Narrativa

Comodo, silenzioso, vicinanze metrò

Spinaci Antonio

Descrizione: È un annuncio surreale quello che un lunedì come tanti compare sul Metroquadro, rivista milanese di inserzioni immobiliari: una vecchia contessa caduta in miseria mette in vendita un loculo cimiteriale della tomba di famiglia al Monumentale di Milano. Il cliente ideale? Secondo lei il pendolare che, intrappolato ogni giorno sui treni sovraffollati che fanno la spola tra Milano e l'hinterland, troverà in quell'offerta la soluzione ai suoi problemi. Almeno fino a quando l'anziana morirà. Allora, e solo allora, l'inquilino dovrà restituirle la dimora del suo eterno riposo. Colpevole della svista che ha permesso la pubblicazione dell'inserzione è Federico Plomb, impiegato alla redazione del Metroquadro e pendolare lui stesso. Dopo aver rischiato il licenziamento per questo errore, Federico assiste inerme alle reazioni a catena che ha innescato, a partire dall'atteggiamento dei media che, dapprima interessati al lato folkloristico della vicenda, ne fanno poi oggetto di serie discussioni nei talk show. Ha inizio un nuovo fenomeno: i milanesi che possiedono un loculo trovano l'idea della contessa ottima per guadagnare, e i pendolari, stanchi delle risse quotidiane per un posto sul treno regionale, rispondono alle inserzioni. E comprano. Le leggi di mercato fanno il resto. È il boom di un nuovo mercato immobiliare.

Categoria: Narrativa

Editore: Betelgeuse Editore

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788863490282

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Federico Plomb lavora come correttore di bozze alla redazione di un giornale di annunci immobiliari, il Metroquadro. Federico tutte le mattine e tutte le sere affronta l’odissea del pendolarismo. Fa parte di quei lavoratori che dalla provincia si riversano su Milano in quei pochi treni che sembrano sempre di più dei carri bestiame.

Un giorno, distratto dalla festicciola di compleanno per il direttore dell’agenzia, manda erroneamente in stampa un annuncio particolare.

L’annuncio propone la vendita di un loculo al Cimitero Monumentale, per… i vivi. In particolare per i pendolari stanchi dei viaggi in treno, delle botte, dello stress.
Quando il fatto viene scoperto si levano proteste da molti canali (Chiesa, istituzioni, ecc.) e vengono fatte le dovute scuse. Federico si prende un rimprovero dal direttore dell’agenzia Zambon e si pensa che la cosa venga presto dimenticata.
Invece qualcuno la prende sul serio, e la contessa Puricelli Gigli, che ha messo l’annuncio, viene contattata davvero da persone interessate al loculo. A quel punto si scatena un vero e proprio marketing ‘tombale’ e le persone, veramente stanche dell’inferno del pendolarismo, cominciano ad acquistare loculi, nei quali si trasferiscono fino a quando non dovranno liberarlo per la persona anziana che dovrà riposarci per sempre.
Federico è inizialmente scettico, ma poi, distrutto dall’ennesima lotta per tornare a casa, esasperato dalla violenza sia dei civili che delle forze dell’ordine nei confronti dei pendolari, abbandonato dalla fidanzata, si fa coinvolgere nell’acquisto di un loculo. Scattano così per lui tutta una serie di eventi caratterizzati da una notevole sfortuna.
“Comodo, silenzioso, vicinanze metrò” è un libro divertente e tragico allo stesso tempo. Si ride se si pensa al direttore Zambon che, solo e cinico, a un certo punto non può fare a meno di occuparsi di un pesce rosso regalatogli, per dispetto, dai suoi impiegati; si ride se si pensa che delle persone hanno solo potuto pensare di abitare in cimiteri, come se fossero campeggi.
Ma poi, anche se tutto è esasperato ai massimi, riflettiamo. Davvero ogni mattina per un pendolare è come se fosse una battaglia per la vita? In questo libro, per niente tra le righe, leggiamo violenza, cinismo, cattiverie pure. Si descrivono combattimenti corpo a corpo stile partita di rugby, non ci sono più tracce di rispetto nei confronti degli anziani o delle donne. E poi gli scontri con la polizia, le proteste anarchiche; il tutto in una Milano che sembra nutrirsi con soddisfazione di questo caos. Come si nutre del business dei loculi. Fior di locali per l’happy hour e lavanderie automatiche spuntano nei pressi dei cimiteri, gli agenti immobiliari cominciano a fare appostamenti ai funerali degli anziani per poter acquisire nuovi probabili clienti. Addirittura si arriva a occultare cadaveri per poter tenere il loculo tutto per sé.

