Giallo - thriller - noir

Chi perde paga

King Stephen

Descrizione: Un genio della letteratura che però ha smesso di scrivere. Un lettore molto arrabbiato che ha deciso di punirlo. Un manoscritto rubato e una vendetta da gustare fredda. Poche tracce per il detective Hodges, l’eroe di Mr Mercedes. Abbastanza per scatenare una nuova caccia all’uomo.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Sperling & Kupfer

Collana: Pandora

Anno: 2015

ISBN: 9788820059033

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

Chi perde paga” è il secondo capitolo della trilogia che ha avuto inizio con Mr. Mercedes e che vede quale protagonista Bill Hodges. In questo primo episodio Stephen King offriva al lettore una perfetta crime-story, priva di quegli elementi soprannaturali caratterizzanti i suoi lavori e dove l’assassino di turno mostrava di possedere tutte le classiche devianze della categoria, dall’infanzia difficile al rapporto morboso con la madre, passando poi tra tutti i traumi determinati dall’assenza della figura paterna.

In “Chi perde paga” Bill Hodges è invece chiamato a confrontarsi con un tema già riproposto dall’autore: l’ossessione. John Rothstein, scrittore, è il creatore dell’indimenticabile e fortunatissimo personaggio Jimmy Gold; peccato che le sue pubblicazioni siano ferme da oltre vent’anni, circostanza che provoca disappunto nei lettori, in particolare in Morris Bellamy che, per vendicarsi dell’uomo che lo ha tradito smettendo di scrivere, gli piomba in casa uccidendolo e saccheggiandolo dei suoi averi. Nella bramosia dell’atto il ladro-omicida non si rende conto però di avere tra le mani il vero tesoro del narratore: decine di taccuini contenenti gli appunti relativi al nuovo romanzo; un bene, chiaramente, ben più prezioso del denaro.

Innegabil  – e inevitabile – è dunque la sensazione di déjà-vu, nonché il parallelismo con “Misery non deve morire”, classe 1987, dove il RE con la giusta suspense, ritmi serrati e crude ambientazioni, spingeva la medesima fissazione fino al limite della follia, oltre i confini della razionalità e della ragione.

A differenza però dell’opera citata, “Chi perde paga” è un romanzo che muove partendo dall’antefatto, ovvero dagli avvenimenti occorsi a due ragazzi nell’età della giovinezza e soltanto a metà dell’opera viene introdotto il protagonista che, a trent’anni di distanza, si trova a ricomporre i pezzi del puzzle.

Ponte di passaggio tra la prima e la terza parte della saga, l’ultimo lavoro dello statunitense non può definirsi il suo scritto meglio riuscito e si dimostra incapace di creare la stessa spirale di attesa e brivido alla quale l’autore ci ha abituato. Ma per chi avesse letto Mr. Mercedes, una piccola consolazione c’è ed è quel pizzico di originalità in più che tanto era mancato nel precedente…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stephen

King

Libri dallo stesso autore

Intervista a King Stephen

“Pasolini” è un colloquio immaginario tra due artisti che parte da un assunto fantastico: Pasolini è vivo, e ha delle cose da dire. Molte. Essenziali. Ma è davvero lui? O un fantasma, un attore, un mitomane? Quel che è certo è che la sua conversazione con Davide Toffolo vibra di quel senso, di quell’acutezza che ne hanno reso immortale lo spirito. Toffolo cerca Pasolini tra le pagine dei suoi libri, nei ritagli di stampa, nelle interviste e ne cattura perfettamente l’essenza: la rabbia, l’inalienabile solitudine, la feroce irriducibilità del poeta sono tutte tra le pagine di quest’intenso ritratto della grazia pasoliniana a opera di uno dei più anticonformisti artisti del paese.

Pasolini

Toffolo Davide

Il carnevale dei delitti

Elpis Bruno

Vincitore del Premio Mondello e Super Mondello 2007 «Si può anche immaginare questo romanzo come uno splendido film, o come un mosaico: tutte le sue tessere compongono un quadro che ricorda i dipinti di David Hockney, e così quella raccontata è una Seconda guerra mondiale senza la solita epopea, ma con tutti i momenti tristi, felici, eccitanti e tragici della vita, restituiti da una scrittura asciutta e accurata» – Frankfurter Allgemeine Zeitung Centro Italia, alla vigilia del secondo conflitto mondiale. La vita di un gruppo di ragazzi e ragazze si trova nel pieno di quella che presto diventerà una guerra civile. Fra loro c'è Stefano Portelli, avvocato di belle speranze con la testa gonfia di utopie innamorato di Eleonora. E c'è la cognata Nina, legata in segreto a Sergio, capo partigiano quasi adolescente. Altre esistenze corrono parallele, incrociandosi poi in maniera imprevista: quella di Alastair Ormiston, pilota inglese della RAF, che adora i libri di Virginia Woolf e sogna il compagno ideale. E quella di Edna, l'amica del cuore che, in una Londra bombardata dai nazisti, scopre se stessa e la felicità. Se queste vite si incroceranno in maniera imprevista, rimescolando le carte della grande Storia, sarà per opera di un destino che le supera, bruciandole in un falò dove tutto si consuma – gioia e dolore insieme.

I giorni innocenti della guerra

Fortunato Mario

È notte, su un'autostrada svizzera. Una macchina procede a velocità sostenuta, diretta a Marsiglia. A bordo un uomo, Pietro Leone, funzionario dell'Onu a Ginevra. Accanto a lui dorme il figlio Pietro, una console stretta tra le mani, i jeans a vita bassissima come ogni adolescente che si rispetti. I due sono in fuga, da non si sa bene cosa. La sola cosa che Pietro sa è che da giorni qualcuno sta tenendo sotto controllo i movimenti suoi e della sua famiglia e che la moglie Emilia, ricercatore al Cern, è scomparsa da casa da qualche giorno. La donna stava lavorando, con un gruppo di fisici spagnoli, a un rivoluzionario calorimetro per decifrare le energie di fotoni ed elettroni...

L’energia del vuoto

Arpaia Bruno