Narrativa

El sicario

Bowden Charles

Descrizione: È stato addestrato dall'FBI negli Stati Uniti, è un esperto in rapimenti e torture, ha ucciso centinaia di persone e per vent'anni ha mantenuto la carica di comandante della polizia dello stato del Chihuahua, lavorando allo stesso tempo al soldo di un cartello messicano della droga. Nel suo mondo di corruzione, mantenere l'ordine significava operare contemporaneamente nell'interesse di entrambi, della polizia e dei narcotrafficanti: quando dirigeva la squadra speciale anti sequestro a Juàrez organizzava rapimenti nella stessa città; quando uccideva sotto ricompensa testava i fucili di precisione che facevano parte dell'equipaggiamento dei federali. Non era un fuorilegge. Non era un ribelle. Era lo Stato. Sembra una storia inventata, la paradossale sceneggiatura di un film d'azione, ma quello che Charles Bowden e Molly Molloy hanno trascritto in questo libro è la nuda verità, le parole ascoltate direttamente dalla bocca di un assassino. Frutto di giorni di colloqui proseguiti per un intero anno, El Sicario è il ritratto di una persona reale, un killer professionista che dopo aver commesso un'impressionante sequela di violenze ed essersi macchiato di terribili atrocità, ha deciso di smettere, uscendone vivo. Ora trascorre un' esistenza da fuggitivo perché sulla sua testa pende una taglia da 250.000 dollari.

Categoria: Narrativa

Editore: Giano

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788862511001

Recensito da Eleonora Tirelli

Le Vostre recensioni

Per un anno intero Charles Bowden, giornalista e autore di vari saggi e romanzi, e Molly Molloy, bibliotecaria della New Mexico State University di Las Cruces, hanno ascoltato il racconto di un uomo. Da quelle parole è nato prima un servizio per una rivista, quindi un film-documentario (“El Sicario – Room 164”) per la regia di Gianfranco Rosi e infine questo volume, El sicario – Autobiografia di un killer. El sicario è il necessario pseudonimo di colui che racconta, un uomo messicano sulla cui testa pende una taglia di 250000 dollari. Ha trasportato droga per i narcotrafficanti, sequestrato, interrogato, torturato e ucciso persone. Poi l’incontro con Dio e la decisione di chiudere per sempre con il mondo della droga e dei narcos, la fuga dal Messico, la necessità di non lasciare traccia… perché chi prima lo assoldava per uccidere, ora vuole vederlo morto. A raccontarci tutto questo, con un tono sorprendentemente asciutto e lucido, è il killer stesso. Il libro di Bowden e Molloy, infatti, altro non è che la trascrizione delle parole del sicario, dunque una narrazione fatta prevalentemente in prima persona (con l’eccezione delle due introduzioni e delle note). Quello che sconcerta chi legge, al di là della questione morale che ognuno risolverà tra sé e sé, è che attraverso la voce del sicario il lettore scopre (o trova conferma del fatto) che la «vera America Latina […] non è il luogo del realismo magico, ma il luogo del realismo criminale» (p. 14). I soldi sono l’unica legge che conta: chi li ha, ha in pugno le autorità, gli organi di polizia e la stampa. L’estrema povertà in cui vivono molte persone del Messico, assicura al Padrone-Capo-Señor l’assoluta padronanza di uno stuolo di individui che, desgraciadamente, in cambio di denaro, donne, macchine e droga (tutte cose che si possono perdere da un momento all’altro in caso di esitazioni o passi falsi) sono pronti a tutto. Un libro come El sicario – Autobiografia di un killer, allora, pone anche un’altra questione importante, sulla quale occorrerebbe riflettere: quanto ci condizione il nascere in determinate parti del mondo? Vivere in condizioni di estrema povertà quanto lede la libertà di scelta dell’individuo? È ancora accettabile questa disparità di situazioni?

