Arte

Confessioni

De Pisis Filippo

Descrizione: Cresce un'attenzione complessiva per gli aspetti multiformi della figura e dell'opera di Filippo de Pisis dal personaggio inimitabile, tenero, ma anche tragico, alla pittura, alla rivisitazione della letteratura (poesie e prose). La presente raccolta di scritti si giustifica dal titolo davvero suggestivo di un articolo di De Pisis, Confessioni: una scansione di testi lungo l'arco biografico dell'artista, dal 1915 al 1951. Testi di varia natura che hanno in comune un sottofondo di diario, di confessione. Come ogni diario, queste pagine vivono nel gioco sfuggente della vita, delle luci, delle intermittenze, del catalogo quotidiano degli incontri, degli incanti, della effimera eternità. La scrittura si accende nello scatto emotivo di un luogo, di un interno, di una visione, di un quadro, di un oggetto, di un motivo di pittura, di un nulla, di una bellezza anonima: e poi si spegne nella labilità, nella fuga di nuove immagini, nuove parole, nuove illusioni. Ne esce un libro toccante, in una grazia leggera e dolorosa, fino all'ultima struggente confessione: "Spesso mi è venuto di dire che non amo che i quadri che non ho dipinto". Ci sono sì le occasioni, l'irrequietezza e il vissuto del diario, ma anche il continuo altro da sé dell'assenza, della pagina bianca, di quella celeste malinconia delle sue nature morte marine. Il libro è curato da Bona de Pisis (nipote dell'artista) e da Sandro Zanotto, esperto e conoscitore come nessun altro degli archivi e delle carte di De Pisis.

Categoria: Arte

Editore: Le lettere

Collana: Atelier

Anno: 1996

ISBN: 9788871662657

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Confessioni di Filippo de Pisis

È una raccolta di testi davvero ricca di spunti quella pubblicata da Filippo de Pisis con l’intrigante titolo di Confessioni.

I testi sono autobiografici (“Un artista tocca facilmente la penna quando parla schiettamente di sé ed è per questo che le autobiografie, gli epistolari di un uomo fuori del comune sono sempre interessanti”), abbracciano l’intera vita del pittore e corrispondono a diverse fasi: il periodo emiliano, quello romano, quello parigino, quello veneziano.

Le Confessioni – scritte sia in prima persona, sia in terza, talvolta sotto mentite spoglie – riguardano  la sensibilità e i sentimenti dell’artista, e naturalmente la sua produzione pittorica.

In questo articolo ci occuperemo dei contenuti più letterari dell’opera, rinviando a un successivo testo il nostro commento delle opere pittoriche presenti nelle Confessioni.

La sensibilità e i sentimenti sono suscitati ed eccitati da situazioni diverse: un incontro (come quello a Bologna, al Caffè della Barchetta: “Al tavolino di fondo, nell’angolo, pranzano un capitano e due sottotenenti, uno si alza… Io mi sento tutto scosso da questo splendido efebo innamorato… per questo bellissimo giovane alto, snello, muscoloso, ardito… darei il mio cuore e mi struggerei di passione” o come quello con un fabbro poeta a Venezia), una visione – come quella dei due figli del portinaio -, un sogno che ha per protagonista la mamma defunta, le emozioni vissute da un maestro di disegno poi trasferito e costretto a lasciare i suoi studenti… e molte altre.

Frequenti sono i riferimenti a giovani ragazzi: idealizzati come Antinoo (“Ma quale l’essere d’amare all’infuori di sé, quale l’essere che avesse saputo penetrarlo e possederlo con maggiore forza e squisitezza di quella con la quale egli si possedeva?… Risentì nel sangue i piccoli brividi provati quel giorno sulla spiaggia del mare, quando i suoi occhi s’erano incontrati in altri lucidi occhi di giovani fiorenti di puerizia e agili che lo guardavan con ammirazione, di etère punte da crudele desiderio di lui”), soggetti di ritratti (“Era un muratorino, si chiamava Cesare. Lo avevo visto una mattina alla stazione, lavorava là. Una sera mi decisi, lo fermai e gli dissi che stesse fermo, che gli volevo fare il ritratto… Lo facevo venire a casa dove avevo imbastito uno studiolo… Le prime volte non voleva spogliarsi, poi ci aveva preso gusto”), oggetto di ricerca come modelli, come nell’occasione del San Giovanni Battista ad Assisi (“Aveva già adocchiato alcuni giovani nel paese. Li osservava, quando passavano indovinava e studiava le loro forme sotto i vestiti”).

Nelle descrizioni abbondano i cromatismi, al punto che gli scritti sembrano essi stessi dei quadri (“In certe sere piovorne di cielo madreporico e verdino, in certe albe pacate, la sua sensibilità viene come esasperata…”).

