Narrativa

CHI DI NOI DUE?

D'Amico Renata

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Absolutely Free

Collana: Penelope

Anno: 2011

ISBN:

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

I sogni possono essere pericolosi: se cerchi di soffocarli, se pretendi di dimenticarli, rischi di perdere te stesso…

Michele voleva scrivere la propria vita giorno per giorno, poi da vecchio l’avrebbe sfogliata: a pagina 28 avrebbe ritrovato il suo primo amore, a pagina 85 il suo primo viaggio e a pagina 124 il suo primo libro. Sì perché lui sapeva cosa avrebbe fatto: il poeta”. Ora invece è sdraiato in un letto, senza sapere né dove né perché, e non riesce a muoversi né ad aprire gli occhi.

Da bambino lo chiamavano “l’Incompleto”, Michele l’Incompleto, e lui così si era sempre sentito per via di quel dito che mancava al suo piede destro.

Dapprincipio Michele non ci fece molto caso, ma col tempo questo nomignolo, per definirlo in modo bonario, iniziò a fare la sua parte: ovunque andasse gli pareva sempre che gli mancasse qualcosa, frugava nelle tasche, sbirciava sotto i polsini, controllava dietro il bavero del cappotto e ogni volta cercava qualcosa che non riusciva a trovare, e questa assenza lo colmava di un senso di nostalgia che lo coglieva così, in modo inaspettato, e l’avrebbe accompagnato negli anni a venire”.

Sua madre Rosetta faceva la sarta e non levava mai il filo dell’imbastitura. Forse anche con quel figlio sfortunato aveva fatto le cose a metà, o forse era vera la storia dell’arcangelo che era sì riuscito a strappare Michele dalle grinfie di Lucifero, ma per la fretta con l’ala gli aveva reciso il piccolo dito.

Michele viveva in continua fuga: dal diavolo nei suoi incubi, dai compagni che lo deridevano di giorno e anche dai suoi stessi genitori, che un po’ si vergognavano della sua diversità e un po’ erano spaventati dalle sue “fantasie”.

“Il padre addirittura, un giorno gli aveva detto chiaramente di levarsi pure dalla testa quella strana idea, perché in casa sua di falliti non ne voleva: se vuoi fare il poeta, lo aveva minacciato, è meglio che prepari subito le valigie e te ne vai; in questa casa si lavora, non c’è posto per i fannulloni. Perché questa era l’idea che i suoi genitori avevano di poeti e artisti. Come ribattere che  i poeti sono la voce dello Spirito e sanno aprire le porte segrete dei cuori?”.

Solo il nonno, che lavorava come giardiniere a Villa Paradiso, riusciva a capire Michele: “Siamo cellule dell’universo, gli spiegava, ognuno con una propria qualità, unica e irripetibile, tutte insieme formiamo un disegno come fossimo tessere di un mosaico. Il compito che abbiamo, dunque, è trovare la nostra collocazione all’interno di questa rappresentazione”. E poi c’era Iris, per gli altri Iris la matta, per lui “… la fonte che colma di acqua il cuore asciutto (…)”.

Sdraiato a letto Michele prova ad afferrare i suoi ricordi, a rintracciare la lunga parte di vita che sembra essere scomparsa dalla sua mente, ma l’unica cosa che rammenta è che ha diciannove anni e deve assolutamente parlare con i suoi genitori del proprio futuro…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Renata

D'amico

Libri dallo stesso autore

Intervista a D'Amico Renata


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dario Villalta ha due grandi passioni nella vita: le vedove e i maestri del Rinascimento. Finito in una galleria d'arte milanese dov'è costretto a vendere opere contemporanee che disprezza incontrando inoltre grandi difficoltà nel reperire l'oggetto della sua stravagante passione amorosa, langue finché dal Sud arriva Vera Gallo, che è non solo una vedova devota, ma anche - parrebbe proprietaria di una inestimabile scultura di santo di Mantegna. Vera sembra dunque in grado di appagare al massimo grado entrambe le passioni del gallerista; ma non è tutto oro quel che luccica, e avremo modo di accertarcene nella girandola dì avvenimenti che si origina dalle ristrettezze in cui precipita la polputa vedova, ormai ridotta sul lastrico. Nel frattempo incontreremo una variopinta galleria di irresistibili personaggi, dal trance-psicanalista Aaron Kaminsky al padre di lui Shloime, mago e guaritore; dallo stravagante inventore Carmine Palomino alla languida pasticcerà Ritarosa Latella; dall'oligarca russo Viktor Aleksandrovic Dudorov all'esuberante Maria Sofia Madrasca, chef misconosciuta benché detentrice del segreto del pacchero estremo.

LA VEDOVA, IL SANTO E IL SEGRETO DEL PACCHERO ESTREMO

Cappelli Gaetano

Mentre sorseggia il cappuccino come ogni mattina, seduto in un bar nel centro di Firenze, Enrico Vallesi legge una notizia sul giornale: in un conflitto a fuoco con i carabinieri, è rimasto ucciso un rapinatore, da poco uscito di galera. Il nome della vittima riporta Enrico alla fine degli anni Settanta, al primo giorno di liceo, quando in una classe di quindicenni aveva fatto la sua comparsa Salvatore. più volte bocciato, turbolento, il compagno che gli aveva insegnato come difendersi dalla violenza della strada e superare a testa alta quel territorio straniero che è l'adolescenza. Ai ricordi di Enrico si alterna il racconto del suo ritorno nella città dalla quale era partito, quando non aveva ancora conosciuto gioie e delusioni del matrimonio e del suo mestiere di scrittore. Un ritorno a casa in cerca di risposte ai propri tormenti, per scoprire quello che tanti anni prima si era lasciato alle spalle, ma anche per capire cosa è diventata nel frattempo la sua vita.

Il bordo vertiginoso delle cose

Carofiglio Gianrico

IO NICHI MORETTI

Legni Franco

Settembre 2010. Tempo di vendemmia, ma a Bari fa ancora molto caldo e si continua ad andare al mare Lolita compie trentasette anni e finalmente scopre che il suo cuore è ancora capace di innamorarsi. A modo suo, si sa. Ma non è solo l'amore a far battere il cuore di Lolita: un bambino e il suo gattino sono scomparsi nel nulla e il dovere chiama. La bellissima madre del bambino. scura e carnosa come un chicco di uva nera, ha amici intimi molto particolari su cui indagare. Sullo sfondo della nuova inchiesta, una Bari sempre più bella e intrigante, qualcuno che gioca un brutto tiro a Lolita e una giostra di personaggi coloratissimi. Oltre alle immancabili. deliziose ricette della commissaria più scorretta – ma di gran cuore d’Italia.

UVA NOIR

Genisi Gabriella