Romanzo storico

Come donna innamorata

Santagata Marco

Descrizione: Come si può continuare a scrivere quando la morte ti ha sottratto la tua Musa? È questo l'interrogativo che, l'8 giugno 1290, tormenta Dante Alighieri, giovane poeta ancora alla ricerca di una sua voce, davanti alle spoglie di Beatrice Portinari. Da quel momento tutto cambierà: la sua vita come la sua poesia. Percorrendo le strade di Firenze, Dante rievoca le vicissitudini di un amore segnato dal destino, il primo incontro e l'ultimo sguardo, la malìa di una passione in virtù della quale ha avuto ispirazione e fama. È sgomento, il giovane poeta; e smarrito. Ma la sorte gli riserva altri strali. Mentre le trame della politica fiorentina minacciano dapprima i suoi affetti - dal rapporto con la moglie Gemma all'amicizia fraterna con Guido Cavalcanti - e poi la sua stessa vita, Dante Alighieri fa i conti con le tentazioni del potere e la ferita del tradimento, con l'aspirazione alla gloria letteraria e il timore di non riuscire a comporre il suo capolavoro... È un Dante intimo, rivelato nella sua fragilità ma anche nella potenza della sua visione del mondo, quello che Marco Santagata mette in scena in un romanzo che restituisce le atmosfere, le parole, le inquietudini di un Medioevo vivido e vicino. Il sommo poeta in tutta la sua umanità: lacerato dall'amore, tormentato dall'ambizione, ardentemente contemporaneo.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Guanda

Collana: Narratori della Fenice

Anno: 2015

ISBN: 9788823510821

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Come donna innamorata di Marco Santagata ha un protagonista d’eccezione: il poeta che ancor oggi leggiamo, studiamo, ammiriamo. Forse il padre, sicuramente uno dei  padri della nostra lingua, ormai soffocata da neologismi esterofili e tecnocratici: il Dante Alighieri che si definì florentinus natione non moribus, che altri chiamarono il ghibellin fuggiasco, che veniva apostrofato “Dantino” dall’amico Guido Cavalcanti (“Vai, Dantino, ti auguro di incontrare presto il tuo angelo”).

In quest’opera di Santagata, esimio studioso di Dante, ci viene presentato il lato umano (“Lei si era rassegnata al fatto che, a venticinque anni suonati, non esercitasse alcun lavoro, ma per i familiari era una ferita aperta e per i loro amici quasi uno scandalo”) del divin poeta: nel suo amore per Beatrice, nella sua amicizia per Guido (Cavalcanti).

Quanto all’amore per Beatrice, al secolo Bice Portinari, il sentimento viene ripercorso a ritroso: dalla morte, prematuramente intervenuta l’8 giugno 1290 (“Per tutti, a Firenze, lui era il poeta di Beatrice. E Beatrice giaceva sul letto di morte insieme a Bice…”), ai primordi. Scorrono così la frequentazione infantile del fratello Manetto Portinari (con lui, l’Alighieri bambino quale gioco praticava?  “Si inseguivano tra le stanze e nel cortile interno giocando a guelfi e ghibellini con spade di legno”), gli incontri con l’amata tanto rari quanto intensi, tutti scanditi dalla magia del numero nove, la sublimazione dell’eros (“Il premio di un poeta vero era riuscire a esprimere un barlume dell’indicibile perfezione dell’amata. Non una dama da salotto, un angelo”), l’ispirazione della poesia, la difficoltà di conciliare quel sentimento con il ruolo istituzionale della moglie, Gemma Donati.

Come risolvere la terrena interruzione (“Bice era un angelo, ma di questo mondo. Non poteva mica cantare la meraviglia d’una donna morta. Quante attese venivano sepolte con lei!”) di una forza tanto pura ?
Come proseguire la declamazione dell’amore (“… l’amore, capisci? È estasi. La poesia loda la bellezza del creato. Ti dico di più, amare un angelo in terra solleva l’anima in Cielo. Credimi, l’amore può salvare?”)?
“Cosa sostituire alla contemplazione estatica di un angelo in terra?”
Le risposte risiedono in due momenti della produzione letteraria dell’Alighieri: la Vita Nova (“Sarebbe stato il racconto dell’immenso privilegio che Dio gli aveva concesso. Lo avrebbe intitolato Vita Nova, vita rinnovata dal vero amore”), la terza cantica della Commedia.

Particolarmente accattivante la razionalizzazione che Dante fornisce alle convulsioni epilettiche che lo assalgono (“Adesso aveva la prova: le crisi non erano casuali”): un’interpretazione che lo pone in linea di continuità rispetto agli amati classici: Saffo e Catullo – ma è una nostra interpretazione, che assecondiamo fino in fondo riproponendo il testo di Saffo nella traduzione di Quasimodo – già cantori della confusione emotiva che assale l’amante al cospetto dell’amata.

