Come il sole a mezzanotte

Warner Jason

Descrizione: Sullo sfondo di una Lione degli anni sessanta, le vite di Jean ed Eloise vengono intrecciate da un filo invisibile e allo stesso tempo separate da un muro sottile, che divide i loro appartamenti un tempo uniti. Non si conoscono, eppure la vita dell'uno entra in quella dell'altra attraverso i suoni, i rumori e le parole che il muro lascia filtrare. Sono anime logorate dalla solitudine, dall'attesa dei rispettivi amori e oscurate dalle loro esistenze, come il sole a mezzanotte.

Categoria:

Editore: Koi Press

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788898414864

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Come il sole a mezzanotte. Un tempo tutto quel piano era un’unica abitazione, una casa signorile in una palazzina in stile liberty. Alla morte dello zio Gustav, Jean e sua sorella Josephine furono designati come unici eredi. Venne così eretto un muro sottile quanto un libro di poesie e una seconda porta di ingresso ricavata al posto di un altorilievo in gesso raffigurante una ninfa.

Lione è il luogo in cui si intrecciano i destini di Jean ed Eloise, i protagonisti di Come il sole a mezzanotte, le cui esistenze, divise dal muro sottile dei loro due appartamenti, si snodano parallele sfiorandosi appena, allontanandosi per poi ritrovarsi. Percorsi possibili, deviazioni improvvise, cadute libere. Si guardano senza vedersi, ascoltano il loro reciproco silenzio e percepiscono le loro rispettive solitudini. Sembra non esserci scampo: il destino si compie inesorabile sotto i loro occhi mentre loro, Jean ed Eloise, ripetono gesti noti, recitano la parte assegnata come fosse un copione già visto.

Jean è in attesa di un ritorno: Lei appare e scompare dalla sua vita, inafferrabile e così eterea da far dubitare della sua stessa esistenza. Jean cerca invano di catturarla con le parole della sua scrittura, nel tentativo disperato di dare una forma alla sua presenza, ma la macchina da scrivere con il suo ritmato ticchettio non può far altro che scandire il tempo e aumentare le distanze.

Le nubi nascondevano il cielo, l’aria era resa frizzante da una leggera brezza. Sul tetto lenzuola bianche erano tese come vele. La città tutto intorno era un irrequieto mare le cui onde si infrangevano a ogni angolo. La schiena era rivolta al cornicione, tenendo una sigaretta malandata in bocca e una bottiglia di birra accostata alla gamba. Era un naufrago alla deriva. Non scorgeva terra da mesi. Aveva perso la rotta, aveva perso sé stesso.

Eloise conosce l’attesa, è parte di lei: porta sulla propria pelle, sin dall’infanzia, i segni dell’abbandono e sembra perpetuare questa condizione in ogni sua scelta. L’amore per uomini votati ad altre passioni è il pretesto per rafforzare la propria solitudine e riscattare il dolore di un tempo.

Solamente le persone che entrano a far parte della nostra vita sono in grado di togliere via uno strato di pellicola. Chi solo un punto, chi una riga ben marcata come una cicatrice. Ed era in quelle scanalature che l’inchiostro delle emozioni si depositava per comporre la tavola dell’esistenza. Di quale fosse il risultato finale, non c’era modo di averne un’idea chiara. Si poteva scorgerne la forma in controluce in alcuni momenti, ma se fosse un’opera grandiosa o una mediocre, questo non era dato saperlo se non al termine della propria esistenza.

L’origine della profonda malinconia che scandisce le esistenze di Jean ed Eloise ha radici profonde e la narrazione ci riporta, con continui flashback, al passato in cui tutto ha avuto inizio, a un tempo in cui tutto sembrava ancora possibile.

Jason Warner, già autore del best seller Norah. L’ombra della ragione, con Come il sole a mezzanotte si conferma uno scrittore del reale, attento ai dettagli che mai appesantiscono la lettura e credibile nelle sue ricostruzioni. Scarno ed essenziale, il suo stile arriva al lettore e lo coinvolge naturalmente nella narrazione. I personaggi ben delineati e i luoghi che fanno da sfondo alle loro esistenze si fondono sapientemente, creando un tutt’uno armonioso e convincente.

 La pioggia tamburellava rumorosamente sulle carrozzerie delle auto, sugli ombrelli dei passanti, sul tetto del chiosco dei giornali impedendo così qualsiasi forma di conversazione. Salirono sul 33 pochi minuti dopo, accalcati nella ressa. Un uomo robusto, con la sua mole l’opprimeva. Jean le fece segno di prendere il suo posto. In quel momento in cui si scambiarono di posizione sentì per la prima volta il calore del suo corpo. Jean scese per primo. Si salutarono con un semplice sorriso e gesto del capo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jason

Warner

Libri dallo stesso autore

Intervista a Warner Jason

Joseph Mengele è il famigerato medico di Auschwitz autore di terribili esperimenti pseudo-scientifici sui bambini, forse il più feroce criminale nazista. Alla caduta di Hitler (che gli aveva affidato il compito di scoprire il meccanismo genetico che portava alla nascita dei gemelli), riuscì a far perdere le sue tracce. Jorge Camarasa, il giornalista argentino che ha indagato a lungo sui criminali nazisti in fuga, prima dagli alleati e poi braccati dal Mossad, ha scoperto le diverse identità assunte da Mengele in Argentina e in Brasile, fino alla morte avvenuta nel 1979. L’aspetto forse più agghiacciante è che molto probabilmente il dottor Mengele continuò a lungo i suoi esperimenti. In particolare a Candido Godoi, in Brasile, la «città dei gemelli», dove vivono un centinaio di coppie di gemelli omozigoti, biondi e con gli occhi azzurri. Una misteriosa anomalia genetica che forse oggi ha una terribile spiegazione.

