Come il sole a mezzanotte

Warner Jason

Descrizione: Sullo sfondo di una Lione degli anni sessanta, le vite di Jean ed Eloise vengono intrecciate da un filo invisibile e allo stesso tempo separate da un muro sottile, che divide i loro appartamenti un tempo uniti. Non si conoscono, eppure la vita dell'uno entra in quella dell'altra attraverso i suoni, i rumori e le parole che il muro lascia filtrare. Sono anime logorate dalla solitudine, dall'attesa dei rispettivi amori e oscurate dalle loro esistenze, come il sole a mezzanotte.

Categoria:

Editore: Koi Press

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788898414864

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Come il sole a mezzanotte. Un tempo tutto quel piano era un’unica abitazione, una casa signorile in una palazzina in stile liberty. Alla morte dello zio Gustav, Jean e sua sorella Josephine furono designati come unici eredi. Venne così eretto un muro sottile quanto un libro di poesie e una seconda porta di ingresso ricavata al posto di un altorilievo in gesso raffigurante una ninfa.

Lione è il luogo in cui si intrecciano i destini di Jean ed Eloise, i protagonisti di Come il sole a mezzanotte, le cui esistenze, divise dal muro sottile dei loro due appartamenti, si snodano parallele sfiorandosi appena, allontanandosi per poi ritrovarsi. Percorsi possibili, deviazioni improvvise, cadute libere. Si guardano senza vedersi, ascoltano il loro reciproco silenzio e percepiscono le loro rispettive solitudini. Sembra non esserci scampo: il destino si compie inesorabile sotto i loro occhi mentre loro, Jean ed Eloise, ripetono gesti noti, recitano la parte assegnata come fosse un copione già visto.

Jean è in attesa di un ritorno: Lei appare e scompare dalla sua vita, inafferrabile e così eterea da far dubitare della sua stessa esistenza. Jean cerca invano di catturarla con le parole della sua scrittura, nel tentativo disperato di dare una forma alla sua presenza, ma la macchina da scrivere con il suo ritmato ticchettio non può far altro che scandire il tempo e aumentare le distanze.

Le nubi nascondevano il cielo, l’aria era resa frizzante da una leggera brezza. Sul tetto lenzuola bianche erano tese come vele. La città tutto intorno era un irrequieto mare le cui onde si infrangevano a ogni angolo. La schiena era rivolta al cornicione, tenendo una sigaretta malandata in bocca e una bottiglia di birra accostata alla gamba. Era un naufrago alla deriva. Non scorgeva terra da mesi. Aveva perso la rotta, aveva perso sé stesso.

Eloise conosce l’attesa, è parte di lei: porta sulla propria pelle, sin dall’infanzia, i segni dell’abbandono e sembra perpetuare questa condizione in ogni sua scelta. L’amore per uomini votati ad altre passioni è il pretesto per rafforzare la propria solitudine e riscattare il dolore di un tempo.

Solamente le persone che entrano a far parte della nostra vita sono in grado di togliere via uno strato di pellicola. Chi solo un punto, chi una riga ben marcata come una cicatrice. Ed era in quelle scanalature che l’inchiostro delle emozioni si depositava per comporre la tavola dell’esistenza. Di quale fosse il risultato finale, non c’era modo di averne un’idea chiara. Si poteva scorgerne la forma in controluce in alcuni momenti, ma se fosse un’opera grandiosa o una mediocre, questo non era dato saperlo se non al termine della propria esistenza.

L’origine della profonda malinconia che scandisce le esistenze di Jean ed Eloise ha radici profonde e la narrazione ci riporta, con continui flashback, al passato in cui tutto ha avuto inizio, a un tempo in cui tutto sembrava ancora possibile.

Jason Warner, già autore del best seller Norah. L’ombra della ragione, con Come il sole a mezzanotte si conferma uno scrittore del reale, attento ai dettagli che mai appesantiscono la lettura e credibile nelle sue ricostruzioni. Scarno ed essenziale, il suo stile arriva al lettore e lo coinvolge naturalmente nella narrazione. I personaggi ben delineati e i luoghi che fanno da sfondo alle loro esistenze si fondono sapientemente, creando un tutt’uno armonioso e convincente.

