Racconti

La comunista

Rea Ermanno

Descrizione: Napoli e la sua gente, il presente e il passato di una città e di un'intera nazione affamati di speranza e di futuro. Ermanno Rea torna con "La comunista" sui suoi passi, torna a "Mistero napoletano", ma il personaggio che ci presenta non è più, come in quel vecchio romanzo, una donna in carne e ossa bensì il suo fantasma, una creatura evanescente anche se, a momenti, terribilmente reale, capace di parlare, sorridere, piangere, come quando era viva e colmava ogni possibile vuoto con la sua incontenibile esuberanza. Anche adesso, benché fantasma, Francesca riempie di sé la scena del racconto, svelando pian piano la ragione del suo "ritorno" a Napoli. Testimone e messaggera, questa presunta donna-scandalo allude a una resurrezione ancora possibile della città, che può essere salvata - ella dice - soltanto dall'utopia, da un pensiero folle, da una passione, dalla capacità collettiva di credere nell'impossibile. Anche "L'occhio del Vesuvio" è una storia che ha, a sua volta, i colori e lo spessore dell'allucinazione. La trama è lineare, soltanto che è sovrastata dalla presenza minacciosa del Vesuvio, trasformato esso stesso in attore, personaggio neppure troppo secondario della vicenda. Distruggerà Napoli? La domanda è ripetutamente evocata, soprattutto dal co-protagonista del racconto, il grecista Lucio Ammenda, insaziabile e disordinato collezionista di libri, parte dei quali dedicati proprio al "formidabil monte" e ai suoi misteri.

Categoria: Racconti

Editore: Giunti

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788809777743

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Il tempo è la misura del cambiamento, e la nostra città è rimasta immobile per tutti questi anni, così come era rimasta immobile prima, vittima di una fascinazione che ha le sembianze di un destino. Ma esiste il destino? Oppure chiamiamo così la nostra cattiva coscienza, i nostri errori, le nostre viltà? Una città senza storia uccide il tempo ma uccide anche se stessa. Ecco perché urge un pensiero folle, un progetto traumatico, un evento straordinario. In una parola, un’utopia.

Una città sfigurata dalla cattiva amministrazione, dalle promesse non mantenute, dalle speranze puntualmente deluse. Napoli si vede e si intravede in queste pagine, raccontata come una donna abbandonata a un destino di indecisioni e di mancate occasioni, un volto meraviglioso su cui si è impresso il ghigno amaro della rassegnazione, un cuore forte colpito a morte e lasciato agonizzante.

Due racconti, La comunista e L’occhio del Vesuvio che ci parlano di fatalità e di follia, necessarie e familiari a questa città come il mare.

Un fantasma che ritorna, quello della giovane Francesca Spada – già presente nel romanzo di Ermanno Rea Mistero Napoletano – è il protagonista del primo racconto. E’ lei a consegnare all’ormai anziano amico e scrittore un messaggio di speranza per la città e i lettori. Francesca e il suo suicidio sono il simbolo dei sogni perduti, in un tempo in cui erano forti il fermento e la spinta rivoluzionaria verso il cambiamento, messi a tacere dalla politica inadeguata e, come al solito, compromessa.

Siamo caduti molto in basso. Uno scrittore siciliano ha definito il Sud un deserto, un vuoto da riempire finalmente, solo che gli abitanti di questa terra tormentata (ma così accogliente, così ridente) lo vogliano veramente. Anch’io credo, come lui, che talvolta lo svantaggio possa risolversi in fortuna. Che cosa aspettiamo a muovere – ma sì proprio noi, i più disgraziati di tutti – il primo passo nel restauro della Grande Speranza?

Una sorta di realismo magico è quello che si respira in queste pagine, un sentimento che ben si adatta ai misteri e al carattere d’altri tempi di una città come Napoli. Una lettura che rimette in discussione certezze precarie e sogni rimediati e spinge a ridisegnare mete e confini.

Il messaggio aperto di questo racconto è l’augurio migliore per un anno che inizia, non solo per una città, ma per un intero Paese.

V’è un punto del nostro vivere e decadere, disse, un punto estremo di disfatta, che esige un gesto traumatico, una violenta rottura, senza la quale non esiste alcuna possibilità di un nuovo inizio.

Ne L’occhio del Vesuvio, il vulcano addormentato ricorda all’anziano Lucio Ammenda, grecista in pensione, la misura del vivere che ridimensiona e cambia le prospettive. E’ ciò che il professore insegnerà al giovane e talentuoso polacco – Tadeusz – che lavora nella sua casa e che non riesce a guardare oltre la finestra senza temere la fine annunciata dalla montagna di fuoco.

Un’amicizia, una complicità, una collaborazione che ci raccontano di un Sud che ha imparato a convivere con la precarietà e con il suo innato fatalismo, in cui la forza creatrice dei suoi abitanti si rigenera e reinventa ogni volta, nonostante tutto.

