Classici

Cent’anni di solitudine

Márquez Gabriel García

Descrizione: Da Jose Arcadio ad Aureliano Babilonia, dalla scoperta del ghiaccio alle pergamene dello zingaro Melquìades finalmente decifrate: Cent'anni di solitudine di una grande famiglia i cui componenti vengono al mondo, si accoppiano e muoiono per inseguire un destino ineluttabile, in attesa della nascita di un figlio con la coda di porco. Pubblicato nel 1967, scritto in diciotto mesi, ma "meditato" per più di tre lustri, Cent'anni di solitudine rimane un capolavoro insuperato e insuperabile, che nel 1982 valse al suo autore I'assegnazione del premio Nobel. Un libro tumultuoso con i toni della favola, sorretto da una tensione narrativa fondata su un portentoso linguaggio e su un'invidiabile fantasia. Garcia Marquez ha saputo rifondare la realtà e creare Macondo, il paradigma della solitudine, una situazione mentale e un destino più che un villaggio. Lo ha costretto a crescere avvinghiato alla famiglia Buendia. Lo ha trasformato in una città degli specchi e lo ha fatto spianare dal vento. In questo universo di solitudini incrociate, impenetrabili ed eterne, galleggia una moltitudine di eroi predestinati alla sconfitta, cui fanno da contraltare la solidità e la sensatezza dei personaggi femminili. Su tutti domina la figura del colonnello Aureliano Buendia, il primo uomo nato a Macondo, colui che promosse trentadue insurrezioni senza riuscire in nessuna, che ebbe diciassette figli maschi e glieli uccisero tutti, che sfuggì a quattordici attentati, a settantatre imboscate e a un plotone di esecuzione per finire i suoi giorni chiuso in un laboratorio a fabbricare pesciolini d'oro.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana:

Anno: 1988

ISBN: 9788804314639

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Correva l’anno 1967 quando un giovanissimo Gabriel García Márquez, scrittore colombiano poco più che emergente, mandava in stampa Cent’anni di solitudine, il suo ultimo romanzo. Quel romanzo, dapprima rifiutato da diverse case editrici, trovava finalmente editore grazie all’Editorial Sudamericana, che ne mandò in stampa 8.000 esemplari. Il calore della critica e il favore del pubblico vollero che le copie andassero esaurite in quindici giorni e che immediatamente fosse necessaria una seconda tiratura di 10.000 esemplari. L’opera si intitolava Cent’anni di solitudine e, ad oggi, è il secondo romanzo di lingua spagnola più venduto al mondo (preceduto solo dal Don Chisciotte di Cervantes). 

Cent’anni di solitudine è considerato uno dei capolavori della letteratura contemporanea. Culminò il proprio successo quando nel 1984 il suo autore venne insignito del Premio Nobel per la letteratura. La spiegazione di tale fenomeno è stata a lungo discussa dalla critica e ipotizzata in sedi accademiche, eppure la formula segreta di García Márquez rimane tuttora un mistero.

La trama racconta di un’epopea familiare che sembra infinita, attraversando per intero le generazioni della famiglia Buendía, dal capostipite fino all’ultimo discendente. I personaggi sono diversi e molteplici, eppure si somigliano l’un l’altro e, cosa più caratteristica, portano a ripetizione i medesimi nomi, confondendo il lettore, senza tuttavia mai farlo sentire a disagio. Fondamentale il ruolo dei fantasmi, di cui la storia è ricca, perché essi sono infatti il nucleo portante della trama, grazie alla novità assoluta ideata dall’autore: la loro addomesticazione.

La narrazione, come dichiarò lo stesso García Márquez, si rifà alla voce della nonna che racconta una fiaba ai nipotini: il linguaggio è dunque caldo e preciso, particolareggiato e dal ritmo sostenuto. Le descrizioni, numerose e dettagliate, non annoiano mai, ma anzi rappresentano una pausa necessaria in un racconto altrimenti troppo denso di avvenimenti. Semplice e favolistico, il tono del narratore è di facile comprensione, eppure mai basso e scontato. La realtà si mischia impalpabilmente alla fantasia, creando un delizioso accordo tra ciò che è veramente possibile e ciò che appartiene alla dimensione onirica e fantastica. Proprio per questo García Márquez è considerato uno dei massimi esponenti del realismo magico.

L’alta leggibilità di Cent’anni di solitudine ha permesso all’autore di unire lettori in ogni angolo del mondo, abbracciando senza ostacoli più di quarant’anni di storia della letteratura. La sua incrollabile magia è data inoltre dal gran numero di interpretazioni possibili che lo stesso romanzo propone. Lo stile fiabesco, che strizza l’occhio alle narrazioni dell’infanzia, si sviluppa infatti su più canali che toccano la semplice storia di una famiglia ad un grado, le tradizioni della Colombia più in alto, la storia dell’Ispano-america in generale, e possono essere infine ricondotti ad una grande metafora della vita stessa. Ogni lettore comunque è libero di scegliere il proprio livello di lettura ed è anzi incoraggiato a farlo.

