Giallo - thriller - noir

CHE MUSICA ASCOLTI

Vitagliano Giancarlo

Descrizione:

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Photocity.it

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788866820376

Trama

Le Vostre recensioni

Ercole Borghi è un uomo mite, amante della famiglia e della buona musica. Lavora da trent’anni come casellante e porta avanti il suo incarico con coscienziosa metodicità. Le sue giornate sono scandite dal ritmo lavorativo e da quello della musica che, dopo la moglie Rebecca e il figlio Michele, è per lui la passione più grande. Tutto scorre serenamente, senza scosse o intoppi fino al giorno in cui riceve una fredda, distaccata lettera dall’Azienda datrice di lavoro. Ettore può scegliere: il trasferimento in un luogo dimenticato da Dio o il prepensionamento.

È frastornato, si aggrappa all’amore di Rebecca e alle piccole certezze quotidiane che gli impediscono di perdere il controllo. Continua a recarsi al lavoro e attende i viaggiatori che ogni giorno attraversano il suo varco. Il giovane imbranato, lo screanzato, la bella signora elegante che ascolta Billie Holiday. Di ognuno di loro conosce gli orari e soprattutto le attitudini musicali e attraverso queste ultime, il loro animo. È questa, infatti, la prerogativa del buon Ettore. Gran conoscitore di musica, riesce a captare il carattere e le propensioni del prossimo attraverso i gusti musicali. Così, quando di punto in bianco la bella signora abbandona Billie Holiday per una dozzinale musica creata da un campionatore, lui ne resta sconvolto al punto da dimenticare anche la maledetta lettera e iniziare a studiare con attenzione lo strano mutamento.

Aiutato dall’arguzia della moglie e dall’inatteso sostegno del collega e amico Eduardo, Ettore si scoprirà novello investigatore e porterà alla luce un mistero che nessun altro avrebbe intuito.

Che musica ascolti è un romanzo garbato, ricco di buoni sentimenti e soprattutto piacevole. I personaggi, ben strutturati e profondamente umani, non faticano a radicarsi nell’immaginario del lettore, anche se la vera protagonista della storia è la musica. Se ne fosse tratto un film, questo godrebbe di una delle migliori colonne sonore di sempre.

Che musica ascolti è anche un thriller avvincente e originale che Giancarlo Vitagliano ci narra con semplicità e maestria calibrando azione, suspense, sentimenti e una pacata ironia che sostiene il ritmo del racconto. È una storia di vita e crimine che sorprende anche per la delicatezza con cui l’autore narra anche i momenti più difficili della storia.

Giancarlo Vitagliano, classe 1955, è medico cardiologo. Vive e lavora a Napoli, è appassionato di libri, fumetti, musica, cinema e moto e dichiara di inventare di continuo storie, che non sempre scrive. Ha pubblicato diversi racconti e, nel 2009, il romanzo Fantasmi dentro (Cicorivolta Edizioni).  Che musica ascolti è il suo secondo romanzo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giancarlo

Vitagliano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vitagliano Giancarlo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'"Antigone", la più antica delle sette tragedie sofoclee pervenutaci, riportò la vittoria negli agoni tragici del 442 a. C. e narra di Antigone che trasgredisce gli ordini del re Creonte in nome delle leggi divine e decide di seppellire il fratello Polinice. "Edipo re" è uno dei capolavori del teatro tragico di tutti i tempi; uno dei monumenti della poesia e del pensiero greco. Il re tebano che inconsciamente uccide il padre e sposa la madre, e che poi lentamente scopre i propri misfatti, non è solo il protagonista di un dramma scenico tecnicamente perfetto, ma altresì il simbolo dell'oscura, inconsapevole vicenda dell'uomo, creatura di enorme e nessun valore, di sublime e inetta capacità, alla fine sventurata. Ma quando poi "Edipo a Colono" riprende la storia e presenta il protagonista che, dopo essersi accecato, a distanza ormai di anni, approda con l'unico sostegno della figlia Antigone alla terra ospitale di Atene per morirvi, il delitto e la sventura hanno trovato nella sofferenza la catarsi. Gli orrori sono resi sublimi, l'esperienza eroica. La tensione si è allentata, l'equilibrio ristabilito, e la tragedia, ancora dolente ma piena di saggezza e di affetti, sfuma in una religiosità rasserenante.