Un libro duro, crudo, che da storia individuale diventa denuncia-racconto del malgoverno di un intero Paese, per il quale non si intravedono, al momento, grandi possibilità di cambiamento. Un testo che, senza velleità letterarie, informa e fa riflettere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charles

Bowden

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bowden Charles


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Spagna, Costa Blanca. il sole è ancora molto caldo nonostante sia già settembre inoltrato. Per le strade non c'è nessuno, e l'aria è pervasa da un intenso profumo di limoni che arriva fino al mare. È qui che Sandra, trentenne in crisi, ha cercato rifugio: non ha un lavoro, è in rotta con i genitori, è incinta di un uomo che non è sicura di amare. È confusa e si sente sola, ed è alla disperata ricerca di una bussola per la sua vita. Fino al giorno in cui non incontra occhi comprensivi e gentili: si tratta di Fredrik e Karin Christensen, una coppia di amabili vecchietti. Sono come i nonni che non ha mai avuto. Momento dopo momento, le regalano una tenera amicizia, le presentano persone affascinanti, come Alberto, e la accolgo nella grande villa circondata da splendidi fiori. Un paradiso. Ma in realtà si tratta dell'inferno. Perché Fredrik e Karin sono criminali nazisti. Si sono distinti per la loro ferocia e ora, dietro il loro sguardo pacifico, covano il sogno di ricominciare. Lo sa bene Julian, scampato al campo di concentramento di Mauthausen, che da giorni segue i loro movimenti passo dopo passo. Sa bene che le loro mani sottili e rugose si sono macchiate del sangue degli innocenti. Ma ora, forse, può smascherarli e Sandra è l'unica in grado di aiutarlo. Non è facile convincerla della verità. Eppure, dopo un primo momento di incredulità, la donna comincia a guardarli con occhi diversi. A leggere dietro i loro silenzi, i sorrisi, le parole dette non dette, i regali. Adesso Sandra l'ha capito: lei e il suo piccolo rischiano molto. Ma non importa. Perché tutti devono sapere. Perché è impossibile restituire la vita alle vittime. Ma almeno fare in modo che tutto ciò che è successo non cada nell'oblio. E che il male non rimanga impunito.

Il profumo delle foglie di limone

Sanchez Clara

Roma 1903: la morte di una guardia svizzera e di una giovane cameriera scuote il Vaticano. Il papa Leone XIII decide che per risolvere il mistero è necessaria la consulenza di un giovane medico viennese esperto nell'indagare la mente: Sigmund Freud. Il suo compito sarà individuare l'individuo che sta dietro alla tragica morte dei giovani. Non per assicurarlo alla giustizia, però, perché uno scandalo metterebbe a repentaglio la missione della Chiesa. E in fondo, pensa il papa, il colpevole riceverà l'adeguata punizione nell'aldilà. Il risultato dell'indagine servirà a impedire che, alla morte ormai prossima di Leone, il soglio di Pietro venga occupato da un empio, da un assassino. E Freud potrà contare sull'assistenza della bellissima cameriera Maria e di un giovane seminarista dal cuore puro, un certo Giuseppe Angelo Roncalli...

La scelta di Sigmund

Martigli Carlo A.

Una raccolta che prende il via dai ricordi, dal vissuto recente e passato, dal mondo di oggi e da quello scomparso. Un Sepulveda al suo meglio, con 1a sua consueta e straordinaria capacità di convertire ogni riflessione, ogni denuncia in un racconto affascinante. Come nel brano che dà il titolo alla raccolta. Nel 1990 torna per la prima volta in Cile, dopo quattordici anni di esilio,con una fotografa, che otto anni prima ha catturato un'immagine in cui si vedono cinque bambini. Lo scopo del viaggio è ritrovare quei cinque bambini e fotografarli. Uno di loro, però, non c'è più... La sua storia è il pretesto per raccontare che cos'è successo al Cile, e com'è il paese dopo diciassette anni di dittatura...

RITRATTO DI GRUPPO CON ASSENZA

Sepùlveda Luis

Non ci pensa due volte la terribile, dispotica signora Pontreau a spingere giù dalla finestrella del granaio il genero immobilizzato da una crisi di epilessia. La morte di quel buono a nulla, di quella «marionetta» dalle gambe molli, le permetterà di annettersi la sua proprietà e soprattutto di riprendere il controllo sulle tre figlie. Ma c’è un’altra donna, altrettanto terribile, una vecchia domestica rancorosa, che ha dei sospetti e che potrebbe parlare, o ricattarla. Il prezzo da pagare perché tutto venga soffocato, perché una greve cappa di silenzio scenda sulle vittime e i colpevoli, e perché ogni cosa – il paese come la grande casa dalle finestre sprangate – ripiombi in una calma sinistra, sarà altissimo.

Il grande male

Simenon Georges