Narrativa

Il club delle cattive ragazze

Hart Sophie

Descrizione: Torte di mele, brownies al cioccolato, muffin e tisane profumate... È questo il regno di Estelle, l’intraprendente proprietaria del Café Crumb. Ma gestire una piccola pasticceria non è facile: come allargare il giro di affari, spingendo nuovi clienti a varcare la soglia del delizioso caffè dalle tovaglie bianche e rosse? Rattristata dalla chiusura della libreria accanto al suo locale, Estelle, fervida lettrice, ha un’idea: perché non provare a risollevare le sorti del Café con un book club, affiancando ai dolci qualche buona lettura? La partenza non è delle migliori. Gli iscritti al club, oltre a Estelle, sono solo quattro: Gracie, giovane bibliotecaria femminista e fissata con la moda vintage; Rebecca, un’insegnante trentenne sposata da poco più di un anno; la neopensionata Sue, ansiosa di fuggire da casa e da un marito in pantofole, e il timidissimo Reggie, presente solo per fare ricerche per la propria tesi. Un piccolo gruppo fin troppo eterogeneo, con gusti che non potrebbero essere più diversi tra loro. Il primo libro preso in esame non scatena alcun dibattito. Estelle decide allora di giocare il tutto per tutto aggiungendo un pizzico di pepe agli incontri. La lettura successiva verterà sul bestseller del momento: una piccante storia d’amore e sesso, condita da sculacciate e frustini. Il successo è sfrenato, tanto che il book club decide di focalizzarsi solo sulla letteratura erotica. Libro dopo libro, spaziando dai classici ai casi editoriali più recenti e peccaminosi, Gracie, Rebecca, Sue, Reggie ed Estelle lasceranno da parte inibizioni e paure, dando un salutare scossone alle loro vite. Perché, come direbbe Mae West, che senso ha resistere a una tentazione, se tanto poi ce n’è subito un’altra?

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2013

ISBN: 9788807030659

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Estella, divorziata quarantenne, deve trovare un modo per salvare il suo caffè, e capisce che muffin, tè e biscotti non la aiuteranno. Allora, da fervida lettrice, decide di organizzare unbookclub per cercare di far arrivare più gente possibile nel suo locale.

Per discutere del primo libro si presentano Gracie, bibliotecaria, femminista e aggressiva; Rebecca, insegnante e sposa già annoiata dopo poco più di un anno; Sue, neopensionata in cerca di nuovi stimoli e Reggie, uomo, timidissimo che si presenta solo per fare ricerche per la sua tesi.

Il primo libro scelto è Tess dei d’Uberville e il dibattito non prende il via. Estella allora, anche grazie a una piccola gaffe, decide di virare sulla letteratura erotica, visto che quella dei classici non dà i risultati sperati. Nonostante lo shock iniziale, i partecipanti accettano la sfida e il bookclub erotico prende vita e diventa anche una scusa per far sì che queste cinque vite si intreccino, si mettano in gioco, evolvano.

Il punto della questione è: possono veramente dei libri erotici, considerati lo scarto della letteratura, cambiare le vite delle protagoniste? Sophie Hart ci dice, partendo dalla falsa riga delle 50 sfumature, che se cominciassimo a considerare il nostro corpo da un punto di vista diverso, riusciremmo a sentirci molto molto più sereni con noi stessi.

Sue decide di dare una bella svolta alla sua vita per capire se c’è qualcosa da salvare, Rebecca si accorge che deve mettere un po’ di ‘pepe’ nella sua vita matrimoniale per non finire come Sue, Gracie capisce che mostrarsi un po’ più vulnerabili non è un peccato e Reggie l’aiuterà in questa scoperta, mettendo da parte la timidezza.

Estella, oltre a salvare il suo caffè, decide di andare avanti con la sua vita, accorgendosi che la felicità è davvero a portata di mano: basta solo alzare gli occhi da terra e accompagnare un po’ più spesso suo figlio agli allenamenti di calcio.

Il club delle cattive ragazze è un libro semplice, che si legge velocemente e che dà molti suggerimenti nel caso ci si volesse avvicinare alla letteratura erotica. Anche solo per liberarsi dal pregiudizio di imbattersi solo in frustini, manette e sottomesse.