 La pioggia tamburellava rumorosamente sulle carrozzerie delle auto, sugli ombrelli dei passanti, sul tetto del chiosco dei giornali impedendo così qualsiasi forma di conversazione. Salirono sul 33 pochi minuti dopo, accalcati nella ressa. Un uomo robusto, con la sua mole l’opprimeva. Jean le fece segno di prendere il suo posto. In quel momento in cui si scambiarono di posizione sentì per la prima volta il calore del suo corpo. Jean scese per primo. Si salutarono con un semplice sorriso e gesto del capo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jason

Warner

Libri dallo stesso autore

Intervista a Warner Jason


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un tranquillo villaggio del Berkshire viene trovato il cadavere di una donna. Principale sospettato è un ospite del professor Kate Fansler, detective per caso e necessità, alter ego dell'autrice e protagonista di una serie di racconti gialli in cui le indagini coinvolgono sempre un mostro sacro della letteratura inglese. Il caso in questione sembrerebbe riguardare un inedito manoscritto di James Joyce...

Un delitto per James Joyce

Cross Amanda

Perché una sacca di sangue costa 3 euro al Sant’Andrea di Vercelli e 12 al Gallicano di Cosenza? E perché la Regione Piemonte dispone di 700 dipendenti e la Sicilia di 6000? Ci sono tante cose che ci fanno arrabbiare: gli sprechi, le inefficienze e ognuna delle mille male-qualcosa che popolano le cronache quotidiane. Una volta si tratta di truffe. Un’altra volta è una partoriente che ci lascia la pelle a causa di un errore o di un disguido. Un’altra ancora sono i treni fermi in mezzo alla campagna per il sistema andato in tilt. Perché tutto questo? La risposta non viene da differenze culturali o caratteriali che, con facile qualunquismo, si potrebbero individuare. La ragione affonda le radici nella storia: proprio quella di 150 anni fa. Se oggi i cittadini si lamentano per l’eccessivo carico fiscale e per le troppe tasse che gravano sul singolo contribuente, diventa inevitabile rammentare che l’andazzo prese il via giusto un secolo e mezzo fa, quando ci si cominciò a inventare imposte con tanta fantasia e nessuna logica. Se adesso tutti parlano di federalismo (e pochi immaginano come farlo) è perché si riconosce implicitamente che sono stati commessi errori imperdonabili che adesso diventa urgente rettificare. Non un’Italia unita e nuova ma un regno sabaudo allargato, che annette, che conquista e che impone le sue regole e le sue misure. Un travisamento degli accordi e del progetto originario, che ha tradito il Nord danneggiando anche il Sud.

Polentoni

Del Boca Lorenzo

L'Italia che cambia degli anni settanta non sembra aver voglia di cambiare in via Icaro 15, Milano. Sì, certo, l'eco arriva anche lì ma Elvira, la portinaia, è, come un secolo prima, alla mercé di inquilini gretti, litigiosi, pettegoli. Un universo di maligne ottusità e luoghi comuni che tuttavia diventa teatro del mondo nell'immaginazione duttile e porosa di Chino, il figlio adolescente di Elvira. Quando, al quinto piano, prende casa Amelia Lynd, un'anziana signora dall'incedere altero, maniere impeccabili, madrelingua inglese, Chino ne avverte subito il carisma e ne diventa adorante discepolo. Da dove viene? Cos'ha da nascondere? Qual è il suo segreto? Gli inquilini la mettono al bando, la ostracizzano. Chino si muove, con una sorta di strana ebbrezza, fra i sogni combattivi della madre - diventare proprietaria di uno degli appartamenti abitati dai suoi aguzzini - e le utopie della nuova madre-maestra dalla quale apprende la magia delle parole, le parole che raccontano e le parole che semplicemente dicono. Proprio allora la commedia quotidiana cede al dramma e le vicende di via Icaro e della sua portineria subiscono una fortissima accelerazione. E Chino deve imparare più in fretta, di che passioni, di che ambizioni, di che febbri è intessuta la vita.

LE PAROLE PERDUTE DI AMELIA LYND

Gardini Nicola

Riccardin dal ciuffo (Riquet à la houppe)