Narrativa

CHI DI NOI DUE?

D'Amico Renata

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Absolutely Free

Collana: Penelope

Anno: 2011

ISBN:

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

I sogni possono essere pericolosi: se cerchi di soffocarli, se pretendi di dimenticarli, rischi di perdere te stesso…

Michele voleva scrivere la propria vita giorno per giorno, poi da vecchio l’avrebbe sfogliata: a pagina 28 avrebbe ritrovato il suo primo amore, a pagina 85 il suo primo viaggio e a pagina 124 il suo primo libro. Sì perché lui sapeva cosa avrebbe fatto: il poeta”. Ora invece è sdraiato in un letto, senza sapere né dove né perché, e non riesce a muoversi né ad aprire gli occhi.

Da bambino lo chiamavano “l’Incompleto”, Michele l’Incompleto, e lui così si era sempre sentito per via di quel dito che mancava al suo piede destro.

Dapprincipio Michele non ci fece molto caso, ma col tempo questo nomignolo, per definirlo in modo bonario, iniziò a fare la sua parte: ovunque andasse gli pareva sempre che gli mancasse qualcosa, frugava nelle tasche, sbirciava sotto i polsini, controllava dietro il bavero del cappotto e ogni volta cercava qualcosa che non riusciva a trovare, e questa assenza lo colmava di un senso di nostalgia che lo coglieva così, in modo inaspettato, e l’avrebbe accompagnato negli anni a venire”.

Sua madre Rosetta faceva la sarta e non levava mai il filo dell’imbastitura. Forse anche con quel figlio sfortunato aveva fatto le cose a metà, o forse era vera la storia dell’arcangelo che era sì riuscito a strappare Michele dalle grinfie di Lucifero, ma per la fretta con l’ala gli aveva reciso il piccolo dito.

Michele viveva in continua fuga: dal diavolo nei suoi incubi, dai compagni che lo deridevano di giorno e anche dai suoi stessi genitori, che un po’ si vergognavano della sua diversità e un po’ erano spaventati dalle sue “fantasie”.

“Il padre addirittura, un giorno gli aveva detto chiaramente di levarsi pure dalla testa quella strana idea, perché in casa sua di falliti non ne voleva: se vuoi fare il poeta, lo aveva minacciato, è meglio che prepari subito le valigie e te ne vai; in questa casa si lavora, non c’è posto per i fannulloni. Perché questa era l’idea che i suoi genitori avevano di poeti e artisti. Come ribattere che  i poeti sono la voce dello Spirito e sanno aprire le porte segrete dei cuori?”.

Solo il nonno, che lavorava come giardiniere a Villa Paradiso, riusciva a capire Michele: “Siamo cellule dell’universo, gli spiegava, ognuno con una propria qualità, unica e irripetibile, tutte insieme formiamo un disegno come fossimo tessere di un mosaico. Il compito che abbiamo, dunque, è trovare la nostra collocazione all’interno di questa rappresentazione”. E poi c’era Iris, per gli altri Iris la matta, per lui “… la fonte che colma di acqua il cuore asciutto (…)”.

Sdraiato a letto Michele prova ad afferrare i suoi ricordi, a rintracciare la lunga parte di vita che sembra essere scomparsa dalla sua mente, ma l’unica cosa che rammenta è che ha diciannove anni e deve assolutamente parlare con i suoi genitori del proprio futuro…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Renata