La seconda parte dell’opera è dedicata all’amicizia per Guido Cavalcanti: costantemente polarizzata da differenze (“Altro che salvezza… caro Dante, la passione sprofonda nell’inferno”) e tra le asperità dei temperamenti (“Guido era soggetto ad attacchi amorosi travolgenti e ad amarissime delusioni”), miseramente naufragata a causa dei dissidi politici, cerebralmente ricomposta da Dante sulla tomba dell’amico con il quale aveva interrotto ogni rapporto.

Ho letto quest’opera prontamente segnalata da un’attenta insegnante di lettere ai suoi studenti di prima liceo classico. Ho chiuso l’ultima pagina – io che studente non lo sono più da tanto tempo – con la sensazione di aver lievemente ripercorso figure, versi e opere che sento ancora palpitanti dentro di me, perché posseggono la forza vitale delle emozioni durature e lo splendore di valori che dovrebbero sempre brillare.

Bruno Elpis

_______________________________

A me pare uguale agli dei

A me pare uguale agli dei
chi a te vicino così dolce
suono ascolta mentre tu parli
e ridi amorosamente. Subito a me
il cuore si agita nel petto
solo che appena ti veda, e la voce
si perde sulla lingua inerte.
Un fuoco sottile affiora rapido alla pelle,
e ho buio negli occhi e il rombo
del sangue alle orecchie.
E tutta in sudore e tremante
come erba patita scoloro:
e morte non pare lontana
a me rapita di mente.

Salvatore Quasimodo

_____________________________

Φαίνεταί μοι κῆνος ἴσος θέοισιν


Φαίνεταί μοι κῆνος ἴσος θέοισιν
ἔμμεν’ ὤνηρ, ὄττις ἐνάντιός τοι
ἰσδάνει καὶ πλάσιον ἆδυ φωνεί-
σας ὐπακούει

καὶ γελαίσας ἰμέροεν, τό μ’ ἦ μὰν
καρδίαν ἐν στήθεσιν ἐπτόαισεν,
ὠς γὰρ ἔς σ’ ἴδω βρόχε’ ὤς με φώναι-
σ’ οὐδ’ ἒν ἔτ’ εἴκει,

ἀλλὰ καμ μὲν γλῶσσα ἔαγε, λέπτον
δ’ αὔτικα χρῷ πῦρ ὐπαδεδρόμηκεν,
ὀππάτεσσι δ’ οὐδ’ ἒν ὄρημμ’, ἐπιρρόμ-
βεισι δ’ ἄκουαι,

κὰδ’ δὲ μ’ ἴδρως ψῦχρος ἔχει, τρόμος δὲ
παῖσαν ἄγρει, χλωροτέρα δὲ ποίας
ἔμμι, τεθνάκην δ’ ὀλίγω ‘πιδεύης
φαίνομ’ ἔμ’ αὔτᾳ·

ἀλλὰ πὰν τόλματον ἐπεὶ καὶ _ πένητα _

Saffo

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Marco Santagata presenta "Come donna innamorata" a Milano – i-LIBRI

[…] Nella home page di i-libri.com trovate il nostro commento al romanzo (a questo link). […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marco

Santagata

Libri dallo stesso autore

Intervista a Santagata Marco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Chiedete a un uomo qualunque il segreto del suo successo. Molto probabilmente vi risponderà: quale successo? Non l'avvocato Giuseppe Ilario Sobreroni. Nessuna crisi, nessuna precarietà per lui, Giuseppe ce l'ha fatta: ha una famiglia ideale, un solido conto in banca, una carriera in ascesa. Ma proprio quando un'intervista in uscita sulla principale rivista di settore e l'invito al più esclusivo dei ricevimenti sono lì a decretare il suo trionfo, quel mondo così perfetto mostra tutte le sue crepe e, pezzo dopo pezzo, comincia a franare. Sprezzante e narcisista, Giuseppe non ha intenzione di rinunciare alla sua fetta di paradiso. A volte però, tenersi stretto il proprio posto sulla vetta può richiedere molto più di un po' di ambizione e qualche riga sul curriculum. In una Milano canicolare, popolata da un'umanità alla ricerca disperata di un modo per stare a galla o quantomeno di un parcheggio vicino al ristorante, Federico Baccomo allestisce una commedia caustica e brillante, per raccontare con spietata ironia il ghigno di un uomo che, pagina dopo pagina, ha sempre meno motivi per ridere.

LA GENTE CHE STA BENE

Baccomo Federico

Elegie di Patti Smith

Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

Enon

Harding Paul

Oltre che una meravigliosa romanziera, Irène Némirovsky è stata una eccellente autrice di racconti: ne scrisse per tutta la vita – fino alla vigilia dell’arresto. D’altronde, fra i suoi modelli letterari c’erano stati Cechov e Maupassant, di cui Irène amava l’asciuttezza, il cinismo venato di pietà, la bravura nel delineare in poche pagine un intero mondo. Qualità che ritroviamo nei racconti riuniti in questo volume – nove narrazioni folgoranti in cui la Némirovsky affronta i temi che le sono cari: il destino di attesa che segna la vita di molte donne, la solitudine astiosa in cui invecchiano molte altre, gli oltraggi che il tempo infligge alla bellezza, la nostalgia del passato, il rapporto tra madri e figlie.

L’orchessa

Némirovsky Irène