Letteratura inglese

Cime tempestose

Brontë Emily

Descrizione: Capolavoro di letteratura inglese e unico romanzo di Emily Brontë, con un saggio di Virginia Woolf e la prefazione di Charlotte Brontë. Cime tempestose appare nel 1847 in una Inghilterra già frenata dai pudori vittoriani; è l'unico romanzo di una scrittrice di ventotto anni prossima alla morte perché consumata dalla tisi. Il libro, stampato in proprio e in poche copie, non desta, come del resto quelli delle sorelle, grande interesse; in seguito si imporrà come singolare capolavoro della letteratura inglese. Nella solitaria e selvaggia brughiera dello Yorkshire si consuma una tumultuosa e distruttiva passione amorosa. Tutti i tormentati contrasti che s'innescano tra gli abitanti di una agiata dimora a fondo valle e quelli di una fattoria su di un colle ventoso convergono nella figura del trovatello Heathcliff. Le contraddittorie e velenose passioni umane innestano nell'amore la sofferenza e la crudele vendetta.

Categoria: Letteratura inglese

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Classici

Anno: 2006

ISBN: 9788806181420

Recensito da Francesca Barile

Le Vostre recensioni

Scritto in piena epoca vittoriana e unico romanzo di Emily Bronte, scrittrice vissuta in un oscuro villaggio fino alla sua morte avvenuta per tisi ad appena trent’anni, “Cime tempestose” può definirsi un caso letterario, sia per la tecnica narrativa adottata che per la trama.

Protagonista della storia è un antieroe, Heathcliff, un trovatello che è preso da grande passione per Cathy, figlia del suo benefattore. Quest’ultima, però, pur ricambiando l’attrazione, preferisce rifugiarsi in un matrimonio più tranquillo con il vicino di casa, lo scialbo Linton.
Quel che segue (e che ha come protagonista anche la seconda generazione) vede Heathcliff mostrare il suo lato più oscuro, fino al congiungimento finale tra due anime e non più tra due corpi.

Romanticismo e influenze gotiche pesano sulla composizione del romanzo sia per la forte relazione esistente tra natura e stati d’animo che per la visione del villain (il cattivo), che è collegata alla figura di Heathcliff.
In merito alla tecnica di narrazione la Bronte anticipa schemi seguiti solo un secolo dopo, adottando una doppia narrazione con Nelly Dean, la governante, e mr Lockwood, un ospite, che raccontano la storia in prima persona seguendo il loro personale punto di vista e utilizzando spesso l’analessi, tutti espedienti inusuali per l’epoca, ove vigeva una narrazione di tipo classico con autore onnisciente e cronologia rigorosa.

Poco apprezzato alla sua uscita e pubblicato sotto pseudonimo maschile com’era abitudine all’epoca,  essendo interdetto alle donne di buona famiglia il lavoro, compreso quello in campo artistico, il romanzo fu compreso e grandemente amato solo a partire dalla prima metà del Novecento.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Emily

Brontë

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brontë Emily


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Michel Djerzinski e Bruno Clement sono fratellastri e sembrano essere accomunati unicamente dall'abbandono della madre. Michel è uno scienziato dedito alla biologia molecolare e vicino al Nobel. Un uomo che ha dedicato la sua esistenza agli studi scientifici che lo hanno portato all'isolamento e all'impermeabilità a qualunque emozione. Il suo sogno è riuscire a clonare gli esseri umani così da poter garantire a essi una vita perfetta. Bruno è un uomo di lettere, fa l'insegnante, è attirato dal sesso in modo morboso, ed è costretto dalla malattia a entrare e uscire dalle cliniche psichiatriche. Sia la morbosità patologica di Bruno sia l'asettica razionalità di Michel sono il risultato dell'ambiente che li circonda: un mondo fatto di solitudini e dominato dal caso in cui i desideri sembrano scaturire dagli spot pubblicitari. Nella descrizione di questo quadro apocalittico, nell'aridità di questa umanità scarnificata si intravedono scenari futuri dai risvolti inquietanti.

Le particelle elementari

Houellebecq

De Amicis, Edmondo – DAGLI APPENNINI ALLE ANDE (Cuore, 1886)

Pineta, estate; sulla spiaggia viene ritrovato il cadavere di una ragazza. Il corpo è stato alcuni giorni in mare e viene riconosciuto da un piccolo malavitoso locale di nome Marino come Olga, la badante ucraina della propria madre. Al BarLume fervono dei lavori di rifacimento e i vecchietti sono stati costretti a spostarsi nel parco pubblico. Qui si annoiano perché ci sono solo anziani e bambini, ma si consolano guardando e ascoltando il nutrito gruppo di ragazze dell’Est Europa che tutte le sere si ritrovano a chiacchierare dopo il lavoro. Iniziano a interessarsi ai loro discorsi, attaccano bottone con alcune di loro e capiscono da chi sono a servizio. Soprattutto si accorgono che entrano in agitazione quando viene ritrovato il cadavere sulla spiaggia. Captano poi strani discorsi e decidono di avvertire la commissaria. Ognuno indaga a modo suo: Alice in solitaria e con discrezione, i vecchietti facendo domande in giro… È estate e le trasmissioni TV del pomeriggio non sanno di cosa parlare, si avventano sui casi di cronaca nera in cui le vittime sono donne. Oltre a quello di Olga spicca la vicenda di una studentessa australiana venuta a Milano e scomparsa ormai da quasi un mese. Intanto qualcuno svaligia le ville di un complesso sul promontorio vicino a Pineta, una serie di abitazioni ricavate da un convento del 1200, noto come «i pini di San Giuda».

La battaglia navale

Malvaldi Marco

La guarigione, attraverso l'iniziazione sessuale, di un adolescente che non riesce a trovare un equilibrio tra sé e la realtà circostante.

La disubbidienza

Moravia Alberto