Narrativa

Chiamami col tuo nome

Aciman André

Descrizione: Vent'anni fa, un'estate in Riviera, una di quelle estati che segnano la vita per sempre. Elio ha diciassette anni, e per lui sono appena iniziate le vacanze nella splendida villa di famiglia nel Ponente ligure. Figlio di un professore universitario, musicista sensibile, decisamente colto per la sua età, il ragazzo aspetta come ogni anno "l'ospite dell'estate, l'ennesima scocciatura": uno studente in arrivo da New York per lavorare alla sua tesi di post dottorato. Ma Oliver, il giovane americano, conquista tutti con la sua bellezza e i modi disinvolti. Anche Elio ne è irretito. I due condividono, oltre alle origini ebraiche, molte passioni: discutono di film, libri, fanno passeggiate e corse in bici. E tra loro nasce un desiderio inesorabile quanto inatteso, vissuto fino in fondo, dalla sofferenza all'estasi. "Chiamami col tuo nome" è la storia di un paradiso scoperto e già perduto, una meditazione proustiana sul tempo e sul desiderio, una domanda che resta aperta finché Elio e Oliver si ritroveranno un giorno a confessare a se stessi che "questa cosa che quasi non fu mai ancora ci tenta".

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2017

ISBN: 9788823517578

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Chiamami col tuo nome di André Aciman è balzato agli onori della cronaca con le nomination agli Oscar del film di Guadagnino (leggete il commento al film di Stefano Lo Verme a questo link), che poi ha conquistato la statuetta della miglior sceneggiatura.

La vicenda è nota: è l’intensa storia – la scoperta dell’amore – dell’adolescente Elio che rimane folgorato dalla bellezza e dalla personalità di Oliver, studente universitario americano (“Finì per chiamarlo il cauboi… la muvi star”) che sta scrivendo un saggio sulla filosofia di Eraclito e viene ospitato nella villa rivierasca della famiglia di Elio (suo padre è un professore) in sei settimane estive (“Quando ripenso a quell’estate, non riesco mai a ordinare gli eventi in sequenza. Oltre ad alcune scene chiave, mi ricordo solo i momenti ripetuti”) durante le quali la convivenza, i riti estivi, le affinità culturali (“Io ero Glauco e lui Diomede”), le passeggiate nel paesaggio ligure (“Gli uliveti e i girasoli che giravano la faccia sbalorditi verso di noi quando passavamo accanto ai pini marittimi…”) sono ingredienti che catalizzano sentimenti, emozioni e scoperte affettive.

In questo commento ci soffermiamo sull’intimismo e sull’ambientazione.

Il romanzo è infatti molto meticoloso, esplicito e analitico nell’approfondire le fasi della passione: la scoperta dell’attrazione (“Che mai poteva esserci di sbagliato se mi piaceva qualcuno che piaceva anche agli altri?”), l’attenzione ai particolari e alle sfumature (“Quel Dopo! aveva sempre in sé qualcosa di brusco”), i desideri (“Fa’ che l’estate non finisca mai, che lui non se ne vada mai…”) e le rappresentazioni reciproche (“Oliver aveva quattro personalità diverse a seconda del costume da bagno che indossava”), le fantasie sessuali che si materializzano nel feticismo di alcune scene “forti” (“Piangevo perché nessuno sconosciuto era mai stato tanto gentile con me o era arrivato a tanto, nemmeno Anchise quella volta che mi aveva aperto la ferita sul piede e poi aveva succhiato il veleno dello scorpione, sputandolo fuori, più e più volte”), la carnalità del rapporto (“Alla fine uno di noi avrebbe attraversato la sottintesa Linea Maginot che non aveva mai fermato nessuno”), la creazione di un codice d’amore (“Le voci di questo elenco… Le avevo toccate come fa uno zibetto che si strofina contro gli oggetti che brama”), la fisiologia dell’amore (“Non mi aspettavo che il dolore si sarebbe aggrovigliato in fitte improvvise di sensi di colpa”), la realizzazione di una fusione che si  esprime nei corpi (“Voglio esplorare il tuo corpo, voglio sapere che sensazioni provi, voglio conoscerti e, attraverso te, voglio conoscere me stesso”), nello spirito e nelle identità personali (“Chiamami col tuo nome e io ti chiamerò col mio”), il desiderio di ancorarsi  a qualcosa di concreto (“Voglio anche Svolazzina. E le espadrillas. E gli occhiali da sole. E te.”) quando la vacanza finisce…

L’ambientazione, per quanto dichiaratamente riferita al ponente ligure pur con qualche depistaggio (“Gli echi appena rimbalzano contro le scogliere di B. e si tuffano nelle secche remote dove la barca di Shelley si era scontrata con la burrasca”), viene cifrata con le sole iniziali dei luoghi: il profilo di N.(Nizza?), puntatina a B. (Bussana Vecchia?), gita a E. E questo induce a presupporre che la scelta sia stata adottata per criptare riferimenti (auto)biografici reali.

