Classici

Cent’anni di solitudine

Márquez Gabriel García

Descrizione: Da Jose Arcadio ad Aureliano Babilonia, dalla scoperta del ghiaccio alle pergamene dello zingaro Melquìades finalmente decifrate: Cent'anni di solitudine di una grande famiglia i cui componenti vengono al mondo, si accoppiano e muoiono per inseguire un destino ineluttabile, in attesa della nascita di un figlio con la coda di porco. Pubblicato nel 1967, scritto in diciotto mesi, ma "meditato" per più di tre lustri, Cent'anni di solitudine rimane un capolavoro insuperato e insuperabile, che nel 1982 valse al suo autore I'assegnazione del premio Nobel. Un libro tumultuoso con i toni della favola, sorretto da una tensione narrativa fondata su un portentoso linguaggio e su un'invidiabile fantasia. Garcia Marquez ha saputo rifondare la realtà e creare Macondo, il paradigma della solitudine, una situazione mentale e un destino più che un villaggio. Lo ha costretto a crescere avvinghiato alla famiglia Buendia. Lo ha trasformato in una città degli specchi e lo ha fatto spianare dal vento. In questo universo di solitudini incrociate, impenetrabili ed eterne, galleggia una moltitudine di eroi predestinati alla sconfitta, cui fanno da contraltare la solidità e la sensatezza dei personaggi femminili. Su tutti domina la figura del colonnello Aureliano Buendia, il primo uomo nato a Macondo, colui che promosse trentadue insurrezioni senza riuscire in nessuna, che ebbe diciassette figli maschi e glieli uccisero tutti, che sfuggì a quattordici attentati, a settantatre imboscate e a un plotone di esecuzione per finire i suoi giorni chiuso in un laboratorio a fabbricare pesciolini d'oro.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana:

Anno: 1988

ISBN: 9788804314639

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Correva l’anno 1967 quando un giovanissimo Gabriel García Márquez, scrittore colombiano poco più che emergente, mandava in stampa Cent’anni di solitudine, il suo ultimo romanzo. Quel romanzo, dapprima rifiutato da diverse case editrici, trovava finalmente editore grazie all’Editorial Sudamericana, che ne mandò in stampa 8.000 esemplari. Il calore della critica e il favore del pubblico vollero che le copie andassero esaurite in quindici giorni e che immediatamente fosse necessaria una seconda tiratura di 10.000 esemplari. L’opera si intitolava Cent’anni di solitudine e, ad oggi, è il secondo romanzo di lingua spagnola più venduto al mondo (preceduto solo dal Don Chisciotte di Cervantes). 

Cent’anni di solitudine è considerato uno dei capolavori della letteratura contemporanea. Culminò il proprio successo quando nel 1984 il suo autore venne insignito del Premio Nobel per la letteratura. La spiegazione di tale fenomeno è stata a lungo discussa dalla critica e ipotizzata in sedi accademiche, eppure la formula segreta di García Márquez rimane tuttora un mistero.

La trama racconta di un’epopea familiare che sembra infinita, attraversando per intero le generazioni della famiglia Buendía, dal capostipite fino all’ultimo discendente. I personaggi sono diversi e molteplici, eppure si somigliano l’un l’altro e, cosa più caratteristica, portano a ripetizione i medesimi nomi, confondendo il lettore, senza tuttavia mai farlo sentire a disagio. Fondamentale il ruolo dei fantasmi, di cui la storia è ricca, perché essi sono infatti il nucleo portante della trama, grazie alla novità assoluta ideata dall’autore: la loro addomesticazione.

La narrazione, come dichiarò lo stesso García Márquez, si rifà alla voce della nonna che racconta una fiaba ai nipotini: il linguaggio è dunque caldo e preciso, particolareggiato e dal ritmo sostenuto. Le descrizioni, numerose e dettagliate, non annoiano mai, ma anzi rappresentano una pausa necessaria in un racconto altrimenti troppo denso di avvenimenti. Semplice e favolistico, il tono del narratore è di facile comprensione, eppure mai basso e scontato. La realtà si mischia impalpabilmente alla fantasia, creando un delizioso accordo tra ciò che è veramente possibile e ciò che appartiene alla dimensione onirica e fantastica. Proprio per questo García Márquez è considerato uno dei massimi esponenti del realismo magico.

L’alta leggibilità di Cent’anni di solitudine ha permesso all’autore di unire lettori in ogni angolo del mondo, abbracciando senza ostacoli più di quarant’anni di storia della letteratura. La sua incrollabile magia è data inoltre dal gran numero di interpretazioni possibili che lo stesso romanzo propone. Lo stile fiabesco, che strizza l’occhio alle narrazioni dell’infanzia, si sviluppa infatti su più canali che toccano la semplice storia di una famiglia ad un grado, le tradizioni della Colombia più in alto, la storia dell’Ispano-america in generale, e possono essere infine ricondotti ad una grande metafora della vita stessa. Ogni lettore comunque è libero di scegliere il proprio livello di lettura ed è anzi incoraggiato a farlo.