A riguardo della vittoria del premio nobel da parte dell’autore, è possibile avere maggiori informazioni qui.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

García

Gabriel

Márquez

Libri dallo stesso autore

Intervista a Márquez Gabriel García

2092. L'Europa mediterranea è sprofondata in un clima equatoriale, i suoi antichi Stati nazionali hanno ceduto all'egemonia cinese. Venezia abbandonata dopo una terribile alluvione, poi acquistata e ricostruita da un'azienda di Pechino - è la perversa Las Vegas del declino europeo. Piazza San Marco è stata trasformata in un'arena: il Colosseo del terzo millennio. Il carnevale si avvicina, i padroni cinesi preparano lussi sfrenati e spettacoli sanguinari. La popolazione autoctona è confinata nel Castello. Nessuno sembra più volersi sottrarre alla violenza e alla lussuria di questo bordello della fine dei tempi. Eppure, perfino in questo parco giochi orwelliano, ci sono due uomini in rivolta che si levano contro l'orgia del potere. "Il Maestro", guida dei nuovi gladiatori che addestra sull'isola di San Giorgio, e Spartaco, il suo allievo più valoroso. Ciascuno ha imboccato per proprio conto la via della ribellione ma vivono entrambi per il mondo che verrà, uno per divenire padre, l'altro per tornare libero. Antonio Scurati torna all'ispirazione degli esordi con un romanzo visionario e insieme realista. Una grande avventura epica, che si fa carico della crisi del nostro mondo narrando di uomini in marcia dentro e contro l'onda distruttrice della storia, in un libro non solo ambientato nel futuro ma rivolto al futuro.

La seconda mezzanotte

Scurati Antonio

Cataldo Giammoro, giovane messinese di buona famiglia, perde in un'imboscata il padre Guglielmo. Nel '46, dopo la Liberazione, lo zio paterno decide di chiudere la partita seppellendo nel cimitero di Monturi un feretro dal contenuto misterioso. Cataldo è vicino alla laurea quando, da Arezzo, arriva la cugina Liborietta: i due si innamorano e presto si sposano. Intanto, lui si occupa delle proprietà di famiglia e inizia la carriera di avvocato. Diventa il più influente membro dell'amministrazione comunale, disponendo assunzioni e appalti benché non sia né sindaco, né assessore. Da qui parte la sua grande ascesa di affarista. I suoi riferimenti sono politici e criminali. Ma la scalata comincia a manifestare forti rischi. Due ufficiali della Guardia di Finanza lo minacciano, lo mettono in allarme e infine gli propongono di pentirsi e raccontare tutto. Cosa deciderà Cataldo? Cosa gli riserverà la sorte?

Pater

Cacopardo Domenico

Un ospite misterioso, un ragazzo bellissimo, irrompe in una famiglia borghese milanese provocando strani comportamenti in tutti i suoi membri: i due figli, un maschio e una femmina, la cameriera, il padre e la madre, vengono attratti e turbati dalla sua presenza. Si concentrano sul giovane tensioni sino a poco prima celate e represse. La madre vede in lui un figlio, la ragazza un padre e così via. Quando il ragazzo improvvisamente dovrà partire la famiglia si sfascerà, perderà cioè la vuota serenità e compattezza che prima la reggeva, quando il figlio tornava a casa dal liceo Panni, la figlia dalle Marcelline, il padre dalla sua grande fabbrica e tutto andava per il meglio. Scritto contemporaneamente alla realizzazione del film omonimo, "Teorema" traccia una parabola, come ha amato chiamarla Pasolini, in cui i giudizi emergono dalle azioni o dal comportamento dei personaggi, conformisti anche nei momenti di più acceso e velleitario anticonformismo.

Teorema

Pasolini Pier Paolo

Un uomo solo, tormentato, compie un efferato omicidio perché obbligato dalle convenzioni del suo tempo. Da lì scaturisce, inarginabile, il suo genio artistico. Gesualdo da Venosa, il celebre principe madrigalista vissuto a cavallo tra Cinque e Seicento, è il centro attorno a cui ruota il congegno ipnotico di questo romanzo gotico e sensuale. Come può, è la domanda scandalosa sottesa, il male dare vita a tale e tanta purezza sopra uno spartito? Per vendicare l’onore e il tradimento, il principe di Venosa uccide Maria D’Avalos, dopo averla sposata con qualche pettegolezzo e al tempo stesso con clamore. Fin qui la Storia. Il resto è la nostalgia che ne deriva, la solitudine del principe: è lì, nel sangue e nel tormento, che Andrea Tarabbia intinge il suo pennino e trascina il lettore in un labirinto. Questa storia - è ciò che il lettore scopre sbalordito - ci parla dritti in faccia, scollina i secoli e arriva fino al nostro oggi, si spinge fino a lambire i confini noti eppure sempre imprendibili tra delitto e genio. Con un gioco colto e irresistibile, tra manoscritti ritrovati e chioe di Igor Stravinskij- che nel Novecento riscoprì e rilanciò il genio di Gesualdo - Andrea Tarabbia, scrittore tra i migliori della sua generazione, costruisce un romanzo importante, destinato a restare. L’edificio che attraverso Madrigale senza suono Tarabbia innalza è una cattedrale gotica da cui scaturisce la potenza misteriosa della musica. È impossibile, per il lettore, non spingere il portale. E, una volta entrato, non restarne intrappolato.

Madrigale senza suono

Tarabbia Andrea