Narrativa

Il club delle cattive ragazze

Hart Sophie

Descrizione: Torte di mele, brownies al cioccolato, muffin e tisane profumate... È questo il regno di Estelle, l’intraprendente proprietaria del Café Crumb. Ma gestire una piccola pasticceria non è facile: come allargare il giro di affari, spingendo nuovi clienti a varcare la soglia del delizioso caffè dalle tovaglie bianche e rosse? Rattristata dalla chiusura della libreria accanto al suo locale, Estelle, fervida lettrice, ha un’idea: perché non provare a risollevare le sorti del Café con un book club, affiancando ai dolci qualche buona lettura? La partenza non è delle migliori. Gli iscritti al club, oltre a Estelle, sono solo quattro: Gracie, giovane bibliotecaria femminista e fissata con la moda vintage; Rebecca, un’insegnante trentenne sposata da poco più di un anno; la neopensionata Sue, ansiosa di fuggire da casa e da un marito in pantofole, e il timidissimo Reggie, presente solo per fare ricerche per la propria tesi. Un piccolo gruppo fin troppo eterogeneo, con gusti che non potrebbero essere più diversi tra loro. Il primo libro preso in esame non scatena alcun dibattito. Estelle decide allora di giocare il tutto per tutto aggiungendo un pizzico di pepe agli incontri. La lettura successiva verterà sul bestseller del momento: una piccante storia d’amore e sesso, condita da sculacciate e frustini. Il successo è sfrenato, tanto che il book club decide di focalizzarsi solo sulla letteratura erotica. Libro dopo libro, spaziando dai classici ai casi editoriali più recenti e peccaminosi, Gracie, Rebecca, Sue, Reggie ed Estelle lasceranno da parte inibizioni e paure, dando un salutare scossone alle loro vite. Perché, come direbbe Mae West, che senso ha resistere a una tentazione, se tanto poi ce n’è subito un’altra?

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2013

ISBN: 9788807030659

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Estella, divorziata quarantenne, deve trovare un modo per salvare il suo caffè, e capisce che muffin, tè e biscotti non la aiuteranno. Allora, da fervida lettrice, decide di organizzare unbookclub per cercare di far arrivare più gente possibile nel suo locale.

Per discutere del primo libro si presentano Gracie, bibliotecaria, femminista e aggressiva; Rebecca, insegnante e sposa già annoiata dopo poco più di un anno; Sue, neopensionata in cerca di nuovi stimoli e Reggie, uomo, timidissimo che si presenta solo per fare ricerche per la sua tesi.

Il primo libro scelto è Tess dei d’Uberville e il dibattito non prende il via. Estella allora, anche grazie a una piccola gaffe, decide di virare sulla letteratura erotica, visto che quella dei classici non dà i risultati sperati. Nonostante lo shock iniziale, i partecipanti accettano la sfida e il bookclub erotico prende vita e diventa anche una scusa per far sì che queste cinque vite si intreccino, si mettano in gioco, evolvano.

Il punto della questione è: possono veramente dei libri erotici, considerati lo scarto della letteratura, cambiare le vite delle protagoniste? Sophie Hart ci dice, partendo dalla falsa riga delle 50 sfumature, che se cominciassimo a considerare il nostro corpo da un punto di vista diverso, riusciremmo a sentirci molto molto più sereni con noi stessi.

Sue decide di dare una bella svolta alla sua vita per capire se c’è qualcosa da salvare, Rebecca si accorge che deve mettere un po’ di ‘pepe’ nella sua vita matrimoniale per non finire come Sue, Gracie capisce che mostrarsi un po’ più vulnerabili non è un peccato e Reggie l’aiuterà in questa scoperta, mettendo da parte la timidezza.

Estella, oltre a salvare il suo caffè, decide di andare avanti con la sua vita, accorgendosi che la felicità è davvero a portata di mano: basta solo alzare gli occhi da terra e accompagnare un po’ più spesso suo figlio agli allenamenti di calcio.

