Giallo - thriller - noir

CHE MUSICA ASCOLTI

Vitagliano Giancarlo

Descrizione:

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Photocity.it

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788866820376

Trama

Le Vostre recensioni

Ercole Borghi è un uomo mite, amante della famiglia e della buona musica. Lavora da trent’anni come casellante e porta avanti il suo incarico con coscienziosa metodicità. Le sue giornate sono scandite dal ritmo lavorativo e da quello della musica che, dopo la moglie Rebecca e il figlio Michele, è per lui la passione più grande. Tutto scorre serenamente, senza scosse o intoppi fino al giorno in cui riceve una fredda, distaccata lettera dall’Azienda datrice di lavoro. Ettore può scegliere: il trasferimento in un luogo dimenticato da Dio o il prepensionamento.

È frastornato, si aggrappa all’amore di Rebecca e alle piccole certezze quotidiane che gli impediscono di perdere il controllo. Continua a recarsi al lavoro e attende i viaggiatori che ogni giorno attraversano il suo varco. Il giovane imbranato, lo screanzato, la bella signora elegante che ascolta Billie Holiday. Di ognuno di loro conosce gli orari e soprattutto le attitudini musicali e attraverso queste ultime, il loro animo. È questa, infatti, la prerogativa del buon Ettore. Gran conoscitore di musica, riesce a captare il carattere e le propensioni del prossimo attraverso i gusti musicali. Così, quando di punto in bianco la bella signora abbandona Billie Holiday per una dozzinale musica creata da un campionatore, lui ne resta sconvolto al punto da dimenticare anche la maledetta lettera e iniziare a studiare con attenzione lo strano mutamento.

Aiutato dall’arguzia della moglie e dall’inatteso sostegno del collega e amico Eduardo, Ettore si scoprirà novello investigatore e porterà alla luce un mistero che nessun altro avrebbe intuito.

Che musica ascolti è un romanzo garbato, ricco di buoni sentimenti e soprattutto piacevole. I personaggi, ben strutturati e profondamente umani, non faticano a radicarsi nell’immaginario del lettore, anche se la vera protagonista della storia è la musica. Se ne fosse tratto un film, questo godrebbe di una delle migliori colonne sonore di sempre.

Che musica ascolti è anche un thriller avvincente e originale che Giancarlo Vitagliano ci narra con semplicità e maestria calibrando azione, suspense, sentimenti e una pacata ironia che sostiene il ritmo del racconto. È una storia di vita e crimine che sorprende anche per la delicatezza con cui l’autore narra anche i momenti più difficili della storia.

Giancarlo Vitagliano, classe 1955, è medico cardiologo. Vive e lavora a Napoli, è appassionato di libri, fumetti, musica, cinema e moto e dichiara di inventare di continuo storie, che non sempre scrive. Ha pubblicato diversi racconti e, nel 2009, il romanzo Fantasmi dentro (Cicorivolta Edizioni).  Che musica ascolti è il suo secondo romanzo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giancarlo

Vitagliano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vitagliano Giancarlo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tom Smith e Jerry Wesson si incontrano davanti alle cascate del Niagara nel 1902. Nei loro nomi e nei loro cognomi c’è il destino di un’impresa da vivere. E l’impresa arriva insieme a Rachel, una giovanissima giornalista che vuole una storia memorabile, e che, quella storia, sa di poterla scrivere. Ha bisogno di una prodezza da raccontare, e prima di raccontarla è pronta a viverla. Per questo ci vogliono Smith e Wesson, la coppia più sgangherata di truffatori e di falliti che Rachel può legare al suo carro di immaginazione e di avventura. Ci vuole anche una botte, una botte per la birra, in cui entrare e poi farsi trascinare dalla corrente. Nessuno lo ha mai fatto. Nessuno è sceso giù dalle cascate del Niagara dentro una botte di birra. È il 21 giugno 1902. Nessuno potrà mai più dimenticare il nome di Rachel Green? E sarà veramente lei a raccontarla quella storia?

Smith & Wesson

Baricco Alessandro

"[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Il cappotto blu (prima parte)

Balzano Anna Maria

Dopo "Non chiamarmi zingaro", Petruzzelli prosegue il suo viaggio alla ricerca degli ultimi, coloro che sono ai margini, che non hanno potere né voce, e nemmeno rappresentanza, ma solo la vita, la vita nuda. Leggere le loro testimonianze procura un effetto di straniamento perché non siamo abituati a misurarci con una dimensione totalmente altra: non consumistica, assoluta, povera, esclusivamente valoriale. Il libro è il racconto del periplo di geografie umane che l’autore ha fatto attraversando l’Europa e il Mediterraneo, a cominciare da Mauthausen per andare poi in Marocco, Algeria, Israele, Palestina, e tornare in Italia, alla ricerca di un’umanità autentica. “Ho vissuto un’infanzia di umiliazioni, insulti e disprezzo, rubando, fumando kif, bevendo, frequentando prostitute, prostituendomi io stesso. A sette anni ero già adulto” racconta Mohamed Choukri, analfabeta fino all’età di vent’anni, oggi considerato uno dei maggiori scrittori del Marocco. “E’ tutto allo sfascio. Noi in alpeggio andiamo anche a fare pulizia, a tagliare le erbacce. Siamo noi e questo ragazzo che teniamo in vita quei posti. Siamo soli. Resistiamo, ma per quanto?” racconta Cristina, pastora sarda. E chi è Zeidan? Un muratore palestinese che sta costruendo il Muro, quello tra Israele e Palestina, che lo chiuderà al mondo, ma che in questo momento gli dà da vivere. Sul Muro c’è scritto: “To exist is to resist”. Petruzzelli ricompone il quadro di un’umanità ferita ma non senza speranza. Le vite degli ultimi ci aiutano a immaginare un altro futuro. Possibile.

Gli ultimi

Petruzzelli Pino

In un’epoca non troppo lontana ci si spostava dal Meridione al Nord in cerca di lavoro. E a lasciare case e famiglie non erano solo ragazzi e uomini pronti all’esperienza e alla vita, ma anche bambini, spesso di meno di dieci anni di età, che partivano da soli, senza genitori e fratelli. Questo romanzo è la storia di uno di loro, Ninetto detto Pelleossa, che da bambino abbandona la Sicilia e si reca a Milano. Come racconta lui stesso, “non è che un picciriddu piglia e parte in quattro e quattro otto. Prima mi hanno fatto venire a schifo tutte cose, ho collezionato litigate, digiuni, giornate di nervi, e solo dopo me ne sono andato via. Era la fine del ’59, avevo nove anni e uno a quell’età preferirebbe sempre il suo paese, anche se è un cesso di paese e niente affatto quello dei balocchi. Ma c’è un limite e quando la miseria ti sembra un cavallone che ti vuole ingoiare è meglio che fai la valigia e fuggi, punto e basta”. Ninetto a Milano scoprirà la vita, e se stesso, come può scoprire le cose un bambino che non capisce più se è “picciriddu” o adulto, e si trova lì nel mezzo, con gli occhi spalancati su un mondo nuovo e sorprendente e il cuore stretto dalla timidezza, dal timore, dall’emozione dell’ignoto.

L’ultimo arrivato

Balzano Marco