Con riferimento specifico alla pittura, le Confessioni sono interessanti per le considerazioni su altri artisti (“Come… o grande Giorgio De Chirico, questo colore? Sul verde Paolo Veronese… avevi dipinto nel tuo quadro il pesce di latta!”) o correnti – la metafisica di de Chirico su tutte (“In una di queste mattine limpide… io posso pensare… al Partenone antico, solido e lucido nelle sue colonne laboriose, albicante su una collinetta azzurrastra acuto di timpani, e tu o De Chirico, beato signore del mistero delle cose, che lo contempli camminando placido…”).

Ma l’opera consente anche di penetrare la poetica (“Il mio desiderio di penetrare ogni aspetto delle cose era struggente, forse perché ero debole”), l’estetica (“Orbene l’arte del dipingere, che per misteriose vie e leggi risale alle origini dello spirito e dell’anima, pare la forma, la crisalide quasi indispensabile alla vera opera d’arte, alla sua vita”)  e la concezione stessa della pittura come arte: “Esistono due modi fondamentali; pittura nella quale ogni tocco, ogni colpo di pennello (penso alle bacchette magiche di Goya) è pensato, è dosato, è come le note in uno spartito, quasi che il pennello fosse un calamus (penna) che i vari poeti han sempre legato con un filo misterioso al cuore; e pittura nella quale il pennello (o la spatola o il coltello o la pennellessa) scorre su e giù come ignobile scopa, copre superfici più o meno vaste, più spesso anzi le ricopre in un guazzabuglio di pentimenti, e di inerti melanconie”.

Filippo de Pisis non manca di esprimere una sua opinione sui critici d’arte (“I più accaniti… sono i cattivi pittori, paludamentati per l’occasione da critici. In essi… spesso difetta anche l’arte del bello scrivere”) e sulla pittura a lui contemporanea (“La cattiva pittura (tre quarti della moderna lo è)… nata dal dadaismo e dal surrealismo (quando il futurismo sembrava agonizzare)… si è camuffata sotto un falso aspetto di preziosità tecnica”), né di descrivere qualche evento di  cronaca mondana come un vernissage a Parigi.

Un testo che non può mancare a chi voglia meglio comprendere la sensibilità di un uomo che ha l’arte a tutto tondo nell’intimità…

Bruno Elpis

Visualizza a questo link l’opera Confessioni sul sito della casa editrice

Leggi a questo link il precedente articolo All’ombra di de Pisis di Rocco Herman Puppio

_______________________________

Filippo De Pisis – (Ferrara 1896 – Milano 1956) pittore e scrittore italiano. Pittore tra i massimi del Novecento italiano, pubblicò volumi di critica d’arte (Pittura moderna, 1918; Parigi di Van Gogh, 1945), di versi e di prosa (I canti della Croara, 1916; Il sig. Luigi B., 1920; Poesie, 1942), saggi (Adamo o dell’eleganza, postumo, 1981), memorie (Il marchesino pittore, postumo, 1969). Le sue pagine sono improntate a un impressionismo di sottile sensualità.

Filippo de Pisis nasce a Ferrara l’11 maggio 1986 con il nome di Luigi Tibertelli, nota famiglia della nobiltà. È’ figura tra le più rappresentative della pittura italiana del secolo scorso; ma è stato anche poeta e prosatore. Incontro importante per la sua formazione intellettuale è stata la conoscenza a Ferrara di Alberto Savinio e Giorgio de Chirico (con cui sarà in rapporto di amicizia per tutta la vita). Visse a Roma, per lunghi anni a Parigi, a Milano, a Venezia. Per una malattia depressiva trascorse gli ultimi anni nella casa di cura Villa Florita di Brugherio. Si spense a Milano, in casa del fratello, il 2 aprile 1956.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Filippo

Pisis

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Pisis Filippo

Lina ha appena compiuto quindici anni quando scopre che basta una notte, una sola, per cambiare il corso di tutta una vita. Quando arrivano quegli uomini che la costringono ad abbandonare tutto. E a ricordarle chi è, chi era, le rimane soltanto una camicia da notte, qualche disegno e la sua innocenza. È il 14 giugno del 1941 quando la polizia sovietica irrompe con violenza in casa sua, in Lituania. Lina, figlia del rettore dell’università, è sulla lista nera, insieme a molti altri scrittori, professori, dottori e alle loro famiglie. Sono colpevoli di un solo reato, quello di esistere. Verrà deportata. Insieme alla madre e al fratellino viene ammassata con centinaia di persone su un treno e inizia un viaggio senza ritorno tra le steppe russe. Settimane di fame e di sete. Settimane di pianti, urla, e morte. Fino all’arrivo in Siberia, nel campo di lavoro dell’Altaj, dove tutto è grigio, dove regna il buio, dove il freddo uccide, sussurrando. E dove non resta niente, se non la polvere della terra che i deportati sono costretti a scavare, giorno dopo giorno. Ma c’è qualcosa che non possono togliere a Lina. Ci sono la sua dignità. La sua forza. La luce nei suoi occhi. E il suo coraggio. Quando non è costretta a lavorare, Lina disegna. Documenta tutto. Deve riuscire a far giungere i disegni al campo di prigionia del padre. È l’unico modo, se c’è, per salvarsi. Per gridare che sono ancora vivi. Circondata dall’odore della morte, Lina si batte per la propria vita, decisa a non consegnare la sua paura alle guardie, giurando che, se riuscirà a sopravvivere, onorerà la sua famiglia, e le migliaia di famiglie sepolte in Siberia, per mezzo dell’arte e della scrittura.