Mengele

Camarasa Jorge

Tre personaggi in cerca d’amore. A modo loro, ognuno in fuga dal destino, che riuscirà comunque a scegliere per tutti, a discapito dei progetti e delle ambizioni personali. Un romanzo scritto a più voci, che racconta i tortuosi e imprevedibili percorsi che la vita a volte riserva. L’autore ci regala uno spaccato di vita italiana lungo vent’anni, nelle esistenze di Matteo, Lorenza e Ferdinando, una “Meglio gioventù” che tenta di sopravvivere nelle complesse evoluzioni dell’ esistenza.

Il destino trova sempre la sua strada

Florio Gianfabio

Fausto si è rifugiato in montagna perché voleva scomparire, Silvia sta cercando qualcosa di sé per poi ripartire verso chissà dove. Lui ha quarant'anni, lei ventisette: provano a toccarsi, una notte, mentre Fontana Fredda si prepara per l'inverno. Intorno a loro ci sono Babette e il suo ristorante, e poi un rifugio a piú di tremila metri, Santorso che sa tutto della valle, distese di nevi e d'erba che allargano il respiro. Persino il lupo, che mancava da un secolo, sembra aver fatto ritorno. Anche lui in cerca della sua felicità. «Un libro che sta racchiuso nei silenzi. Negli spartiti dei fiati, per esempio, è la virgola a dare il respiro, in poesia invece è l'andare a capo, mentre nei passi di montagna il respiro è una regola non scritta. Fiato, poesia, montagna, silenzi: è in questi elementi che si può riassumere l'ultimo libro di Paolo Cognetti.» – Eugenio Giannetta, Avvenire «Non è un romanzo sulla solitudine e non è un romanzo sulla montagna. La solitudine e la montagna sono parti fondamentali e vive di un racconto terso sugli incontri fra esseri umani.» – Annalena Benini, Il Foglio «Silvia rise. E di cosa sa gennaio? Di cosa sapeva gennaio? Fumo di stufa. Prati secchi e gelati in attesa della neve. Il corpo nudo di una ragazza dopo una lunga solitudine. Sapeva di miracolo.» Arrivato alla fine di una lunga relazione, Fausto cerca rifugio tra i sentieri dove camminava da bambino. A Fontana Fredda incontra Babette, anche lei fuggita da Milano molto tempo prima, che gli propone di fare il cuoco nel suo ristorante, tra gli sciatori della piccola pista e gli operai della seggiovia. Silvia è lí che serve ai tavoli, e non sa ancora se la montagna è il nascondiglio di un inverno o un desiderio duraturo, se prima o poi riuscirà a trovare il suo passo e se è pronta ad accordarlo a quello di Fausto. E poi c'è Santorso, che vede lungo e beve troppo, e scopre di essersi affezionato a quel forestiero dai modi spicci, capace di camminare in silenzio come un montanaro. Mentre cucina per i gattisti che d'inverno battono la pista e per i boscaioli che d'estate profumano il bosco impilando cataste di tronchi, Fausto ritrova il gusto per le cose e per la cura degli altri, assapora il desiderio del corpo e l'abbandono. Che esista o no, il luogo della felicità, lui sente di essere esattamente dove deve stare. Di Paolo Cognetti conosciamo lo sguardo luminoso e la voce limpida, il dono di osservare le relazioni umane nel loro dialogo ininterrotto con la natura, che siano i boschi di larici dei duemila metri o il paesaggio di roccia e ghiaccio dei tremila. Con le loro ferite e irrequietezze, quando scappano e quando poi fanno ritorno, i suoi personaggi ci sembrano amici che conosciamo da sempre, di quelli rari. È per questo, forse, che tra le pagine vive di questo libro purificatore abbiamo l'impressione di attraversare non le stagioni di un anno, ma di una vita intera.

La felicità del lupo

Cognetti Paolo

Claudio Roveri è un informatore medico scientifico. Conduce una vita di apparenze. Apparentemente è un professionista affermato, ha una famiglia felice, nessun motivo per non sentirsi soddisfatto. In realtà le cose non vanno così bene. Claudio Roveri cova il disagio. Odia Bologna, che è diventata una città così diversa da come se la ricordava. Negri, punkabbestia e zingari ai semafori, e quella sensazione di degrado che ha ogni volta che cammina per il centro. Claudio odia, ma non fa nulla. Si rifugia nella famiglia, negli amici di sempre, nel lavoro. Fino a quando decide di reagire, assecondando la sua vera natura. Asciutto, affilato, coinvolgente, “Non fare la cosa giusta” conferma il talento di Alessandro Berselli e la sua capacità di non fermarsi allo sguardo superficiale della contemporaneità.

NON FARE LA COSA GIUSTA

Berselli Alessandro