Letteratura francese

Central Park

Musso Guillaume

Descrizione: Alice, una poliziotta francese, si risveglia su una panchina di Central Park ammanettata a Gabriel, un pianista jazz. Non si conoscono, in tasca non hanno documenti e Alice si trova in tasca un’arma carica. Non hanno ricordi di cosa è successo e come sono arrivati lì. L’incontro con personaggi bizzarri porterà Alice a ricordare molto, forse troppo: dalla sua memoria emergono dettagli sfocati, la cattura di un serial killer, la morte del marito e del figlio, un padre in prigione. In fuga nella sua stessa città, Alice cerca di spiegarsi il legame misterioso con l’enigmatico e silenzioso Gabriel.

Categoria: Letteratura francese

Editore: Bompiani

Collana: Letteraria straniera

Anno: 2015

ISBN: 9788845280375

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Da “Central Park parte l’ultima avventura ideata da Guillaume Musso nell’ultima sua opera dall’impronta “giallo-action”.

Come spesso facciamo, affidiamo allo scrittore il compito di rappresentare il canovaccio del romanzo, che ha per protagonista l’inquieta Alice (“Mi chiamo Alice Schäfer, sono capitano di polizia della Crim di Parigi”):

“Perché lei e Gabriel non ricordavano nulla di quanto era successo la notte prima? In quale modo avevano potuto ritrovarsi a Central Park? A chi apparteneva il sangue della sua camicetta? Dove si era procurata quella pistola? Perché nel caricatore mancava una pallottola? Chi le aveva scritto sul palmo della mano il numero di telefono dell’hotel? Chi aveva inciso con il cutter il braccio di Gabriel? Perché avevano dotato la valigetta di una carica elettrica? Che cosa conteneva quella siringa?”

Una sfilza di domande. Le risposte arrivano in un rapido susseguirsi di avventure e capovolgimenti di fronte, durante i quali Musso combina i consueti aforismi introduttivi di ogni capitolo (“Forever is composed of nows – Emily Dickinson”), inserti “romance” interpretati da coppie dannatamente belle e infinitamente innamorate che incappano in tragedie enormi, il ritmo dell’azionismo spinto, in un coacervo internazional-popolare che può accontentare – se non tutti – sicuramente molti. Nel fornire le risposte, Musso riconferma la propria vocazione a reddere rationem in elementi e situazioni apparentemente assurdi o inconciliabili.

Lo stile di Guillaume strizza l’occhio a tutte le tendenze: così i ragazzi indossano jeans slim, ossia pantaloni stretti a gamba dritta; gli occhiali sono “da geek”, id est eccentrici; un appartamento può risultare haussmanniano se ibrida elementi contemporanei e di antiquariato; sarà facile imbattersi nel look da hipster di coloro che imitano la mania anni quaranta di jazz e be-pop; fluokid è l’adolescente fosforescente sospeso tra pop e anni ’80; e una donna può indossare la divisa da cheerleader pur non essendo una ginnasta acrobatica; dulcis in fundo, i faggi si presentano in lucido mardoré, cioè con colorazione bruno-violacea dai riflessi dorati…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Guillaume

Musso

Libri dallo stesso autore

Intervista a Musso Guillaume


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il piacere

D'Annunzio Gabriele

Oltre cinquant’anni di sogni annotati, dal 1875 al 1931. È libera e ondivaga la scrittura di Arthur Schnitzler, descrittiva e autoriflessiva, intima e quotidiana. Nei residui diurni ritrovati dal sogno compaiono scenari insoliti, abitati da contemporanei illustri, animatori della Vienna fin de siècle: Freud, Klimt, von Hofmannsthal, Mahler e molti altri. Sogni che registrano le mode dell’epoca, gli spettacoli di successo, le malattie più comuni del bel mondo, e con brevità magnetica rivelano i desideri, le paure, i turbamenti dello scrittore che sogna. Un libro dei sogni raccolto da un genio attento ai moti della propria anima, ma anche alla forza surreale della narrazione onirica. Pubblicato in versione integrale, introdotto da un saggio di Agnese Grieco e Vittorio Lingiardi su Schnitzler, sulla vita onirica e la psicoanalisi, Sogni è il diario notturno di un’epoca inquieta, l’autobiografia inconscia del primo Novecento europeo.

SOGNI 1875-1931

Schnitzler Arthur

Per le alte sfere della polizia sono degli indesiderabili. Tutti li aspettano al varco, pronti a metterli alla gogna, ma loro non smettono di sorprendere. Sono i Bastardi di Pizzofalcone. È una tiepida giornata di primavera. Recandosi al lavoro l'agente Guida trova vicino a un cassonetto una neonata che piange e la porta in commissariato. La bambina è in ottima salute e sembra essere stata cambiata da poco. Passa qualche ora e arriva una segnalazione: da un paio di giorni il parroco di Santa Maria degli Angeli non riesce a contattare una ragazza che assiste, giovanissima e incinta. Facile immaginare che i due casi siano collegati. Il cadavere della donna viene trovato presso la sua fatiscente abitazione: è stata uccisa con un colpo alla testa. Gli esami sul corpo confermano che ha partorito, ma da almeno ventiquattr'ore, mentre la bambina è stata abbandonata da molto meno, perché la spazzatura viene ritirata alle prime luci dell'alba. Chi ha ucciso la donna, un'immigrata di vent'anni? E chi ha messo la bambina vicino ai bidoni dell'immondizia? Romano e Di Nardo, presi dalle loro vicende personali, dovranno scavare nei diciotto mesi di permanenza della giovane in città e indagare tra tutti quelli che l'avevano conosciuta, amata e odiata per scoprire cosa sia davvero successo. Nel frattempo Lojacono e Aragona cercheranno di capire chi è che rapisce i cani e i gatti dei ricchi del quartiere, e perché.

Cuccioli

De Giovanni Maurizio

L'inesorabile solitudine dell'uomo, della drammatica tensione fra divenire ed essere, fra vivere e vedersi vivere. La migliore edizione in commercio rivolta alla scuola, con cronologia e bibliografia essenziale.

Uno, nessuno e centomila

Pirandello Luigi