“Comodo, silenzioso, vicinanze metrò” è un libro in cui le relazioni sono o finite o inesistenti oppure hanno secondi fini; nessuno mangia un pasto sano e si aspetta l’happy hour per cenare; i colleghi ti pugnalano alle spalle alla prima occasione. In questo libro si accetta di non avere intimità e privacy, pur di arrivare sereni al lavoro. Si mette in discussione uno dei punti base del nostro essere civili: la casa, intesa come le quattro mura che ci proteggono dalle brutture del mondo.

Siamo veramente diventati così? È un ritratto onesto, quello che fa Antonio Spinaci?
La domanda sorge anche pensando al finale perfettamente in linea con tutto il resto, ma che lascia comunque perplessi, anche se divertiti. Perché il dissacrante ritratto che l’autore fa della nostra società non delude, anzi il libro oltre a essere divertente, è brillante e ben scritto.
Un libro da leggere, insomma, per i pendolari di tutta Italia, non solo quelli milanesi che si riconosceranno nella descrizione della città. Un libro anche per i gestori delle nostre povere ferrovie e per gli agenti immobiliari. Un libro per tutti quelli che vogliono divertirsi, ma non vogliono perdere il contatto con la realtà. Bisogna leggerlo, riderci su e poi chiedersi se vogliamo davvero finire così…

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonio

Spinaci

Libri dallo stesso autore

Intervista a Spinaci Antonio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tra l'autunno del 567 e l'estate del 568 molti popoli premono alle porte dell'Italia, e tra questi ci sono i Longobardi, i guerrieri dalle lunghe barbe, che dalle pianure della Pannonia si muovono verso le fertili distese al di là delle Alpi. Un'imponente carovana composta da trecentomila uomini, donne, bambini e mandrie, guidata dal re Alboino, comincia così la sua Grande Marcia alla conquista di nuove terre. Intorno al leggendario Alboino si muovono i personaggi di una grandiosa epopea: la moglie e regina Rosmunda, il fratello di latte Elmichi, la figlia ribelle Alpsuinda, la spietata e bellissima sacerdotessa Rodelinda e gli Ari, sanguinaria setta di guerrieri votati al culto del dio Wotan. In Italia intanto l'avamposto di San Giorgio, ai piedi del passo del Predil, si organizza per resistere all'invasione. Il duca Agostino, Attolico, Isabella, la piccola Ignatia e Antinoro sono l'espressione di un popolo che non vuole arrendersi e che lotta fino alla fine per la propria libertà. Questo libro narra le gesta di due civiltà che si fronteggiano, i trionfi e le sconfitte, i tradimenti e le passioni, ma soprattutto la creazione di un nuovo regno e, forse, di una possibile rinascita.

