Classici

Cent’anni di solitudine

Márquez Gabriel García

Descrizione: Da Jose Arcadio ad Aureliano Babilonia, dalla scoperta del ghiaccio alle pergamene dello zingaro Melquìades finalmente decifrate: Cent'anni di solitudine di una grande famiglia i cui componenti vengono al mondo, si accoppiano e muoiono per inseguire un destino ineluttabile, in attesa della nascita di un figlio con la coda di porco. Pubblicato nel 1967, scritto in diciotto mesi, ma "meditato" per più di tre lustri, Cent'anni di solitudine rimane un capolavoro insuperato e insuperabile, che nel 1982 valse al suo autore I'assegnazione del premio Nobel. Un libro tumultuoso con i toni della favola, sorretto da una tensione narrativa fondata su un portentoso linguaggio e su un'invidiabile fantasia. Garcia Marquez ha saputo rifondare la realtà e creare Macondo, il paradigma della solitudine, una situazione mentale e un destino più che un villaggio. Lo ha costretto a crescere avvinghiato alla famiglia Buendia. Lo ha trasformato in una città degli specchi e lo ha fatto spianare dal vento. In questo universo di solitudini incrociate, impenetrabili ed eterne, galleggia una moltitudine di eroi predestinati alla sconfitta, cui fanno da contraltare la solidità e la sensatezza dei personaggi femminili. Su tutti domina la figura del colonnello Aureliano Buendia, il primo uomo nato a Macondo, colui che promosse trentadue insurrezioni senza riuscire in nessuna, che ebbe diciassette figli maschi e glieli uccisero tutti, che sfuggì a quattordici attentati, a settantatre imboscate e a un plotone di esecuzione per finire i suoi giorni chiuso in un laboratorio a fabbricare pesciolini d'oro.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana:

Anno: 1988

ISBN: 9788804314639

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Correva l’anno 1967 quando un giovanissimo Gabriel García Márquez, scrittore colombiano poco più che emergente, mandava in stampa Cent’anni di solitudine, il suo ultimo romanzo. Quel romanzo, dapprima rifiutato da diverse case editrici, trovava finalmente editore grazie all’Editorial Sudamericana, che ne mandò in stampa 8.000 esemplari. Il calore della critica e il favore del pubblico vollero che le copie andassero esaurite in quindici giorni e che immediatamente fosse necessaria una seconda tiratura di 10.000 esemplari. L’opera si intitolava Cent’anni di solitudine e, ad oggi, è il secondo romanzo di lingua spagnola più venduto al mondo (preceduto solo dal Don Chisciotte di Cervantes). 

Cent’anni di solitudine è considerato uno dei capolavori della letteratura contemporanea. Culminò il proprio successo quando nel 1984 il suo autore venne insignito del Premio Nobel per la letteratura. La spiegazione di tale fenomeno è stata a lungo discussa dalla critica e ipotizzata in sedi accademiche, eppure la formula segreta di García Márquez rimane tuttora un mistero.

La trama racconta di un’epopea familiare che sembra infinita, attraversando per intero le generazioni della famiglia Buendía, dal capostipite fino all’ultimo discendente. I personaggi sono diversi e molteplici, eppure si somigliano l’un l’altro e, cosa più caratteristica, portano a ripetizione i medesimi nomi, confondendo il lettore, senza tuttavia mai farlo sentire a disagio. Fondamentale il ruolo dei fantasmi, di cui la storia è ricca, perché essi sono infatti il nucleo portante della trama, grazie alla novità assoluta ideata dall’autore: la loro addomesticazione.

La narrazione, come dichiarò lo stesso García Márquez, si rifà alla voce della nonna che racconta una fiaba ai nipotini: il linguaggio è dunque caldo e preciso, particolareggiato e dal ritmo sostenuto. Le descrizioni, numerose e dettagliate, non annoiano mai, ma anzi rappresentano una pausa necessaria in un racconto altrimenti troppo denso di avvenimenti. Semplice e favolistico, il tono del narratore è di facile comprensione, eppure mai basso e scontato. La realtà si mischia impalpabilmente alla fantasia, creando un delizioso accordo tra ciò che è veramente possibile e ciò che appartiene alla dimensione onirica e fantastica. Proprio per questo García Márquez è considerato uno dei massimi esponenti del realismo magico.

