Giallo - thriller - noir

Colpo di sole

Roth Silvia

Descrizione: Un'ondata di caldo anomalo sta soffocando la cittadina di Wiesbaden e uno stupratore seriale ha già colpito quattro volte. Il commissario Hendrik Verhoeven e la sua collega Winnie Heller stanno indagando sul quinto stupro. Ma questa volta tutto è diverso. E non solo perché c'è un morto. La stampa ha già battezzato il serial killer l'artista: le sue capacità di spiare le donne e di penetrare inosservato nelle loro case sono fuori dal comune. Per questo è alquanto strano che nell'ultimo caso abbia dovuto sparare al marito della vittima. Perché la giovane russa è stata violentata anche se appare al di fuori dello schema delle vittime precedenti? E come mai proprio in questo caso è stato sorpreso dal marito? Tante le domande, che però non si pongono solo gli inquirenti. Anche l'artista è a caccia, perché c'è qualcuno che cerca di incolparlo di un omicidio che lui non ha commesso.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: BookSalad

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788898067091

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

A Wiesbaden uno stupratore seriale colpisce quattro donne senza lasciare traccia. È così bravo che i giornalisti lo chiamano l’Artista.

Le sue vittime non sono collegate da un filo logico… In base a cosa le sceglie?

E se qualcuno mai gli avesse domandato cosa avevano in comune tutte quelle donne, lui avrebbe semplicemente risposto: “Erano lì”. Erano lì in un modo particolare, presenti, partecipi…”

Un giorno qualcosa va storto e alla quinta violenza segue la morte di un uomo.

L’Artista si trova coinvolto in una vicenda complicata: non è stato lui a sparare, perché l’uomo in casa non c’era. Aveva abusato di sua moglie e l’aveva lasciata esanime sul pavimento, ma non l’aveva nemmeno incontrato. Con quella morte non aveva niente da spartire.

Colpo di sole di Silvia Roth fa parte della collana Angst (Paura), dedicata a Thriller di autori tedeschi, e proprio la paura e la suspence sono la chiave dell’intreccio.

“Sebbene da quel lato l’illuminazione non fosse ottimale, Ricarda riuscì a scorgere chiaramente l’ombra di un’auto. Un’auto scura e piuttosto grande. Ma quello che davvero la colpì, non fu l’auto in sé ma il fatto che viaggiava a fari spenti. Scivolò via silenziosa come un pesce predatore; un’ombra veloce.

“Mamma, che c’è?”

Ricarda restò in silenzio. In altre circostanze, avrebbe risposto  con un “Niente, va tutto bene” ma quelle parole proprio non volevano uscirle di bocca.

“L’hai visto?” le domandò Leah impaurita.

“Chi?” E con un filo di voce Leah rispose:”Il leone.”

Ricarda non rispose. Quello che avrebbe voluto dirle, era impossibile pronunciare. Non poteva dirlo a una bambina di appena sei anni.”

Le donne respirano quasi la presenza dello stupratore che le sta per colpire; il carnefice teme di essere stato incastrato e di non trovare via d’uscita; le vittime e i loro cari sono impigliati nel tentativo di lasciarsi l’orrore alle spalle.

Il libro inizia con una buona marcia, ma il finale è senza dubbio migliore.

Il lettore accelera il passo perché spera nella conclusione rassicurante, ma pian piano capisce che il peggio deve ancora venire. Grazie all’abilità dell’autrice, la realtà, seppur letteraria, supera la sua fantasia. Infatti ciò che ha immaginato fino a quel momento non è niente in confronto a quello che accade.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Silvia

Roth

Libri dallo stesso autore

Intervista a Roth Silvia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

E se il matrimonio da sogno che fantasticavi da una vita andasse improvvisamente a monte per colpa della tua (ex) migliore amica? E se ti ritrovassi tra le mani un biglietto già pagato per fare il giro del mondo in quella che avrebbe dovuto essere la tua luna di miele? Avresti mai il coraggio di partire da sola? È quello che accade a Bianca, biologa marina all’acquario di Londra, ormai senza un lavoro e prossima alle nozze. Lei decide di partire: donna impulsiva e determinata, col suo tacco 12 è pronta a sfidare il mondo intero anzi, il giro del mondo, che una delle navi da crociera più lussuose del mondo, la Queen Victoria, percorrerà in 109 lunghi giorni. Un’anziana coppia sempre in vena di litigare, un galante scrittore in cerca di ispirazione, un affascinante e scorbutico pianista, una bionda tutto pepe e una misteriosa vecchietta saranno alcuni dei suoi compagni di avventura. Riuscirà Bianca ad arrivare alla fine del viaggio, tra serate di gala, ladri di gioielli, persone che scompaiono misteriosamente e i ricordi dolorosi di un passato che cerca di tornare prepotentemente a galla?

UNA CROCIERA SUI TACCHI

Conti Valeria Angela

I racconti di Moravia

Quando Eleonora e Chirú s'incontrano, lui ha diciotto anni e lei venti di piú. Le loro vite sembrano non avere niente in comune. Eppure è con naturalezza che lei diventa la sua guida, e ogni esperienza che condividono - dall'arte alla cucina, dai riti affettivi al gusto estetico - li rende piú complici. Eleonora non è nuova a quell'insolito tipo di istruzione. Nel suo passato ci sono tre allievi, due dei quali hanno ora vite brillanti e grandi successi. Che ne sia stato del terzo, lei non lo racconta volentieri. Eleonora offre a Chirú tutto ciò che ha imparato e che sa, cercando in cambio la meraviglia del suo sguardo nuovo, l'energia di tutte le prime volte. È cosí che salgono a galla anche i ricordi e le scorie della sua vita, dall'infanzia all'ombra di un padre violento fino a un presente che sembra riconciliato e invece è dominato dall'ansia del controllo, proprio e altrui. Chirú, detentore di una giovinezza senza piú innocenza, farà suo ogni insegnamento in modo spietato, regalando a Eleonora una lezione difficile da dimenticare. Michela Murgia torna al romanzo, e lo fa con coraggio, raccontando la tensione alla manipolazione che si nasconde anche nel piú puro dei sentimenti. Negli occhi di Eleonora e Chirú è scritta la distanza fra quello che sentiamo di essere e ciò che pensiamo di dovere al mondo: l'amore è la piú deformante delle energie, può chiederci addirittura di sacrificare noi stessi.

Chirù

Murgia Michela

Un uomo cammina velocemente sulle sponde del Po. Ha le mani insanguinate. A un certo punto si ferma e lancia una rivoltella nel fiume, dove le acque sono più profonde. Poi si mette a correre. Poco più indietro, sotto i piloni del pontile, c'è un altro uomo con il foro di un proiettile sulla fronte. È il cardinale di Ferrara. Gaetano De Nittis, brillante capitano della Guardia di Finanza, il Corpo più "odiato" d'Italia, si trova a indagare su questa morte eccellente. Il caso lo trascina nelle sabbie mobili degli interessi dei notabili della città, tra intrighi di palazzo, giochi di potere e grossi accordi economici. De Nittis, con la colonna sonora del blues del suo idolo B.B. King, inizia così un'altra indagine "ufficiosa" nel tentativo di scagionare da un'accusa di omicidio un giornalista innocente. Il capitano dovrà fare anche i conti con un misterioso falsario di banconote e con un delitto irrisolto di venti anni prima. Il tutto mentre Rosa, la giovane donna che ama, si trova inaspettatamente faccia a faccia con il suo doloroso passato.

Morte di un cardinale

Regina Paolo