Poesia

Come un’Odissea

Crisafulli Mariapia L.

Descrizione: "'Come un'Odissea' ha come sottotitolo "appunti di viaggio", non un viaggio vero e proprio ma le impressioni di esso scolpite nella mente della protagonista, che è però poeta e sceglie le parole come mezzo per fissare le sue immagini non una macchina fotografica né una cinepresa: è soggetto, mezzo e scopo. Il riferimento è chiaro: Itaca è la meta che dà senso al viaggio, ma dopo non sarà più uguale, non sarai più uguale." (dalla prefazione di Angela Lo Passo)

Categoria: Poesia

Editore: Macabor

Collana: Quaderni di Macabor

Anno: 2019

ISBN: 9788885582538

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

Come un’Odissea
Appunti di viaggio
Poesie di Mariapia L. Crisafulli

Dentro i versi di questa Odissea si sente fremere, in tutta la sua freschezza, la presenza di una donna combattiva, in cerca dell’essenza della vita. Si trova la metafora del viaggio di tutti, naviganti e complici, in quest’opera che è trasparenza di pensieri, sentimenti, desideri e passioni. Una ricchezza di espressioni colorate di purezza, incanto, speranza ed entusiasmo.

E tuttavia è un viaggio nuovo, nelle modalità e nella consapevolezza.

Come è giusto che sia, perché per ciascuno è necessario penetrare una realtà differente. Eppure si comprende senza difficoltà e ci rappresenta tutti, perché le parole sono capaci di stabilire un contatto preciso con la sostanza più universale di questa esperienza. È davvero bello il racconto che si snoda dentro il canto vibrante di questa giovane poeta, dove il mare è il compagno più potente e i richiami ad altri poeti creano familiarità e legittimità d’intenti.

Vi si riconosce una ricerca impellente, che non potrà mai essere quieta ed esaustiva, come nella poesia

L’Ineffabile

Il confine che divide il cielo e il mare
spezza anche me:
segna una linea netta
tra quel che vorrei essere
e quel che mai sarò

L’orizzonte nitido, no,
non mi soddisfa:
mai mi appagherà.
Io cerco l’ineffabile.

Ma il compito, la necessità, del poeta non si ferma davanti a nessun limite e ci svela, in fondo con semplicità, la fisionomia stessa della poesia.

Auto-psia

Il mondo che non vedo
ho imparato a crearlo:
un mondo fatto di carta
è la mia vita
che innamora inquietudini
e partorisce versi.

Poesia è la (mia) vita che non muore

Il protagonista del viaggio, novello Ulisse, dovrà conoscere e ri-conoscere sé stesso, avere la pazienza di governare (o farsi governare) da questa Odissea che ogni giorno sposta in avanti la sua meta, dove il traguardo non è altro che l’inizio del cammino più concreto, alla conquista del potenziale umano depositato in ogni creatura.

Ulysses

Quando tornerò
– solo allora –
inizierà il vero viaggio:
nel ripercorrere la strada già percorsa,
nel ritrovare i propri passi
e passarci sopra
fino a sotterrarli.
Con le nuove orme
lasciate
dalla persona che sarò.

Incantevole la prorompente femminilità dell’autrice. Debordante, come onde che trasformano impunemente la linea delle spiagge, prende inevitabilmente il sopravvento e occupa uno spazio per certi versi consacrato.

Sguardo di donna,
ammaliante prigioniero di passioni.
Quanti errori commessi
racchiusi in quel sorriso seducente:
un silente rompicapo
di lacrime nascoste.

La tela di Penelope

Quando verrai,
porta con te un fiore mai colto;
regalami il suo profumo,
senza averlo strappato alla vita.
Porta con te qualcosa di nuovo:
la tua carezza gentile
come un vigore rinato.

Quando verrai,
porta con te i tuoi silenzi;
ti prometto che saprò dargli parola.
Porta anche il nulla, se vuoi:
persino quello mi basta.
Purché tu venga.
Purché tu ci sia.

