Giallo - thriller - noir

Chi è partito e chi è rimasto

Comyns Barbara

Descrizione: Una delle più enigmatiche autrici del Novecento inglese mette in scena una storia eccentrica e raffinata. Nel breve romanzo di culto "Chi è partito e chi è rimasto" un piccolo villaggio inglese di fine Ottocento adagiato sulle sponde di un placido fiume viene improvvisamente colpito da una serie di calamità che sembrano il frutto di una violenta maledizione. A inaugurare la serie di terribili eventi è il fiume, che al principio dell'estate decide di straripare trascinando con sé gli abitanti in una ballata surreale e imprevedibile, contro la quale l'eccentrica famiglia Willoweed dispiegherà l'arsenale delle sue bizzarre forze, mentre il giornale del villaggio si chiede: «Chi sarà il prossimo a essere colpito dalla fatale follia?».

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Safarà Editore

Collana:

Anno: 2018

ISBN: 9788897561088

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Chi è partito e chi è rimasto

Barbara Comyns firma Chi è partito e chi è rimasto, un libro tanto curioso quanto gotico e surreale.

Siamo alla fine dell’Ottocento in un tipico villaggio inglese, dominato dalla famiglia Willoweed. Pare essere un tranquillo luogo, pacifico, dove non accade mai nulla, e tutti conoscono tutto di tutti. Un placido fiume scorre tranquillo e la natura si esprime in tutta la sua bellezza, rigogliosa e fluente. Fino a quando il fiume improvvisamente ingrossa e la piena travolge tutto. Lo scenario muta, all’improvviso: il fango è ovunque. Ricopre animali, cose, persone, e il respiro dell’aria è ammorbato, difficile. Gli uomini faticano a vivere in una tale atmosfera. Chi pare non rendersi conto di nulla è la capostipite della famiglia Willoweed, che continua a vivere il suo tranquillo tran tran quotidiano. Va a un funerale obbligando i congiunti a remare in un mare di fango, con lei issata come su un treno. Ma questo è solo l’inizio: da questo momento in poi strani suicidi colpiscono la comunità intera. Che cosa sta accadendo? Chi ha lanciato una maledizione su questo tranquillo, e all’apparenza, innocuo paesino inglese? Come fare a superare tutto ciò?

È una lettura particolare, di una scrittrice che mi ha colpito molto. Il linguaggio è gotico, misterioso descrive situazioni surreali, al limite del credibile. Si respira un’aria di attesa, di suspence, in nome di un qualcosa di indefinito, che forse non accadrà mai. O no? Stupefacente ed enigmatica, raffinata e spesso ironica, questa piccola grande opera è per palati da veri intenditori…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Barbara

Comyns

Libri dallo stesso autore

Intervista a Comyns Barbara


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ascolta solo la mia voce e nient’altro. Presto inizierò il conto alla rovescia… Entrerai in casa. La vedrai. E non avrai paura. Si chiama Erik Maria Bark ed è l’ipnotista più famoso di Svezia. È a lui che si rivolge la polizia quando un testimone è sotto shock e non parla. Adesso c’è un paziente che ha bisogno di lui: Björn è l’unico a sapere cos’è successo veramente in casa sua, cosa è accaduto a sua moglie, Susanna, e quali siano le tracce che lui stesso ha inavvertitamente cancellato. Sa tutto, ma non riesce a ricordare. E Björn deve ricordare, in fretta. Perché Susanna è solo l’ultima vittima di un killer che sta terrorizzando Stoccolma e che presto colpirà di nuovo. Il killer osserva, assedia. Filma tutto e invia il video alla polizia, come per sfidare le forze dell’ordine. Poi entra in casa, insegue le vittime stanza dopo stanza, e uccide. Perché è la morte in persona, e ha la certezza di essere inafferrabile. Erik Maria Bark è l’unica persona in grado di scovare, nella mente di Björn, degli indizi che permettano di fermare la strage. Quello che Erik non sa è che durante l’ipnosi emergeranno dei dettagli che lo riguardano. Dettagli del suo passato. Dettagli incriminanti. Quello che Erik non sa è che l’unica persona che si fidava di lui, l’unico poliziotto capace di raccogliere la sfida del killer, non può più aiutarlo. Il poliziotto si chiama Joona Linna ed è scomparso nel nulla da un anno. È stato dichiarato morto dalle autorità. E l’ipnotista deve affrontare da solo l’orrore che si annida nella sua stessa mente.

Nella mente dell’ipnotista

Kepler Lars

CHE MUSICA ASCOLTI

Vitagliano Giancarlo

Chi salirà nel monte di Dio? Chi ha le mani innocenti e il cuore puro. Un quartiere di vicoli a Napoli: Montedidio. Un ragazzo di tredici anni va a bottega da Mast'Errico, il falegname. E' l'inizio della sua vita nuova, la vita che a sera, a casa, in una casa vuota per l'assenza del padre e per la malattia della madre, il ragazzo va scrivendo su una bobina di carta avuta in regalo dal tipografo di Montedidio. Ha anche un altro regalo, che porta sempre con sé, un "bùmeran", un legno nato per volare che il padre ebbe a sua volta da un marinaio di passaggio. Così passano i giorni: Mast'Errico gli insegna il mestiere e Don Rafaniello, uno scarparo che Mast'Errico tiene ospite a bottega, gli insegna a pensare sugli uomini e sulle cose.

MONTEDIDIO

De Luca Erri

Altissime, insuperabili montagne di liscia pietra cingono d'ogni lato il paesino di K. e la Valle delle Montagne Chiuse in cui esso si trova. Al di là di esse non c'è mondo né vita. È questo ciò che ha sempre sentito ripetere Basin, un ragazzino la cui storia sarà al centro delle vicende narrate. Chiuso dal padre nella casa di Cardelio, sommo Maestro delle "Lettere d'eleganza", lo vedremo impegnato nel lungo, disorientante e ipnotico cammino per divenirne il successore. Nel paesino c'è un'unica osteria. E si mormora che lì, ogni notte, si riuniscano certi misteriosi vegliardi dall'incredibile, ottima salute. E che proprio di questo ogni notte fantastichino: spazi senza fine al di là degli insormontabili bastioni. Si dice anche che a volte, seduti attorno al grande camino, pronuncino in un soffio il nome, proibitissimo, delle mitiche Terre Rosse e quello, addirittura blasfemo, del Capitano di Bastur...

Alvigini vince il premio Città di Como 2019

Alvigini Claudio