Narrativa

COLAZIONE DA DARCY

McNamara Ali

Descrizione: Quando Darcy McCall perde l'adorata zia Molly, l'ultima cosa che si aspetta è ricevere in eredità... un'isoletta in mezzo al mare! Sperduta al largo delle coste occidentali dell'Irlanda, l'isola di Tara è rimasta disabitata per anni ma, secondo le ultime volontà della zia, Darcy dovrà restarci a vivere per almeno dodici mesi se vuole ereditare la proprietà. Un bel colpo, non c'è che dire, per la povera ragazza, che improvvisamente dovrà dire addio alla frenetica vita metropolitana e abbandonare per sempre le sue belle décolleté con il tacco, in cambio di un paio di comodissime galosce antipioggia! Una volta sull'isola, Darcy non dovrà affrontare soltanto i mille problemi pratici di una landa di terra in mezzo al mare, ma si troverà alle prese anche con una difficile scelta: chi, tra l'affascinante Conor e il testardo Dermot - due abitanti dei quali l'isola si è popolata dopo il suo arrivo - saprà farla sentire davvero a casa?

Categoria: Narrativa

Editore: Newton Compton

Collana: Anagramma

Anno: 2012

ISBN: 9788854137622

Trama

Le Vostre recensioni

Darcy è una giovane giornalista dipendente non solo dalla sua capo redattrice, ma soprattutto dai dettami della moda. Sempre attenta al suo aspetto fisico e alle ‘firme’ che indossa, usa spesso la perfetta compostezza del suo aspetto per mascherare la complessità profonda del suo carattere e dei propri sentimenti.Riesce a impedirsi di esternarli persino quando le giunge la notizia della morte della sua carissima zia Molly, unico membrodella sua famiglia. Non piange Darcy al funerale della zia e si rammarica per questo. Non riesce a reagire quando un avvocato le comunica la strabiliante notizia che la zia le ha lasciato in eredità una meravigliosa isola. Una fortuna incredibile che dà una svolta decisiva alla vita della nostra giovane protagonista, più di quanto si possa immaginare. Per ereditare Tara, infatti, la giovane dovrà vivere sull’isola ormai deserta insieme a una eterogenea comunità di quindici persone che lei stessa dovrà aggregare. Riuscirà a portare a termine questa incredibile missione? Riuscirà a far rivivere la meravigliosa isola e a entrarne in possesso? Darcy farà molto di più di tutto questo, troverà la sua vera identità e incontrerà l’amore, quello vero.

Ali McNamara narra questa storia con sorprendente scorrevolezza e stuzzicante ironia. E’ facile per il lettore lasciarsi trasportare con la protagonista sulla suggestiva isola irlandese e osservare con lei i delfini nuotare nel gelido mare d’inverno. E’ altrettanto facile restare affascinati dalla tridimensionalità di alcuni personaggi e divertirsi ed emozionarsi condividendo le loro avventure. Forse, per gli animi più romantici, questo romanzo pecca un po’ nel finale che, se pur piacevole, manca di quella punta di coinvolgimento in più che non guasterebbe.

“Colazione da Darcy” resta comunque una lettura godibile e frizzante. Peccato per qualche refuso di troppo che puó far storcere il naso al lettore più attento.

Ali McNamara cominció a scrivere nel 2002, quasi per caso, interagendo con altre fan sul sito del cantante Ronan Keating. Quelli che all’inizio erano semplici pensieri, presero le sembianze di una vera e propria storia e attirarono migliaia di contatti. 

Il suo libro d’esordio “From Notthing Hill with Love…Actyally” è stato un grande successo in Inghilterra e sarà presto pubblicato in Italia dalla Newton & Compton. 

