Narrativa

Il club delle cattive ragazze

Hart Sophie

Descrizione: Torte di mele, brownies al cioccolato, muffin e tisane profumate... È questo il regno di Estelle, l’intraprendente proprietaria del Café Crumb. Ma gestire una piccola pasticceria non è facile: come allargare il giro di affari, spingendo nuovi clienti a varcare la soglia del delizioso caffè dalle tovaglie bianche e rosse? Rattristata dalla chiusura della libreria accanto al suo locale, Estelle, fervida lettrice, ha un’idea: perché non provare a risollevare le sorti del Café con un book club, affiancando ai dolci qualche buona lettura? La partenza non è delle migliori. Gli iscritti al club, oltre a Estelle, sono solo quattro: Gracie, giovane bibliotecaria femminista e fissata con la moda vintage; Rebecca, un’insegnante trentenne sposata da poco più di un anno; la neopensionata Sue, ansiosa di fuggire da casa e da un marito in pantofole, e il timidissimo Reggie, presente solo per fare ricerche per la propria tesi. Un piccolo gruppo fin troppo eterogeneo, con gusti che non potrebbero essere più diversi tra loro. Il primo libro preso in esame non scatena alcun dibattito. Estelle decide allora di giocare il tutto per tutto aggiungendo un pizzico di pepe agli incontri. La lettura successiva verterà sul bestseller del momento: una piccante storia d’amore e sesso, condita da sculacciate e frustini. Il successo è sfrenato, tanto che il book club decide di focalizzarsi solo sulla letteratura erotica. Libro dopo libro, spaziando dai classici ai casi editoriali più recenti e peccaminosi, Gracie, Rebecca, Sue, Reggie ed Estelle lasceranno da parte inibizioni e paure, dando un salutare scossone alle loro vite. Perché, come direbbe Mae West, che senso ha resistere a una tentazione, se tanto poi ce n’è subito un’altra?

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2013

ISBN: 9788807030659

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Estella, divorziata quarantenne, deve trovare un modo per salvare il suo caffè, e capisce che muffin, tè e biscotti non la aiuteranno. Allora, da fervida lettrice, decide di organizzare unbookclub per cercare di far arrivare più gente possibile nel suo locale.

Per discutere del primo libro si presentano Gracie, bibliotecaria, femminista e aggressiva; Rebecca, insegnante e sposa già annoiata dopo poco più di un anno; Sue, neopensionata in cerca di nuovi stimoli e Reggie, uomo, timidissimo che si presenta solo per fare ricerche per la sua tesi.

Il primo libro scelto è Tess dei d’Uberville e il dibattito non prende il via. Estella allora, anche grazie a una piccola gaffe, decide di virare sulla letteratura erotica, visto che quella dei classici non dà i risultati sperati. Nonostante lo shock iniziale, i partecipanti accettano la sfida e il bookclub erotico prende vita e diventa anche una scusa per far sì che queste cinque vite si intreccino, si mettano in gioco, evolvano.

Il punto della questione è: possono veramente dei libri erotici, considerati lo scarto della letteratura, cambiare le vite delle protagoniste? Sophie Hart ci dice, partendo dalla falsa riga delle 50 sfumature, che se cominciassimo a considerare il nostro corpo da un punto di vista diverso, riusciremmo a sentirci molto molto più sereni con noi stessi.

Sue decide di dare una bella svolta alla sua vita per capire se c’è qualcosa da salvare, Rebecca si accorge che deve mettere un po’ di ‘pepe’ nella sua vita matrimoniale per non finire come Sue, Gracie capisce che mostrarsi un po’ più vulnerabili non è un peccato e Reggie l’aiuterà in questa scoperta, mettendo da parte la timidezza.

Estella, oltre a salvare il suo caffè, decide di andare avanti con la sua vita, accorgendosi che la felicità è davvero a portata di mano: basta solo alzare gli occhi da terra e accompagnare un po’ più spesso suo figlio agli allenamenti di calcio.

Il club delle cattive ragazze è un libro semplice, che si legge velocemente e che dà molti suggerimenti nel caso ci si volesse avvicinare alla letteratura erotica. Anche solo per liberarsi dal pregiudizio di imbattersi solo in frustini, manette e sottomesse.