Dice Tadeusz all’anziano Ammenda: “Che cosa ho imparato grazie a te! La dignità del lavoro; l’orgoglio del lavoro; la stima sociale che un lavoro ben eseguito può procurare. […] Il lavoro che matura intellettualmente un uomo, lo rifinisce, dà un senso alla sua vita, ne stimola le ambizioni, gli apre gli occhi sul mondo, lo strappa alla sua selvaggia solitudine, lo rende cittadino.

Già, il lavoro.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ermanno

Rea

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rea Ermanno


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Impetuoso, lieve, sconvolgente: è il vento che soffia senza requie sulle pendici del Rossarco, leggendaria, enigmatica altura a pochi chilometri dal mar Jonio. Il vento scuote gli olivi secolari e gli arbusti odorosi, ulula nel buio, canta di un antico segreto sepolto e fa danzare le foglie come ricordi dimenticati. Proprio i ricordi condivisi sulla "collina del vento" costituiscono le radici profonde della famiglia Arcuri, che da generazioni considera il Rossarco non solo luogo sacro delle origini, ma anche simbolo di una terra vitale che non si arrende e tempio all'aria aperta di una dirittura etica forte quanto una fede. Così, quando il celebre archeologo trentino Paolo Orsi sale sulla collina alla ricerca della mitica città di Krimisa e la campagna di scavi si tinge di giallo, gli Arcuri cominciano a scontrarsi con l'invidia violenta degli uomini, la prepotenza del latifondista locale e le intimidazioni mafiose. Testimone fin da bambino di questa straordinaria resistenza ai soprusi è Michelangelo Arcuri, che molti anni dopo diventerà il custode della collina e dei suoi inconfessabili segreti. Ma spetterà a Rino, il più giovane degli Arcuri, di onorare una promessa fatta al padre e ricostruire pezzo per pezzo un secolo di storia familiare che s'intreccia con la grande storia d'Italia, dal primo conflitto mondiale agli anni cupi del fascismo, dalla liberazione alla rinascita di un'intera nazione nel sogno di un benessere illusorio. Carmine Abate dà vita a un romanzo dal ritmo serrato e dal linguaggio seducente, che parte da Alberto, il tenace patriarca, agli inizi del Novecento, passa per i suoi tre figli soldati nella Grande Guerra e per tutte le sue donne forti e sensuali, e giunge fino a Umberto Zanotti-Bianco, all'affascinante Torinèsia e all'ultimo degli Arcuri, uomo dei nostri giorni che sceglie di andare lontano. La collina del vento è la saga appassionata e coinvolgente, epica ed eroica di una famiglia che nessuna avversità riesce a piegare, che nessun vento potrà mai domare.

LA COLLINA DEL VENTO

Abate Carmine

Loro ci sono. Loro sono di là. O forse sono altrove. Se li chiami, c'è anche il rischio che rispondano. Ma con che risultato? Loro sono riconoscibilissimi - ma chi li ha visti crescere teme sempre che possano essere stati sostituiti. Inquietanti o inquieti? Loro passano gran parte del tempo in una posizione orizzontale che non è necessariamente quella del sonno. Ma certamente dormono quando gran parte del mondo è sveglia. Loro sono gli adolescenti, anzi i figli adolescenti. Così se li immagina Michele Serra: sdraiati. Gli sdraiati fanno paura, fanno tenerezza, fanno incazzare. Eppure se interrogati a volte sorprendono per intelligenza, buon senso, pertinenza. E allora? Bisogna raccontarli, guardarli, spiarli. Cosa che Michele Serra fa con l'ansia del padre, con lo spirito del moralista, con l'acutezza del comico. Gli sdraiati è un romanzo, un saggio, un'avventura. Ed è anche il "monumento" a una lunga generazione che si è allungata orizzontalmente nel mondo, nella società, e forse da quella posizione sta riuscendo a vedere cose che gli "eretti" non vedono più, non vedono ancora, hanno smesso di vedere.

Gli sdraiati

Serra Michele

Il contadino astrologo di Italo Calvino

Cosa si mangiava nel Medioevo? E perché? Cosa è rimasto di tutto ciò nell'alimentazione di oggi? La storia del cibo è una storia affascinante perché, come quella del pensiero, ricca di scoperte e di imprese anonime, ma non per questo meno importanti. Dall'alimentazione romana alla corale conversione del mondo mediterraneo verso la carne, si rende in questo libro pian piano evidente come gli uomini si adattino spesso e con rapidità a cambiare i loro gusti. Una curiosa e interessante vicenda collettiva che ci trascina fino ad approdare al Medioevo,tra gusti, odori e aspetti del cibo e dell'umanità sempre diversi.

Alighieri passatemi il sale

Pischedda Anna