AVEVANO SPENTO ANCHE LA LUNA

Sepetys Ruta

Una brutta costruzione di cemento in equilibrio su un precipizio appare tra le curve della strada costiera. Sarà un bar? Una trattoria per camionisti? È comunque il primo locale pubblico dopo chilometri di curve percorse sotto il peso di un'afa opprimente. L'uomo e la donna viaggiano da ore sotto il sole implacabile, e sono di pessimo umore per qualcosa che è successo la sera prima. Quella breve vacanza avrebbe dovuto riavvicinarli, ma niente sta andando per il verso giusto. Hanno proprio bisogno di un caffè, così decidono di fermarsi. La breve pausa distensiva si prolunga però oltre ogni possibile previsione, caricandosi di una tensione crescente. L'oste, un personaggio sgradevole e untuoso, li stordisce di chiacchiere e continua a servirgli piatti che loro non hanno ordinato. All'arrivo del conto, esorbitante, l'irritazione dell'uomo raggiunge il culmine. È una catena di eventi che sarebbe possibile spezzare in qualsiasi momento, e che invece si dipana inesorabilmente fino all'attimo in cui tutto collassa, così che una giornata storta come ne possono capitare a chiunque si trasforma in un incubo senza ritorno. Tra Friedrich Dürrenmatt e Patricia Highsmith, un thriller psicologico ad alta tensione.

Una giornata nera

Costa Aldo

Un uomo cammina velocemente sulle sponde del Po. Ha le mani insanguinate. A un certo punto si ferma e lancia una rivoltella nel fiume, dove le acque sono più profonde. Poi si mette a correre. Poco più indietro, sotto i piloni del pontile, c'è un altro uomo con il foro di un proiettile sulla fronte. È il cardinale di Ferrara. Gaetano De Nittis, brillante capitano della Guardia di Finanza, il Corpo più "odiato" d'Italia, si trova a indagare su questa morte eccellente. Il caso lo trascina nelle sabbie mobili degli interessi dei notabili della città, tra intrighi di palazzo, giochi di potere e grossi accordi economici. De Nittis, con la colonna sonora del blues del suo idolo B.B. King, inizia così un'altra indagine "ufficiosa" nel tentativo di scagionare da un'accusa di omicidio un giornalista innocente. Il capitano dovrà fare anche i conti con un misterioso falsario di banconote e con un delitto irrisolto di venti anni prima. Il tutto mentre Rosa, la giovane donna che ama, si trova inaspettatamente faccia a faccia con il suo doloroso passato.

Morte di un cardinale

Regina Paolo

Elf è sempre stata la più bella. Ha stile, idee geniali, ti fa morir dal ridere; le capitali del mondo la ricoprono allegramente di dollari per farle suonare il pianoforte e gli uomini si innamorano perdutamente di lei. Yoli è la sorella squinternata. Ha messo al mondo figli con padri diversi, ha un amante avvocato, se si rompe la macchina fa sesso con il meccanico, ha il conto sempre in rosso e una carriera mancata. E cos’è adesso questa storia che Elf vuole morire? Proprio in questo momento, poi, a due settimane da un’importantissima tournée. “Elfie, ma ti rendi conto di quanto mi mancheresti?” Quali sono le cose giuste da dire per salvare una vita? Yoli la prende in giro, la consola, la sgrida, aggredisce lo psichiatra dell’ospedale, cammina lungo il fiume tumultuoso del disgelo, non sa più che pesci pigliare. Cospira con la madre, con zia Tina, con il tenero marito scienziato di Elf, con Claudio, il suo agente italiano, e tra cene alcoliche, sms di figli ed ex mariti, sorrisi e ultime frontiere del pianto, lottano tutti per convincere Elf a restare. E in questo lungo duello di parole, carezze, umorismo nero si celebra la grazia e l’energia che occorrono per accettare il dono fragile della vita. Scritto per dare forma a un dolore vero, I miei piccoli dispiaceri è un’esplosione di intelligenza, comicità e calore.

I miei piccoli dispiaceri di Miriam Toews

Toews Miriam