Narrativa

Chiamami col tuo nome

Aciman André

Descrizione: Vent'anni fa, un'estate in Riviera, una di quelle estati che segnano la vita per sempre. Elio ha diciassette anni, e per lui sono appena iniziate le vacanze nella splendida villa di famiglia nel Ponente ligure. Figlio di un professore universitario, musicista sensibile, decisamente colto per la sua età, il ragazzo aspetta come ogni anno "l'ospite dell'estate, l'ennesima scocciatura": uno studente in arrivo da New York per lavorare alla sua tesi di post dottorato. Ma Oliver, il giovane americano, conquista tutti con la sua bellezza e i modi disinvolti. Anche Elio ne è irretito. I due condividono, oltre alle origini ebraiche, molte passioni: discutono di film, libri, fanno passeggiate e corse in bici. E tra loro nasce un desiderio inesorabile quanto inatteso, vissuto fino in fondo, dalla sofferenza all'estasi. "Chiamami col tuo nome" è la storia di un paradiso scoperto e già perduto, una meditazione proustiana sul tempo e sul desiderio, una domanda che resta aperta finché Elio e Oliver si ritroveranno un giorno a confessare a se stessi che "questa cosa che quasi non fu mai ancora ci tenta".

Categoria: Narrativa

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2017

ISBN: 9788823517578

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Chiamami col tuo nome di André Aciman è balzato agli onori della cronaca con le nomination agli Oscar del film di Guadagnino (leggete il commento al film di Stefano Lo Verme a questo link), che poi ha conquistato la statuetta della miglior sceneggiatura.

La vicenda è nota: è l’intensa storia – la scoperta dell’amore – dell’adolescente Elio che rimane folgorato dalla bellezza e dalla personalità di Oliver, studente universitario americano (“Finì per chiamarlo il cauboi… la muvi star”) che sta scrivendo un saggio sulla filosofia di Eraclito e viene ospitato nella villa rivierasca della famiglia di Elio (suo padre è un professore) in sei settimane estive (“Quando ripenso a quell’estate, non riesco mai a ordinare gli eventi in sequenza. Oltre ad alcune scene chiave, mi ricordo solo i momenti ripetuti”) durante le quali la convivenza, i riti estivi, le affinità culturali (“Io ero Glauco e lui Diomede”), le passeggiate nel paesaggio ligure (“Gli uliveti e i girasoli che giravano la faccia sbalorditi verso di noi quando passavamo accanto ai pini marittimi…”) sono ingredienti che catalizzano sentimenti, emozioni e scoperte affettive.

In questo commento ci soffermiamo sull’intimismo e sull’ambientazione.

Il romanzo è infatti molto meticoloso, esplicito e analitico nell’approfondire le fasi della passione: la scoperta dell’attrazione (“Che mai poteva esserci di sbagliato se mi piaceva qualcuno che piaceva anche agli altri?”), l’attenzione ai particolari e alle sfumature (“Quel Dopo! aveva sempre in sé qualcosa di brusco”), i desideri (“Fa’ che l’estate non finisca mai, che lui non se ne vada mai…”) e le rappresentazioni reciproche (“Oliver aveva quattro personalità diverse a seconda del costume da bagno che indossava”), le fantasie sessuali che si materializzano nel feticismo di alcune scene “forti” (“Piangevo perché nessuno sconosciuto era mai stato tanto gentile con me o era arrivato a tanto, nemmeno Anchise quella volta che mi aveva aperto la ferita sul piede e poi aveva succhiato il veleno dello scorpione, sputandolo fuori, più e più volte”), la carnalità del rapporto (“Alla fine uno di noi avrebbe attraversato la sottintesa Linea Maginot che non aveva mai fermato nessuno”), la creazione di un codice d’amore (“Le voci di questo elenco… Le avevo toccate come fa uno zibetto che si strofina contro gli oggetti che brama”), la fisiologia dell’amore (“Non mi aspettavo che il dolore si sarebbe aggrovigliato in fitte improvvise di sensi di colpa”), la realizzazione di una fusione che si  esprime nei corpi (“Voglio esplorare il tuo corpo, voglio sapere che sensazioni provi, voglio conoscerti e, attraverso te, voglio conoscere me stesso”), nello spirito e nelle identità personali (“Chiamami col tuo nome e io ti chiamerò col mio”), il desiderio di ancorarsi  a qualcosa di concreto (“Voglio anche Svolazzina. E le espadrillas. E gli occhiali da sole. E te.”) quando la vacanza finisce…

L’ambientazione, per quanto dichiaratamente riferita al ponente ligure pur con qualche depistaggio (“Gli echi appena rimbalzano contro le scogliere di B. e si tuffano nelle secche remote dove la barca di Shelley si era scontrata con la burrasca”), viene cifrata con le sole iniziali dei luoghi: il profilo di N.(Nizza?), puntatina a B. (Bussana Vecchia?), gita a E. E questo induce a presupporre che la scelta sia stata adottata per criptare riferimenti (auto)biografici reali.