L’Odissea è un percorso affascinante, che ci ispira a guardare negli occhi il futuro, che ci insegna a fare il giusto uso della solitudine delle attese, maestra nella ricerca del senso e dell’unione con l’altro

Dia-logo

Ho imparato a scrivere perché non so parlare.
L’inchiostro è un ponte tra i pensieri
e le cose che tocco
e che vivo
e che amo
e che non so mai raccontare
occhi negli occhi dell’altro.
A voce piena.

Molto altro si potrebbe scrivere a commento di questa raccolta (fotografia di vita, idillio di creatività) ma la scelta migliore è lasciar parlare da sé ogni verso. Lasciarsi trasportare dalla convinzione e dalla verità che vi sottendono, lasciarsi modulare dalla sapiente e collaudata costruzione verbale, solo apparentemente semplice e diretta. E aderire all’accorato appello che l’autrice stessa verga in calce alla sua opera.

A te che leggi, chiunque tu sia…

Cadrai mille volte, tutte e mille farai fatica a rialzarti; ti verrà persino voglia di rimanere a terra pur di non subire l’ennesima sconfitta. Camminerai a testa bassa, spesso, lascerai il tuo entusiasmo fuori dalla porta. Sì: verranno giorni duri in cui vorresti smettere di esistere; saranno interminabili, a discapito di quelli lieti in cui ti sentirai un dio.  

La vita è una battaglia con il mondo e un armistizio con sé stessi; è un lungo viaggio in mare aperto tormentato da bufere. Un mare in cui si naufraga ma mai si affonda, perché solo così imparerai a nuotare: toccando il fondo, restando in apnea, per poi risalire su.  Ma non ti abbattere, non pensare che la tua esistenza sarà soltanto questo: non ti ingannare! Scoprirai che è molto meglio di quello che vogliono farti credere. Vedrai con i tuoi occhi – combattendo la tua battaglia – tutto il buono e le meraviglie che ci sono intorno a te. E ne godrai ancor di più perché risalteranno nello sconforto delle delusioni e della fatica. 

 Ricorda che è la notte, buia e tetra, ad accendere le stelle. E son le stelle a farci credere nei sogni. 

Mariapia

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

L.

Mariapia

Crisafulli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Crisafulli Mariapia L.

Quando Eleonora e Chirú s'incontrano, lui ha diciotto anni e lei venti di piú. Le loro vite sembrano non avere niente in comune. Eppure è con naturalezza che lei diventa la sua guida, e ogni esperienza che condividono - dall'arte alla cucina, dai riti affettivi al gusto estetico - li rende piú complici. Eleonora non è nuova a quell'insolito tipo di istruzione. Nel suo passato ci sono tre allievi, due dei quali hanno ora vite brillanti e grandi successi. Che ne sia stato del terzo, lei non lo racconta volentieri. Eleonora offre a Chirú tutto ciò che ha imparato e che sa, cercando in cambio la meraviglia del suo sguardo nuovo, l'energia di tutte le prime volte. È cosí che salgono a galla anche i ricordi e le scorie della sua vita, dall'infanzia all'ombra di un padre violento fino a un presente che sembra riconciliato e invece è dominato dall'ansia del controllo, proprio e altrui. Chirú, detentore di una giovinezza senza piú innocenza, farà suo ogni insegnamento in modo spietato, regalando a Eleonora una lezione difficile da dimenticare. Michela Murgia torna al romanzo, e lo fa con coraggio, raccontando la tensione alla manipolazione che si nasconde anche nel piú puro dei sentimenti. Negli occhi di Eleonora e Chirú è scritta la distanza fra quello che sentiamo di essere e ciò che pensiamo di dovere al mondo: l'amore è la piú deformante delle energie, può chiederci addirittura di sacrificare noi stessi.