D'amico

Libri dallo stesso autore

Intervista a D'Amico Renata


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lo chiamano Oltre. Alcuni sono appena arrivati in quel mondo così simile al nostro eppure così diverso. Altri invece sono lì da secoli e sono ormai indifferenti alla perenne coltre di nubi che nasconde il sole e all’atmosfera cupa che li circonda. Ma ognuno di loro condivide lo stesso destino: dopo essere morti, sono stati condannati per l’eternità. Sia che abbiano scritto a caratteri di fuoco il loro nome nel grande libro della Storia – tiranni sanguinari, sovrani spietati, criminali di guerra – sia che nel corso della loro oscura esistenza si siano macchiati di colpe incancellabili, adesso sono tutti relegati in quel luogo maledetto. Tutti, tranne John Camp. Lui è «vivo», ed è lì per sua scelta. Perché ha giurato di salvare la donna che ama. Durante un audace esperimento di fisica delle particelle, la dottoressa Emily Loughty è scomparsa nel nulla e, quando si è deciso di ripetere il procedimento per capire cosa fosse successo, John si è posizionato nel punto esatto in cui lei era sparita e... in un attimo è stato catapultato all’Inferno. E ora deve affrontare un mondo sconosciuto e ostile per ritrovare Emily e riportarla indietro. Ma il tempo a sua disposizione è poco, e tutti e due rischiano di rimanere per sempre prigionieri nella terra dei Dannati...

Dannati

Cooper Glenn

Le ecopoesie di Marcia Theophilo

Quando si parla delle leggi razziali si pensa all’infamia subita dagli ebrei italiani costretti all’umiliazione e alla persecuzione, ma non si hanno sempre presenti le tante storie individuali di dolore, paura, tradimento, disperazione; alle migliaia di individui che hanno visto i loro destini deviare tragicamente da un corso tranquillo. La storia raccontata da Lia Levi nella Notte dell’oblio è una di queste “piccole” storie che hanno travolto la serena esistenza di una famiglia qualsiasi. I Vivanti sono una famiglia composta dal padre Giacomo, commerciante a Roma, dalla madre e dalle due figlie ancora bambine ai tempi delle leggi razziali. Giacomo è costretto a cedere il proprio negozio a un prestanome. Gli ebrei non possono più avere attività economiche e quindi i Vivanti cedono il loro negozio a un commesso che formalmente ne diventa il titolare. Scoppia la guerra e i Vivanti possono nascondersi nella zona dei Castelli romani grazie a un amico prete. Tra la paura dei rastrellamenti e delle delazioni e le vivaci e franche discussioni religiose tra il padre e il prete amico, la famiglia trascorre i primi anni di guerra fino al giorno in cui il capofamiglia va in città per una furtiva visita di controllo al negozio e non fa più ritorno. Qualcuno lo ha denunciato ed è stato deportato in un lager in cui troverà la morte. Il resto della famiglia continua, pur nel dolore per la scomparsa, la sua vita, prima nel nascondiglio fuori Roma dove le ragazze crescono tra prime amicizie e amori, mentre la madre tiene per sé il segreto del tradimento di cui è stato vittima il marito. Nel dopoguerra, con il ritorno della vita normale, la madre, pur non riuscendo a farsi restituire il negozio inventa una nuova attività che dà alla famiglia un po’ di agio. Ma il destino le giocherà uno scherzo tremendo. Una delle due ragazze s’innamorerà per caso del figlio del commesso che aveva tradito suo padre.

LA NOTTE DELL’OBLIO

Giorgio Faletti si accomiata dai suoi lettori con la sua opera più bella, originale e dolente. Una favola morale, che accompagna il lettore attraverso le piccole, meschine, ignoranti bassezze degli uomini, sino a comprendere, attraverso il più innocente e semplice degli sguardi, il senso profondo delle cose. Del loro ruolo. E della fine. Seguiamo una piuma mentre traccia il suo invisibile sanscrito nel cielo, la vediamo posarsi sul tavolo dove il Re e il Generale tracciano i piani per la battaglia per la conquista di Mezzo Mondo, noncuranti di chi poi dovrà combatterla; ascoltiamo insieme a lei i tentativi del Curato di intercedere a favore dei contadini con il Cardinale privo di fede; attratti da una dissonante melodia volteggiamo dentro al Teatro, per assistere allo spettacolo meraviglioso e crudele della Ballerina dal cuore spezzato: il nostro volo ci porterà a conoscere altri, sventurati personaggi finché la piuma non incontrerà lo sguardo dell'unico che saprà capire quello che nessuno prima aveva compreso.

La piuma

Faletti Giorgio