Teatro

Chi ha paura di Virginia Woolf?

Albee Edward

Descrizione: Ancora oggi successo a teatro, Chi ha paura di Virginia Woolf? fu così schoccante per l'America di allora che non Vinse mai il meritatissimo premio Pulitzer, che invece Albee ottenne per ben tre volte con A delicate balance nel '67, Seascape nel '75 e il bellissimo Three tall women, tre figure femminili e un figlio diseredato in quanto gay (l'opera più autobiografica). Molti altri premi hanno costellato la lunga carriera di Albee, onoreficenze che gli permisero di aprire una Fondazione a suo nome nel '94 per sostenere il "William Flanagan Creative Persons Center", una colonia di scrittori ed artisti di Montauk.

Categoria: Teatro

Editore: Einaudi

Collana: Collezione di teatro

Anno: 1997

ISBN: 9788806593926

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Chi ha paura di Virginia Woolf?
Per rispondere a questa domanda Edward Albee impiega tre atti.

I – Giochi e divertimento

Martha e George ospitano a casa loro Honey e Nick. George e Nick sono accademici (“Per chi insegna in un’università, ci sono cose più comode che l’aver preso in moglie la figlia del preside di questa università”), ma dopo pochi minuti gli anfitrioni già stupiscono i loro ospiti mettendo a nudo conflitti (“Martha e io ci limitiamo… a calpestare quel tanto di personalità che ci resta”) e segreti della vita coniugale (Honey: “Fino a un minuto fa non sapevo che aveste un figlio”). Senza mezzi termini. In modo spietato.

Dopo qualche tentativo iniziale di opposizione e difesa (Nick: “Ma le sarei grato se non parlasse così davanti a mia moglie”), la conflittualità si espande in gesti teatrali (“George imbraccia una carabina che teneva dietro la schiena e la punta contro la nuca di Martha. Honey strilla e si alza… George preme il grilletto… Dalla canna della carabina esce un gran parasole cinese rosso e giallo”), in parole aspre, nei toni sempre sopra le righe.

La temperatura sale anche grazie all’alcol (“E adesso beviamo! Da bere per tutti!”), mentre vanno in scena tanto l’antinomia tra lo storico e il biologo (“Temo che non ci sarà più molta musica né molta pittura ma avremo in compenso una civiltà di uomini snelli, biondi e al limite dei pesi medi”), quanto rivalità dal sapore antico (“George odia Papà… e non perché Papà gli abbia mai fatto qualcosa…”).

Risultati immagini per chi ha paura di virginia woolf

II – Walpurgisnacht

Viene sferrato l’attacco alle ipocrisie del matrimonio: perché gli ospiti si sono sposati? Una gravidanza isterica? Una questione di soldi? Una conoscenza che si protrae dall’infanzia?
Gli attori ballano, si raccontano (“Un bambino cattivo… che uccise la sua mamma e il padre fe’ morir”), poi giocano. Ma i giochi sono atroci: e s’intitolano “Umiliare il Padrone di casa… Saltare addosso alla Padrona di Casa… Maltrattare gli Ospiti…”
Ma attenzione! “Si rimane pur sempre tra professori.”
Ed è tempo di una rivelazione: “Nostro figlio è morto e Martha non lo sa.”

Risultati immagini per chi ha paura di virginia woolf

III – L’esorcismo

In una pièce così crudele, quale può essere il coup de théâtre (“Appare una mano con un gran mazzo di bocche di leone”) in mezzo a tanto cinismo?

Non certamente l’amore, una prospettiva bandita e impronunciabile.
Forse, pittosto, la possibilità di una tenue ricomposizione della guerra (“Martha, hai avuto la tua serata come la volevi… la tua notte, anzi, e adesso non puoi troncarla solo perché la tua sete di sangue si è placata”). O la stabilizzazione del contrasto…

Bruno Elpis

Risultati immagini per chi ha paura di virginia woolf

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Edward

Albee

Libri dallo stesso autore

Intervista a Albee Edward


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dalla tragica morte della moglie, A. J. Fikry è diventato un uomo scostante e scorbutico, insofferente verso gli abitanti della piccola isola dove vive e stufo del suo lavoro di libraio. Disprezza i libri che vende (e pure quelli che non vende) e ne ha fin sopra i capelli dei pochi clienti che gli sono rimasti, capaci solo di lamentarsi e di suggerirgli di abbassare i prezzi. Anche per gli agenti di vendita è ormai un interlocutore a dir poco difficile. Ma tutto cambia una sera come tante, quando, rientrando in libreria, A. J. trova una bambina che gironzola nel reparto dedicato all'infanzia. Al collo ha appuntato un biglietto scritto dalla madre: questa è Maya. Ha due anni. È molto intelligente ed è eccezionalmente loquace per la sua età. Voglio che diventi una lettrice e che cresca in mezzo ai libri. Io non posso più occuparmi di lei. Sono disperata. Seppur riluttante (e sorprendendo tutti i suoi conoscenti), A. J. decide di adottarla, lasciando così che quella bambina gli sconvolga l'esistenza. Perché Maya è animata da un'insaziabile curiosità e da un'attrazione istintiva per i libri, per il loro odore, per le copertine vivaci, per quell'affascinante mosaico di parole che riempie le pagine all'interno e, grazie a lei, A. J. non solo scoprirà la gioia di essere padre, ma riassaporerà anche il piacere di essere un libraio. Trovando infine la forza per aprirsi a un nuovo, inatteso amore.

La misura della felicità

Zevin Gabrielle

L’omicidio Carosino

De Giovanni Maurizio

IL LIBRO DELL’INQUIETUDINE

Pessoa Fernando

“Il grande Gatsby” ovvero l'età del jazz: luci, party, belle auto e vestiti da cocktail, ma dietro la tenerezza della notte si cela la sua oscurità, la sua durezza, il senso di solitudine con il quale può strangolare anche la vita più promettente. Il giovane Nick Carraway, voce narrante del romanzo, si trasferisce a New York nell'estate del 1922. Affitta una casa nella prestigiosa e sognante Long Island, brulicante di nuovi ricchi disperatamente impegnati a festeggiarsi a vicenda. Un vicino di casa colpisce Nick in modo particolare: si tratta di un misterioso Jay Gatsby, che abita in una casa smisurata e vistosa, riempiendola ogni sabato sera di invitati alle sue stravaganti feste. Eppure vive in una disperata solitudine e si innamorerà insensatamente della cugina sposata di Nick, Daisy... Il mito americano si decompone pagina dopo pagina, mantenendo tutto lo sfavillio di facciata ma mostrando anche il ventre molle della sua fragilità. Proprio come andava accadendo allo stesso Fitzgerald, ex casanova ed ex alcolizzato alle prese con il mistero di un'esistenza ormai votata alla dissoluzione finale.

Il grande Gatsby

Fitzgerald Francis Scott