Arte

Confessioni

De Pisis Filippo

Descrizione: Cresce un'attenzione complessiva per gli aspetti multiformi della figura e dell'opera di Filippo de Pisis dal personaggio inimitabile, tenero, ma anche tragico, alla pittura, alla rivisitazione della letteratura (poesie e prose). La presente raccolta di scritti si giustifica dal titolo davvero suggestivo di un articolo di De Pisis, Confessioni: una scansione di testi lungo l'arco biografico dell'artista, dal 1915 al 1951. Testi di varia natura che hanno in comune un sottofondo di diario, di confessione. Come ogni diario, queste pagine vivono nel gioco sfuggente della vita, delle luci, delle intermittenze, del catalogo quotidiano degli incontri, degli incanti, della effimera eternità. La scrittura si accende nello scatto emotivo di un luogo, di un interno, di una visione, di un quadro, di un oggetto, di un motivo di pittura, di un nulla, di una bellezza anonima: e poi si spegne nella labilità, nella fuga di nuove immagini, nuove parole, nuove illusioni. Ne esce un libro toccante, in una grazia leggera e dolorosa, fino all'ultima struggente confessione: "Spesso mi è venuto di dire che non amo che i quadri che non ho dipinto". Ci sono sì le occasioni, l'irrequietezza e il vissuto del diario, ma anche il continuo altro da sé dell'assenza, della pagina bianca, di quella celeste malinconia delle sue nature morte marine. Il libro è curato da Bona de Pisis (nipote dell'artista) e da Sandro Zanotto, esperto e conoscitore come nessun altro degli archivi e delle carte di De Pisis.

Categoria: Arte

Editore: Le lettere

Collana: Atelier

Anno: 1996

ISBN: 9788871662657

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Confessioni di Filippo de Pisis

È una raccolta di testi davvero ricca di spunti quella pubblicata da Filippo de Pisis con l’intrigante titolo di Confessioni.

I testi sono autobiografici (“Un artista tocca facilmente la penna quando parla schiettamente di sé ed è per questo che le autobiografie, gli epistolari di un uomo fuori del comune sono sempre interessanti”), abbracciano l’intera vita del pittore e corrispondono a diverse fasi: il periodo emiliano, quello romano, quello parigino, quello veneziano.

Le Confessioni – scritte sia in prima persona, sia in terza, talvolta sotto mentite spoglie – riguardano  la sensibilità e i sentimenti dell’artista, e naturalmente la sua produzione pittorica.

In questo articolo ci occuperemo dei contenuti più letterari dell’opera, rinviando a un successivo testo il nostro commento delle opere pittoriche presenti nelle Confessioni.

La sensibilità e i sentimenti sono suscitati ed eccitati da situazioni diverse: un incontro (come quello a Bologna, al Caffè della Barchetta: “Al tavolino di fondo, nell’angolo, pranzano un capitano e due sottotenenti, uno si alza… Io mi sento tutto scosso da questo splendido efebo innamorato… per questo bellissimo giovane alto, snello, muscoloso, ardito… darei il mio cuore e mi struggerei di passione” o come quello con un fabbro poeta a Venezia), una visione – come quella dei due figli del portinaio -, un sogno che ha per protagonista la mamma defunta, le emozioni vissute da un maestro di disegno poi trasferito e costretto a lasciare i suoi studenti… e molte altre.