“Colazione da Darcy” è il suo secondo romanzo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ali

Mcnamara

Libri dallo stesso autore

Intervista a McNamara Ali


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ascolta solo la mia voce e nient’altro. Presto inizierò il conto alla rovescia… Entrerai in casa. La vedrai. E non avrai paura. Si chiama Erik Maria Bark ed è l’ipnotista più famoso di Svezia. È a lui che si rivolge la polizia quando un testimone è sotto shock e non parla. Adesso c’è un paziente che ha bisogno di lui: Björn è l’unico a sapere cos’è successo veramente in casa sua, cosa è accaduto a sua moglie, Susanna, e quali siano le tracce che lui stesso ha inavvertitamente cancellato. Sa tutto, ma non riesce a ricordare. E Björn deve ricordare, in fretta. Perché Susanna è solo l’ultima vittima di un killer che sta terrorizzando Stoccolma e che presto colpirà di nuovo. Il killer osserva, assedia. Filma tutto e invia il video alla polizia, come per sfidare le forze dell’ordine. Poi entra in casa, insegue le vittime stanza dopo stanza, e uccide. Perché è la morte in persona, e ha la certezza di essere inafferrabile. Erik Maria Bark è l’unica persona in grado di scovare, nella mente di Björn, degli indizi che permettano di fermare la strage. Quello che Erik non sa è che durante l’ipnosi emergeranno dei dettagli che lo riguardano. Dettagli del suo passato. Dettagli incriminanti. Quello che Erik non sa è che l’unica persona che si fidava di lui, l’unico poliziotto capace di raccogliere la sfida del killer, non può più aiutarlo. Il poliziotto si chiama Joona Linna ed è scomparso nel nulla da un anno. È stato dichiarato morto dalle autorità. E l’ipnotista deve affrontare da solo l’orrore che si annida nella sua stessa mente.

Nella mente dell’ipnotista

Kepler Lars

Napoli, Eremo dei Camaldoli; Vinicio Lamia, editore fallito e morfinomane, scopre l'archetipo di tutti i libri sacri, Nekros. "É il più sconosciuto dei testi poiché contiene la chiave di tutti gli altri; è alla portata di chiunque ma nessuno sa dove sia". Pubblicarlo sarà pericoloso: niente inchiostro né carta, solo sangue e pelle umana. Un vecchio avventuriero gesuita, una vedova avvenente e un amico ben armato, lo seguiranno per aiutarlo; o per impedirgli di rivoluzionare ogni principio teologico.

NEKROS

Ciaccio Ugo

Due romanzi brevi, "Atti impuri" e "Amado mio", entrambi autobiografici, della prima giovinezza friulana; il secondo è già un racconto compiuto, chiuso nella vicenda di un incontro estivo, un amore scandaloso e apparentemente fallito, tra i balli pomeridiani, le spiagge selvatiche e gli ambienti de "Il sogno di una cosa". Il primo - che dello stesso tema è una variante sofferta - si presenta come testo restaurato, ricavato da tormentate stesure dattiloscritte, che rivelano un assillo più profondo, una scelta difficile di natura non soltanto personale ma ideologica. Con uno scritto di Attilio Bertolucci.

Amado mio

Pasolini Pier Paolo

"Alessandria finalmente! Alessandria goccia di rugiada. Esplosione di nubi bianche. Sei come un fiore in boccio bagnato da raggi irrorati dall'acqua del cielo. Cuore di ricordi impregnati di miele e di lacrime." Inizia così la storia del Miramar, la pensione di un'eleganza un po' decaduta che conserva le tracce di un passato grandioso sotto le macchie d'umidità. Ma la vera protagonista è Alessandria, che offre un ritratto complesso e profondo dell'Egitto, della sua anima contraddittoria e problematica, con un senso di nostalgia che sa tuttavia mescolarsi al sorriso. Al Miramar i clienti sfilano davanti al lettore, incarnando le diverse anime della società egiziana. In un continuo altalenare tra passato e presente, di voce narrante in voce narrante, sfilano le storie dei diversi ospiti: Amer Wagdi, vecchio giornalista in pensione che ha militato nel partito nazionalista liberale e ora fa ritorno dopo vent'anni al Miramar per stabilirvisi e non ripartire più, l'anziano esponente dell'aristocrazia Tolba Marzuq, il giovane conquistatore Sarhan al-Buheyri, il proprietario terriero Hosni Allam, l'annunciatore di Radio Alessandria Mansur Bahi, oltre alla padrona della pensione, madame Marianna, e alla sua domestica, Zahra, una bella giovane contadina le cui relazioni con gli altri rispecchiano simbolicamente le principali realtà politiche e sociali del paese.

Miramar

Mahfuz Nagib