Giallo - thriller - noir

Colpo di sole

Roth Silvia

Descrizione: Un'ondata di caldo anomalo sta soffocando la cittadina di Wiesbaden e uno stupratore seriale ha già colpito quattro volte. Il commissario Hendrik Verhoeven e la sua collega Winnie Heller stanno indagando sul quinto stupro. Ma questa volta tutto è diverso. E non solo perché c'è un morto. La stampa ha già battezzato il serial killer l'artista: le sue capacità di spiare le donne e di penetrare inosservato nelle loro case sono fuori dal comune. Per questo è alquanto strano che nell'ultimo caso abbia dovuto sparare al marito della vittima. Perché la giovane russa è stata violentata anche se appare al di fuori dello schema delle vittime precedenti? E come mai proprio in questo caso è stato sorpreso dal marito? Tante le domande, che però non si pongono solo gli inquirenti. Anche l'artista è a caccia, perché c'è qualcuno che cerca di incolparlo di un omicidio che lui non ha commesso.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: BookSalad

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788898067091

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

A Wiesbaden uno stupratore seriale colpisce quattro donne senza lasciare traccia. È così bravo che i giornalisti lo chiamano l’Artista.

Le sue vittime non sono collegate da un filo logico… In base a cosa le sceglie?

E se qualcuno mai gli avesse domandato cosa avevano in comune tutte quelle donne, lui avrebbe semplicemente risposto: “Erano lì”. Erano lì in un modo particolare, presenti, partecipi…”

Un giorno qualcosa va storto e alla quinta violenza segue la morte di un uomo.

L’Artista si trova coinvolto in una vicenda complicata: non è stato lui a sparare, perché l’uomo in casa non c’era. Aveva abusato di sua moglie e l’aveva lasciata esanime sul pavimento, ma non l’aveva nemmeno incontrato. Con quella morte non aveva niente da spartire.

Colpo di sole di Silvia Roth fa parte della collana Angst (Paura), dedicata a Thriller di autori tedeschi, e proprio la paura e la suspence sono la chiave dell’intreccio.

“Sebbene da quel lato l’illuminazione non fosse ottimale, Ricarda riuscì a scorgere chiaramente l’ombra di un’auto. Un’auto scura e piuttosto grande. Ma quello che davvero la colpì, non fu l’auto in sé ma il fatto che viaggiava a fari spenti. Scivolò via silenziosa come un pesce predatore; un’ombra veloce.

“Mamma, che c’è?”

Ricarda restò in silenzio. In altre circostanze, avrebbe risposto  con un “Niente, va tutto bene” ma quelle parole proprio non volevano uscirle di bocca.

“L’hai visto?” le domandò Leah impaurita.

“Chi?” E con un filo di voce Leah rispose:”Il leone.”

Ricarda non rispose. Quello che avrebbe voluto dirle, era impossibile pronunciare. Non poteva dirlo a una bambina di appena sei anni.”

Le donne respirano quasi la presenza dello stupratore che le sta per colpire; il carnefice teme di essere stato incastrato e di non trovare via d’uscita; le vittime e i loro cari sono impigliati nel tentativo di lasciarsi l’orrore alle spalle.

Il libro inizia con una buona marcia, ma il finale è senza dubbio migliore.

Il lettore accelera il passo perché spera nella conclusione rassicurante, ma pian piano capisce che il peggio deve ancora venire. Grazie all’abilità dell’autrice, la realtà, seppur letteraria, supera la sua fantasia. Infatti ciò che ha immaginato fino a quel momento non è niente in confronto a quello che accade.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Silvia

Roth

Libri dallo stesso autore

Intervista a Roth Silvia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Stoner

Williams John

“La moglie del colonnello” è il terzo romanzo di Montaner, pubblicato per la prima volta in Italia, dopo aver riscosso un grande successo di critica e di pubblico in Spagna, USA e America Latina. L’edizione inglese è stata un best-seller di vendite sul portale Amazon. È la storia tragica e universale di un adulterio e delle sue conseguenze, raccontata con una prosa chiara e diretta. Montaner approfitta di un tema universale come l’adulterio, per analizzare la repressione della sessualità a Cuba. “La moglie del colonnello” è un romanzo erotico, un thriller carico di suspense, che parla d’amore, adulterio, desiderio e solitudine, esplorando i meandri della sessualità umana. Nella seconda parte il libro è ambientato in una Roma ricca di fascino e di rovine d’un glorioso passato.

LA MOGLIE DEL COLONNELLO

Montaner Carlos Alberto

"'Come un'Odissea' ha come sottotitolo "appunti di viaggio", non un viaggio vero e proprio ma le impressioni di esso scolpite nella mente della protagonista, che è però poeta e sceglie le parole come mezzo per fissare le sue immagini non una macchina fotografica né una cinepresa: è soggetto, mezzo e scopo. Il riferimento è chiaro: Itaca è la meta che dà senso al viaggio, ma dopo non sarà più uguale, non sarai più uguale." (dalla prefazione di Angela Lo Passo)

Come un’Odissea

Crisafulli Mariapia L.

Toscana, 1911. Adolfo, il folle, il dongiovanni, il cadetto di una nobile famiglia rispettosa delle regole e amante del buon cibo. Ed è proprio dai manicaretti che cucina Finimola, la cuoca di famiglia, e dalla sua corpulenta avvenenza, che inizia la saga dei Martigli. Dalla guerra di Libia, agli amori, dai matrimoni alle piccole pazzie quotidiane, gli episodi familiari si snodano leggeri e profondi conditi dai sapori di una terra sanguigna, vivace e saporita come i suoi personaggi. Adolfo, il cui nome significa "nobile lupo", conduce le danze, più da pecora nera che da capo branco, trascinando in un vortice da tragicommedia perfino i suoi discendenti, come l'autore del romanzo, che porta nascostamente il suo stesso nome.

La follia di Adolfo

Martigli Carlo A.