A riguardo della vittoria del premio nobel da parte dell’autore, è possibile avere maggiori informazioni qui.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

García

Gabriel

Márquez

Libri dallo stesso autore

Intervista a Márquez Gabriel García


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"La famiglia è un tema ricorrente e centrale della mia narrativa. Il mio nuovo romanzo attraversa la storia di una famiglia lungo diverse generazioni, concentrandosi questa volta sul rapporto tra fratelli e sorelle, su come si amano, si feriscono e tradiscono, ma anche su come si stimano e si sacrificano l'uno per l'altro. Sono emozionato alla prospettiva di condividere questo nuovo libro con tutti i miei lettori." (Khaled Hosseini)

E l’eco rispose

Hosseini Khaled

«Scusi, dov'è sepolto Voltaire?» «Nessuno lo sa». Un estemporaneo scambio di e-mail tra diplomatici fa scattare la caccia alle spoglie del grande filosofo francese. I suoi resti furono profanati e di lui rimane soltanto il cuore, conservato nella Biblioteca nazionale di Parigi. Ma sarà autentico? Il prof. De Luziers, genetista della Sorbona, viene invitato a comparare il DNA degli ultimi discendenti di Voltaire con quello del cuore. Sembra normale amministrazione, e invece. Un vortice di sorprese, intrighi, scoperte in grado di riscrivere la storia, tra antiche abbazie, castelli alpini, spiagge caraibiche, segrete stanze vaticane, gabinetti presidenziali, affari di Stato.

ENIGMA VOLTAIRE

Nieves Luis Lòpez

Una sera, un affermato regista turco, che vive a Roma da alcuni anni, prende in gran fretta un aereo per Istanbul, la città dov'è nato e cresciuto. L'improvviso ritorno a casa scatena una serie di ricordi che sembravano sopiti: oltre alla madre affascinante ed elegantissima, il padre, misteriosamente scomparso per dieci anni (in Italia?), e altrettanto misteriosamente ricomparso; le zie zitelle, assetate di vita e di Martini, e i loro giovani amanti; e poi i fratelli, la fedele cuoca. E un amore, un amore perduto. Ma mai dimenticato. Stanza dopo stanza, i ricordi diventano più reali e la Istanbul della sua infanzia e adolescenza sembra riprendere forma. Ma con il passato il protagonista dovrà anche fare i conti. A questa storia se ne intreccia, imprevedibilmente, un'altra. Perché sullo stesso aereo Roma-Istanbul c'è, insieme al marito e a una coppia di amici, una donna. Il loro è un viaggio d'affari e di piacere, per festeggiare un evento importante. Finché accade qualcosa, e il loro futuro cambia direzione. Tra caffè e hammam, amori irrisolti e tradimenti svelati, melanconia e voluttà, il regista e la donna si sfiorano e, alla fine, si incontrano. Proprio come in un film di Ozpetek. Solo che stavolta è lui - forse - il protagonista.

Rosso Istanbul

Ozpetek Ferzan

Una raccolta di poesie per addentrarsi nel roveto dell'esistenza contemporanea, laddove le certezze sono barbagli, riflessi impalpabili e ingannatori ai quali non è più possibile credere. La metafora della vita come viaggio, pur solida nella propria tradizione plurimillenaria, scricchiola qui sotto il peso del nonsenso odierno. Partire, restare, ostinarsi nel cammino sono forse cose vane; persino l'amore è defraudato dell'assoluto, è un soffione raggiunto dal vento e privato dei semi, una ruota impazzita che si incaglia tra i sassi e che non sa fermarsi. Ivanoe Privitera porta alle estreme conseguenze la lirica del secolo appena trascorso, rivelandosi attento osservatore dei nostri giorni e raffinato cantore del sentimento. Ed ecco che la muraglia di montaliana memoria si fa profilo seghettato di montagne che restituisce avaro l'eco di un vuoto esistenziale incolmabile, il passato è uno spettro di cui si perdono i contorni, il futuro un intrico di frasche che serra i polsi e nel quale ci ostiniamo a cercare il germoglio nuovo e fruttifero: anche il tempo, ormai crocifisso alla propria relatività, è pura illusione. Ma qualcosa è ancora possibile salvare: l'abbraccio di un fratello, la voglia del ritorno e l'ostinata guerra di ognuno di noi contro la solitudine; addirittura la morte, sempre uguale a se stessa, placida e rassicurante nella propria assolutezza.

L’istante violento

Privitera Ivanoe