Narrativa

COME SE NIENTE FOSSE

Muratori Letizia

Descrizione: A un narratore è prudente non chiedere mai di raccontare la sua vera storia: quantomeno si innervosisce. La protagonista di questo romanzo non fa eccezione e, se potesse scegliere, continuerebbe a nascondersi come sempre dietro invenzioni, personaggi e «suoni corti, urgenti, che servono soprattutto a far capire agli altri se sto bene o se sto male». Invece, per ragioni alimentari, accetta di tenere un seminario che, primo, ha per oggetto una disciplina neonata e vagamente grottesca, la «lettura creativa», e secondo, ha come destinatari gli uditori meno accomodanti: un gruppo di vecchi amici, riemersi da un passato non del tutto limpido. A questo piccolo pubblico, inaspettatamente, la scrittrice finirà per raccontarla davvero, la storia perturbante e per nulla gradevole che i suoi allievi credevano di voler ascoltare. Il risultato è una commedia amara e tagliente, in cui ogni battuta e ogni silenzio hanno un peso.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 2012

ISBN: 9788845927140

Trama

Le Vostre recensioni

Uno scrittore è sempre ispirato dalla propria vita e in ogni opera svela qualcosa di sè. Ecco perchè spesso il famigerato “blocco” è dovuto proprio alla difficoltà di raccontare con la necessaria libertà quell’intimo sentire che rappresenta l’essenza di una storia, all’incapacità di mettere su carta quelle emozioni che la mente cerca ostinatamente di imbrigliare.

La protagonista di Letizia Muratori è combattuta tra il desiderio di essere veramente se stessa e la paura di confessare dolorosi ricordi. Con uno stile conciso e diretto, l’autrice ci pone davanti agli ostacoli che si trova a dover affrontare chi sceglie di offrire alla gente i propri pensieri. Sullo sfondo, una villa misteriosa e una grande, asfissiante famiglia.
Alla fine il coraggio della verità verrà proprio dai lettori, avidi, spaventosi e sensibili, impersonati da un ristretto circolo di implacabili donne che frequentano un corso sui generis.

Nel complesso, la lettura è piacevole, ironica e intrigante, e saprà catturarvi in un crescendo di curiosità. Perde fascino nelle ultime pagine, poco convincenti e troppo rapide, che lasciano un senso di incompiutezza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Letizia

Muratori

Libri dallo stesso autore

Intervista a Muratori Letizia


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Venezia 1894. Un incontro fortuito. 36 anni lei, 31 lui. Duse e d’Annunzio attraverseranno insieme 10 burrascosi anni. Un breve tratto, ma per entrambi capitale: sia perché, col tempo, il Vate si sarebbe ravveduto, rimpiangendola; sia perché quella con d’Annunzio è la sola convivenza della Diva che, sul viale del tramonto, parrà prediligere la compagnia di giovani donne. Questo narra la vulgata confermata da oltre un secolo. Se corrispondono al vero passione, tradimenti e umiliazioni, sono da ribaltare i ruoli: fu lui la vittima e lei il carnefice. È quanto emerge dai numerosi documenti, sottoposti a nuovo esame con un’avvertenza: a varare la favola dei divi amanti fu Gabriele per suo tornaconto.

Più che l’amore

Andreoli Annamaria

UN PONTE TRA LE STELLE

Gunn James

Ucciderò i tuoi desideri, uno alla volta, fin quando sarò io il tuo unico desiderio....

Amore inverso

Panzacchi Francesca

Sempre più spesso a chi si occupa di discipline umanistiche in Italia viene chiesto: «A cosa serve?». Dietro questa domanda agisce una vera e propria rete di metafore economiche usate per rappresentare la sfera della cultura e della creazione intellettuale («giacimenti culturali», «offerta formativa», «spendibilità dei saperi», «crediti», «debiti» e cosí via). A fronte di tanta pervasività di immagini economiche, sta il fatto che la storia testimonia un’immagine della creazione intellettuale decisamente rovesciata rispetto a quella che si va affermando oggi. La civiltà infatti è prima di tutto una questione di pazienza: e anche la nostra si è sviluppata proprio in relazione al fatto che alla creazione culturale non si è chiesto immediatamente «a che cosa servisse». Se si vuole mantenere viva la presenza della cultura classica in Italia, però, è indispensabile un vero e proprio cambiamento di paradigma nell’insegnamento delle materie classiche nelle nostre scuole.

A che servono i Greci e i Romani?

Bettini Maurizio