Narrativa

Confidenza

Starnone Domenico

Descrizione: Un giovane uomo e una giovanissima donna. Lei è vivace e brillante, insieme vivono un amore tempestoso. Dopo l’ennesimo litigio, a Teresa viene un’idea: raccontami qualcosa che non hai mai detto a nessuno – dice a Pietro –, raccontami un tuo segreto inconfessabile, e io farò altrettanto. Così rimarremo legati per sempre. Si lasceranno, naturalmente, poco dopo. Pietro incontra Nadia, e Nadia lo incanta. La morbidezza del suo corpo e del suo carattere sono come un respiro lungo, dopo tanti spigoli. Ma pochi giorni prima delle nozze Teresa magicamente ricompare. E con lei l’ombra di quello che si sono confessati a vicenda, quasi un avvertimento: «Attento a te». Da quel momento in poi la confidenza lo seguirà minacciosa: la buona volontà poggia sulla cattiva coscienza, e Pietro non potrà mai più dimenticarlo. Anche perché Teresa si riaffaccia sempre, puntualmente, davanti a ogni bivio esistenziale. Dopo Lacci e Scherzetto, Domenico Starnone aggiunge una pagina potente al suo lavoro di scavo sull’ambivalenza delle persone e delle relazioni.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana:

Anno: 2019

ISBN: 9788806243562

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

La Confidenza di Domenico Starnone è quella che si scambiano Teresa, 23 anni, e Pietro, 33 anni: studentessa lei, professore lui, vivono un “rapporto che durò… circa tre anni tra esigenze mai davvero soddisfatte di reciproco assoluto possesso e tensioni che finivano in insulti, pianti e morsi”.

Nel pieno del conflitto interpersonale sgorga l’idea: “Io ti racconto un mio segreto… orribile… e tu però me ne devi confidare uno equivalente, qualcosa che se si sapesse ti distruggerebbe per sempre”.

Nelle intenzioni lo scambio di confidenze dovrebbe salvare il rapporto; di fatto, la relazione naufraga.

Teresa espatria negli Stati Uniti, ove si afferma come scienziata; Pietro sposa Nadia (“Sapeva essere gentile anche nei rimproveri”) che è l’antitesi di Teresa, diventa uno scrittore di buon successo in ambito pedagogico, mantiene una corrispondenza epistolare con Teresa (“Una sorta di matrimonio… etico”), rischia di tradire Nadia con la redattrice Tilde (“Se sgarri con quella povera ragazza, so cose che ti possono rovinare”)…

Per tutta la vita agisce sotto la minaccia che Teresa riveli il suo segreto inconfessabile (“Quella moglie d’oltreoceano, le cui irruzioni erano sempre un eccitante turbinio di possibile salvezza e probabile rovina”) e tale pericolo – una sorta di vita parallela  (“La chiamavo la mia consorte fantasmatica”) – lo costringe a un equilibrio dinamico che vivifica ed energizza.

L’epilogo – la resa dei conti – è in agguato: Pietro deve essere insignito con una onorificenza (“Ti premiamo insieme ad altri due insegnanti per tutte le cose che hai scritto e fatto per la scuola”) e Teresa (“Una vecchia megera, pronta a dire malissimo di tutti e in particolare di tutto ciò che è italiano”) viene richiamata per pronunciare la gratulatoria in una cerimonia pubblica. Sarà il momento tanto atteso della rivelazione  (“Che ci deve fare con questa onorificenza?”)? Sarà il momento della verità su un rapporto viscerale, ma impossibile (“L’invenzione del gioco del goringhio con quella nostra allegra riduzione di tutte le arti e le scienze ad aorgh, uah, vu vu vu”)? Sarà l’ora di svelare l’inconfessabile (“Erano di sicuro cose orribili ma non così orribili da essere indimenticabili, in seguito ne ho viste e sentite ben altre”)?

