Saggi

Il corpo segreto

Andreoli Vittorino

Descrizione: Fare i conti con un tumore vuol dire anche provare a raccontare le cose come stanno. Imparare a parlare della propria prostata impazzita ai medici, agli infermieri e poi ai familiari, alle persone che amiamo e che all’improvviso sembrano deformate dalla nostra malattia. Vittorino Andreoli, da sempre abile narratore della fragilità psichica dell’essere umano, descrive per la prima volta il proprio mondo sconvolto dalla notizia del cancro. Una rivelazione che di colpo lo trasforma da dottore in paziente.

Categoria: Saggi

Editore: Rizzoli

Collana: Saggi italiani

Anno: 2014

ISBN: 9788817075695

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“Il corpo segreto” di Vittorino Andreoli è un’opera che si articola in tre parti, ciascuna delle quali ha una propria fisionomia.

Nella prima parte l’autore ci svela i retro-pensieri di un conferenziere abituato a confrontarsi con la propria professione: le idee che accompagnano la relazione da svolgere, il rapporto personale con il tema trattato (“Nel primo foglietto era indicato il titolo: Il corpo malato. Ed era evidente che mi dovevo occupare di due cose: la prima era il corpo, il sostantivo, e la seconda l’aggettivo, malato”), le tecniche che sorreggono l’impalcatura di un mestiere che implica varie interazioni con argomenti e persone. Il protagonista, in particolare, nell’imminente conferenza di Roma si deve misurare con un tema vagamente profetico: quello del corpo malato.

E proprio in coda alla conferenza, quando il relatore si accinge a partecipare alla cena di rappresentanza, scoppia il dramma: un’emorragia che pone l’uomo al cospetto della fragilità corporale.
Si apre così la seconda parte, quella dedicata all’evoluzione della patologia: un ricovero d’urgenza, affrontato nella solitudine della trasferta romana, preludio di future sofferenze (“Quella notte fu un’eterna esperienza di fine. Continuavo a morire, e mi pareva che la mia coscienza ormai funzionasse soltanto per cogliere il momento di passaggio dalla vita alla morte”), le prime diagnosi, le apprensioni (“come se fossi già entrato nel ruolo del tutto speciale del morto”), il trasferimento a Brescia per affidarsi alle mani di uno specialista amico. Questa è la parte più interessante dell’opera, trattata con umorismo e con spirito paradossale (“l’idea di una roba ingrandita con enormi vasi sanguigni… mi aveva riportato a quel tondo della Medusa di Caravaggio, con i serpenti al posto dei capelli…”). Nella constatazione che la malattia alla prostata rivela parti segrete, da sempre ignorate (“Ignoravo perfino che esistesse. Certo, il nome lo avevo sentito, ma non mi sembrava avesse un’importanza maggiore della milza, di cui pure non avevo conoscenza alcuna”), delle quali non ci si è mai curati. La conoscenza avviene anche attraverso pratiche terapeutiche aliene (“Mi piegai proprio come doveva aver fatto Giordano Bruno, sottoposto a tante sevizie, prima del rogo in Campo de’ Fiori”) e vissute con naturale emotività e sospetto (“Un’asta di ferro che sembrava presa da una famosa esposizione sugli strumenti di tortura”).

La terza parte del romanzo è dedicata alla convalescenza. La malattia costringe a rinunciare all’agognata vacanza scozzese a Inverkirkaig, nella casa tanto amata sul mare, a contatto con la natura selvaggia, con la dorata solitudine di luoghi impervi e di relazioni essenziali. Ma dall’impossibilità di coronare il proprio sogno di vacanza nascono nuovi stimoli e la scoperta di una località altrettanto affascinante, più a portata di mano: sul lago di Garda, a Punta San Vrigilio presso il conte Agostino Guarienti di Brenzone.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vittorino

