Narrativa

Le cinque stagioni dell’amore

Almino João

Descrizione: Terzo romanzo João Almino ambientato nel caos della Brasilia contemporanea, Le cinque stagioni dell’amore narra la transizione nella vita di Ana, professoressa universitaria in pensione delusa dall’ordinarietà della propria vita e in attesa di un evento che la infranga. Nel corso della storia, l’evento straordinario oggetto della ricerca di Ana si rivelerà essere la rete di relazionalità alternative che nel tempo si costruiscono attorno a lei con amici di differente classe, educazione, razza, sesso, inclinazione sessuale. Le cinque stagioni dell’amore è un’originale esplorazione della relazionalità umana e della varietà di che esso può acquistare: amicizia tra uomo e donna, amicizia tra donne, amore coniugale, attrazione sessuale, amore omosessuale, affezione materna, amicizia tra uomini. Allo stesso tempo, quest’opera racconta i cambiamenti avvenuti nelle ultime tre decadi nella giovane capitale brasiliana.

Categoria: Narrativa

Editore: Editrice il Sirente

Collana: Comunità alternative

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Brasilia è la città dove si compie il destino di un gruppo di amici – gli “inutili” come si definiscono – che, a distanza di trent’anni, alle soglie del nuovo millennio, tenendo fede ad una promessa fatta in gioventù, si ritrova a festeggiare il Capodanno e a fare un bilancio della propria vita.

Non tutti riescono ad arrivare all’incontro: i sopravvissuti riprendono i contatti e i discorsi interrotti per dare voce alle illusioni perdute e ai ricordi rimasti fermi lì nella memoria.

Ana, la protagonista, ripercorre nei mesi che precedono l’evento i tempi andati: quelli in cui, lasciati alle spalle la famiglia e il paese di origine Taimbè, si trasferì a Brasilia. Nella eclettica e tentacolare città brasiliana incrociò i destini di Helena, Maria Antonia, Chicao, Norberto, Joana, Eva, Japona e Cadu, giovani alle prese con ideali di libertà e giustizia, ben presto rimpiazzati dall’opportunità di scelte necessarie.

Brasilia era un punto libero nello spazio vuoto, con la capacità di volare e di crescere in ogni direzione. […] Le città assumono l’aria dei tempi attraverso cui passano. Brasilia, che era stata una promessa del socialismo e, per me personalmente di libertà, non si travestiva più. La desolazione delle sue città-satellite ormai la asfissiava. Respiravamo ventiquattr’ore su ventiquattro l’aria avvelenata della dittatura militare”.

Il sogno di Brasilia si frantuma contro la realtà, trasformando la città sorta a metà del secolo scorso, quale espressione di un ideale socio-politico in cui tutto sembrava potersi realizzare, in un mostro “moderno” capace di ingoiare, con la sua violenza e cieca crudeltà, la vita dei suoi abitanti. Helena scompare, Eva si suicida, Norberto si trasforma per diventare Berta e Ana si perde lungo un percorso di solitudine e atti mancati.

L’attesa che qualcosa di straordinario possa ancora accadere e risollevare le sorti di un’esistenza mediocre, spingeranno la cinquantacinquenne Ana ad aprire le porte ad una sorta di rinnovamento materiale e spirituale, che la porterà a stravolgere certezze e meccanismi ormai obsoleti.

Superato il rimpianto per il fallimento del proprio matrimonio, la protagonista di queste pagine risale la corrente degli anni per recuperare il senso di un passato trascorso e fissare, in un susseguirsi di istanti unici, il proprio presente.

Eventi imprevisti ed esperienze sconvolgenti l’aiuteranno in questa riscoperta di se stessa, dei propri desideri, della vita e dei suoi inaspettati risvolti.

Senza passato né futuro, scopro: questo è l’istante, tempo reale colmo di avvenimenti, che non corre né fugge, non avanza né indietreggia, solamente è. Questo tempo che non dura non è tempo, non finisce né dura sempre. Non passa né lo attraverso e per questo io sono semplicemente; nel frattempo sono un colpo sparato e disperso, che sotto l’impatto si frantuma”.

Le cinque stagioni dell’amore è più di un romanzo. Il pensiero e gli spunti “filosofici” dell’autore inducono ad una riflessione profonda sui nostri tempi e sulle relazioni umane. Come si è giustamente chiesto il curatore dell’opera di João Almino, Beppi Chiuppani: “Che tipo di comunità è possibile ricominciare a foggiare una volta terminata la spinta propulsiva delle utopie moderne?

Il personaggio di Ana è sdoppiato dalla necessità di sopravvivere in una realtà troppo lontana e diversa dal proprio essere: è “una sorta di esploratrice dell’etica, di eroina della socialità: attraverso i suoi molteplici legami affettivi e amorosi, Ana sdipana una riflessione, esistenziale e critica ad un tempo, che pone costantemente in relazione il polo affettivo (nelle sue molteplici espressioni di amicizia, affetto, amore) e quello sociale” come ben spiega il curatore.

Tradotto per la prima volta in Italia e pubblicato da Il Sirente, João Almino – uno dei maggiori romanzieri del Brasile – ci regala un romanzo intelligente e ben scritto. Uno scorcio di Brasilia e della modernità vista attraverso gli occhi disillusi di una donna matura alla ricerca di risposte sulla vita e sui sentimenti.

