Romanzo storico

Cesare l’immortale (Book City Milano 2016)

Forte Franco

Descrizione: In questo romanzo Franco Forte mette in evidenza tutte le ombre e le contraddizioni della più famosa congiura della storia, arrivando a costruire in modo credibile e coerente con i lasciti storici una teoria tanto affascinante quanto sorprendente: e se Giulio Cesare non fosse affatto morto alle Idi di Marzo? Come potrebbero essere andate le cose? Un nuovo modo di reinventare la storia appoggiandosi a ciò che la stessa storia ci dice...

Categoria: Romanzo storico

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2016

ISBN: 9788804661672

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Evento Book City Milano:
Domenica 20 novembre 2016 dalle ore 15:30 alle ore 17:30
Civico Museo Archeologico – Via Nirone 7 – Milano
E se il grande Giulio Cesare non fosse morto?
Con Franco Forte e Alan D. Altieri

Pagina Facebook dell’evento: https://www.facebook.com/events/198921280552487/

_________________________________

Franco Forte adotta una scelta ucronica per far rivivere “Cesare l’immortale”. L’idea nasce e trae spunto da una domanda: possibile che un condottiero accorto e intelligente come Gaio, dopo aver soggiogato il mondo allora conosciuto, abbia potuto ignorare le avvisaglie di un attentato così ampiamente preannunciato (nelle informazioni, negli avvertimenti, perfino nei sogni premonitori della moglie Capurnia)?

Dopo due antefatti, uno sulla via Appia, l’altro in Mesopotamia, dai tempi del triunvirato (“Cassio sapeva che i rapporti tra i tre erano ai ferri corti”) si passa direttamente alla tragedia delle Idi di marzo e poi… una grossa sorpresa (“La più grande tragedia teatrale che attori e pantomimi avessero mai interpretato sui palchi di Roma”) attende il lettore e, con lui, il repubblicano Cicerone, fiero avversario della dittatura. Perché Cesare è più vivo che mai (“Il giorno delle Idi di marzo… spartiacque per la sua nuova vita”) e, tanto abile nelle arti marziali (“Vuoi usare i remi come pertiche a cui legare le lame!”) quanto desideroso di abbandonare gli intrighi di potere di Roma per assecondare la sua natura avventurosa e conquistatrice, ha architettato la messinscena della morte per dedicarsi anima e corpo al più ambizioso degli obiettivi: la conquista dell’immortalità, da carpire agli dei…

A capo di una flotta e di un manipolo di fedelissimi – tra i quali vi sono Bruto, Crasso e il gladiatore Spartaco – con Cicerone nelle insolite vesti di “Tribunus laticlavius”, Cesare intraprende un itinerario irto di pericoli, avvalendosi delle mappe di Pitea e di Imilcone (bellissime, foderano la cover del romanzo), fino alle misteriose isole dei celti, dei ghiacci eterni, in quella parte di emisfero ove vige la luce o il suo contrario, il buio perenne. E per giungere nel luogo estremo, è necessario sfidare avversari terrestri, marini, mitologici e alati.

Con sapienza narrativa e con accorgimenti astuti che consentono di superare distanze geografiche altrimenti incolmabili in epoca romana (“Le visioni indotte dalla polvere nera sono un viaggio nel mondo degli spiriti, e non è possibile governare la propria mente, quando ci si ritrova sospesi sull’abisso”) Franco Forte rende possibile una vicenda che, traendo potenza e impulso dalla fantasia, si combina ai presupposti storici in modo versatile e divertente. Perché storia e fantasia spesso esigono di essere provocate…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Franco

Forte

Libri dallo stesso autore

Intervista a Forte Franco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Primo Levi, reduce da Auschwitz, pubblicò "Se questo è un uomo" nel 1947. Einaudi lo accolse nel 1958 nei "Saggi" e da allora viene continuamente ristampato ed è stato tradotto in tutto il mondo. Testimonianza sconvolgente sull'inferno dei Lager, libro della dignità e dell'abiezione dell'uomo di fronte allo sterminio di massa, "Se questo è un uomo" è un capolavoro letterario di una misura, di una compostezza già classiche. È un'analisi fondamentale della composizione e della storia del Lager, ovvero dell'umiliazione, dell'offesa, della degradazione dell'uomo, prima ancora della sua soppressione nello sterminio.

Se questo è un uomo

Levi Primo

È estate, fa caldo, i turisti sono arrivati e, al commissariato di Perpignan nel sud della Francia, Sebag e Molina, poliziotti disillusi divorati dalla routine, si occupano dei casi in corso senza grande entusiasmo. Ma all'improvviso una giovane olandese viene brutalmente ammazzata su una spiaggia ad Argelès e un'altra sparisce a Perpignan senza lasciar traccia. Ritrovatosi suo malgrado al centro di un gioco diabolico, l’ispettore Sebag, alla mercé di uno psicopatico, metterà da parte preoccupazioni, problemi di cuore e interrogativi esistenziali per salvare ciò che ancora può essere salvato, in special modo la vita della ragazza che sembra essere stata sequestrata da un serial killer. Dovrà dissipare la cortina di fumo formata dai falsi indizi disseminati dal rapitore che lo ha invischiato in un sottile e inquietante gioco del gatto col topo. Con stile serrato e asciutto Philippe Georget riesce a delineare i contorni di una storia appassionante per i meccanismi psicologici che vi sono in gioco e di un personaggio umanissimo (molto bella la sua storia d’amore con la moglie), lontano dal cliché del poliziotto pronto a sacrificare tutto per il proprio lavoro, sullo sfondo della regione del Roussillon, gioiello naturalistico della Francia del sud.

D’ESTATE I GATTI SI ANNOIANO

Georget Philippe

1 – Introduzione alla sezione giallo – thriller – noir

"Quelli che leggono i miei romanzi potrebbero chiedersi come può una donna, che nella sua vita non è mai stata nemmeno corteggiata e che non ha mai provato la meravigliosa sintonia di anima e corpo che unisce due persone, pretendere di scrivere sull'amore. La mia risposta è che una mente astuta e un occhio attento, uniti a una fervida immaginazione, possono creare qualsiasi tipo di illusione letteraria. La verità è che ho conosciuto un uomo che mi ha fatto provare realmente le profonde emozioni che descrivevo nei miei libri, che ha risvegliato la mia anima, da lungo tempo ormai sopita. Di quest'uomo non ho mai potuto parlare, ho dovuto relegare il mio amore per lui in un angolo nascosto del mio cuore e bandirlo per sempre. Io, però, non l'ho dimenticato." E se la vita di Jane Austen non fosse stata esattamente come ce l'hanno raccontata? Se dietro ai personaggi indimenticabili di Mr. Darcy, Willoughby ed Edward Ferrars si nascondesse un uomo reale? C'è un solo scritto che riporta questa storia mai dimenticata, per Jane fu il più intimo, il più vero: il suo diario.

IL DIARIO PERDUTO DI JANE AUSTEN

James Syrie