Narrativa

Sei come sei

Mazzucco Melania G.

Descrizione: Christian insegna letteratura latina cristiana, è ricco e appassionato di cronologia. Giose è stato una meteora della musica punk-rock anni Ottanta, non si è mai preoccupato dei soldi e cucina in modo splendido. Christian è razionale, prudente e talvolta distaccato; Giose è istintivo, esuberante, affettuoso fino all'eccesso. Si amano. Per avere un figlio sono andati fino in Armenia: li è nata Eva. La loro è una famiglia felice, che però si spezza con la morte improvvisa di Christian. Giose non è ritenuto un tutore adeguato e la bambina viene affidata a uno zio. Tre anni dopo Eva è una ragazzina di seconda media, fiera e orgogliosa. Durante un litigio nella metropolitana di Milano spinge un compagno di classe sotto il treno in arrivo. Convinta di averlo ucciso, fugge e raggiunge Giose in un casolare sugli Appennini: con lui risalirà la penisola per affrontare le conseguenze del suo gesto. Durante il viaggio scoprirà molto su se stessa e sui suoi genitori, e conoscerà la storia meravigliosa cui deve la vita.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Einaudi. Stile libero big

Anno: 2013

ISBN: 9788806209469

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

In “Sei come sei” Melania Mazzucco narra la storia di Eva, adolescente figlia di due padri (“Mio padre si è scordato di me… Quale padre? chiese la bidella”), Christian e Giose (“Giuseppe Autunno… ha pubblicato anche un volume con le liriche delle sue canzoni, Sei come sei  - 2003, Clessidra editore”), assai diversi per estrazione sociale, cultura, carattere e personalità (“La razionalità di Christian si scontrava con l’istinto di Giose”).

La fotografia narrativa viene scattata in uno snodo delicato della figlia Eva: Christian è morto in un incidente stradale, il sistema giuridico italiano ha strappato Eva – spirito ribelle e volitivo (“Voleva il suo letto, la sua stanza, le sue barbie, i suoi padri, voleva tornare a casa, da loro”) – al genitore superstite e l’ha affidata agli zii, Michele e Sabrina, sradicandola dalla sua realtà familiare, inconsueta, ma non per questo inautentica.
Eva reagisce in malo modo allo scherno dei compagni, di cui è oggetto, e fugge da Milano per ricongiungersi a Giose. Il suo viaggio attraverso l’Italia e il ritrovarsi con il padre sono l’occasione per ripercorrere le tappe di un amore contrastato dalle istituzioni, dalla facoltosa famiglia di Christian (“i Gagliardi si tramandavano da generazioni la carriera in diplomazia o presso banche…”), dalla società.

Il romanzo ha il pregio di mostrare in chiave romanzata le traversie della paternità non canonica: la sofferta decisione di figliare (“Chi dei due lo avrebbe fatto non sapevano ancora, non sembrava importante”), la selezione del paese ove sia consentito attuare i propri obiettivi (nel romanzo, l’Armenia), la scelta della donatrice, l’inseminazione, la figura della surrogata, le difficoltà dell’impianto embrionale, il periodo dell’attesa palpitante, la scoperta dell’esperienza genitoriale.
Alla complessità del percorso clinico, si sommano ben presto le difficoltà che sopraggiungono per i pregiudizi e le sovrastrutture sociali.

Il romanzo, naturalmente, scatena nel lettore valutazioni etiche e pone drammatici interrogativi, per i quali forse non esiste una risposta univoca.
Il finale aperto è intelligente, nel lasciare uno spiraglio che consente di intravedere per quale soluzione parteggi l’autrice…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Book City Milano – parte seconda - New i-LIBRI

[…] 25/10 ore 18.30: Nella nebbia della memoria – con Melania Mazzuccohttp://www.i-libri.com/libri/come/  […]

La storia di Paolo e “Sei come sei” di Melania Mazzucco – i-LIBRI

[…] analogia di argomento, oggi pubblichiamo il commento a ““Sei come sei”, il romanzo nel quale Melania Mazzucco narra la complicata storia della figlia di due […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

G.

Melania

Mazzucco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mazzucco Melania G.

"La famiglia è un tema ricorrente e centrale della mia narrativa. Il mio nuovo romanzo attraversa la storia di una famiglia lungo diverse generazioni, concentrandosi questa volta sul rapporto tra fratelli e sorelle, su come si amano, si feriscono e tradiscono, ma anche su come si stimano e si sacrificano l'uno per l'altro. Sono emozionato alla prospettiva di condividere questo nuovo libro con tutti i miei lettori." (Khaled Hosseini)

E l’eco rispose

Hosseini Khaled

Dalla tragica morte della moglie, A. J. Fikry è diventato un uomo scostante e scorbutico, insofferente verso gli abitanti della piccola isola dove vive e stufo del suo lavoro di libraio. Disprezza i libri che vende (e pure quelli che non vende) e ne ha fin sopra i capelli dei pochi clienti che gli sono rimasti, capaci solo di lamentarsi e di suggerirgli di abbassare i prezzi. Anche per gli agenti di vendita è ormai un interlocutore a dir poco difficile. Ma tutto cambia una sera come tante, quando, rientrando in libreria, A. J. trova una bambina che gironzola nel reparto dedicato all'infanzia. Al collo ha appuntato un biglietto scritto dalla madre: questa è Maya. Ha due anni. È molto intelligente ed è eccezionalmente loquace per la sua età. Voglio che diventi una lettrice e che cresca in mezzo ai libri. Io non posso più occuparmi di lei. Sono disperata. Seppur riluttante (e sorprendendo tutti i suoi conoscenti), A. J. decide di adottarla, lasciando così che quella bambina gli sconvolga l'esistenza. Perché Maya è animata da un'insaziabile curiosità e da un'attrazione istintiva per i libri, per il loro odore, per le copertine vivaci, per quell'affascinante mosaico di parole che riempie le pagine all'interno e, grazie a lei, A. J. non solo scoprirà la gioia di essere padre, ma riassaporerà anche il piacere di essere un libraio. Trovando infine la forza per aprirsi a un nuovo, inatteso amore.

La misura della felicità

Zevin Gabrielle

L'avventura estrema della vita, quella che accompagna ognuno di noi appena ha chiuso gli occhi sulla realtà e li ha aperti sul viaggio che la mente, subito dopo, intraprende verso un mondo misterioso.

Aldilà

Nievo Stanislao

Buffo, vitale, appassionato. Superstizioso, paziente ascoltatore, imbranato. È Jeremy Davenant, l'ultimo dei cavalieri di ventura. La sua forza? La sua normalità. La capacità di convivere con le proprie debolezze, di accogliere quelle altrui. Il fatto è che Jeremy è completamente andato, partito, per quella che ritiene la donna del destino, e sembra invece l'incarnazione della donna di picche: Milena. Metà indiana, metà zingara, intelligente e sovversiva, Milena appare selvatica e irraggiungibile. Irraggiungibile? Jeremy è convinto che la loro unione sia predestinata, profondamente voluta dal fato. Lo dice anche la Pagina magica! Un foglio strappato da un'enciclopedia, ragalatogli molti anni prima da zio Gerard durante un gioco a mosca cieca.

UNA CATENA DI ROSE

Moore Jeffrey