Il club delle cattive ragazze è un libro semplice, che si legge velocemente e che dà molti suggerimenti nel caso ci si volesse avvicinare alla letteratura erotica. Anche solo per liberarsi dal pregiudizio di imbattersi solo in frustini, manette e sottomesse.

Un libro che ci parla anche delle donne e di come è fondamentale accettarsi per accettare e per lasciarsi alle spalle un po’ di inibizioni, non solo sessuali. Una lettura divertente, che dice poco ma che fa capire tanto, sfrontata quanto basta e che fa piacevolmente compagnia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sophie

Hart

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hart Sophie


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ksenia, giovane e bella siberiana, è costretta dalla povertà e dalla mancanza di prospettive a credere ciecamente a un fascinoso italiano che le ha promesso un matrimonio da favola. Un atroce inganno che la rende prigioniera del suo stesso sogno. Da sola non ce la farebbe a uscire dall'incubo ma con l'aiuto di Luz, Eva e di un'altra misteriosa donna, il riscatto può avere inizio e la vendetta compiersi. Senza esclusione di colpi.

Le Vendicatrici: Ksenia

Carlotto Massimo, Videtta Marco

DUE NON E’ IL DOPPIO DI UNO – di Elettra Groppo

Una sparatoria in pieno giorno sulla porta di un bar nella periferia di Brescia. E, mentre una Vespa si allontana a tutto gas verso la tangenziale, un barbone che passava di lì per caso si accascia sul marciapiede. Sembrerebbe una faccenda di poco conto, eppure... Subito emergono alcune stranezze: se si trattava di un vagabondo, perché allora indossava una camicia cifrata e di ottima fattura e aveva le unghie dei piedi curate? E come mai è stato colpito da ben due colpi, uno di striscio alla spalla e l'altro, letale, in pieno viso? Un proiettile vagante passi, ma due... I conti non tornano per il commissario Miceli, che, in assenza del commissario titolare Grazia Bruni, è stato reintegrato a tempo pieno, con buona pace della sospirata e sempre più lontana pensione. E, come sempre, quando i conti non tornano, Miceli chiama in aiuto il suo vecchio amico, l'inossidabile ex giudice Petri. Nonostante le flebili, se non quasi inesistenti tracce - un anonimo mazzo di fiori di campo lasciato chissà da chi sul luogo del delitto -, i due investigatori riusciranno a dare corpo a un caso che rischiava di scomparire, come la sua vittima.

Fiori per un vagabondo

Simoni Gianni

Varsavia, 1940. Adam aveva nove anni ed era alto un metro e ventisei; misurare la sua altezza era uno dei passatempi con cui lui e lo zio ingannavano la monotonia della vita nel ghetto. È nel filo spinato che separa quell'isola dimenticata nel cuore della città dal mondo esterno che, all'alba di un gelido mattino d'inverno, viene ritrovato il suo corpo senza vita: nudo, la gamba destra amputata sotto il ginocchio. Poi è la volta di Anna, quindici anni: anche lei è stata gettata nel filo spinato, ma a mancarle è la mano destra. In entrambi i casi, nelle parti mutilate la pelle presentava macchie o strane anomalie. La lotta quotidiana per la sopravvivenza non dà il tempo di soffermarsi sulle analogie che legano i due delitti: quando l'orrore è all'ordine del giorno, analizzarne i dettagli è una pratica che può condurre alla follia. Eppure, proprio nei particolari si scorge la strada verso la verità, e solo la ricerca della verità può in qualche modo placare il dolore e il senso di colpa di Erik Cohen, zio di Adam nonché psichiatra nella precedente vita da uomo libero. Quando Adam è scomparso, era lui a doverlo tenere d'occhio; è stato lui, dietro tanta insistenza da parte del bambino, che si annoiava in casa, a dargli il permesso di uscire a giocare, facendogli promettere di non allontanarsi dalla strada, neanche se i marziani fossero atterrati sulla sinagoga e avessero chiesto a lui in persona di negoziare un trattato di pace. L'uomo inizia un'indagine personale.

Gli anagrammi di Varsavia

Zimler Richard