Romanzo storico

Cesare l’immortale (Book City Milano 2016)

Forte Franco

Descrizione: In questo romanzo Franco Forte mette in evidenza tutte le ombre e le contraddizioni della più famosa congiura della storia, arrivando a costruire in modo credibile e coerente con i lasciti storici una teoria tanto affascinante quanto sorprendente: e se Giulio Cesare non fosse affatto morto alle Idi di Marzo? Come potrebbero essere andate le cose? Un nuovo modo di reinventare la storia appoggiandosi a ciò che la stessa storia ci dice...

Categoria: Romanzo storico

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2016

ISBN: 9788804661672

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Evento Book City Milano:
Domenica 20 novembre 2016 dalle ore 15:30 alle ore 17:30
Civico Museo Archeologico – Via Nirone 7 – Milano
E se il grande Giulio Cesare non fosse morto?
Con Franco Forte e Alan D. Altieri

Pagina Facebook dell’evento: https://www.facebook.com/events/198921280552487/

_________________________________

Franco Forte adotta una scelta ucronica per far rivivere “Cesare l’immortale”. L’idea nasce e trae spunto da una domanda: possibile che un condottiero accorto e intelligente come Gaio, dopo aver soggiogato il mondo allora conosciuto, abbia potuto ignorare le avvisaglie di un attentato così ampiamente preannunciato (nelle informazioni, negli avvertimenti, perfino nei sogni premonitori della moglie Capurnia)?

Dopo due antefatti, uno sulla via Appia, l’altro in Mesopotamia, dai tempi del triunvirato (“Cassio sapeva che i rapporti tra i tre erano ai ferri corti”) si passa direttamente alla tragedia delle Idi di marzo e poi… una grossa sorpresa (“La più grande tragedia teatrale che attori e pantomimi avessero mai interpretato sui palchi di Roma”) attende il lettore e, con lui, il repubblicano Cicerone, fiero avversario della dittatura. Perché Cesare è più vivo che mai (“Il giorno delle Idi di marzo… spartiacque per la sua nuova vita”) e, tanto abile nelle arti marziali (“Vuoi usare i remi come pertiche a cui legare le lame!”) quanto desideroso di abbandonare gli intrighi di potere di Roma per assecondare la sua natura avventurosa e conquistatrice, ha architettato la messinscena della morte per dedicarsi anima e corpo al più ambizioso degli obiettivi: la conquista dell’immortalità, da carpire agli dei…

A capo di una flotta e di un manipolo di fedelissimi – tra i quali vi sono Bruto, Crasso e il gladiatore Spartaco – con Cicerone nelle insolite vesti di “Tribunus laticlavius”, Cesare intraprende un itinerario irto di pericoli, avvalendosi delle mappe di Pitea e di Imilcone (bellissime, foderano la cover del romanzo), fino alle misteriose isole dei celti, dei ghiacci eterni, in quella parte di emisfero ove vige la luce o il suo contrario, il buio perenne. E per giungere nel luogo estremo, è necessario sfidare avversari terrestri, marini, mitologici e alati.

Con sapienza narrativa e con accorgimenti astuti che consentono di superare distanze geografiche altrimenti incolmabili in epoca romana (“Le visioni indotte dalla polvere nera sono un viaggio nel mondo degli spiriti, e non è possibile governare la propria mente, quando ci si ritrova sospesi sull’abisso”) Franco Forte rende possibile una vicenda che, traendo potenza e impulso dalla fantasia, si combina ai presupposti storici in modo versatile e divertente. Perché storia e fantasia spesso esigono di essere provocate…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Franco

Forte

Libri dallo stesso autore

Intervista a Forte Franco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Chi ha letto "La donna di Gilles" sa che non c'è un'altra scrittrice capace come Madeleine Bourdouxhe di raccontare gli sbigottimenti e le lusinghe dell'amore: senza sbavature né svenevolezze, ma con un'intensità e un'evidenza che hanno qualcosa di lancinante. In questo secondo romanzo della Bourdouxhe (che Jonathan Coe ha definito «una delle più belle scoperte letterarie degli ultimi anni») non siamo più nella grigia e fuligginosa periferia di Liegi, bensì nella "douceur de vivre" della Parigi della fine degli anni Trenta; e se Elisa, la struggente protagonista della Donna di Gilles, viveva nell'attesa, nel dono di sé, nella devozione assoluta per un marito di cui tutto sapeva accogliere e perdonare, Marie (che pure ama profondamente il suo, di marito) scopre la violenza della passione quando, su una spiaggia della Costa Azzurra, incrocia lo sguardo di un ragazzo di vent'anni dalle spalle sottili, i fianchi stretti e le lunghe gambe abbronzate. Un pomeriggio si incontrano, come per caso, su un sentiero che costeggia il mare e, su un pezzetto di carta che lei non getterà, lui scrive un numero di telefono. Che Marie chiamerà, tornata a Parigi, dalla cabina telefonica di un caffè. In una breve Nota all'edizione Gallimard della Donna di Gilles, Madeleine Bourdouxhe aveva scritto: «L'annientamento nell'amore: un po' la storia di tutte le donne», ma qui la prospettiva è cambiata, e il suo sguardo segue con vibrante complicità il percorso di una donna che affronta, con un'audacia che quasi la stupisce, «l'intransigenza del desiderio»...