Edipo re

Sofocle

La prima volta che Teresa li vede stanno facendo il bagno in piscina, nudi, di nascosto. Lei li spia dalla finestra. Le sembrano liberi e selvaggi. Sono tre intrusi, dice suo padre. O tre ragazzi e basta, proprio come lei. Bern. Tommaso. Nicola. E Teresa che li segue, li studia, li aspetta. Teresa che si innamora di Bern. In lui c'è un'inquietudine che lei non conosce, la nostalgia per un'idea assoluta in cui credere: la religione, la natura, un figlio. Sono uno strano gruppo di randagi, fratelli non di sangue, ciascuno con un padre manchevole, carichi di nostalgia per quello che non hanno mai avuto. Il corpo li guida e li stravolge: la passione, la fatica, le strade tortuose e semplici del desiderio. Il corpo è il veicolo fragile e forte della loro violenta aspirazione al cielo. E la campagna pugliese è il teatro di questa storia che attraversa vent'anni, quattro vite, un amore. Coltivare quella terra rossa, curare gli ulivi, sgusciare montagne di mandorle, un anno dopo l'altro, fino a quando Teresa rimarrà la sola a farlo. Perché il giro delle stagioni è un potente ciclo esistenziale, e la masseria il centro esatto del mondo.

Divorare il cielo

Giordano Paolo

Lavorare in un ospedale psichiatrico è difficile. Ogni giorno la dottoressa Ellen Roth si scontra con un’umanità reietta, con la sofferenza più indicibile, con il buio della mente. Tuttavia, a questo caso non era preparata: la stanza numero 7 è satura di terrore, la paziente rannicchiata ai suoi piedi è stata picchiata, seviziata. È chiusa in se stessa, mugola parole senza senso. Dice che l’Uomo Nero la sta cercando. La sua voce è raccapricciante, è la voce di una bambina in un corpo di donna: le sussurra che adesso prenderà anche lei, Ellen, perché nessuno può sfuggire all’Uomo Nero. E quando il giorno dopo la paziente scompare all’ospedale senza lasciare traccia, per Ellen incomincia l’incubo. Nessuno l’ha vista uscire, nessuno l’aveva vista entrare. Ellen la vuole rintracciare a tutti i costi ma viene coinvolta in un macabro gioco da cui non sa come uscire. Chi è quella donna? Cosa le è successo? E chi è veramente l’Uomo Nero? Ellen non può far altro che tentare di mettere insieme le tessere di un puzzle diabolico, mentre precipita in un abisso di violenza, paranoia e angoscia. Eppure sa che, alla fine, tutti i nodi verranno al pettine...

LA PSICHIATRA

Dorn Wulf

Grenoble, Francia. L'ispettore Eric Darrieux si ritrova immerso in un caso che da subito appare psicologicamente difficile. La scomparsa di un ragazzino, poi di un secondo, entrambi studenti dello stesso istituto. Il romanzo è ambientato nel quartiere di Eaux-Claires, quello nel quale Darrieux è cresciuto; quartiere da sempre luogo di immigrazione italiana che verrà battuto in ogni angolo, al quale verrà fatta una vera e propria autopsia, scavando nel profondo dei suoi abitanti, nelle loro storie che porteranno alla verità grazie a un lavoro di maieutica che lo stesso Eric compirà a sua insaputa su se stesso. Darrieux è uno sbirro che ama il proprio lavoro, mette anima e corpo nelle ricerche, lavora nell'ombra in aiuto dei colleghi e ha una storia privata complicata, diviso tra l'amore semplice per le proprie figlie e la moglie e quello carnale e forte verso la collega Catherine. Un ispettore attaccato al collo della bottiglia che alterna brevi attimi di coscienza e lucidità a fasi in cui l'alcol fa il suo corso, portandolo tra le nebbie delle scoperte e i fumi indefiniti del passato. Poi, una terza fuga. Eric dovrà camminare su strade scomode e segrete portando avanti un'indagine personale e lasciando all'oscuro alcuni colleghi fino a quando il caso gli verrà tolto, fino a quando scoprirà la verità accompagnandoci verso un finale stupefacente per logica fluidità e fredda coerenza. È a questo punto che Marin Ledun, autore del romanzo, presenta il tema della pedofilia con delicata incertezza, mostrandola dall'interno, dal lavoro deleterio e corrosivo che porta allo sfinimento delle persone. Un tema che si attacca alla memoria e lacera da dentro finché esplode nelle strade di un quartiere e le stanze buie del passato. “Quasi innocenti” è un thriller psicologico, una cronaca sociale, un giallo che mette in luce il rapporto tra aggressore e vittima con quel gioco crudele di deresponsabilizzazione del primo che impedisce al secondo di sentirsi libero per sempre.

QUASI INNOCENTI

Ledun Marin