Narrata a tre voci – quella di Pietro  (“Un bacio è il riassunto del coito”), quella di sua figlia Emma e quella di Teresa –  la storia, per certi versi paradossale e inverosimile, vive nella tensione narrativa del segreto inconfessabile per stanare, quasi in una dimostrazione per assurdo, le forze che possono salvaguardare lo slancio vitale e la creatività esistenziale contro il rischio dell’assuefazione o della noia di rapporti annientati dall’abitudine e dall’appiattimento.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Domenico

Starnone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Starnone Domenico


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Sulle spalle dei giganti" rappresenta per i lettori di Eco un evento festoso. Lontano dalle aule universitarie, dai congressi accademici, dalle cerimonie onorarie, Eco scrive questi testi, nel corso di tre lustri, per intrattenere gli spettatori (che ogni volta per lui accorrono a frotte) della Milanesiana, il festival ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi. Testi che il più delle volte traggono spunto dal tema stesso che ogni anno la Milanesiana si dà, per poi scorrere lungo rivoli di un repertorio che attinge alla filosofia quanto alla letteratura, all'estetica, all'etica e ai mass media. Come dire: la quintessenza dell'universo echiano, raccontato con un linguaggio affabile, intriso di ironia, talora giocoso, affilato quando necessario. Le radici della nostra civiltà, i canoni mutevoli della bellezza, il falso che si invera e modifica il corso della storia, l'ossessione del complotto, gli eroi emblematici della grande narrativa, le forme dell'arte, aforismi e parodie sono alcuni degli spunti di attrazione di un libro arricchito dalle immagini che l'autore usava proiettare nel corso del suo dire.

Sulle spalle dei giganti

Eco Umberto

Come nei primi due romanzi di Laurent Mauvignier, Lontano da loro e La camera bianca, anche in questo volume, i monologhi in prima persona ruotano intorno a un evento drammatico e doloroso: lo stupro subito da Claire, che però non viene mai nominato. Mauvignier preferisce definirlo per confine, tramite la descrizione di due vite di solitudine e sofferenza narrate a voci alterne: da una parte la vicina di casa e amica di Claire e dall’altra l’uomo che ha violentato Claire una sera di ritorno dalla piscina.

I passanti

Mauvignier Laurent

Durante la finale di «Canzonissima 68», che va in onda lunedì 6 gennaio del 1969, una ragazza viene violentata e uccisa nel suo appartamento, nel quartiere popolare di Sant'Ambrogio a Firenze. Proprio «Canzonissima» ostacolerà le indagini per l'impossibilità di trovare dei testimoni: quella sera tutta Italia era incollata davanti al televisore. La ragazza, orfana dei genitori, è cresciuta con i nonni, così devastati da questa perdita che sembra quasi non vogliano nemmeno scoprire l'assassino. Nel frattempo, una donna molto ricca si presenta in commissariato: è certa che il marito scomparso non si sia suicidato, come dicono i giornali, ma sia fuggito per proteggerla da un pericolo. L'uomo era un ex compagno di classe di Bordelli, e lui, ricordando alcuni luoghi dove andavano quando saltavano la scuola, riesce a trovarlo, per scoprire che si è messo in guai più grossi di lui. Toccherà a Bordelli con l'aiuto del colonnello Arcieri tirarlo fuori dalla palude. Ma sul commissario incombe anche la faccenda dell'assassino di prostitute bionde di trent'anni, rimasta in sospeso nel romanzo precedente...

L’anno dei misteri

Vichi Marco

Qualcuno lo aveva previsto, qualcun altro lo invocava, altri lo temevano. Non era mai successo. Marco Travaglio racconta i retroscena dell'elezione del presidente della Repubblica più difficile e drammatica della storia italiana. Cosa sta succedendo? Siamo alla fine della Repubblica dei partiti, siamo alla vigilia di un sommovimento istituzionale? La democrazia rappresentativa è arrivata al punto della sua massima crisi e non si sa cosa possa esserci oltre. Travaglio mette in fila gli eventi a modo suo, lucido e implacabile. Ma per capire come si è giunti fin qui è necessario anche ricomporre la storia del passato. E così, insieme alla ricostruzione dell'oggi, l'autore ci propone una carrellata delle passate elezioni, una galleria dei personaggi e degli eventi che hanno segnato la nostra storia repubblicana, da Enrico De Nicola, il primo presidente, a re Giorgio Napolitano. Sarà questa l'ultima elezione del presidente della Repubblica, così come finora l'abbiamo conosciuta?

Viva il re!

Travaglio Marco