Giallo - thriller - noir

CHE MUSICA ASCOLTI

Vitagliano Giancarlo

Descrizione:

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Photocity.it

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788866820376

Trama

Le Vostre recensioni

Ercole Borghi è un uomo mite, amante della famiglia e della buona musica. Lavora da trent’anni come casellante e porta avanti il suo incarico con coscienziosa metodicità. Le sue giornate sono scandite dal ritmo lavorativo e da quello della musica che, dopo la moglie Rebecca e il figlio Michele, è per lui la passione più grande. Tutto scorre serenamente, senza scosse o intoppi fino al giorno in cui riceve una fredda, distaccata lettera dall’Azienda datrice di lavoro. Ettore può scegliere: il trasferimento in un luogo dimenticato da Dio o il prepensionamento.

È frastornato, si aggrappa all’amore di Rebecca e alle piccole certezze quotidiane che gli impediscono di perdere il controllo. Continua a recarsi al lavoro e attende i viaggiatori che ogni giorno attraversano il suo varco. Il giovane imbranato, lo screanzato, la bella signora elegante che ascolta Billie Holiday. Di ognuno di loro conosce gli orari e soprattutto le attitudini musicali e attraverso queste ultime, il loro animo. È questa, infatti, la prerogativa del buon Ettore. Gran conoscitore di musica, riesce a captare il carattere e le propensioni del prossimo attraverso i gusti musicali. Così, quando di punto in bianco la bella signora abbandona Billie Holiday per una dozzinale musica creata da un campionatore, lui ne resta sconvolto al punto da dimenticare anche la maledetta lettera e iniziare a studiare con attenzione lo strano mutamento.

Aiutato dall’arguzia della moglie e dall’inatteso sostegno del collega e amico Eduardo, Ettore si scoprirà novello investigatore e porterà alla luce un mistero che nessun altro avrebbe intuito.

Che musica ascolti è un romanzo garbato, ricco di buoni sentimenti e soprattutto piacevole. I personaggi, ben strutturati e profondamente umani, non faticano a radicarsi nell’immaginario del lettore, anche se la vera protagonista della storia è la musica. Se ne fosse tratto un film, questo godrebbe di una delle migliori colonne sonore di sempre.

Che musica ascolti è anche un thriller avvincente e originale che Giancarlo Vitagliano ci narra con semplicità e maestria calibrando azione, suspense, sentimenti e una pacata ironia che sostiene il ritmo del racconto. È una storia di vita e crimine che sorprende anche per la delicatezza con cui l’autore narra anche i momenti più difficili della storia.

Giancarlo Vitagliano, classe 1955, è medico cardiologo. Vive e lavora a Napoli, è appassionato di libri, fumetti, musica, cinema e moto e dichiara di inventare di continuo storie, che non sempre scrive. Ha pubblicato diversi racconti e, nel 2009, il romanzo Fantasmi dentro (Cicorivolta Edizioni).  Che musica ascolti è il suo secondo romanzo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giancarlo

Vitagliano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vitagliano Giancarlo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Susie, tredicenne, e stata assassinata da un serial killer che abita a due passi da casa. E' stata adescata da quest'uomo dall'aria perbene, che la stupra, poi fa a pezzi il cadavere e nasconde i resti in cantina. A raccontarci l'orrendo omicidio e la stessa Susie, di cui Alice Sebold riesce a ricostruire in modo sorprendente pensieri e fantasie.

AMABILI RESTI

Sebold Alice

"I giorni scanditi da pensieri ordinati, la messa a fuoco di un'esistenza che sembra crollare da un giorno all'altro, le ansie, gli istanti, le paure e le insicurezze. La pioggia, le cicale, i toraci in fiamme e Gian Maria Volontè che prega in 'Todo Modo'. Una lunga ed attenta riflessione sul significato dell'esistenza, sul dolore, sull'odio e sull'oblio. Un unico racconto, una granitica e tortuosa discesa nella quotidianità che, per emersione, illumina i dettagli della nostra esistenza facendoli danzare tra loro."

Appunti per un discorso sull’odio

Di Carlo Andrea Alessandro

Ampelio il nonno, Aldo l’intellettuale, il Rimediotti pensionato di destra, e il Del Tacca del Comune; sono i quattro vecchietti detective del BarLume. Attorno al nuovo biliardo sezionano gli ultimi fatti di Pineta, tra cui il terribile incidente della statale: è morto un ragazzino e sua madre è in coma profondo. Abituati a indagini e delitti i quattro si autoconvincono che non si sia trattato affatto di un incidente. Ritornano i quattro vecchietti detective del BarLume di Pineta, con il nipote Massimo il «barrista» e la brava banconista Tiziana. Dopo La briscola in cinque e Il gioco delle tre carte, con Il re dei giochi si può dire che ora siamo alla serie, sia per la caratterizzazione ben sagomata e viva di ciascun personaggio che lo rende familiare, sia per il brio naturale con cui, come un meccanismo ben avviato, funziona l’eccentrico amalgama che struttura le storie. Marco Malvaldi incardina senza sbalzi tre generi: la farsa comica della diatriba ininterrotta dei quattro amici pensionati al bar, stolidi, politicamente scorretti, malignamente affamati di pettegolezzi intorno alle abitudini dei loro compaesani; l’intreccio dell’investigazione deduttiva, da giallo logico alla, per dirne una, Miss Marple; e infine la commedia d’ambiente, che inscena più o meno intera una comunità: l’immaginario, ma realissimo, paesino di Pineta, sul litorale nei pressi di Pisa, in tutta la sua profonda toscanità, cioè l’umore popolaresco, iconoclasta, ridanciano, orgogliosamente localistico. Re dei giochi è il biliardo nuovo all’italiana giunto al BarLume. Ampelio il nonno, Aldo l’intellettuale, il Rimediotti pensionato di destra, e il Del Tacca del Comune (per distinguerlo da altri tre Del Tacca) vi si sono accampati e da lì sezionano con geometrica esattezza gli ultimi fatti di Pineta. Tra cui il terribile incidente della statale. È morto un ragazzino e sua madre è in coma profondo. Sono gli eredi di un ricchissimo costruttore. La madre è anche la segretaria di un uomo politico impegnato nella campagna elettorale. Non sembra un delitto. Manca il movente e pure l’occasione. «Anche quest’anno sembrava d’aver trovato un bell’omicidio per passare il tempo e loro vengono a rovinarti tutto». Ma la donna muore in ospedale, uccisa in modo maldestro. E sulle iperboliche ma sapienti maldicenze dei quattro ottuagenari cala, come una mente ordinatrice, l’intuizione logica del «barrista», investigatore per amor di pace.

IL RE DEI GIOCHI

Mavaldi Marco

La i-settimana dedicata a Pasolini