Narrativa

El sicario

Bowden Charles

Descrizione: È stato addestrato dall'FBI negli Stati Uniti, è un esperto in rapimenti e torture, ha ucciso centinaia di persone e per vent'anni ha mantenuto la carica di comandante della polizia dello stato del Chihuahua, lavorando allo stesso tempo al soldo di un cartello messicano della droga. Nel suo mondo di corruzione, mantenere l'ordine significava operare contemporaneamente nell'interesse di entrambi, della polizia e dei narcotrafficanti: quando dirigeva la squadra speciale anti sequestro a Juàrez organizzava rapimenti nella stessa città; quando uccideva sotto ricompensa testava i fucili di precisione che facevano parte dell'equipaggiamento dei federali. Non era un fuorilegge. Non era un ribelle. Era lo Stato. Sembra una storia inventata, la paradossale sceneggiatura di un film d'azione, ma quello che Charles Bowden e Molly Molloy hanno trascritto in questo libro è la nuda verità, le parole ascoltate direttamente dalla bocca di un assassino. Frutto di giorni di colloqui proseguiti per un intero anno, El Sicario è il ritratto di una persona reale, un killer professionista che dopo aver commesso un'impressionante sequela di violenze ed essersi macchiato di terribili atrocità, ha deciso di smettere, uscendone vivo. Ora trascorre un' esistenza da fuggitivo perché sulla sua testa pende una taglia da 250.000 dollari.

Categoria: Narrativa

Editore: Giano

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788862511001

Recensito da Eleonora Tirelli

Le Vostre recensioni

Per un anno intero Charles Bowden, giornalista e autore di vari saggi e romanzi, e Molly Molloy, bibliotecaria della New Mexico State University di Las Cruces, hanno ascoltato il racconto di un uomo. Da quelle parole è nato prima un servizio per una rivista, quindi un film-documentario (“El Sicario – Room 164”) per la regia di Gianfranco Rosi e infine questo volume, El sicario – Autobiografia di un killer. El sicario è il necessario pseudonimo di colui che racconta, un uomo messicano sulla cui testa pende una taglia di 250000 dollari. Ha trasportato droga per i narcotrafficanti, sequestrato, interrogato, torturato e ucciso persone. Poi l’incontro con Dio e la decisione di chiudere per sempre con il mondo della droga e dei narcos, la fuga dal Messico, la necessità di non lasciare traccia… perché chi prima lo assoldava per uccidere, ora vuole vederlo morto. A raccontarci tutto questo, con un tono sorprendentemente asciutto e lucido, è il killer stesso. Il libro di Bowden e Molloy, infatti, altro non è che la trascrizione delle parole del sicario, dunque una narrazione fatta prevalentemente in prima persona (con l’eccezione delle due introduzioni e delle note). Quello che sconcerta chi legge, al di là della questione morale che ognuno risolverà tra sé e sé, è che attraverso la voce del sicario il lettore scopre (o trova conferma del fatto) che la «vera America Latina […] non è il luogo del realismo magico, ma il luogo del realismo criminale» (p. 14). I soldi sono l’unica legge che conta: chi li ha, ha in pugno le autorità, gli organi di polizia e la stampa. L’estrema povertà in cui vivono molte persone del Messico, assicura al Padrone-Capo-Señor l’assoluta padronanza di uno stuolo di individui che, desgraciadamente, in cambio di denaro, donne, macchine e droga (tutte cose che si possono perdere da un momento all’altro in caso di esitazioni o passi falsi) sono pronti a tutto. Un libro come El sicario – Autobiografia di un killer, allora, pone anche un’altra questione importante, sulla quale occorrerebbe riflettere: quanto ci condizione il nascere in determinate parti del mondo? Vivere in condizioni di estrema povertà quanto lede la libertà di scelta dell’individuo? È ancora accettabile questa disparità di situazioni?