Frequenti sono i riferimenti a giovani ragazzi: idealizzati come Antinoo (“Ma quale l’essere d’amare all’infuori di sé, quale l’essere che avesse saputo penetrarlo e possederlo con maggiore forza e squisitezza di quella con la quale egli si possedeva?… Risentì nel sangue i piccoli brividi provati quel giorno sulla spiaggia del mare, quando i suoi occhi s’erano incontrati in altri lucidi occhi di giovani fiorenti di puerizia e agili che lo guardavan con ammirazione, di etère punte da crudele desiderio di lui”), soggetti di ritratti (“Era un muratorino, si chiamava Cesare. Lo avevo visto una mattina alla stazione, lavorava là. Una sera mi decisi, lo fermai e gli dissi che stesse fermo, che gli volevo fare il ritratto… Lo facevo venire a casa dove avevo imbastito uno studiolo… Le prime volte non voleva spogliarsi, poi ci aveva preso gusto”), oggetto di ricerca come modelli, come nell’occasione del San Giovanni Battista ad Assisi (“Aveva già adocchiato alcuni giovani nel paese. Li osservava, quando passavano indovinava e studiava le loro forme sotto i vestiti”).

Nelle descrizioni abbondano i cromatismi, al punto che gli scritti sembrano essi stessi dei quadri (“In certe sere piovorne di cielo madreporico e verdino, in certe albe pacate, la sua sensibilità viene come esasperata…”).

Con riferimento specifico alla pittura, le Confessioni sono interessanti per le considerazioni su altri artisti (“Come… o grande Giorgio De Chirico, questo colore? Sul verde Paolo Veronese… avevi dipinto nel tuo quadro il pesce di latta!”) o correnti – la metafisica di de Chirico su tutte (“In una di queste mattine limpide… io posso pensare… al Partenone antico, solido e lucido nelle sue colonne laboriose, albicante su una collinetta azzurrastra acuto di timpani, e tu o De Chirico, beato signore del mistero delle cose, che lo contempli camminando placido…”).

Ma l’opera consente anche di penetrare la poetica (“Il mio desiderio di penetrare ogni aspetto delle cose era struggente, forse perché ero debole”), l’estetica (“Orbene l’arte del dipingere, che per misteriose vie e leggi risale alle origini dello spirito e dell’anima, pare la forma, la crisalide quasi indispensabile alla vera opera d’arte, alla sua vita”)  e la concezione stessa della pittura come arte: “Esistono due modi fondamentali; pittura nella quale ogni tocco, ogni colpo di pennello (penso alle bacchette magiche di Goya) è pensato, è dosato, è come le note in uno spartito, quasi che il pennello fosse un calamus (penna) che i vari poeti han sempre legato con un filo misterioso al cuore; e pittura nella quale il pennello (o la spatola o il coltello o la pennellessa) scorre su e giù come ignobile scopa, copre superfici più o meno vaste, più spesso anzi le ricopre in un guazzabuglio di pentimenti, e di inerti melanconie”.

Filippo de Pisis non manca di esprimere una sua opinione sui critici d’arte (“I più accaniti… sono i cattivi pittori, paludamentati per l’occasione da critici. In essi… spesso difetta anche l’arte del bello scrivere”) e sulla pittura a lui contemporanea (“La cattiva pittura (tre quarti della moderna lo è)… nata dal dadaismo e dal surrealismo (quando il futurismo sembrava agonizzare)… si è camuffata sotto un falso aspetto di preziosità tecnica”), né di descrivere qualche evento di  cronaca mondana come un vernissage a Parigi.

Un testo che non può mancare a chi voglia meglio comprendere la sensibilità di un uomo che ha l’arte a tutto tondo nell’intimità…

Bruno Elpis

Visualizza a questo link l’opera Confessioni sul sito della casa editrice

Leggi a questo link il precedente articolo All’ombra di de Pisis di Rocco Herman Puppio

_______________________________

Filippo De Pisis – (Ferrara 1896 – Milano 1956) pittore e scrittore italiano. Pittore tra i massimi del Novecento italiano, pubblicò volumi di critica d’arte (Pittura moderna, 1918; Parigi di Van Gogh, 1945), di versi e di prosa (I canti della Croara, 1916; Il sig. Luigi B., 1920; Poesie, 1942), saggi (Adamo o dell’eleganza, postumo, 1981), memorie (Il marchesino pittore, postumo, 1969). Le sue pagine sono improntate a un impressionismo di sottile sensualità.

