Narrativa

Chirù

Murgia Michela

Descrizione: Quando Eleonora e Chirú s'incontrano, lui ha diciotto anni e lei venti di piú. Le loro vite sembrano non avere niente in comune. Eppure è con naturalezza che lei diventa la sua guida, e ogni esperienza che condividono - dall'arte alla cucina, dai riti affettivi al gusto estetico - li rende piú complici. Eleonora non è nuova a quell'insolito tipo di istruzione. Nel suo passato ci sono tre allievi, due dei quali hanno ora vite brillanti e grandi successi. Che ne sia stato del terzo, lei non lo racconta volentieri. Eleonora offre a Chirú tutto ciò che ha imparato e che sa, cercando in cambio la meraviglia del suo sguardo nuovo, l'energia di tutte le prime volte. È cosí che salgono a galla anche i ricordi e le scorie della sua vita, dall'infanzia all'ombra di un padre violento fino a un presente che sembra riconciliato e invece è dominato dall'ansia del controllo, proprio e altrui. Chirú, detentore di una giovinezza senza piú innocenza, farà suo ogni insegnamento in modo spietato, regalando a Eleonora una lezione difficile da dimenticare. Michela Murgia torna al romanzo, e lo fa con coraggio, raccontando la tensione alla manipolazione che si nasconde anche nel piú puro dei sentimenti. Negli occhi di Eleonora e Chirú è scritta la distanza fra quello che sentiamo di essere e ciò che pensiamo di dovere al mondo: l'amore è la piú deformante delle energie, può chiederci addirittura di sacrificare noi stessi.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2015

ISBN: 9788806206338

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Evento Book City Milano 2016:
Istituto dei Ciechi
VENTI ROMANZI PER SCOPRIRE LA MILANO SEGRETA
via Vivaio 7
Sabato 19/11 / h 10:00 / Sala Barozzi
Leggere con mani e voce: reading al buio e laboratorio di lettura Braille per bambini Con Gianni Biondillo, Michela Murgia, Antonio Manzini e Cristina Mussinelli. A cura di Fondazione LIA

_______________________________________________

Chirù è il deuteragonista dell’ultimo romanzo di Michela Murgia. La protagonista rimane lei, Eleonora, attrice quarantenne che accetta di essere maestra di Chirù, violinista che rimane in ombra tanto nel talento quanto nelle velleità e nella spontaneità.

Perché Eleonora è una presenza ingombrante per il passato tragico di figlia che ha patito i soprusi di un padre violento (“In ogni famiglia c’è un membro che orienta il clima emotivo di tutti gli altri”) e di maestra che tra gli allievi annovera il suicida Nin; per il presente impegnativo (“C’è qualcosa che distingue un’infelicità qualunque, intendo quella che ti fa il vuoto intorno… dall’infelicità speciale, che è una forma di espressione spesso più attraente di certe felicità”) di persona che ha scelto la solitudine come condizione ribelle (“Ero stata capace di mandare in pezzi rapporti consolidati per dimostrare a me stessa che non avevo bisogno di nessuno per sentirmi intera”); per il futuro aperto a ogni prospettiva di artista e di donna.

Tra Cagliari, la Svezia, Praga e Firenze, Eleonora impartisce a Chirù un’educazione non soltanto sentimentale (“Se organizzi i tuoi affetti per classifiche…”): esistenziale, musicale, vitale. Fino a un finale romano al Caffè delle Arti con vista su Villa Borghese nel quale s’intravedono il dinamico punto d’arrivo di Eleonora, l’ambivalenza ambiziosa di Chirù.

Lo stile di Michela Murgia è intessuto di aforismi (“È sempre la dose che fa il veleno”) e di ossimori (“Una famiglia è il posto dove essere sangue del sangue significa essere l’uno la ferita dell’altro”), è paragrafato in tappe che non sono capitoli ma lezioni (“Tutte le relazioni sono sentimentali, Chirù”) ed è animato da una spettacolarizzazione dei dialoghi sempre arricchiti da retropensieri (“Se non si vuole rischiare di diventare sgradevoli con persone che non si conoscono non si parla di sesso né di soldi, di religione, di politica e di morte”) e psicologismi taglienti.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Michela

Murgia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Murgia Michela

La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua. Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cos'ha visto davvero Rachel?

La ragazza del treno

Hawkins Paula

Bandiere

Parlami di me. Tutti hanno un posto a cui tornare - Il romanzo di Graziella Dotta, vincitrice del concorso letterario La Quercia del Myr

Parlami di me

Dotta Graziella

Storia di tre generazioni della potente famiglia catanese degli Uzeda di Francalanza, di antica origine spagnola, pronta a tutto pur di conservare la supremazia anche nella nuova, contraddittoria Italia unita. Il capolavoro di Federico De Roberto (Napoli 1861 - Catania 1927) è uno dei rari, grandi romanzi della letteratura italiana.

I Vicerè

De Roberto Federico