Narrativa

CHI DI NOI DUE?

D'Amico Renata

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Absolutely Free

Collana: Penelope

Anno: 2011

ISBN:

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

I sogni possono essere pericolosi: se cerchi di soffocarli, se pretendi di dimenticarli, rischi di perdere te stesso…

Michele voleva scrivere la propria vita giorno per giorno, poi da vecchio l’avrebbe sfogliata: a pagina 28 avrebbe ritrovato il suo primo amore, a pagina 85 il suo primo viaggio e a pagina 124 il suo primo libro. Sì perché lui sapeva cosa avrebbe fatto: il poeta”. Ora invece è sdraiato in un letto, senza sapere né dove né perché, e non riesce a muoversi né ad aprire gli occhi.

Da bambino lo chiamavano “l’Incompleto”, Michele l’Incompleto, e lui così si era sempre sentito per via di quel dito che mancava al suo piede destro.

Dapprincipio Michele non ci fece molto caso, ma col tempo questo nomignolo, per definirlo in modo bonario, iniziò a fare la sua parte: ovunque andasse gli pareva sempre che gli mancasse qualcosa, frugava nelle tasche, sbirciava sotto i polsini, controllava dietro il bavero del cappotto e ogni volta cercava qualcosa che non riusciva a trovare, e questa assenza lo colmava di un senso di nostalgia che lo coglieva così, in modo inaspettato, e l’avrebbe accompagnato negli anni a venire”.

Sua madre Rosetta faceva la sarta e non levava mai il filo dell’imbastitura. Forse anche con quel figlio sfortunato aveva fatto le cose a metà, o forse era vera la storia dell’arcangelo che era sì riuscito a strappare Michele dalle grinfie di Lucifero, ma per la fretta con l’ala gli aveva reciso il piccolo dito.

Michele viveva in continua fuga: dal diavolo nei suoi incubi, dai compagni che lo deridevano di giorno e anche dai suoi stessi genitori, che un po’ si vergognavano della sua diversità e un po’ erano spaventati dalle sue “fantasie”.

“Il padre addirittura, un giorno gli aveva detto chiaramente di levarsi pure dalla testa quella strana idea, perché in casa sua di falliti non ne voleva: se vuoi fare il poeta, lo aveva minacciato, è meglio che prepari subito le valigie e te ne vai; in questa casa si lavora, non c’è posto per i fannulloni. Perché questa era l’idea che i suoi genitori avevano di poeti e artisti. Come ribattere che  i poeti sono la voce dello Spirito e sanno aprire le porte segrete dei cuori?”.

Solo il nonno, che lavorava come giardiniere a Villa Paradiso, riusciva a capire Michele: “Siamo cellule dell’universo, gli spiegava, ognuno con una propria qualità, unica e irripetibile, tutte insieme formiamo un disegno come fossimo tessere di un mosaico. Il compito che abbiamo, dunque, è trovare la nostra collocazione all’interno di questa rappresentazione”. E poi c’era Iris, per gli altri Iris la matta, per lui “… la fonte che colma di acqua il cuore asciutto (…)”.

Sdraiato a letto Michele prova ad afferrare i suoi ricordi, a rintracciare la lunga parte di vita che sembra essere scomparsa dalla sua mente, ma l’unica cosa che rammenta è che ha diciannove anni e deve assolutamente parlare con i suoi genitori del proprio futuro…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Renata

D'amico

Libri dallo stesso autore

Intervista a D'Amico Renata

Torte di mele, brownies al cioccolato, muffin e tisane profumate... È questo il regno di Estelle, l’intraprendente proprietaria del Café Crumb. Ma gestire una piccola pasticceria non è facile: come allargare il giro di affari, spingendo nuovi clienti a varcare la soglia del delizioso caffè dalle tovaglie bianche e rosse? Rattristata dalla chiusura della libreria accanto al suo locale, Estelle, fervida lettrice, ha un’idea: perché non provare a risollevare le sorti del Café con un book club, affiancando ai dolci qualche buona lettura? La partenza non è delle migliori. Gli iscritti al club, oltre a Estelle, sono solo quattro: Gracie, giovane bibliotecaria femminista e fissata con la moda vintage; Rebecca, un’insegnante trentenne sposata da poco più di un anno; la neopensionata Sue, ansiosa di fuggire da casa e da un marito in pantofole, e il timidissimo Reggie, presente solo per fare ricerche per la propria tesi. Un piccolo gruppo fin troppo eterogeneo, con gusti che non potrebbero essere più diversi tra loro. Il primo libro preso in esame non scatena alcun dibattito. Estelle decide allora di giocare il tutto per tutto aggiungendo un pizzico di pepe agli incontri. La lettura successiva verterà sul bestseller del momento: una piccante storia d’amore e sesso, condita da sculacciate e frustini. Il successo è sfrenato, tanto che il book club decide di focalizzarsi solo sulla letteratura erotica. Libro dopo libro, spaziando dai classici ai casi editoriali più recenti e peccaminosi, Gracie, Rebecca, Sue, Reggie ed Estelle lasceranno da parte inibizioni e paure, dando un salutare scossone alle loro vite. Perché, come direbbe Mae West, che senso ha resistere a una tentazione, se tanto poi ce n’è subito un’altra?