Chirù

Murgia Michela

Ritrovato nell'archivio di famiglia e presentato per la prima volta ai lettori, questo romanzo inedito di Giorgio Scerbanenco conserva intatto il fascino della sua scrittura ironica e una struttura appassionante da vero noir all'italiana. La vicenda di questo libro è essa stessa un romanzo: il manoscritto dell'«Isola degli Idealisti» scompare insieme ad altri testi nel 1943, quando la Mondadori, per la quale era stato scritto, sposta in tutta fretta i suoi uffici da Milano. Figura tra le opere in via di pubblicazione elencate da Scerbanenco per ottenere asilo in Svizzera, ed è l'unico ad essere stato ritrovato, in uno degli archivi che raccolgono le carte dello scrittore. Un romanzo ritrovato nello stile del migliore Scerbanenco: tagliente, incisivo, sensuale e pittorico. I protagonisti, il padre Antonio e i suoi figli Celestino e Carla, ricchi e raffinati medici, vivono circondati da domestici più o meno fidati in una casa su una piccola isola in mezzo a un lago, e qui si nutrono di arte e di cultura. La loro tranquillità viene disturbata da Guido e Beatrice, due ladri professionisti, che Celestino, appassionato di matematica e filosofia morale, decide di rieducare. Nonostante le apparenze, e malgrado le resistenze dei due ladri, l'esito di questo bizzarro esperimento sociale si dimostrerà imprevedibile: il disincanto dell'uno, la nostalgia di casa dell'altra si mescolano ai furti, alle piccole bugie e alle vere tragedie che intrecciano le storie di due famiglie così diverse.

L’isola degli idealisti

Scerbanenco Giorgio

Il delicato incanto del primo bacio, il fascino antico delle lettere d'amore, la magica irruenza del colpo di fulmine, quegli imprevedibili giochi di sguardi, le dolci frasi che fan battere più forte il cuore. In una parola.. l'amore. L'amore che sboccia dolcemente come un fiore o ci coglie all'improvviso sconvolgendo la nostra vita; che va oltre ogni distanza o che deve nascondersi come se non fosse più amore; che ci riga il volto di lacrime o ci illumina di sorrisi; che ci pone di fronte a scelte difficili ma ci fa fare ciò che non avremmo mai osato fare; che ci dà una costante sensazione di vertigine e richiede sempre il coraggio di provarci. Dalla brughiera dello Yorkshire all'Italia, dalla California a Tokyo e alla Spagna. Dal romantico all'epistolare, dal passionale al drammatico. Dallo scoprire giovanile al rinascere della maturità fino all'amore senile. In ogni luogo, in ogni modo, ad ogni età& cosa c'è di più meravigliosamente irrinunciabile dell'amore?

IMPRONTE D’AMORE

AA.VV.

Presentazione dell'autore. La storia si ispira a un film cult della tensione in bianco e nero: “La scala a chiocciola”, una vicenda nella quale l’assassino elimina persone affette da difetti fisici. In questo romanzo l’omicida seriale uccide donne che soffrono di fobie, con una particolarità sorprendente: “firma” i delitti depositando una maschera sul viso della vittima. Secondo la criminologia, quando un assassino copre – generalmente con un lenzuolo – la sua vittima, nell’atto esprime pietà tardiva o un legame affettivo con il cadavere. Se l’omicida seriale de “Il carnevale dei delitti” nasconde i suoi misfatti non con un lenzuolo, ma con una maschera, cioè con un oggetto altamente simbolico, ecco che allora la Bautta, la maschera d’oro di Tutankhamon, il Quetzalcoatl azteco o Brighella costituiscono indizi da interpretare, all’interno di una follia criminale che serpeggia tra le fiabe e la psicanalisi. Gli omicidi vengono compiuti sullo sfondo di situazioni torbide o di manifestazioni evocative: una villa ove si pratica lo scambismo, il carnevale di Venezia, la spettacolare spiaggia delle uova di Ventimiglia … L’indagine si svolge nell’atmosfera magica del lago di Como

Il carnevale dei delitti

Elpis Bruno