568 D.C. i Longobardi. La grande marcia

Colloredo Sabina

L'eroe è diverso, solo e diverso. È solo l'eroe tragico, così come l'eroe lirico. Marco è ormai prossimo alla fine. Ha diciassette anni e soffre di progeria, una malattia che accelera vertiginosamente lo scorrere del tempo e condanna a una vecchiaia precoce. Suo padre, Stefano Quondam, fuori dal tempo e dal mondo ci si è sempre trovato, anche se in maniera diversa. È un luminare di letteratura greca, grandissimo e misconosciuto, un Don Chisciotte che non ha mai smesso di combattere una testarda battaglia contro la stupidità e l'omologazione. Ma tra i due, chi è veramente il mercante di luce? Chi salva l'altro? Questa è la cronaca degli ultimi dieci giorni di un ragazzo colto e curioso, emozionato di fronte a quello che sa della vita, e di un padre che gliene spiega il senso, l'unico che conosce. Il filo che li unisce, che trasforma il pensiero in un racconto che non potrà essere dimenticato, è la poesia greca: un excursus appassionato, un viaggio luminoso in cui si rincorrono i grandi gesti e le tenere paure di poeti e poetesse dell'unico tempo possibile, quello tra il mito e l'invenzione dell'amore. E sarà proprio qui, in un punto sospeso tra pagine da sfogliare, gioco, passioni e vita vissuta, che troveranno il varco per salvarsi entrambi, perché non è possibile che "gli uccelli cantino quando finisce una tempesta e un uomo non sappia essere felice per il sole che gli resta".

Il mercante di luce

Vecchioni Roberto

Milano, estate 1981: siamo nella fase più tarda, e più feroce, della stagione terroristica in Italia. Non ancora quarantenne, Giacomo Colnaghi a Milano è un magistrato sulla linea del fronte. Coordinando un piccolo gruppo di inquirenti, indaga da tempo sulle attività di una nuova banda armata, responsabile dell’assassinio di un politico democristiano. Il dubbio e l’inquietudine lo accompagnano da sempre. Egli è intensamente cattolico, ma di una religiosità intima e tragica. È di umili origini, ma convinto che la sua riuscita personale sia la prova di vivere in una società aperta. È sposato con figli, ma i rapporti con la famiglia sono distanti e sofferti. Ha due amici carissimi, con i quali incrocia schermaglie polemiche, ama le ore incerte, le periferie, il calcio, gli incontri nelle osterie. Dall’inquietudine è avvolto anche il ricordo del padre Ernesto, che lo lasciò bambino morendo in un’azione partigiana. Quel padre che la famiglia cattolica conformista non poté mai perdonare per la sua ribellione all’ordine, la cui storia eroica Colnaghi ha sempre inseguito, per sapere, e per trattenere quell’unica persona che ha forse amato davvero, pur senza conoscerla. L’inchiesta che svolge è complessa e articolata, tra uffici di procura e covi criminali, tra interrogatori e appostamenti, e andrà a buon fine. Ma la sua coscienza aggiunge alla caccia all’uomo una corsa per capire le ragioni profonde, l’origine delle ferite che stanno attraversando il Paese. Si risveglia così il bisogno di immergersi nella condizione degli altri, dall’assassino che gli sta davanti al vecchio ferroviere incontrato al bar, per riconciliare la giustizia che amministra con l’esercizio della compassione. Una corsa e un’immersione pervase da un sentimento dominante di morte. Un lento disvelarsi che segue parallelo il ricordo della vicenda del padre che, come Giacomo Colnaghi, fu dominato dal desiderio di trovare un senso, una verità. Anche a costo della vita.

Morte di un uomo felice

Fontana Giorgio

La promessa di un viaggio è sempre la speranza di una rinascita. Non serve andare troppo lontano. Per riscoprirsi a volte basta solo staccarsi un po' da sé stessi. Due donne e un uomo, estranei l'uno all'altro eppure indissolubilmente legati, incroceranno i loro destini sulle orme di un padre fantastico da chi odiato, da chi sognato, da chi semplicemente amato come Natura vuole che il figlio ami il padre in giro fra la vecchia Europa e i sogni che non hanno confini. Solo così rinasceranno una seconda volta. Solo così saranno liberi.

IL VIAGGIO DI JOËLLE

Sacco Vanessa