Saggi

Il corpo segreto

Andreoli Vittorino

Descrizione: Fare i conti con un tumore vuol dire anche provare a raccontare le cose come stanno. Imparare a parlare della propria prostata impazzita ai medici, agli infermieri e poi ai familiari, alle persone che amiamo e che all’improvviso sembrano deformate dalla nostra malattia. Vittorino Andreoli, da sempre abile narratore della fragilità psichica dell’essere umano, descrive per la prima volta il proprio mondo sconvolto dalla notizia del cancro. Una rivelazione che di colpo lo trasforma da dottore in paziente.

Categoria: Saggi

Editore: Rizzoli

Collana: Saggi italiani

Anno: 2014

ISBN: 9788817075695

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“Il corpo segreto” di Vittorino Andreoli è un’opera che si articola in tre parti, ciascuna delle quali ha una propria fisionomia.

Nella prima parte l’autore ci svela i retro-pensieri di un conferenziere abituato a confrontarsi con la propria professione: le idee che accompagnano la relazione da svolgere, il rapporto personale con il tema trattato (“Nel primo foglietto era indicato il titolo: Il corpo malato. Ed era evidente che mi dovevo occupare di due cose: la prima era il corpo, il sostantivo, e la seconda l’aggettivo, malato”), le tecniche che sorreggono l’impalcatura di un mestiere che implica varie interazioni con argomenti e persone. Il protagonista, in particolare, nell’imminente conferenza di Roma si deve misurare con un tema vagamente profetico: quello del corpo malato.

E proprio in coda alla conferenza, quando il relatore si accinge a partecipare alla cena di rappresentanza, scoppia il dramma: un’emorragia che pone l’uomo al cospetto della fragilità corporale.
Si apre così la seconda parte, quella dedicata all’evoluzione della patologia: un ricovero d’urgenza, affrontato nella solitudine della trasferta romana, preludio di future sofferenze (“Quella notte fu un’eterna esperienza di fine. Continuavo a morire, e mi pareva che la mia coscienza ormai funzionasse soltanto per cogliere il momento di passaggio dalla vita alla morte”), le prime diagnosi, le apprensioni (“come se fossi già entrato nel ruolo del tutto speciale del morto”), il trasferimento a Brescia per affidarsi alle mani di uno specialista amico. Questa è la parte più interessante dell’opera, trattata con umorismo e con spirito paradossale (“l’idea di una roba ingrandita con enormi vasi sanguigni… mi aveva riportato a quel tondo della Medusa di Caravaggio, con i serpenti al posto dei capelli…”). Nella constatazione che la malattia alla prostata rivela parti segrete, da sempre ignorate (“Ignoravo perfino che esistesse. Certo, il nome lo avevo sentito, ma non mi sembrava avesse un’importanza maggiore della milza, di cui pure non avevo conoscenza alcuna”), delle quali non ci si è mai curati. La conoscenza avviene anche attraverso pratiche terapeutiche aliene (“Mi piegai proprio come doveva aver fatto Giordano Bruno, sottoposto a tante sevizie, prima del rogo in Campo de’ Fiori”) e vissute con naturale emotività e sospetto (“Un’asta di ferro che sembrava presa da una famosa esposizione sugli strumenti di tortura”).

La terza parte del romanzo è dedicata alla convalescenza. La malattia costringe a rinunciare all’agognata vacanza scozzese a Inverkirkaig, nella casa tanto amata sul mare, a contatto con la natura selvaggia, con la dorata solitudine di luoghi impervi e di relazioni essenziali. Ma dall’impossibilità di coronare il proprio sogno di vacanza nascono nuovi stimoli e la scoperta di una località altrettanto affascinante, più a portata di mano: sul lago di Garda, a Punta San Vrigilio presso il conte Agostino Guarienti di Brenzone.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vittorino

Andreoli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Andreoli Vittorino


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

CONFESSIONI DI UN BARMAN

Cavalli Mirco

L'automobile del marito nel vialetto di casa. La chiave nella toppa. I passi che risuonano in corridoio. Rumori familiari per Sarah Bridgewater. Ma è notte. E l'uomo in corridoio non è suo marito Stephen. È uno sconosciuto, che però sembra conoscere tutto di lei. Sarah deve mantenersi calma a tutti i costi. Perché nella stanza vicina dorme suo figlio di sei anni...

Phobia

Dorn Wulf

Vivere di Ilaria Spes in una videopoesia di Massimo Rotundo

"Circolo chiuso" è il seguito de "La banda dei brocchi" e si snoda lungo un arco ce va dagli anni settanta del primo romanzo ai giorni nostri. Ma, mentre "La banda dei brocchi" è il romanzo dell'innocenza, "Circolo chiuso" è il suo opposto: è il romanzo dell'esperienza. Non più ragazzi, molti dei personaggi devono lottare contro la tristezza, le responsabilità e le ragioni dell'età adulta. Claire Newman, reduce da un matrimonio fallito e da un lungo soggiorno in Italia segnato da un amore difficile, decide di tornare in Inghilterra, nella sua vecchia città di Birmingham. Pensa sia venuto il momento, dopo più di vent'anni, di scoprire cosa sia successo a sua sorella Miriam, scomparsa all'improvviso e misteriosamente nel 1978. Tra i tanti personaggi del passato che rivede, c'è anche Paul Trotter, già membro del Partito conservatore che, pur essendo diventato parlamentare laburista, vota a favore della guerra contro l'Iraq, sebbene sia convinto che ciò sia un errore. Paul è sposato ma è follemente invaghito di Malvina, la sua responsabile per l'immagine. Le sue incertezze morali rispecchiano i conflitti di un paese che vive gli stessi dubbi. Attorno a questi e ad altri personaggi, vecchie conoscenze di chi ha letto "La banda dei brocchi", ruotano eventi privati e pubblici che formano un impasto unico: assistiamo all'ascesa di Tony Blair, alla svolta del Partito Laburista, al dramma del lavoro costretto nella morsa della globalizzazione, alle conseguenze dell'11 settembre fino alla guerra in Iraq. Insomma, la pienezza cui Jonathan Coe ci ha abituati si dispiega in questo romanzo: anzi, sebbene "Circolo chiuso" sia in sé compiuto, preso insieme a "La banda dei brocchi" (anni settanta) e a "La famiglia Winshaw" (anni ottanta), rappresenta la conclusione di un grande affresco dell'Inghilterra degli ultimi trent'anni.

Circolo chiuso

Coe Jonathan