Un libro che ci parla anche delle donne e di come è fondamentale accettarsi per accettare e per lasciarsi alle spalle un po’ di inibizioni, non solo sessuali. Una lettura divertente, che dice poco ma che fa capire tanto, sfrontata quanto basta e che fa piacevolmente compagnia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sophie

Hart

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hart Sophie

Genova, 1964. Hanno vent'anni o poco più, sono senza scrupoli e scalpitano per diventare i padroni della città. Il loro tirocinio è stato la strada - scippi, furti, piccole rapine violente nei caruggi - e ora, mentre l'Italia cambia e soffia il vento di nuove rivoluzioni, Caio, Parodi, Criss, Albino, Pumas e Michele sono pronti a dare l'assalto al cielo criminale di Genova, spazzando via la vecchia malavita al ritmo di Beatles e Rolling Stones. La loro è una banda di fratelli, tutti con la stessa violenta brama di emergere ma con un capo riconosciuto: Caio. Il carisma del leader ce l'ha anche Mauro, detto il Moro: nato come gli altri ragazzi nei vicoli, e nell'immediato dopoguerra, perciò frutto delle colpe e delle storie disperate di chi lo ha messo al mondo, forma con Vittorio una coppia criminale diversa, che rispetta le leggi non scritte della strada. Ma quando i percorsi delle due bande si incrociano, tra pestaggi in galera, risse nelle bische e rapimenti messi a segno, la scia di sangue che si lasciano dietro degenera presto in una serrata caccia agli uomini che ha come teatro il cuore della città.

Il sangue dei padri

Fabro Giuseppe

Ernesto Cervicati si è sempre occupato di zia Antonia. L'ha tenuta in casa finché lei - ormai anziana - non ha preferito trasferirsi nella Casa di Riposo di Bellano, un po' per non gravare troppo sul nipote, un po' per pudore. Antonio, fratello di Ernesto, della zia non ne ha mai voluto sapere, impegnato com'è con sua moglie Augusta, vogliosa e ossigenata. Finché un giorno Antonio non decide che è venuto il momento di occuparsi dell'anziana parente. Certo, non è ricca, ma si può sempre sperare in qualche briciola di eredità...

ZIA ANTONIA SAPEVA DI MENTA

Vitali Andrea

Un uomo misterioso, scrittore di gialli di scarso successo, 65 anni, sapendo di non avere molto da vivere a causa di un cancro ai polmoni, decide che come ultimo atto della sua esistenza compirà un gesto spettacolare che tramanderà la sua memoria ai posteri: un omicidio perfetto. Non uno soltanto, tre. Ucciderà tre donne diverse, già individuate, accomunate dal fatto di avere i capelli rossi. L'assassino ha intenzione di mettere per iscritto dettagliatamente il suo operato e di avvertire via lettera le tre donne della loro sorte imminente per vedere come si comporteranno. L'uomo, servendosi della favola di Cappuccetto Rosso nella sua versione originale e cruenta, avverte le tre donne che il lupo cattivo è sulle loro tracce e che le ucciderà, senza specificare quando, come o dove. Nel momento in cui arrivano le lettere con l'annuncio di morte le tre donne reagiscono in modi diversi. L'uomo non vuole soltanto uccidere, vuole fare una ricerca e una riflessione approfondita sul periodo che precederà la morte. La sfida che si trova di fronte è cercare di aggirare e superare tutti i mezzi e modi in cui le sue tre vittime tenteranno di salvarsi da lui, per questo dovrà avvicinarsi a loro mantenendo il suo anonimato, per prevenire le loro mosse. Nessuno ha mai tentato prima un'operazione simile: tre vittime diverse, in tre luoghi diversi, destinate a tre morti diverse, tutte nello stesso giorno a poche ore di distanza l'una dall'altra. Ma anche il lupo cattivo può sottovalutare...

Un finale perfetto

Katzenbach John

Le donne sono come farfalle che un giorno, nonostante tutto, spiccheranno il volo. Alcune tacciono e accettano quel che la società impone loro, come la madre di Nadia, la protagonista del romanzo, o come Aisha, che tace e obbedisce ai fratelli, ma alla fine si suicida. Nadia invece non tace, non vuole tacere. Figlia di un kuwaitiano e di una siriana, per un breve periodo sembra subire anche lei la volontà altrui, ma sarà per poco. La famiglia la obbliga a sposarsi con un uomo molto più vecchio, un kuwaitiano con un matrimonio alle spalle e dei figli a carico, che le rovina i giorni migliori della vita. Ma Nadia non vuole soccombere al dolore e alle sofferenze, anzi, vuole liberarsene. Alla morte del vecchio eredita le sue ricchezze e riprende possesso della sua vita. Si iscrive all'università e conosce il professor Gawad, sposato con un'americana che continua a vivere negli Stati Uniti. Lui la corteggia, ma Nadia rifiuta di avere una relazione segreta...

Il messaggio segreto delle farfalle

Al-'Uthman Layla