Romanzo storico

Cesare l’immortale (Book City Milano 2016)

Forte Franco

Descrizione: In questo romanzo Franco Forte mette in evidenza tutte le ombre e le contraddizioni della più famosa congiura della storia, arrivando a costruire in modo credibile e coerente con i lasciti storici una teoria tanto affascinante quanto sorprendente: e se Giulio Cesare non fosse affatto morto alle Idi di Marzo? Come potrebbero essere andate le cose? Un nuovo modo di reinventare la storia appoggiandosi a ciò che la stessa storia ci dice...

Categoria: Romanzo storico

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2016

ISBN: 9788804661672

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Evento Book City Milano:
Domenica 20 novembre 2016 dalle ore 15:30 alle ore 17:30
Civico Museo Archeologico – Via Nirone 7 – Milano
E se il grande Giulio Cesare non fosse morto?
Con Franco Forte e Alan D. Altieri

Pagina Facebook dell’evento: https://www.facebook.com/events/198921280552487/

_________________________________

Franco Forte adotta una scelta ucronica per far rivivere “Cesare l’immortale”. L’idea nasce e trae spunto da una domanda: possibile che un condottiero accorto e intelligente come Gaio, dopo aver soggiogato il mondo allora conosciuto, abbia potuto ignorare le avvisaglie di un attentato così ampiamente preannunciato (nelle informazioni, negli avvertimenti, perfino nei sogni premonitori della moglie Capurnia)?

Dopo due antefatti, uno sulla via Appia, l’altro in Mesopotamia, dai tempi del triunvirato (“Cassio sapeva che i rapporti tra i tre erano ai ferri corti”) si passa direttamente alla tragedia delle Idi di marzo e poi… una grossa sorpresa (“La più grande tragedia teatrale che attori e pantomimi avessero mai interpretato sui palchi di Roma”) attende il lettore e, con lui, il repubblicano Cicerone, fiero avversario della dittatura. Perché Cesare è più vivo che mai (“Il giorno delle Idi di marzo… spartiacque per la sua nuova vita”) e, tanto abile nelle arti marziali (“Vuoi usare i remi come pertiche a cui legare le lame!”) quanto desideroso di abbandonare gli intrighi di potere di Roma per assecondare la sua natura avventurosa e conquistatrice, ha architettato la messinscena della morte per dedicarsi anima e corpo al più ambizioso degli obiettivi: la conquista dell’immortalità, da carpire agli dei…

A capo di una flotta e di un manipolo di fedelissimi – tra i quali vi sono Bruto, Crasso e il gladiatore Spartaco – con Cicerone nelle insolite vesti di “Tribunus laticlavius”, Cesare intraprende un itinerario irto di pericoli, avvalendosi delle mappe di Pitea e di Imilcone (bellissime, foderano la cover del romanzo), fino alle misteriose isole dei celti, dei ghiacci eterni, in quella parte di emisfero ove vige la luce o il suo contrario, il buio perenne. E per giungere nel luogo estremo, è necessario sfidare avversari terrestri, marini, mitologici e alati.

Con sapienza narrativa e con accorgimenti astuti che consentono di superare distanze geografiche altrimenti incolmabili in epoca romana (“Le visioni indotte dalla polvere nera sono un viaggio nel mondo degli spiriti, e non è possibile governare la propria mente, quando ci si ritrova sospesi sull’abisso”) Franco Forte rende possibile una vicenda che, traendo potenza e impulso dalla fantasia, si combina ai presupposti storici in modo versatile e divertente. Perché storia e fantasia spesso esigono di essere provocate…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Franco

Forte

Libri dallo stesso autore

Intervista a Forte Franco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Che cosa può spingere un vecchio fantasma aristocratico sull'orlo della depressione? Il povero Sir Simon di Canterville, che in preda a uno scatto d'ira uccise la moglie, è condannato a un eterno vagare per il castello, con l'unica gioia rimastagli di far scappare dalla paura ogni nuovo inquilino. Ma non ci sono catene scricchiolanti e ululati sinistri che tengano, quando ad abitare il castello arrivano il ministro americano Hiram B. Otis e famiglia. Contro il loro scetticismo, le burle dei gemelli e il pragmatismo della signora Otis che lava le pozze di sangue con lo smacchiatore, il povero fantasma finisce nel ridicolo, fino a desiderare di morire di nuovo.

Il fantasma di Canterville

Wilde Oscar

L’altare dei morti

James Henry

L’infinito tra parentesi

Malvaldi Marco

Un romanzo rivolto, soprattutto, ai ragazzi e ai giovani adulti. E’ la storia di quattro studenti, Fil, Miluna, Cecio e Pauline che frequentano il liceo artistico di Bologna, la Squola: detta così per la scritta che campeggia sul muro esterno dell’edificio dove qualcuno ha volutamente sbagliato a scrivere il termine. L’istituto liceale è la cornice narrativa dentro cui nascono le storie inventate da Marilù Oliva, scrittrice di riferimento in Italia per la narrativa noir e fantastica al femminile. Le vicende dei quattro protagonisti sono una perfetta rappresentazione della vita dei giovani alle porte dei vent’anni, tra eccessi, passioni, conflitti sociali e famigliari, sesso. La difficoltà di diventare grandi, la diversità sociale tipica degli studenti, è il tema vincente che l’autrice mette in gioco. La trama si sviluppa su cinque piani narrativi: le quattro voci dei ragazzi più quella della scuola. Fil è un ragazzo belloccio, subordinato al bullo della scuola, Sauro, con il quale trafuga le preziose tavole di fumetti, giunte dall’America, per esporle in una mostra nel liceo. La bravata, che finirà male, renderà Fil un ragazzo più consapevole grazie anche all’amore per la più bella della scuola: Miluna. La ragazza ha una situazione famigliare difficile, senza padre e con una madre allo sbando al punto da acconsentire che la figlia si prostituisca. Miluna, infatti, conduce una squallida doppia vita, alterna weekend con clienti di lusso ai sogni strampalati e romantici di una adolescente. Gli altri due protagonisti, e voci narranti sono Cecio e Pauline. Cecio fa il primo anno, è un ragazzino minuto, insicuro, pieno di debolezza ma anche di tenerezze. Pauline, invece, è la classica ragazza geniale ma svogliata, arrabbiata con il mondo e sempre in lotta con genitori e professori. Quando si rende conto di essersi innamorata di Fil lo seduce…

La squola – di storie ce ne sono tante

Oliva Marilù