Ma la seconda parte del romanzo s’intitola “La collina di Monet” e noi ricorriamo ai quadri dell’impressionista francese per visualizzarla.

 

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

André

Aciman

Libri dallo stesso autore

Intervista a Aciman André


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dario Villalta ha due grandi passioni nella vita: le vedove e i maestri del Rinascimento. Finito in una galleria d'arte milanese dov'è costretto a vendere opere contemporanee che disprezza incontrando inoltre grandi difficoltà nel reperire l'oggetto della sua stravagante passione amorosa, langue finché dal Sud arriva Vera Gallo, che è non solo una vedova devota, ma anche - parrebbe proprietaria di una inestimabile scultura di santo di Mantegna. Vera sembra dunque in grado di appagare al massimo grado entrambe le passioni del gallerista; ma non è tutto oro quel che luccica, e avremo modo di accertarcene nella girandola dì avvenimenti che si origina dalle ristrettezze in cui precipita la polputa vedova, ormai ridotta sul lastrico. Nel frattempo incontreremo una variopinta galleria di irresistibili personaggi, dal trance-psicanalista Aaron Kaminsky al padre di lui Shloime, mago e guaritore; dallo stravagante inventore Carmine Palomino alla languida pasticcerà Ritarosa Latella; dall'oligarca russo Viktor Aleksandrovic Dudorov all'esuberante Maria Sofia Madrasca, chef misconosciuta benché detentrice del segreto del pacchero estremo.

LA VEDOVA, IL SANTO E IL SEGRETO DEL PACCHERO ESTREMO

Cappelli Gaetano

Per il detesctive Harry Bosch della polizia di Los Angeles un caso irrisolto è una ferita aperta. Per questo, quando sulle colline intorno a Hollywood raffiorono le ossa di un bambino, ucciso brutalmente venti anni prima, Bosch sente di dover scoprire l'assassino a ogni costo. Con un'indagine difficile, che porta alla luce storie sepolte da tempo, Bosch riesce a scoprire l'identità del bambino e a ricostruire la vita spezzata. Sfidando l'indifferenza della polizia, già pronta ad archiviare il caso e lottando contro i fantasmi che quella vicenda suscita in lui, Bosch annaspa tra indizi contraddittori, finché, in un crescendo di colpi di scena, la verità viene a galla. In tutto il suo inimmaginabile orrore.

LA CITTA’ DELLE OSSA

Connelly Michael

Al tenue chiarore della luna, le paludi che circondano la cittadella medievale di Aigues-Mortes restituiscono alle autorità il cadavere di una donna: si tratta di Deanne Bréchet, una giornalista parigina. La polizia concentra subito i sospetti su Fabienne Lacati, una giovane ricercatrice della Sorbona che si trova nel sud della Francia per un convegno sulle crociate. Le due donne, infatti, si conoscevano bene e la sera dell'omicidio molti testimoni le hanno viste litigare furiosamente nella hall dell'albergo. Determinata a provare la propria innocenza, Fabienne scopre che, nelle settimane precedenti, la giornalista era andata spesso in quella enigmatica e affascinante città-fortezza per documentarsi sui Penitenti Grigi, un antico ordine caritatevole che esiste ancora oggi. Ma l'aspetto più inquietante della vicenda è che pure Fabienne è interessata a quella confraternita, e forse non è una coincidenza se, da mesi, le negano il permesso di visitare il luogo dove sono raccolti i registri della congregazione: la Cappella dei Penitenti Grigi. È possibile che Deanne avesse scoperto un segreto scottante, custodito proprio in quella chiesa inaccessibile? La drammatica conferma arriva quando, l'uno dopo l'altro, tutti coloro che Deanne aveva contattato muoiono in circostanze misteriose. Fabienne intuisce quindi di essere in pericolo e, con l'aiuto di Daniele Ferrara, un collega italiano, si convince che l'unico modo per salvarsi la vita è andare a caccia della verità...

La cappella dei penitenti grigi

Luini Lilli

Nulla sembra muoversi nell’assolata Minervino, patria della medium Eusapia Palladino. Finché in paese arriva il romanziere Guido Galliano, ingaggiato dal conte Ferdinando Canosa perché aiuti la volitiva moglie, Finizia, a finire il romanzo, proprio sulla vita della Palladino, cui invano lavora da anni. La cosa dovrà però accadere in segreto. Soprattutto senza che niente ne sappia Maddalena Nortano. E' infatti per contendere il primato a costei, sua rivale da quando le soffiò lo sposo sull’altare e ora, grazie ai suoi libri di storia locale, figura di spicco del Circolo “La Scesciola”, che Finizia coltiva il sogno di diventare scrittrice pur senza averne la benché minima capacità.

Una medium, due bovary e il mistero di Bocca di Lupo

Cappelli Gaetano