Poesia

Consigli di volo per bipedi pesanti

Racca Alessandra

Descrizione: Un inno alla leggerezza. E non a quella che fa rima con frivolezza, ma un invito a sgravarsi, a liberarsi dei troppi pesi che ci mettiamo addosso. Perché di insostenibile c'è soltanto l'affanno per voler essere diversi da ciò che si è. Poesie che hanno la forza di un'esortazione e sono agili come canzoni pop. Parlano dell'accettarsi, nel bene e (soprattutto) nel male. Dell'avere dubbi e sbagliare, nella vita come in amore. Questo libro è un elogio dell'imperfezione, dell'errore, dello sbaglio, parole per esseri imperfetti perché vivi. E dell'equivoco, dell'errore, dell'approssimazione, ci si veste con fierezza. Alessandra Racca si dimagrisce il passo per essere leggera al mondo e poggiarci sopra, camminando, l'essenziale: la luminosa trasparenza dell'imperfezione.

Categoria: Poesia

Editore: Neo Edizioni

Collana: Intimate

Anno: 2016

ISBN: 9788896176399

Recensito da Tommaso De Beni

Le Vostre recensioni

Consigli di volo per bipedi pesanti è un libro di poesie della torinese Alessandra Racca facente parte della collana Intimate di NEO.

Il libro ha una struttura precisa, diviso in capitoli tematici che alternano atteggiamenti intimistici, sapienziali e domestici: Gioco dell’oca innamorataSerie della marmellataDimissioniFigurinePoesie d’amore per bipedi complicatiSerie della guerra in pantofoleSerie dei muri. È evidente la volontà di togliere, di raggiungere una ‘leggerezza seria’, alla maniera di Calvino, anche se non mancano riferimenti un po’ amari alla condizione femminile (10 modi per assassinare una donna senza ucciderla). Il linguaggio è semplice, per lo più colloquiale, segue quella linea che va da Saba a Penna passando per Caproni e che persegue uno stile quasi prosastico, ma senza rinunciare a ritmo e musicalità. Lo stile lavora su metafore, doppi sensi e giochi di parole che a volte chiamano in causa il corpo stesso dell’autrice. Il tono, a volte da filastrocca, fa pensare anche alle poesie di Elsa Morante (Il mondo salvato dai ragazzini) e la componente erotica, seppur meno esacerbata, fa pensare a Patrizia Valduga, ma anche alla più notevole Sylvia Plath: «hai detto è bella è bella la tua carne/hai detto questa è una porta non è una ferita/il tuo seme l’ha curata» (pag.17); «nemmeno un crocifisso/a cui guardare il pene» (pag.64). Il paragone più calzante e anche più contemporaneo è però quello con Guido Catalano, soprattutto per il tono ironico e scanzonato, e infatti Alessandra Racca è un’esponente della poesia performativa, che si apprezza di più negli happening e nei poetry slam recitandola ad alta voce ed in cui la stessa voce e il corpo dell’autore vanno a costituire uno stile più incisivo e importante di quello scritto. Questo non è un libro d’esordio, e si vede, perché il linguaggio ha assunto ormai una coerenza interna e la sua poetica ha una fisionomia precisa e per questo apprezzabile.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandra

Racca

Libri dallo stesso autore

Intervista a Racca Alessandra

Crimini su donne e bambine originarie delle società patriarcali e tribali

Novelli Noemi

Lolita

Nabokov Vladimir

«Se proprio dovessi, sceglierei la Tasmania. Ha buone riserve di acqua dolce, si trova in uno stato democratico e non ospita predatori per l’uomo. Non è troppo piccola ma è comunque un’isola, quindi facile da difendere. Perché ci sarà da difendersi, mi creda». Tasmania è un romanzo sul futuro. Il futuro che temiamo e desideriamo, quello che non avremo, che possiamo cambiare, che stiamo costruendo. La paura e la sorpresa di perdere il controllo sono il sentimento del nostro tempo, e la voce calda di Paolo Giordano sa raccontarlo come nessun’altra. Ci ritroviamo tutti in questo romanzo sensibilissimo, vivo, contemporaneo. Perché ognuno cerca la sua Tasmania: un luogo in cui, semplicemente, sia possibile salvarsi. Ci sono momenti in cui tutto cambia. Succede una cosa, scatta un clic, e il fiume in cui siamo immersi da sempre prende a scorrere in un’altra direzione. La chiamiamo crisi. Il protagonista di questo romanzo è un giovane uomo attento e vibratile, pensava che la scienza gli avrebbe fornito tutte le risposte ma si ritrova davanti un muro di domande. Con lui ci sono Lorenza che sa aspettare, Novelli che studia la forma delle nuvole, Karol che ha trovato Dio dove non lo stava cercando, Curzia che smania, Giulio che non sa come parlare a suo figlio. La crisi di cui racconta questo romanzo non è solo quella di una coppia, forse è quella di una generazione, sicuramente la crisi del mondo che conosciamo – e del nostro pianeta. La magia di Tasmania, la forza con cui ci chiama a ogni pagina, è la rifrazione naturale fra ciò che accade fuori e dentro di noi. Così persino il fantasma della bomba atomica, che il protagonista studia e ricostruisce, diventa un esorcismo: l’apocalisse è in questo nostro dibattersi, e nei movimenti incontrollabili del cuore. Raccogliendo il testimone dei grandi scrittori scienziati del Novecento italiano, Paolo Giordano si spinge nei territori più interessanti del romanzo europeo di questi anni, per approdare con felicità e leggerezza in un luogo tutto suo, dove poter giocare con i nascondimenti e la rivelazione di sé, scendere a patti con i propri demoni e attraversare la paura.

Tasmania

Giordano Paolo

Andrea e Maria Bellomo, fratello e sorella, sono uniti da un legame fortissimo, che affonda le radici in un passato difficile. Antonella, la madre, li ha cresciuti da sola. Andrea vive a Lecce, dove è attore e regista di una piccola compagnia di teatro, la "PPP". Maria vive a Roma, ed è una delle promesse più interessanti nel panorama italiano del cinema e della televisione. Cosa accadrà quando Andrea, stanco della vita di provincia, raggiungerà sua sorella a Roma?

Beati i puri

Pagano Luciano