Libri per ragazzi

C’era due volte il barone Lamberto

Rodari Gianni

Descrizione: In mezzo alle montagne c'è il lago d'Orta. In mezzo al lago c'è l'isola di San Giulio. Sull'isola c'è la villa del barone Lamberto, un signore molto vecchio, molto ricco, sempre malato. Le sue malattie sono ventiquattro, e solo il fedele maggiordomo Anselmo è in grado di ricordarsele tutte... Ma ecco che intanto piombano sull'isola il perfido nipote Ottavio, che mira ad impadronirsi dell'eredità, e una gang di banditi decisi a rapire il barone e a chiedere un riscatto enorme. Le storie di Rodari offrono divertimento e una girandola di situazioni e personaggi esilaranti: un modo di comprendere questo nostro mondo. Età di lettura: da 11 anni.

Categoria: Libri per ragazzi

Editore: Einaudi Ragazzi

Collana: Storie e rime

Anno: 2013

ISBN: 9788866560869

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

C’era due volte il barone Lamberto di Gianni Rodari 

Ambientata sul Cusio (“In mezzo alle montagne c’è il lago d’Orta. In mezzo al lago d’Orta, ma non proprio a metà, c’è l’isola di San Giulio. Sull’isola di San Giulio c’è la villa del barone Lamberto, un signore molto vecchio – ha novantatre anni -, assai ricco – possiede ventiquattro banche in Itlaia, Svizzera, Hong Kong, Singapore, eccetera -, sempre malato. Le sue malattie sono ventiquattro…”) C’era due volte il barone Lamberto di Gianni Rodari narra le gesta di un ultranovantenne barone e del suo fido maggiordomo Anselmo.

Gli acciacchi dell’età, descritti nello stile immaginifico di Rodari (“Barone e maggiordomo s’infilano nel tunnel di Corti e penetrano nell’orecchio, sbarcano nelle isole di Langheransdalle parti del pancreas, si arrampicano sul pomo d’Adamo, si avventurano nel groviglio dei glomeruli di Malpighi che se ne stanno raggomitolati nei reni, fanno l’altalena con l’ossigeno e l’anidride carbonica dentro e fuori dai polmoni, salgono sul ponte di Varolio, soffiano nella tromba di Eustachio, suonano gli organi del Golgi, tendono tendini, riflettono sui riflessi, fagocitano fagociti, fanno il solletico ai villi intestinali, mettono in moto la doppia elica del Dna. Ogni tanto si perdono di vista”) sono contrastati con uno stratagemma (“E nelle soffitte della sua villa sei ignari lavoratori, giorno e notte, lo nominano senza sapere il perché: … Lamberto, Lamberto, Lamberto…”) che è elisir di gioventù (“L’uomo il cui nome è pronunciato resta in vita”) e regala nuova vita al barone.

Ma un evento inaspettato ( “La notizia che l’isola è stata occupata dai banditi ha richiamato migliaia di persone sulla riva”) e la cupidigia di un maldestro nipote (“Ora Ottavio perfeziona il suo piano: farà morire il barone e darà la colpa ai banditi”) spezzano l’incantesimo…

Un po’ Benjamin Button, vagamente pirandelliano nell’idea di fondo («Quando era lontano io dicevo: “Se in questo momento mi pensa, io sono viva per lui”. E questo mi sosteneva, mi confortava nella mia solitudine. Come debbo dire io ora? Debbo dire che io,io, non sono più viva per lui, poiché egli non mi può più pensare! E voi invece volete dire che egli non è più vivo per me. Ma sì che egli è vivo per me, vivo di tutta la vita che io gli ho sempre dato: la mia, la mia; non la sua che io non so!» da La vita che ti diedi di Luigi Pirandello), la fiaba procede senza porsi limiti mortali, sempre soffusa d’ironia e pronta a far volare la fantasia su una mongolfiera…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianni

Rodari

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rodari Gianni


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ci sono fatti che possono essere accantonati. Altri addirittura dimenticati. Ma ce ne sono alcuni, terribili, devastanti, su cui nessuno può passare sopra. Questo è il caso di Michele. Una parte della sua vita se ne è andata, una parola fine scritta dalla penna del destino. Incomprensibile, inimmaginabile. Un dolore che sembra non finire mai, che conduce la mente nell'oblio più profondo. Michele non può sopportarlo. Deve fare qualcosa. Deve scegliere il proprio destino. Il nostro destino. È davvero nostro? Siamo veramente noi a sceglierlo? Michele si trova nel bel mezzo di una spirale di eventi di cui lui stesso non è in grado di carpire il filo conduttore. Pensa di avere in mano la situazione, di poter controllare il flusso degli eventi. Eppure c'è qualcosa nei suoi piani che sta per andare in fumo. Qualcosa che non aveva calcolato e che nessuno può fermare. È una voce, un'idea, una persona. O forse niente di tutto questo. È il disegno del destino.

Il disegno del destino

Simoncini Davide

Un crimine, due diari, la vittima e il suo assassino.Una donna diabolica e affascinante trascina il commissario Cristiani nel vortice del delitto.

Diario di un delitto d’amore

Panzacchi Francesca

De Amicis, Edmondo – DAGLI APPENNINI ALLE ANDE (Cuore, 1886)

La storia di una protagonista del Rinascimento: Isabella Morra, poetessa lucana entrata a pieno titolo nella storia della letteratura italiana. Il ritratto di una nobile figura femminile che affronta con coraggio il proprio tempo, scegliendo di vivere nel nome dell'arte e della cultura in un'epoca in cui essere donna significava sottomettersi e in qualche modo essere schiave del volere degli uomini. La storia di Isabella fornisce all'autore anche l'occasione per mettere in evidenza la bellezza del paesaggio lucano, la sua antica storia risalente ai primi coloni greci, le sue tradizioni, attingendo a fonti storiche e documenti inediti. La poesia e l'arte diventano in questo romanzo gioia, salvezza e fonte di riscatto di fronte alle avversità della vita.

Le favole di Isabella

Zizola Franco