Narrativa

Chi ama torna sempre indietro

Musso Guillaume

Descrizione: Elliott è un uomo di successo; sessantenne è un chirurgo di fama, vive a San Francisco e la sua vita privata ruota tutta attorno all'adorata figlia Angie. Un'unica ombra in questo quadro perfetto: Ilena, il suo grande amore, lo ha lasciato solo trentanni addietro, morendo in un tragico incidente. Un dolore immenso che nemmeno il tempo ha saputo lenire. Per una strana combinazione di eventi, un giorno gli viene data l'occasione di tornare indietro negli anni Sessanta, quando era un giovane medico ambizioso e idealista e perdutamente innamorato. Immerso in quel magico momento di felicità, Elliott si confronta con il passato vivendo momenti di rimpianto e di passione. Purtroppo una scelta dolorosa lo attende: ora sa che con un semplice gesto potrebbe salvare Ilena e modificare il corso di quel destino crudele, ma compierlo significherebbe rinunciare all'amatissima figlia...

Categoria: Narrativa

Editore: Sonzogno

Collana:

Anno: 2007

ISBN: 9788845413735

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

In “Chi ama torna sempre indietro”  la dimensione temporale della vita e l’impatto delle scelte prese di giorno in giorno ritornanocome temi particolarmente cari a Guillame Musso, romanziere francese, classe 1974 e noto ai più  fin da “L’uomo che credeva di non avere più tempo” (2005, Sonzogno Editore).

Elliot Cooper, 60 anni, primario nonché chirurgo del LenoxMedicalCenter, non si sarebbe mai aspettato di tornare dalla Cambogia con un dono straordinario. Alla fin fine non aveva fatto altro che svolgere il suo lavoro; lui che prima di tutto ha sempre mirato a instaurare un rapporto umano con i pazienti, come poteva non intervenire su quel labbro leporino, come poteva condannare un bimbo e arrendersi senza fare alcunché?Quattro ore dopo, a operazione conclusa, alla domanda del capotribù segue una semplice risposta: rivederla.

Stati Uniti.Elliot si gira tra le mani un flaconcino, che contiene semplici pillole. Decide di prenderne una, più per curiosità che per altro, più per alleviare il senso di sconfitta e di rammarico che da mesi lo attanaglia enon gli dà pace da quando ha scoperto la sua malattia…

Inaspettato il risveglio. È 1976: com’è possibile?Non può essere vero!Eppure quello che ha davanti è il sé stesso all’età di trent’anni. Cosa contengono quelle pastiglie? Sta sognando, non vi è altra spiegazione! Deve essere razionale, è un uomo di scienza medica, non può farsi influenzare così.Deve farle analizzare, le pillole, ma deve anche riprovarci perché se ci fosse anche solo un briciolo di realtà in quello che gli è accaduto, potrebbe farcela, potrebbe salvarla, potrebbe impedire l’impossibile, e non perdere l’amore che tanto lo ha distrutto, ferito, piegato; potrebbe riabbracciare Ilena, l’unica donna che lui abbia veramente amato. Ma cosa è accaduto negli anni?Perché l’uomo maturo, spinto da un nuovo moto di speranza, cerca in ogni modo di convincere il sé stesso del passato ad agire quasi come se ogni scelta fosse questione di vita o di morte?

In “Chi ama torna sempre indietro” Musso torna ad abbracciare, con una storia tra presente e passato, realtà e fantasia, il tema della reversibilità delle scelte nella consapevolezza che ogni decisione porta l’individuo a imboccare una strada invece di un’altra e a delineare, con tutte le peculiarità che ne derivano, il proprio sentiero di vita.

Il lettore, nelle vesti di Elliot, è posto dinanzi al più grande degli enigmi: se potessi tornare indietro, cambieresti quel che è stato? E se sì, saresti veramente disposto ad assumerti le conseguenze di quel che la tua scelta inevitabilmente comporterà?

IlCooper-lettore decide di provarci, ma per salvare Ilenia rischia di perdere l’altro grande affetto della sua vita, la figliaAngie, e al tempo stesso finisce con il sacrificare l’amicizia quarantennale con l’insostituibile Matt Delluca. Una decisione dunque che comporta conseguenze inimmaginabili, pregiudica altri rapporti,  recide inevitabilmente altri legami.

Una sfida audace, quella del francese, una prova capace di mettere in discussione ogni certezza, di obbligare chi legge a mettersi davanti a uno specchio e interrogarsi su quello che effettivamente farebbe se fosse al posto del protagonista, nella consapevolezza che una variante può cambiare la realtà  e far si che un amore viva ma senza di noi, nella certezza di averlo salvaguardato dalla morte e al tempo stesso perso per sempre.

Un romanzo forte, dove l’amore puro è il filo conduttore di ogni vicenda, dove l’esistenza scorre rapida e inesorabile come un battito di ciglia, e il peso delle scelte è un cuore che batte.

Buona lettura!