L’alta leggibilità di Cent’anni di solitudine ha permesso all’autore di unire lettori in ogni angolo del mondo, abbracciando senza ostacoli più di quarant’anni di storia della letteratura. La sua incrollabile magia è data inoltre dal gran numero di interpretazioni possibili che lo stesso romanzo propone. Lo stile fiabesco, che strizza l’occhio alle narrazioni dell’infanzia, si sviluppa infatti su più canali che toccano la semplice storia di una famiglia ad un grado, le tradizioni della Colombia più in alto, la storia dell’Ispano-america in generale, e possono essere infine ricondotti ad una grande metafora della vita stessa. Ogni lettore comunque è libero di scegliere il proprio livello di lettura ed è anzi incoraggiato a farlo.

A riguardo della vittoria del premio nobel da parte dell’autore, è possibile avere maggiori informazioni qui.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

García

Gabriel

Márquez

Libri dallo stesso autore

Intervista a Márquez Gabriel García


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il ballo ha la perfezione esemplare di un piccolo classico, poiché riesce a mescolare, pur nella sua brevità, i temi più ardui: la rivalità madre-figlia, l’ipocrisia sociale, le goffe vertigini della ricchezza improvvisata, le vendette smisurate dell’adolescenza – che passano, in questo caso eccezionale, dall’immaginazione alla realtà. Perché è proprio una vendetta, quella della quattordicenne Antoinette nei confronti della madre: non premeditata, e per questo ancora più terribile. In poche pagine folgoranti, con la sua scrittura scarna ed essenziale, Irène Némirovsky condensa, senza nulla celare della sua bruciante crudeltà, un dramma di amore respinto, di risentimento e di ambizione. Nel 1929, quando Némirovsky pubblica David Golder, il suo primo romanzo (a cui l’anno dopo seguirà Il ballo), la critica manifesta tutta la sua sbalordita ammirazione di fronte a questa giovane donna elegante e mondana, appartenente a una ricca famiglia di émigré russi di origine ebrea, che si rivela una brillante scrittrice. Per tutti gli anni Trenta Irène Némirovsky continuerà a pubblicare con immutato successo. Nel dopoguerra, tuttavia, sulla sua opera cala il silenzio. Solo a partire dall’autunno del 2004 la critica, ma soprattutto i lettori, hanno cominciato a restituire a Irène Némirovsky il posto che le spetta fra i più grandi, e i più amati, narratori del Novecento.

Il ballo

Némirovsky Irène

Nidi di periferia

La storia si snoda tra Italia e Argentina, intrecciando temi storici e politici in una trama avvincente, a metà tra thriller e spionaggio. Un anziano signore, Vincenzo Binetti, abita da solo in un appartamento nel quartiere Esquilino a Roma. Un giorno il vecchio sparisce e il suo vicino di casa, Flavio Bertone, commissario di polizia, cinquantenne, separato e con la delusione esistenziale di non essere diventato padre, si mette sulle sue tracce e scopre che il vero nome del vecchio non è Vincenzo Binetti, bensì Evaristo Torriani: un argentino dal passato avventuroso e contraddittorio, amico di Che Guevara, ma poi agente dei servizi segreti e, infine, nel ’78, anche cameriere personale di Jorge Luis Borges. Alcuni indizi, insieme all’intuito del commissario, fanno pensare che Torriani possa essere tornato nella sua città natale, Buenos Aires, dove vive ancora sua figlia Isabella. A Buenos Aires, il commissario incontra Isabella, convinta che il padre sia morto nel ’79, e poi scopre che i servizi segreti stanno cercando Torriani da trent’anni perché ritenuto responsabile di aver sottratto al governo una lista di nomi dei veri genitori degli orfani del regime di Videla.

IL CAMERIERE DI BORGES

Bussotti Mario

Estate 1975. Nello scenario di una Puglia misteriosa, tra la campagna e il mare, quattro ragazzi vivono un'esperienza che segnerà per sempre le loro esistenze. Matteo Leoni, un tredicenne timido e riservato con la passione per la scrittura e la cugina Valentina, sua coetanea bella e intelligente, gli altri amici. L'estate scivola tra escursioni avventurose, corse in bicicletta, presenze inquietanti, bagni notturni, rocambolesche vicende familiari, amori sotterranei, risse e scoperte stupefacenti. Sullo sfondo la traccia misteriosa della foresta, compatta e scura, disegnata a rilievo sulla campagna. Come un cane nero, che corre. Poi arriva settembre, e segnerà la linea di confine, imprevedibile, che dividerà le loro vite.

L’ESTATE DEL CANE NERO

Carofiglio Francesco