Ma la seconda parte del romanzo s’intitola “La collina di Monet” e noi ricorriamo ai quadri dell’impressionista francese per visualizzarla.

 

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

André

Aciman

Libri dallo stesso autore

Intervista a Aciman André


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L’io narrante, un professore di letteratura che festeggia i suoi sessant’anni di carriera universitaria, riceve da studenti e colleghi un volume in suo onore, e si accorge che in quella biografia manca un elemento che ha invece rappresentato la più significativa e determinante esperienza emotiva e sentimentale di tutta la sua vita, mai confessata a nessuno. Torna così ai suoi anni giovanili e studenteschi e all’incontro fondamentale con un collega da cui era rimasto totalmente affascinato e intellettualmente sedotto, e il quale, a sua volta, segretamente omosessuale, si era innamorato di lui. L’altalenante rapporto di tenerezza e repulsione con il suo maestro provoca nel giovane angoscia, sofferenza e confusione che lo conducono dolorosamente nella vita adulta. Come spesso nei racconti di Zweig, un elemento imprevedibile e incontrollabile, quel sovvertimento dei sensi, turbamento delle zone più oscure della coscienza, è in grado di travolgere e sconvolgere istantaneamente la vita di un essere umano; ed è ciò che avviene sia nell’animo del giovane e ingenuo protagonista che in quello del vecchio docente, i cui sentimenti omosessuali per lo studente lo gettano in una profonda disperazione e nello smarrimento di quelle convenzioni borghesi in cui la sua vita si era fino a quel momento faticosamente conservata. Racconto che rispecchia perfettamente la poetica di Zweig, Sovvertimento dei sensi analizza la dualità, le ossessioni, i sensi di colpa, i desideri inconfessati e i conflitti interiori del personaggio con l’usuale finezza psicologica dell’autore, e ci offre un’ulteriore rappresentazione della passione vissuta come forza oscura e irreprimibile.

Sovvertimento dei sensi

Zweig Stefan

Terra di miele

Elena Gaddi

Aprire un cassetto, una scatolina rossa, una bella cassapanca coi piedi di leone, un'angoliera - tutti oggetti che stavano nella vecchia casa di famiglia - e trovarci dentro "un richiamo come all'indietro". Un richiamo a un passato ricevuto in eredità ma di cui il cinquantenne Ugo ha solo pochi ricordi: la casa di Guzzano, un tempo piena di vita ma già vuota dopo la sua nascita, già solamente casa di vacanze, e poi la zia Bruna, la zia Maria, la zia Fila, il nonno, lo zio Renato, lo zio Arrigo... Di fronte a questo vuoto, a questo buco impossibile da riempire ma che è ormai necessario attraversare, Ugo non può che inventarsi il proprio modo per creare "un piccolo centro d'ordine in mezzo alle forze del caos". E il modo che si inventa è raccontare. Allora ecco che dal passato sorgono frammenti, piccole avventure, le corse in macchina con il nonno, l'aia di notte, il favo dei calabroni nel sottotetto, l'amore alla falsa diga del Limentra, visi in penombra, frasi che ritornano, che non si è mai finito, sembra ieri, forza e coraggio. Ma soprattutto emozioni, piccole angosce, malinconie, un po' di sollievo. Sennonché chi racconta ha l'abitudine di evitare, di scantonare, di "slaterare", perciò alle emozioni sigillate dentro a quei cassetti antichi arriva piano e slaterando, appunto, parlando di chi ha conosciuto appena per arrivare infine alla perdita dei genitori: allo smantellamento degli affetti più cari.

Buchi

Cornia Ugo

Perché proprio 365 storie d'amore? Perché questo genere letterario è il solo che riesce a muoversi fra i vari sottogeneri della letteratura senza mai perdere la propria identità. Il romance è infatti declinato in decine di sfumature che contemplano escursioni nello storico, nel thriller, nella fantascienza, nell'erotico, nel fantasy e chi più ne ha più ne metta, pur mantenendo sempre la passione e i sentimenti saldamente in tolda di comando. Insomma, l'importante è che siano belle storie d'amore, dopodiché poco importa se ne sono protagonisti un pistolero e una bella ragazza all'epoca del far west o due viaggiatori dello spazio. E non importa nemmeno se i due innamorati sono entrambi uomini o entrambe donne, perché al lettore di romance piace esplorare tutte le possibili declinazioni dell'amore, senza restare ingabbiati nel pregiudizio eterosessuale. Un genere letterario, quindi, estremamente aperto e ricettivo, che offre grandi possibilità ai lettori ma anche agli scrittori, che possono sbizzarrirsi a descrivere storie d'amore e di passione all'interno dei sottogeneri a loro più congeniali.

365 STORIE D’AMORE

AA.VV.