Un libro che ci parla anche delle donne e di come è fondamentale accettarsi per accettare e per lasciarsi alle spalle un po’ di inibizioni, non solo sessuali. Una lettura divertente, che dice poco ma che fa capire tanto, sfrontata quanto basta e che fa piacevolmente compagnia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sophie

Hart

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hart Sophie

Il volume raccoglie due dei più importanti romanzi di Joseph Roth. Nella Leggenda del santo bevitore Andreas, un clochard, vive sotto i ponti di Parigi. Quando un misterioso passante gli dona una piccola somma di denaro, egli la accetta promettendo di restituirla la domenica successiva con un'offerta in chiesa. Ogni volta che ha in tasca il denaro sufficiente per saldare il suo debito, però, Andreas non resiste alla tentazione di usarlo per rincorrere vizi e piaceri e la restituzione di quei duecento franchi diventa la sua tormentata ragione di esistere. Da questo racconto, tradotto in tutto il mondo e considerato il testamento letterario di Roth, è tratto l'omonimo film di Ermanno Olmi. In Fuga senza fine, Franz Tunda, tenente dell'esercito austriaco, viene fatto prigioniero dai russi e riesce a salvarsi grazie all'aiuto di un mercante di pellicce siberiano, che lo nasconde in casa sua. A guerra finita, Franz, dopo molte peripezie e avventure sentimentali, ritorna finalmente in Austria, ma ormai non è più lo stesso. Metafora del disincanto e dello smarrimento che ha colpito la generazione vissuta in Europa tra le due guerre, questo breve e intenso romanzo è considerato il più autobiografico tra quelli di Roth.

FUGA SENZA FINE

Roth Joseph

Valentina è una neonata imprigionata nel corpo di un'adulta. A causa di una rara malattia genetica, la sindrome di Rett, vive, fin dalla nascita, in un mondo ovattato, senza la possibilità di parlare, camminare... completamente in balia di chi si prende cura di lei. Assorbe, come una spugna, gli stati d'animo delle persone che ha attorno: felicità, tristezza o dolore. Comunica solo con gli occhi, usa lo sguardo per richiamare l'attenzione, per scegliere ciò che vuole o che non vuole. La sua giornata, con l'immancabile sottofondo musicale, è scandita da movimenti ripetitivi e sempre uguali. Questa è la sua storia ed è anche la storia della sua famiglia che, a volte col sorriso, a volte con il pianto, ha imparato a convivere con la consapevolezza di essere stata scelta per un compito diverso, difficile e impegnativo.

Solo con gli occhi

Vignolo Claudia

"Io mi chiamo Silvano ma la provincia è sempre pronta a trovare un soprannome. E da Silvano a Silver la strada è breve". Con la sua voce dimessa e magnetica, sottolineata da una nota sulfurea e intrisa di umorismo amaro, il protagonista ci porta dentro una storia che, lette le prime righe, non riusciamo piú ad abbandonare. Con "Tre atti e due tempi" Giorgio Faletti ci consegna un romanzo composto come una partitura musicale e teso come un thriller, che toglie il fiato con il susseguirsi dei colpi di scena mentre ad ogni pagina i personaggi acquistano umanità e verità. Un romanzo che stringe in unità fili diversi: la corruzione del calcio e della società, la mancanza di futuro per chi è giovane, la responsabilità individuale, la qualità dell'amore e dei sentimenti in ogni momento della vita, il conflitto tra genitori e figli. E intanto, davanti ai nostri occhi, si disegnano i tratti affaticati e sorridenti di un personaggio indimenticabile. Silver, l'antieroe in cui tutti ci riconosciamo e di cui tutti abbiamo bisogno.

TRE ATTI E DUE TEMPI

Faletti Giorgio

Le storie vere di Flora Tristan, attiva socialista e fondatrice dell'Unione Universale delle Operaie e degli Operai, e suo nipote Paul Gauguin, legati dal grande sogno dell'Utopia di una società liberata dalle ingiustizie sociali e riconquistata alla bellezza artistica.

IL PARADISO E’ ALTROVE

Llosa Mario Vargas