Marie aspetta Marie

Bourdouxhe Madeleine

Ascolta solo la mia voce e nient’altro. Presto inizierò il conto alla rovescia… Entrerai in casa. La vedrai. E non avrai paura. Si chiama Erik Maria Bark ed è l’ipnotista più famoso di Svezia. È a lui che si rivolge la polizia quando un testimone è sotto shock e non parla. Adesso c’è un paziente che ha bisogno di lui: Björn è l’unico a sapere cos’è successo veramente in casa sua, cosa è accaduto a sua moglie, Susanna, e quali siano le tracce che lui stesso ha inavvertitamente cancellato. Sa tutto, ma non riesce a ricordare. E Björn deve ricordare, in fretta. Perché Susanna è solo l’ultima vittima di un killer che sta terrorizzando Stoccolma e che presto colpirà di nuovo. Il killer osserva, assedia. Filma tutto e invia il video alla polizia, come per sfidare le forze dell’ordine. Poi entra in casa, insegue le vittime stanza dopo stanza, e uccide. Perché è la morte in persona, e ha la certezza di essere inafferrabile. Erik Maria Bark è l’unica persona in grado di scovare, nella mente di Björn, degli indizi che permettano di fermare la strage. Quello che Erik non sa è che durante l’ipnosi emergeranno dei dettagli che lo riguardano. Dettagli del suo passato. Dettagli incriminanti. Quello che Erik non sa è che l’unica persona che si fidava di lui, l’unico poliziotto capace di raccogliere la sfida del killer, non può più aiutarlo. Il poliziotto si chiama Joona Linna ed è scomparso nel nulla da un anno. È stato dichiarato morto dalle autorità. E l’ipnotista deve affrontare da solo l’orrore che si annida nella sua stessa mente.

Nella mente dell’ipnotista

Kepler Lars

Venezia, maggio 1313. Mentre fervono i preparativi per la festa della Sensa, che culminerà con lo Sposalizio del Mare, l'acqua alta trascina in piazza San Marco i cadaveri di tre bambini crocifissi. Un anziano ebreo ingiustamente accusato dell'omicidio si toglie la vita in carcere, lasciando sul muro della cella una frase latina che non svela nulla. Ma allora perché si è dato la pena di scriverla con il sangue? La macabra scoperta sembra in qualche modo collegata al Sefer-ha-Razim, il Libro dei Misteri, dettato secondo la leggenda dall'angelo Raziel a Noè che lo trascrisse su una tavoletta di zaffiro. Questo è il mistero che Mondino de' Liuzzi, medico anatomista dello Studium di Bologna, è chiamato a risolvere a Venezia. Ma subito Mondino si scontra con il nobile che ha ordinato l'arresto dell'ebreo, con la donna che ama, con quella che ha amato e forse ama ancora e persino con il suo amico Gerardo. Il giovane, che un tempo aveva fatto parte dell'ordine dei Templari, si rifiuta di aiutarlo, perché anche lui ha una missione da compiere: mettere in salvo la mappa per raggiungere le misteriose Terre Australi al di là dell'oceano, di cui qualcuno ha trovato traccia nel Liber Floridus di Lamberto di Saint-Omer. Ha inizio così una vicenda d'intrigo e di morte, in cui Mondino sfidando il potere di Venezia, e a rischio della sua stessa vita, dovrà sciogliere l'enigma di una stirpe di custodi che risale ai tempi del diluvio, in un'implacabile corsa contro il tempo.

Il libro dell’angelo

Colitto Alfredo

Per il bene dell'intero universo, il professor Martin deve essere eliminato. E con lui chiunque sia al corrente delle sue scoperte. Ma a causa di un contrattempo, l'alieno mandato sulla Terra si materializza ai bordi di un'autostrada, in una sera fredda e umida, completamente nudo, nonché privo delle più basilari nozioni della vita sociale. Inizia cosi una divertente commedia degli errori, in cui il finto professor Martin impara a vivere da terrestre. E ben presto, contro le previsioni aliene, la forzata vicinanza con la specie umana, soprattutto con i due esemplari (moglie e figlio) che compongono la famiglia del professore, lo costringe a rivedere il suo giudizio, passando dal più completo disgusto a un'inconfessabile simpatia. Certo, i terrestri sono tutt'altro che perfetti, eppure hanno inventato la poesia, la musica e persino il burro di arachidi...

Gli umani

Haig Matt