Letteratura portoghese

Cecità

Saramago José

Descrizione: In un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione diventa cieca per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito da questo male si trova come avvolto in una nube lattiginosa e non ci vede più. Le reazioni psicologiche degli anonimi protagonisti sono devastanti, con un'esplosione di terrore e violenza, e gli effetti di questa misteriosa patologia sulla convivenza sociale risulteranno drammatici. I primi colpiti dal male vengono infatti rinchiusi in un ex manicomio per la paura del contagio e l'insensibilità altrui, e qui si manifesta tutto l'orrore di cui l'uomo sa essere capace. Nel suo racconto fantastico, Saramago disegna la grande metafora di un'umanità bestiale e feroce, incapace di vedere e distinguere le cose su una base di razionalità, artefice di abbrutimento, violenza, degradazione. Ne deriva un romanzo di valenza universale sull'indifferenza e l'egoismo, sul potere e la sopraffazione, sulla guerra di tutti contro tutti, una dura denuncia del buio della ragione, con un catartico spiraglio di luce e salvezza.

Categoria: Letteratura portoghese

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2010

ISBN: 9788807721823

Recensito da antobi

Le Vostre recensioni

Cecità è indubbiamente un romanzo dal titolo inequivocabile. Già dalle prime pagine si delinea una contrapposizione tra la città caotica e piena di semafori e un uomo diventato cieco all’improvviso, “caduto in un mare di latte” e intrappolato nella sua macchina in mezzo al traffico.

Ma non è tutto qui. Non è la storia di un uomo che deve semplicemente fare i conti con l’inaspettato e capire come reagire.

Un passante si offre di riaccompagnarlo a casa; la moglie, spaventata da questa cecità improvvisa e ingiustificata, telefona a un oculista, poi esce a cercare l’auto rimasta in strada e scopre che il passante, apparentemente gentile, l’ha rubata.

Il medico visita il cieco e cerca delle risposte per una cecità sopravvenuta ad occhi che lui conferma essere perfetti. Nello studio medico ci sono un vecchio con una benda nera, un ragazzino strabico accompagnato dalla madre e una giovane con gli occhiali scuri.

Sin dall’inizio si fa quasi fatica a procedere nella lettura, perché la punteggiatura inciampa e i dialoghi sono come frullati all’interno della narrazione, senza virgolette.

Ma, non appena Saramago inizia a descrivere le intenzioni del ladro della macchina, inaugurando un paragrafo sulla “coscienza morale”, ci si comincia a chiedere di quale cecità, di che tipo di cecità lo scrittore stia parlando. E il libro prende il ritmo giusto.

A poco a poco, con la cecità bianca che inizia a contagiare tutta la città, e il Governo che si vede “costretto” a confinare i ciechi in strutture isolate, si delinea un nuovo tipo di società, una società modificata nella vista ma fondamentalmente non nelle sue azioni: un mondo di ciechi che tende a comportarsi con violenza e sopraffazione, utilizzando il proprio diritto alla sopravvivenza come motivazione per umiliare ed eliminare gli altri. “Il difficile non è vivere con gli altri, il difficile è comprenderli“.

Il primo cieco, il medico, la moglie del medico (che si finge cieca per restare insieme al marito ma che non perderà mai la vista), il vecchio dalla benda nera, il ragazzino strabico, il ladro della macchina e la ragazza dagli occhiali scuri, che per tutta la narrazione rimangono personaggi senza nome, affrontano insieme, ma ognuno dal proprio punto di vista, le difficoltà e le tragedie della nuova vita da ciechi: la segregazione, la fame, l’assenza di pulizia, l’angoscia, il tradimento, gli stupri di gruppo, l’omicidio. E si confrontano e si mescolano nella massa informe degli altri ciechi; tutti cercano di sopravvivere: “Orbene, quel che nessun uomo pensò pare lo pensassero le donne, non doveva esserci altra spiegazione per quel silenzio che a poco a poco si instaurò nella camerata dove avvennero questi confronti, come se le donne avessero capito che, per loro, la vittoria nella contesa verbale era un tutt’uno con la sconfitta che ne sarebbe inevitabilmente seguita, e forse nelle altre camerate la discussione non sarà stata diversa, infatti è risaputo che le ragioni umane non fanno che ripetersi, e anche le non-ragioni“.