Filippo de Pisis nasce a Ferrara l’11 maggio 1986 con il nome di Luigi Tibertelli, nota famiglia della nobiltà. È’ figura tra le più rappresentative della pittura italiana del secolo scorso; ma è stato anche poeta e prosatore. Incontro importante per la sua formazione intellettuale è stata la conoscenza a Ferrara di Alberto Savinio e Giorgio de Chirico (con cui sarà in rapporto di amicizia per tutta la vita). Visse a Roma, per lunghi anni a Parigi, a Milano, a Venezia. Per una malattia depressiva trascorse gli ultimi anni nella casa di cura Villa Florita di Brugherio. Si spense a Milano, in casa del fratello, il 2 aprile 1956.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Filippo

Pisis

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Pisis Filippo

Lincoln Rhyme, criminologo forense divenuto tetraplegico in seguito a un incidente, deve scovare "il collezionista di ossa", uno psicopatico che rapisce le sue vittime e le uccide facendole a pezzi.

Il collezionista di ossa

Deaver Jeffery

Due ragazze, Chieco e Naeko, si incontrano e scoprono di essere gemelle. Hanno però avuto dal destino storie diverse: la prima, abbandonata dai genitori poveri, viene allevata dalla famiglia di un originale e benestante mercante di kimono, mentre la sorella, morti presto la madre e il padre, deve guadagnarsi la vita lavorando nei boschi della montagna. Malgrado il profondo legame che le unisce, alla fine le due sorelle torneranno a percorrere strade diverse.

Koto

Kawabata Yasunari

Tornando a casa dopo la scuola, uno studente si ferma in una strana biblioteca. Certo, anche la sua richiesta è un po' strana. Chiede alla bibliotecaria qualche libro che possa soddisfare la sua ultima curiosità (è un bambino curioso, il nostro protagonista): la riscossione delle tasse nell'impero ottomano. La bibliotecaria lo manda alla stanza 107. Qui l'aspetta un altro bibliotecario, ancora più bizzarro della prima: "aveva la faccia coperta di piccole macchie nere, come tanti moscerini. Era calvo e portava occhiali dalle lenti spesse. La sua calvizie non era uniforme. Tutt'intorno al cranio gli restavano ciuffi di capelli bianchi ritorti, come in un bosco dopo un incendio". E davvero una ben strana biblioteca, questa! Il bibliotecario accompagna il bambino attraverso un labirinto di corridoi e stanze, finché non arrivano in una stanza dove riposa un piccolo uomo vestito con una pelle di pecora. E qui le cose si fanno brutte: il bibliotecario e l'uomo-pecora spingono il piccolo in una cella. Il bambino rischia di fare una fine terribile se non arrivasse in suo soccorso una ragazza sconosciuta...

La strana biblioteca

Haruki Murakami

È una sera di ottobre del 1942. La locanda di Proskurov è gremita di militari in trasferta. Il pastore venuto ad assistere un condannato a morte deve dividere la stanza con un capitano in partenza per il fronte di Stalingrado. È la guerra, la guerra di Hitler. La notte è nera e tempestosa, la follia nazista e la morte ammorbano l'aria, eppure in quella stanza trionfa la vita. La bella Melanie sale le scale di nascosto e viene ad abbracciare per l'ultima volta il suo capitano. In tre dividono pane e miele, un sorso di caffè vero. Poi, mentre gli amanti si appartano in un angolo, il pastore si immerge nella storia dell'uomo che verrà fucilato per diserzione: negli atti del processo trova la strada per giungere al suo cuore. E in carcere, più tardi, pastore e condannato si dicono addio come fratelli. All'alba il plotone d'esecuzione si metterà in marcia, l'aereo del capitano decollerà per Stalingrado. Ma in quella notte inquieta sguardi, abbracci, voci e parole uniscono per sempre, e rendono giustizia assoluta.

NOTTE INQUIETA

Goes Albrecht