Un libro duro, crudo, che da storia individuale diventa denuncia-racconto del malgoverno di un intero Paese, per il quale non si intravedono, al momento, grandi possibilità di cambiamento. Un testo che, senza velleità letterarie, informa e fa riflettere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charles

Bowden

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bowden Charles


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un caffè di Lahore, nel vecchio mercato di Anarkali, un giovane pakistano, Changez, racconta la propria storia a un cittadino americano incontrato apparentemente per caso. È la storia della sua ascesa come brillante analista finanziario a New York, del suo amore tragico per una bella e fragile fanciulla, e della sua caduta in disgrazia nei mesi successivi all'Undici settembre. Cos'è successo all'America? Cos'è successo a Changez? La sete di vendetta americana sembra averlo trasformato, controvoglia, in un pericoloso fondamentalista. E forse l'incontro nel caffè del vecchio mercato non è avvenuto per caso. "Una scrittura stupenda - che gioia imbattersi in una prosa tanto intelligente, in una simile chiarezza di pensiero e di esposizione - e una struttura impeccabile. L'autore sa avvitare le spire della suspense senza che il lettore se ne renda conto, dando vita a una storia di enorme tensione".

IL FONDAMENTALISTA RILUTTANTE

Hamid Mohsin

Le metamorfosi o l’asino d’oro

Apuleio

Chi pensa che solo le donne - o le donne meglio degli uomini - sappiano scrivere di relazioni e di sentimenti, si ricrederà leggendo questo libro: Kevin Canty è uno scrittore in grado di rappresentare il mondo emotivo maschile con straordinaria potenza ed eleganza, di rivelarne la delicatezza nascosta dietro l'apparente solidità. I protagonisti delle sue storie sono uomini sul punto di prendere una decisione difficile, o che ne stanno scontando le conseguenze: c'è chi passa un ultimo pomeriggio in compagnia del figlio della donna che lo sta lasciando; chi resiste a una seduttrice mentre aspetta un incontro con la ex moglie in un motel sommerso dalla neve; chi deve superare il trauma della morte della compagna cominciando una nuova storia d'amore; chi deve vendere immobili tenendo d'occhio un figlio di quattro anni che morde gli altri bambini. Canty costruisce le vicende dei suoi personaggi con la mano sicura del grande narratore «classico», illuminandole con una compassione profonda che però non concede nulla al sentimentalismo. A detta dei critici, il suo stile sobrio e tagliente ne fa il miglior erede di Raymond Carver sulla scena letteraria americana contemporanea.

DOVE SONO ANDATI A FINIRE I SOLDI

Canty Kevin

Alla vigilia della morte, stendendo l’elenco delle sue opere sul retro del quaderno di “Suite francese”, accanto al “Vino della solitudine” l’autrice scriveva: «Di Irène Némirovsky per Irène Némirovsky». Non sarà difficile, in effetti, riconoscere nella piccola Hélène – che all’inizio del romanzo siede a tavola dritta e composta per evitare gli aspri rimproveri della madre – la stessa Irène; e nella bella donna dall’aria annoiata – che a cena sfoglia le riviste di moda appena arrivate da Parigi in quella lontana provincia dell’Impero russo, che si occupa di sé e del giovane amante ignorando la figlia – quella Fanny Némirovsky, che ha fatto dell’infanzia di Irène un deserto senza amore. Hélène detesta la madre con tutte le sue forze («doveva baciare quel volto odioso ... posare la sua bocca su quella guancia che avrebbe voluto lacerare con le unghie»), al punto da sostituirne il nome, nelle preghiere serali, con quello dell’amata istitutrice («con una vaga speranza omicida»). Verrà un giorno, però, in cui la madre sarà vecchia, ed Hélène avrà diciott’anni: accadrà a Parigi, dove la famiglia si è stabilita dopo la guerra (che ha consentito al padre di accumulare un’immensa ricchezza) e la rivoluzione d’Ottobre (in cui hanno rischiato di perdere ogni cosa) e la fuga attraverso le vaste pianure gelate della Finlandia, durante la quale l’adolescente ha avuto per la prima volta «la consapevolezza del suo potere di donna». Sembra giunto il momento della vendetta: «Aspetta e vedrai! Ti farò piangere come tu hai fatto piangere me!». Ma quando Hélène scoprirà in sé lo stesso demone che abita la madre – quello «della civetteria, della crudeltà, del piacere di giocare con l’amore di un uomo» –, si allontanerà, scegliendo una vita diversa: «Sono sola, ma la mia solitudine è amara e inebriante». Se è vero che da un’infanzia infelice non si guarisce mai, pochi hanno saputo raccontare quell’infelicità come Irène Némirovsky.

Il vino della solitudine

Némirovsky Irène