Giallo - thriller - noir

Chi perde paga

King Stephen

Descrizione: Un genio della letteratura che però ha smesso di scrivere. Un lettore molto arrabbiato che ha deciso di punirlo. Un manoscritto rubato e una vendetta da gustare fredda. Poche tracce per il detective Hodges, l’eroe di Mr Mercedes. Abbastanza per scatenare una nuova caccia all’uomo.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Sperling & Kupfer

Collana: Pandora

Anno: 2015

ISBN: 9788820059033

Recensito da Maria Darida

Le Vostre recensioni

Chi perde paga” è il secondo capitolo della trilogia che ha avuto inizio con Mr. Mercedes e che vede quale protagonista Bill Hodges. In questo primo episodio Stephen King offriva al lettore una perfetta crime-story, priva di quegli elementi soprannaturali caratterizzanti i suoi lavori e dove l’assassino di turno mostrava di possedere tutte le classiche devianze della categoria, dall’infanzia difficile al rapporto morboso con la madre, passando poi tra tutti i traumi determinati dall’assenza della figura paterna.

In “Chi perde paga” Bill Hodges è invece chiamato a confrontarsi con un tema già riproposto dall’autore: l’ossessione. John Rothstein, scrittore, è il creatore dell’indimenticabile e fortunatissimo personaggio Jimmy Gold; peccato che le sue pubblicazioni siano ferme da oltre vent’anni, circostanza che provoca disappunto nei lettori, in particolare in Morris Bellamy che, per vendicarsi dell’uomo che lo ha tradito smettendo di scrivere, gli piomba in casa uccidendolo e saccheggiandolo dei suoi averi. Nella bramosia dell’atto il ladro-omicida non si rende conto però di avere tra le mani il vero tesoro del narratore: decine di taccuini contenenti gli appunti relativi al nuovo romanzo; un bene, chiaramente, ben più prezioso del denaro.

Innegabil  – e inevitabile – è dunque la sensazione di déjà-vu, nonché il parallelismo con “Misery non deve morire”, classe 1987, dove il RE con la giusta suspense, ritmi serrati e crude ambientazioni, spingeva la medesima fissazione fino al limite della follia, oltre i confini della razionalità e della ragione.

A differenza però dell’opera citata, “Chi perde paga” è un romanzo che muove partendo dall’antefatto, ovvero dagli avvenimenti occorsi a due ragazzi nell’età della giovinezza e soltanto a metà dell’opera viene introdotto il protagonista che, a trent’anni di distanza, si trova a ricomporre i pezzi del puzzle.

Ponte di passaggio tra la prima e la terza parte della saga, l’ultimo lavoro dello statunitense non può definirsi il suo scritto meglio riuscito e si dimostra incapace di creare la stessa spirale di attesa e brivido alla quale l’autore ci ha abituato. Ma per chi avesse letto Mr. Mercedes, una piccola consolazione c’è ed è quel pizzico di originalità in più che tanto era mancato nel precedente…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stephen

King

Libri dallo stesso autore

Intervista a King Stephen


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sette racconti, sette ritratti di donna. Ragazze in lotta per l'amore, la maternità, il lavoro; donne che fanno carriera o ereditano fortune; donne che perdono il lavoro, vengono tradite e lasciate, provano a fare i conti con la sconfitta; che ricominciano, si ribellano, navigano a vista tra le tempeste del quotidiano. Accanto a loro uomini disorientati, capaci solo di lasciarsi vivere, privi del coraggio, dell'ironia ma certe volte anche della solitudine che circonda le loro compagne. Con uno stile asciutto Paolo Cognetti descrive, tra educazioni sentimentali e racconti di formazione, i capitoli di un immaginario "manuale per ragazze di successo": sette modi di trovare o perdere la felicità, sette storie che parlano con la voce di una nuova femminilità.

Manuale per ragazze di successo

Cognetti Paolo

"Pride and Prejudice" è certamente l'opera più popolare e più famosa di Jane Austen, un vero e proprio "long-seller". Attraverso la storia delle cinque sorelle Bennet e dei loro corteggiatori, lo sguardo acuto della scrittrice, sorretto da un'ironia tanto più spietata quanto più sottile, annota e analizza fatti, incidenti, parole di un microcosmo popolato da personaggi che avranno molto da insegnare a Dickens e Thackeray.

Orgoglio e pregiudizio

Austen Jane

“Pasolini” è un colloquio immaginario tra due artisti che parte da un assunto fantastico: Pasolini è vivo, e ha delle cose da dire. Molte. Essenziali. Ma è davvero lui? O un fantasma, un attore, un mitomane? Quel che è certo è che la sua conversazione con Davide Toffolo vibra di quel senso, di quell’acutezza che ne hanno reso immortale lo spirito. Toffolo cerca Pasolini tra le pagine dei suoi libri, nei ritagli di stampa, nelle interviste e ne cattura perfettamente l’essenza: la rabbia, l’inalienabile solitudine, la feroce irriducibilità del poeta sono tutte tra le pagine di quest’intenso ritratto della grazia pasoliniana a opera di uno dei più anticonformisti artisti del paese.

Pasolini

Toffolo Davide

Che si fa quando si ha il cuore spezzato? Si telefona alla migliore amica, si mangia cioccolato e ci si macera nel proprio dolore. Solo che Gwendolyn, viaggiatrice nel tempo suo malgrado, dovrebbe conservare tutte le sue energie per altre cose: sopravvivere, per esempio. Perché la trappola che il temibile conte di Saint Germain ha costruito nel passato è pronta a scattare nel presente. E per riuscire a trovare la soluzione dell'oscuro segreto, Gwen e Gideon, fra un litigio e l'altro, dovranno buttarsi a capofitto nei secoli passati cercando di schivare pericoli mortali.

GREEN

Gier Kerstin