Maria Darida

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Guillaume

Musso

Libri dallo stesso autore

Intervista a Musso Guillaume


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Marianna appartiene a una nobile famiglia palermitana del Settecento. Il suo destino dovrebbe essere quello di una qualsiasi giovane nobildonna ma la sua condizione di sordomuta la rende diversa: "Il silenzio si era impadronito di lei come una malattia o forse una vocazione". Le si schiudono così saperi ignoti: Marianna impara l'alfabeto, legge e scrive perché questi sono gli unici strumenti di comunicazione col mondo. Sviluppa una sensibilità acuta che la spinge a riflettere sulla condizione umana, su quella femminile, sulle ingiustizie di cui i più deboli sono vittime e di cui lei stessa è stata vittima. Eppure Marianna compirà i gesti di ogni donna, gioirà e soffrirà, conoscerà la passione.

La lunga vita di Marianna Ucria

Maraini Dacia

Germania, ottobre 1938. Uno straniero passeggia tra i vicoli di una città di provincia. Sono da poco passate le nove di sera e la città è irrealmente deserta e silenziosa, si odono solo il fruscio di bandiere appese alle finestre, l’abbaiare di un cane che si confonde con l’eco di una voce di un uomo. Lo straniero siede ai piedi di un monumento, guarda il cielo, assapora la quiete e la serenità della notte. Non sa che la voce lontana è quella di Adolf Hitler che parla al suo popolo, non sa che da lì a poco tempo dalla Germania partirà l’offensiva che darà inizio alla Seconda guerra mondiale. In Germania, molti intellettuali e artisti sono fuoriusciti da anni, scegliendo o dovendo scegliere l’esilio come autodifesa. Una di loro vuole far capire che cosa sta succedendo, che cosa è già successo e soprattutto quello che ancora potrebbeessere fatto. Quando si spengono le luci, volume di racconti brevi scritti in presa diretta da Erika Mann in pochi mesi, è testimonianza e appello. L’autrice racconta di gente comune, non di eroi né di criminali al servizio del Terzo Reich: sono viaggiatori, medici, commercianti, contadini, professori universitari, operai, sacerdoti, giornalisti, madri di famiglia e marinai i protagonisti delle sue «storie vere». In un racconto, il professor Habermann conduce per mano i suoi allievi all’insubordinazione in pectore, durante una lezione, col solo ragionare correttamente di diritto in un’aula universitaria. In un altro, due giovani ragazzi innocenti, non certo avversi al regime, si suicidano per colpa della leggerezza incompetente di un medico nazista, in un contesto di ubbidienza cieca a cui loro per primi si sono volontariamente uniformati. Per i due giovani il processo post mortem si chiude con una vuota frase di circostanza e il rammarico che al Terzo Reich sia stata tolta «forza lavoro»: di certo un futuro fedele soldato e, con tutta probabilità, una buona fattrice di bambini. Nella postfazione «Un nuovo tipo di scrittrice», Agnese Grieco scende dietro le quinte dell’opera di Erika Mann, mettendo in luce la delicatezza illuminista e la misura perfetta con cui Quando sispengono le luci analizza la doppia natura faustiana dell’anima tedesca, per cercare di capire e affrontare il presente hitleriano e testimoniare, al tempo stesso, un’altra Germania.

Quando si spengono le luci

Mann Erika

Bordeaux, anni Cinquanta. Una città che ha ancora addosso le stimmate della Seconda guerra mondiale e in cui si aggira la figura spaventosa del commissario Darlac, uno sbirro corrotto che ha fatto i soldi durante l’Occupazione collaborando con i nazisti. Intanto già si profila un nuovo conflitto e i giovani vengono richiamati per partire per l’Algeria. Daniel sa che questa è la sorte che lo attende. Ha perduto i genitori nei campi di sterminio nazisti e, adottato da una coppia, lavora come apprendista meccanico. Un giorno uno sconosciuto si presenta in officina per riparare la moto. L’uomo non è a Bordeaux per caso. La sua presenza scatenerà un’onda d’urto mortale in città. Dopo la guerra è la storia di una vendetta e di molti segreti. I percorsi di due uomini misteriosamente uniti, guidati rispettivamente dall’odio e dall’amore, si sviluppano in una Bordeaux grigia, piovosa, sporca, apparentemente tranquilla, ma in realtà agitata da vecchi rancori e contrasti tra ex partigiani, ex collaborazionisti e malavita locale. A tutto fa da sfondo la tragica guerra d’Algeria. Celebrato come capolavoro del genere poliziesco, Dopo la guerra è in realtà un capolavoro in senso assoluto, in cui l’azione si alterna all’introspezione, il cinismo si scontra col rimorso e la brutalità opprime, ma non riesce a sconfiggere del tutto, l’amore. Premio Le Point del romanzo noir europeo nel 2014.

Dopo la guerra di Hervé Le Corre

Le Corre Hervé

Lezioni americane

Calvino Italo