Narrativa

Chiara di Assisi. Elogio della disobbedienza

Maraini Dacia

Descrizione: È la storia di un incontro, questo libro intimo e provocatorio: tra una grande scrittrice che ha fatto della parola il proprio strumento per raccontare la realtà e una donna intelligente e volitiva a cui la parola è stata negata. Non potrebbero essere più diverse, Dacia Maraini e Chiara di Assisi, la santa che nella grande Storia scritta dagli uomini ha sempre vissuto all’ombra di Francesco. Eppure sono indissolubilmente legate dal bisogno di esprimere sempre la propria voce. Chiara ha dodici anni appena quando vede “il matto” di Assisi spogliarsi davanti al vescovo e alla città. È bella, nobile e destinata a un ottimo matrimonio, ma quel giorno la sua vita si accende del fuoco della chiamata: seguirà lo scandaloso trentenne dalle orecchie a sventola e si ritirerà dal mondo per abbracciare, nella solitudine di un’esistenza quasi carceraria, la povertà e la libertà di non possedere. Sta tutta qui la disobbedienza di Chiara, in questo strappo creativo alle convenzioni di un’epoca declinata al maschile. Perché, ieri come oggi, avere coraggio significa per una donna pensare e scegliere con la propria testa, anche attraverso un silenzio nutrito di idee. In questo racconto, che a volte si fa scontro appassionato, segnato da sogni e continue domande, Dacia Maraini traccia per noi il ritratto vivido di una Chiara che prima è donna, poi santa dal corpo tormentato ma felice: una creatura che ha saputo dare vita a un linguaggio rivoluzionario e superare le regole del suo tempo per seguirne una, la sua.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: La Scala

Anno: 2013

ISBN: 9788817067218

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La disobbedienza di Chiara

Come non pensare, leggendo il sottotitolo (“Elogio della disobbedienza”) dell’ultima opera (“Chiara di Assisi”) di Dacia Maraini, la “scrittrice italiana più conosciuta al mondo”, a due illustri precedenti (uno storico e l’altro biografico)?

Almeno per assonanza, viene naturale pensare a “L’elogio della follia” di Erasmo da Rotterdam – testo ritenuto importante anche per gli influssi che esercitò sulla riforma protestante – e a “La disubbidienza”, opera del 1948 di Alberto Moravia (ove la disubbidienza è quella che il quindicenne Luca Mansi, in pieno periodo fascista e nel trionfo dei valori della borghesia, oppone alla scuola, alla famiglia, al desiderio di possesso e al denaro, disobbedendo a tutto ciò che sente come “normale”).

La disubbidienza di Chiara è molto sottile e poco visibile, perché – come per Francesco – si incanala nell’ortodossia (“E la Chiesa li ha premiati, o forse anche messi al sicuro – promoveatur ut amoveatur? – proclamandoli santi… con quella capacità ingorda e intelligente, cinica e lungimirante che ha sempre avuto il potere ecclesiastico di risolvere le cose a proprio vantaggio”). Con questa premessa, Dacia Maraini conduce per mano il lettore alla scoperta della figura di Chiara, con la sua prosa lucida e guizzante, lei stessa incuriosita e intrigata nel decodificare, pagina dopo pagina, l’essenza di una disubbidienza molto rivoluzionaria.

Al pari di Francesco d’Assisi, Chiara fonda la sua scelta su un atto di ribellione e di abbandono degli agi,  per giungere “al convento di Santa Maria degli Angioli chiamato la Porziuncola. Dove Francesco l’aspetta con i suoi compagni di preghiera.”

I comportamenti di Chiara sono ispirati a povertà (“Quindi Chiara non solo andava scalza e con un saio ruvido addosso, ma si infliggeva anche dei supplizi, come il cilicio sulla pelle nuda”) e umiltà (“Quanta ne avrà bevuta, di quell’acqua lurida, la piccola volitiva Chiara?”): la conoscenza della santa viene approfondita dall’autrice sia attraverso le fonti storiche, sia attraverso l’intuizione artistica (“Stanotte l’ho sognata. Ancora una volta era lei. Aveva ragione Chiara la siciliana predicendomi che l’avrei trovata nei miei sogni come lei l’aveva trovata nei suoi”).

In cosa si sostanzia allora la disubbidienza, tanto invisibile quanto profonda, di Chiara?