Il club delle cattive ragazze

Hart Sophie

Moby Dick, pubblicato nel 1851, è considerato il capolavoro di Melville e uno dei più noti libri della letteratura americana e mondiale. Vi narra in prima persona la sua avventura Ismaele, che si imbarca come marinaio assieme a un ramponiere indiano sulla baleniera Pequod. Il capitano della nave, Achab, un personaggio cupo che incute rispetto e timore nei suoi uomini, ha perso una gamba per colpa della balena bianca Moby Dick e ora vuole vendicarsene, a qualunque costo. Inizia così una lunga caccia. La snervante attesa dell'incontro con il cetaceo che sfugge al capitano offrirà al narratore l'occasione di meditazioni scientifiche, religiose, filosofiche e artistiche, all'interno della struttura del romanzo d'avventura per mare. Intanto l'immenso oceano, con i suoi mostri e le sue profondità, si erge in tutta la propria potenza e imperscrutabilità dinanzi all'uomo, che gli può contrapporre solo una fragile esistenza, oscillante tra il bene e il male. Fino a che sopraggiunge la catastrofe finale, fatalmente presentita, quando Moby Dick distruggerà la baleniera e tutto l'equipaggio trascinando con sé Achab e il suo arpione. Solo Ismaele si salverà e potrà così raccontare la loro folle, ambiziosa quanto disperata, impresa.

Moby Dick

Melville Herman

Presentazione dell'Autore È la storia di una donna che con ironia e spirito di osservazione mette in pratica gli insegnamenti di un filosofo, un maestro che le ha insegnato a rinascere. Dal rischio di sprofondare nell'anoressia si eleva, mettendo le ali, a filosofa lei stessa, e nella frenesia di aiutare gli altri si salva iniziando una nuova vita. Impara a non soccombere più alle prevaricazione e lo insegna a tutti quelli che incontra. Non mancano nel racconto episodi esilaranti al limite del paradosso e varie storie di sesso raccontate con eleganza, come quella del diritto all'orgasmo. Francesca, la protagonista, diventa il simbolo del riscatto femminile, una donna che non accetta più di auto-infliggersi punizioni, ma rivendica il suo ruolo paritario accanto all'uomo. Dietro la maschera di Francesca si nasconde una storia vera e un mondo di relazioni tra donne e uomini elaborate sulla panchina del dialogo. Un libro scritto per le donne e utile anche agli uomini. Dalla quarta di Alberoni: "un libro divertente e delizioso che vi darà di certo molti spunti per cavarvela nelle piccole e grandi difficoltà della vita". Informazioni sull'autrice: Maria Giovanna Farina, nata a Milano nel '62, si è laureata in Filosofia all'Università Statale di Milano e svolge la professione di consulente filosofico nella stessa città. Pioniera nel campo delle pratiche filosofiche, sempre a Milano fonda lo studio professionale Heuristic Institution prima e l'associazione culturale L'accento di Socrate poi. Collabora con varie riviste e ha una rubrica su www.siamodonne.it dove videointervista personaggi della cultura e dello spettacolo. Sul suo sito si trovano tutte le sue attività www.mariagiovannafarina.it

Ho messo le ali

Farina Maria Giovanna

Un ragazzo e quattro animali alla deriva nell'oceano Pacifico, unici superstiti di un tragico naufragio. La loro sfida è la sopravvivenza, nonostante la sete, la fame e la furia del mare. Tempo pochi giorni e, della zebra ferita, dell'orango e della iena non resta che qualche osso cotto dal sole. A farne piazza pulita è stata la tigre con cui Pi, giovane indiano senza più famiglia, è ora costretto a dividere i pochi metri di una scialuppa. Contro ogni logica, il ragazzo decide di ammaestrarla. Con l'ingegno, con la forza di uno spirito caparbio e visionario Pi affronta la sua grande avventura. Ed è un viaggio straordinario, appassionante e terribile, ispirato, spiazzante, ironico e violento, che trascina il lettore fino all'attimo in cui il sipario si leva sull'ultimo, agghiacciante colpo di scena. E se le cose non fossero andate affatto come Pi vuole farci credere? Acclamato come un nuovo classico dalla critica inglese e americana, Vita di Pi è un libro unico, miracolosamente sospeso tra realismo e magia, un po' romanzo di avventura e un po' favola surreale dall'inattesa e sconvolgente anima nera.

Vita di Pi

Martel Yann