fa male, quanto fa bene. Solo lí si cela l'assoluto. Cosí De Silva prende i suoi due personaggi e li osserva con pazienza, li pedina, chiedendoci di seguirlo - e di seguirli - senza fare domande. La perfetta storia d'amore di due persone che si sfiorano senza incontrarsi mai. Nicola e Irene sono fatti l'uno per l'altra, ma non lo sanno. Probabilmente se ne accorgerebbero, se s'incrociassero anche solo una volta. Non dovrebbe essere difficile, visto che frequentano regolarmente lo stesso bistrot...

MANCARSI

De Silva Diego

Un ristorante di lusso. Un uomo e una donna iniziano a parlare. E’ la prima volta che si incontrano ma il loro non è un incontro normale. Lei è costretta a stare lì e a rispondere alle domande sempre più inquietanti e morbose dell’uomo. Vorrebbe andarsene, ma non può, intrappolata nel giro degli appuntamenti, l’ultima carta da giocare rimastale per salvare economicamente la sua famiglia. Più l’elegante sconosciuto si intrufola nella sua vita, più la donna si rende conto di avere davanti un mostro manipolatore e affamato di controllo. Dalle domande scabrose e imbarazzanti, si arriva a umiliazioni sempre più crudeli, in un gioco psicologico al massacro a cui la donna non può sottrarsi. Il ristorante diventa teatro di un dramma dove i due personaggi assumono il ruolo di vittima e carnefice. Ma quella sera una serie di rivelazioni ribalteranno drasticamente ruoli e copione, perché le apparenze ingannano e niente in quel ristorante è come sembra. Tra segreti, sesso e bugie, ci renderemo presto conto che l’appuntamento non è destinato a finire quella notte, perché quell'incontro fatale avrà terribili conseguenze nelle vite dei due personaggi.

L’appuntamento

Pulixi Piergiorgio

Scritta nel 1966 e messa in scena per la prima volta nel 1977 a Roma, cioè a due anni dalla scomparsa del suo autore, Affabulazione narra la storia di una rivolta tra padre e figlio che diventa una dolente metafora del mancato dialogo tra due generazioni.

Affabulazione

Pasolini Pier Paolo