La disubbidienza sarebbe una reazione (“Rispetto alla peccaminosità del sesso, persino matrimoniale, il convento era considerato il luogo ideale per la preservazione della virtù femminile”), si manifesta in attività apparentemente innocue (“La pratica dell’ago e del filo. Tipica attività muliebre che non desta sospetti, ma anzi rassicura e tranquillizza… E invece, proprio lì dove si annida la fiducia, nasce l’eversione”) e realizza una natura creativa (“Sono sicura che i suoi disegni erano bellissimi”), tenace e volitiva (“Chiara si batte come una leonessa per avere approvata ufficialmente la sua Regola. I papi nicchiano per anni…”) aggirando il rischio (“Curioso e contradditorio il rapporto di Chiara coi papi. Ossequiente, rispettoso, devoto, ma anche disubbidiente, eversivo, autonomo”) dell’eresia (in un contesto storico ove Catari e Valdesi venivano estromessi dalla chiesa, “il sacrificio di Chiara è stato ancora più doloroso, ma la sua intelligenza politica le ha suggerito la sola cosa saggia da fare: accettare ciò che le veniva imposto per destino di genere, e scavare dentro questa impostazione una libertà propria”).

Disubbidienza è anche contravvenire alle aspettative di ruolo: “Le sorelle non riuscivano realmente a capire come una badessa potesse comportarsi quale una serva.”

In fondo, come annota l’autrice, è un atteggiamento che possiamo apprezzare anche oggi in “Papa Francesco I, il nuovo pontefice venuto dalla lontana Argentina a mettere il naso nelle banche vaticane, nei sistemi di potere della Santa Sede. E lo fa con impertinenza e ironia, portando un’aria fresca che ricorda Francesco e Chiara d’Assisi.”

In “Chiara di Assisi. Elogio della disobbedienzaDacia Maraini affresca una nuova immagine di una delle figure più amate dalla gente e propone un sentimento nuovo di religiosità femminile, fondato sulla coscienza storica e sulla profondità di una cultura che affonda le radici nella mitologia (il mito di Procne), trae ispirazione dalla testimonianza protocristiana di Vibia Perpetua, passa attraverso un racconto di Pirandello (“Il treno ha fischiato”: “Quando i gesti si ripetono sempre uguali diventano invisibili, scompaiono e finiscono per assomigliare a un’eternità senza senso”) e cita l’amico Pasolini…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Maraini al Pisa Book Festival - Radioeco

[…] verso la scrittura monastica e non possiamo di certo dimenticare  il suo romanzo Chiara d’Assisi: elogio della disobbedienza, la storia di un incontro, tra una grande scrittrice che ha fatto della parola il proprio […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Dacia

Maraini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Maraini Dacia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Loro ci sono. Loro sono di là. O forse sono altrove. Se li chiami, c'è anche il rischio che rispondano. Ma con che risultato? Loro sono riconoscibilissimi - ma chi li ha visti crescere teme sempre che possano essere stati sostituiti. Inquietanti o inquieti? Loro passano gran parte del tempo in una posizione orizzontale che non è necessariamente quella del sonno. Ma certamente dormono quando gran parte del mondo è sveglia. Loro sono gli adolescenti, anzi i figli adolescenti. Così se li immagina Michele Serra: sdraiati. Gli sdraiati fanno paura, fanno tenerezza, fanno incazzare. Eppure se interrogati a volte sorprendono per intelligenza, buon senso, pertinenza. E allora? Bisogna raccontarli, guardarli, spiarli. Cosa che Michele Serra fa con l'ansia del padre, con lo spirito del moralista, con l'acutezza del comico. Gli sdraiati è un romanzo, un saggio, un'avventura. Ed è anche il "monumento" a una lunga generazione che si è allungata orizzontalmente nel mondo, nella società, e forse da quella posizione sta riuscendo a vedere cose che gli "eretti" non vedono più, non vedono ancora, hanno smesso di vedere.

Gli sdraiati

Serra Michele

L’altare dei morti

James Henry

Alcune storie per bambini, tra cui ve ne sono anche di inedite, di Elsa Morante raccolte da Giuseppe Pontremoli e illustrate dalla stessa autrice.

Le bellissime avventure di Caterí dalla trecciolina e altre storie

Morante Elsa

Il Novecento è appena iniziato in Giappone, e l'era Meiji sembra aver restituito onore e grandezza al paese facendone una nazione moderna. Per il gatto protagonista di queste pagine, però, un'oscura follia aleggia nell'aria, nel Giappone all'alba del XX secolo. Il nostro eroe vive, infatti, a casa di un professore che si cimenta in bizzarre imprese. Scrive prosa inglese infarcita di errori, recita canti no¯ō nel gabinetto, tanto che i vicini lo hanno soprannominato il «maestro delle latrine», accoglie esteti con gli occhiali cerchiati d'oro, spettegola della vita dissoluta di libertini e debosciati. Insomma, mostra a quale grado di insensatezza può giungere il genere umano in epoca moderna... Pubblicato per la prima volta nel 1905, Io sono un gatto non è soltanto un romanzo raro, che ha per protagonista un gatto, filosofo e scettico, che osserva distaccato un radicale mutamento epocale. È anche uno dei grandi libri della letteratura mondiale, la prima opera che, come ha scritto Claude Bonnefoy, inaugura il grande romanzo giapponese all'occidentale.

Io sono un gatto

Soseki Natsume