Saramago racconta con schiettezza ed amara ironia le debolezze umane, in fin dei conti quelle di tutti gli esseri, ciechi e non ciechi. Lo fa senza buonismo e senza perbenismo, e anche nel finale quasi magico e sempre inspiegabile ci spinge a riflettere su cosa è moralmente giusto e cosa no.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

José

Saramago

Libri dallo stesso autore

Intervista a Saramago José


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando esci dagli schemi della mera e rassicurante esistenza e decidi di vivere, tutto può accadere. A Diego, quarantenne traumatizzato da un lutto familiare, con un lavoro anonimo e un talento unico per le balle, accade di imbarcarsi impulsivamente in un'impresa al di sopra delle sue capacità, l'apertura di un agriturismo; accade che decida di farlo in società con due individui visti solo una volta e che in comune con lui hanno esclusivamente la mediocrità; accade anche che a far evitare il fallimento immediato sia l'intervento di un comunista nostalgico e che la banale fuga in campagna si trasformi in un atto di resistenza quando nell'agriturismo si presenta un camorrista per chiedere il pizzo. Questo arrivo inaspettato genera una risposta imprevedibile, soprattutto da parte di quattro guerrieri da riunione di condominio, e una serie di eventi a catena. Diego e i suoi amici diventano involontari artefici di un bizzarro miracolo mentre l'agriturismo, con l'arrivo di tre immigrati ghanesi e di una giovane cuoca punk, si trasforma giorno dopo giorno in una sorta di avamposto multietnico, anarchico e partigiano.

GIULIA 1300 E ALTRI MIRACOLI

Bartolomei Fabio

“Tundurundù è il nomignolo affettuoso con cui mi chiamava mia madre sin dai primi mesi dell’infanzia”. Un viaggio affascinante tra pensieri e ricordi a un anno dalla morte della madre. L’occasione per una nuova consapevolezza del Trascendente che passa attraverso un rapporto materno denso di amore e di bellezza.

Tundurundù

Di Giandomenico Marco Eugenio

"Il fico che cresce sulle rovine della fortezza, emblema e geroglìfico del nuovo libro di Claudio Damiani, ha i giorni contati. Verrà qualcuno a restaurare gli spalti del diroccato maniero aristocratico dove cresce, sradicando quella forma di vita abusiva, vita incurante della sua propria bellezza, capace di assentire al suo destino senza opporgli un'assurda resistenza. Dall'albero il poeta ricava l'insegnamento supremo: è possibile amare la vita senza avvelenarla con la paura della morte. È possibile, dunque, la felicità, quella pura e gratuita vibrazione dell'essere qui, dell'esserci ora, minuscolo filo saldamente intrecciato all'arazzo del cosmo? Come un saggio taoista, Damiani non si stanca mai di dipingere a rapidi colpi di pennello paesaggi nei quali gli uomini e le bestie, le piante e le pietre, le nuvole e le acque sono gli elementi solidali dello stesso prodigio, ovvero una sola materia senza più nome, disponibile a tutti gli esperimenti di un'alchimia interiore capace di trasformare in oro il fardello dell'impermanenza e l'angoscia del tempo che fugge. Oltre il piacere del testo, ai lettori di questo libro si offre una terapia sottile ed efficace come solo sanno essere i consigli di chi è capace di curare se stesso, e non smette mai di farlo." (Emanuele Trevi)

il fico sulla fortezza

Damiani Claudio

In un passaggio apparentemente marginale del racconto che da il titolo a questa raccolta disegnata dall'autore, la protagonista offre al suo professore di matematica, passato a trovarla, un bicchier d'acqua. Poi, mentre lo guarda bere, la ragazza è colpita dalla cosa più semplice, l'assoluta naturalezza del gesto, che l'uomo compie "come se in vita sua non avesse fatto altro che venire in cucina da me a bere acqua". È un tocco inconfondibile, che unisce in una riga tutta l'atmosfera di cui abbiamo bisogno e tutto l'intreccio che possiamo desiderare. Ma è anche di più. È la conferma che qualsiasi storia, anche minima, racconti - si tratti di un ragazzo che, come in Miss Little Sunshine, smette di parlare in casa, mentre intrattiene una fitta corrispondenza con i carcerati; di un adolescente che, alla morte del suo cane, si convince che nelle formule dell'algebra si annidi il segreto della felicità; o di una coppia gay di fronte a una scena topica, quella della presentazione ufficiale a due impettiti genitori -, Cameron sembra appunto non avere mai fatto altro.

Paura della matematica

Cameron Peter