Narrativa

CONFESSIONI DI UN BARMAN

Marini Paolo

Cavalli Mirco

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Curiosando

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788890499050

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Cuper Bennati è un barman di Prato che parte per New York, la “mela grossa e gialla, saporita e succosa“, dove lavora in un locale notturno; la curiosa insoddisfazione lo porta prima in India e poi a Shangai, città esotica e sensuale, dove finisce di nuovo dietro al bancone.

Dopo anni di duro lavoro torna a Firenze, la “Piccola mela, verde intensa con polpa croccante” e apre un bar tutto suo. Qui si sente a casa, vive la città nei momenti più belli, all’alba dopo la chiusura.

Cuper adora il suo lavoro e ama la notte. Prepara cocktail e osserva le mille donne che cercano in lui un rifugio, una spalla su cui piangere o un’avventura senza conseguenze; ascolta le loro confessioni e si rivela un abile psicologo, amante dell’universo femminile.

Piace perché è bello e beve la vita con pienezza. E ci fa un dono, narrando le storie di queste donne intriganti, ambientate in posti da sogno. Ogni capitolo è un racconto incastonato in un ricordo.

L’affascinante barman vive in un crescendo erotico e sentimentale molto forte e alla fine arriva a credere di aver bisogno della normalità, per l’immancabile senso di solitudine. Questo è il rischio di chi fa parte dell'”umanità dispersa” della notte. 

Confessioni di un Barman” è un libro intenso, scritto a quattro mani da Paolo Marini, che barman lo è davvero, e Mirco Cavalli. Trasmette gioia di vivere e invita alla sperimentazione esistenziale nei bicchieri, in cucina, tra le lenzuola e nel cuore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Marini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cavalli Mirco

Mirco

Cavalli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cavalli Mirco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Settembre 2010. Tempo di vendemmia, ma a Bari fa ancora molto caldo e si continua ad andare al mare Lolita compie trentasette anni e finalmente scopre che il suo cuore è ancora capace di innamorarsi. A modo suo, si sa. Ma non è solo l'amore a far battere il cuore di Lolita: un bambino e il suo gattino sono scomparsi nel nulla e il dovere chiama. La bellissima madre del bambino. scura e carnosa come un chicco di uva nera, ha amici intimi molto particolari su cui indagare. Sullo sfondo della nuova inchiesta, una Bari sempre più bella e intrigante, qualcuno che gioca un brutto tiro a Lolita e una giostra di personaggi coloratissimi. Oltre alle immancabili. deliziose ricette della commissaria più scorretta – ma di gran cuore d’Italia.

UVA NOIR

Genisi Gabriella

Calabretto ricostruisce L’Histoire du soldat

In un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione diventa cieca per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito da questo male si trova come avvolto in una nube lattiginosa e non ci vede più. Le reazioni psicologiche degli anonimi protagonisti sono devastanti, con un'esplosione di terrore e violenza, e gli effetti di questa misteriosa patologia sulla convivenza sociale risulteranno drammatici. I primi colpiti dal male vengono infatti rinchiusi in un ex manicomio per la paura del contagio e l'insensibilità altrui, e qui si manifesta tutto l'orrore di cui l'uomo sa essere capace. Nel suo racconto fantastico, Saramago disegna la grande metafora di un'umanità bestiale e feroce, incapace di vedere e distinguere le cose su una base di razionalità, artefice di abbrutimento, violenza, degradazione. Ne deriva un romanzo di valenza universale sull'indifferenza e l'egoismo, sul potere e la sopraffazione, sulla guerra di tutti contro tutti, una dura denuncia del buio della ragione, con un catartico spiraglio di luce e salvezza.

Cecità

Saramago José

"Se c'è una parola che mi pervade l'animo quando penso a O, questa è pudore. Sarebbe troppo arduo motivarla. E quel vento che corre incessante, che attraversa tutte le stanze. Così soffia anche in O uno spirito, non saprei dir quale, sempre puro e violento, senza tregua, senza ombre. Uno spirito decisivo, che nulla può turbare, né i sospiri né gli onori, né l'estasi né la nausea. L'Histoire d'O, dall'inizio alla fine, procede come un'azione travolgente. Evoca un discorso più che una mera effusione; una lettera più che un diario intimo. Ma a chi è indirizzata la lettera? E chi vuole persuadere il discorso? A chi domandarlo? Non so neppure chi lei sia." (Jean Paulhan)

HISTOIRE D’O

Réage Pauline

Text selection is disabled by content protection wordpress plugin