Andreoli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Andreoli Vittorino

"Guerra e pace" narra le vicende russe tra il 1805, l'anno della prima sfortunata campagna russa contro Napoleone, e il 1812, l'anno dell'insorgenza popolare russa contro l'imperatore francese. Nel narrare il periodo napoleonico, Tolstoj dà forma alle vicende di due famiglie dell'alta nobiltà, i Bolkonskij e i Rostov, due famiglie ispirate da valori onesti e genuini, in contrapposizione al clan dei Kuragin, corrotti fino al midollo. In questo scenario Tolstoj delinea tre protagonisti principali, Natasa Rostova e altre due figure maschili di elevato profilo morale, Andrej Bolkonskij e Pierre Bezuchov.

Guerra e pace

Tolstoj Lev Nikolaevic

Composto da Albert Camus prima de "Lo straniero" e lasciato intenzionalmente inedito, "La morte felice" è già opera autonoma, sguardo lucido e solidissimo sull'umano nelle sue manifestazioni più estreme. Un romanzo che un altro grande scrittore francese contemporaneo di Camus, Andre Gide, considerava la crisalide nella quale si formava la larva delle sue opere successive. Un romanzo che è dunque al contempo narrazione e progetto di narrazioni.

La morte felice

Camus Albert

Peter abbandona poco più che ragazzo il paese natale per scoprire il mondo; impara a osservare con distacco gli esseri umani e arriva ad auspicare il ritorno a un mondo primordiale, pre-urbano. Introduzione di Chiusano I. A.

PETER CAMENZIND

Hesse Hermann

Presentazione dell'autore In un piccolo chalet di montagna si radunano, apparentemente solo per una tranquilla vacanza, un gruppo di otto persone; ognuna con un nodo gordiano da risolvere: c’è Tom; un architetto tormentato dal suo passato; Marta, una donna caparbia, in lotta per riconquistare il suo amore; Ariel, una ragazzina incerta su come far ripartire la propria vita; Jak, un cantante in declino che ha perso qualcosa di più della sua carriera; Max, un uomo di successo, deciso a riparare ad un grave torto che ha commesso; Michael, un medico innamorato, intenzionato ad aiutare la sua fidanzata in un folle proposito; Katia, una ragazza distrutta da una delusione d’amore ed, infine, Ylaria, la sua migliore amica, decisa a compiere la sua vendetta personale. Una volta in vacanza Katia scopre, con sgomento, di essere l’unica a non sapere che nello chalet è previsto un gioco di ruolo: il Love Game, una sorta di recita a soggetto a cui tutti i villeggianti devono obbligatoriamente partecipare. In base al regolamento solo ad alcuni di loro toccherà recitare, ossia orchestrare, senza farsi scoprire, bollenti incontri amorosi, o, al contrario, odio tra i concorrenti. Katia intuisce subito che dietro quella folle trovata c’è lo zampino dell’amica ma, suo malgrado, sente di non poter più tirarsi indietro. Si formano due squadre e inizia l’avventura...tra foreste incantate, dichiarazioni inaspettate, balli scatenati. In un intreccio di bugie e verità Katia riscopre la gioia di sedurre...e di essere sedotta. Arriva perfino ad innamorarsi del suo capo-squadra: Max; bello,divertente sexy...in una parola PERFETTO. Se non ci fosse quell’unico, piccolo neo che sta per sposarsi.... Katia non sa più che fare..e quando si è quasi convinta a rinunciare a lui arriva l’ultimo ordine del Love Game: SABOTARE LE NOZZE. Deciderà di continuare il gioco...oppure no? Biografia dell'autore Rossella Leone nasce a Benevento nel 1979. Sin da piccola si innamora dei libri, che divora voracemente ovunque. E’ una persona creativa che adora stare in mezzo alla gente. Anche per questo per un breve periodo si dedica all’insegnamento. Ora lavora in banca part-time. Nel tempo libero legge...legge...legge. A volte si rilassa dipingendo quadri.

Love game

Leone Rossella