A volte è meglio avere il coraggio di ricominciare, di buttare via. Persino gli amori. Non sono il tipo da conservare quel che mi tormenta”.

Da leggere

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

João

Almino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Almino João


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Daar ha realizzato il proprio desiderio: Drona è la città ideale, creata con l'intercessione della Dama dotata di immensi poteri. A Drona, nessuno può essere infelice o manchevole di grandi virtù; ma col tempo, specularmente alla città d'Oro, dai peccati e dalle mancanze di quest'ultima se n'è formata una seconda. Mille anni ormai trascorsi dall'accordo fra Daar e la Dama, il sovrano di Drona invia Odar a recuperare lo specchio in cui egli, preda dell'ira, aveva precedentemente rinchiuso la maga - colpevole di aver preso parte all'accordo senza informare preventivamente Daar della possibile nascita della peccaminosa città speculare.

Drona

Fiandro Serena

Romanzo epocale, "Il tamburo di latta" compie cinquant'anni e conserva tutta la sua carica provocatoria. In modo umoristico e grottesco, narra la vicenda del protagonista Oskar Matzerath, il tamburino inseparabile dal suo tamburo e con una voce potentissima che manda in frantumi i vetri. Dal manicomio dove è rinchiuso Oskar rievoca la propria storia, indissolubilmente intrecciata alla storia tedesca della prima metà del Novecento. Scorrono così nel fiume del suo racconto immagini memorabili, a partire da fatti leggendari come il concepimento e la nascita della madre sotto le quattro gonne della nonna, passando per la sua venuta al mondo ricca di presagi, fino all'ascesa irresistibile del nazismo e al crollo della Germania. È stato nel giorno del suo terzo compleanno che Oskar, in odio alla famiglia, al padre, alla società ipocrita, ha deciso di non crescere più. Da quell'osservatorio particolare che è la città polacco-tedesca di Danzica e poi da Düsseldorf, grazie alla sua prospettiva anomala di nano, può guardare al mondo degli uomini dal basso e scorgerne così meglio le miserie e gli orrori, mentre la sua deformità si staglia contro la ripugnanza della normalità piccolo-borghese. Con occhi disincantati e spalancati sulla ferocia e violenza del mondo grida una rabbia che non risparmia la viltà e la corruzione di nessuno, neppure le proprie. Di questa pietra miliare della letteratura contemporanea viene ora proposta una nuova traduzione.

Il tamburo di latta

Grass Günter

Caligola. Impero e follia (dialogando con l’autore)

Forte Franco

Ampelio il nonno, Aldo l’intellettuale, il Rimediotti pensionato di destra, e il Del Tacca del Comune; sono i quattro vecchietti detective del BarLume. Attorno al nuovo biliardo sezionano gli ultimi fatti di Pineta, tra cui il terribile incidente della statale: è morto un ragazzino e sua madre è in coma profondo. Abituati a indagini e delitti i quattro si autoconvincono che non si sia trattato affatto di un incidente. Ritornano i quattro vecchietti detective del BarLume di Pineta, con il nipote Massimo il «barrista» e la brava banconista Tiziana. Dopo La briscola in cinque e Il gioco delle tre carte, con Il re dei giochi si può dire che ora siamo alla serie, sia per la caratterizzazione ben sagomata e viva di ciascun personaggio che lo rende familiare, sia per il brio naturale con cui, come un meccanismo ben avviato, funziona l’eccentrico amalgama che struttura le storie. Marco Malvaldi incardina senza sbalzi tre generi: la farsa comica della diatriba ininterrotta dei quattro amici pensionati al bar, stolidi, politicamente scorretti, malignamente affamati di pettegolezzi intorno alle abitudini dei loro compaesani; l’intreccio dell’investigazione deduttiva, da giallo logico alla, per dirne una, Miss Marple; e infine la commedia d’ambiente, che inscena più o meno intera una comunità: l’immaginario, ma realissimo, paesino di Pineta, sul litorale nei pressi di Pisa, in tutta la sua profonda toscanità, cioè l’umore popolaresco, iconoclasta, ridanciano, orgogliosamente localistico. Re dei giochi è il biliardo nuovo all’italiana giunto al BarLume. Ampelio il nonno, Aldo l’intellettuale, il Rimediotti pensionato di destra, e il Del Tacca del Comune (per distinguerlo da altri tre Del Tacca) vi si sono accampati e da lì sezionano con geometrica esattezza gli ultimi fatti di Pineta. Tra cui il terribile incidente della statale. È morto un ragazzino e sua madre è in coma profondo. Sono gli eredi di un ricchissimo costruttore. La madre è anche la segretaria di un uomo politico impegnato nella campagna elettorale. Non sembra un delitto. Manca il movente e pure l’occasione. «Anche quest’anno sembrava d’aver trovato un bell’omicidio per passare il tempo e loro vengono a rovinarti tutto». Ma la donna muore in ospedale, uccisa in modo maldestro. E sulle iperboliche ma sapienti maldicenze dei quattro ottuagenari cala, come una mente ordinatrice, l’intuizione logica del «barrista», investigatore per amor di pace.

IL RE DEI GIOCHI

Mavaldi Marco