Saggi

Il corpo segreto

Andreoli Vittorino

Descrizione: Fare i conti con un tumore vuol dire anche provare a raccontare le cose come stanno. Imparare a parlare della propria prostata impazzita ai medici, agli infermieri e poi ai familiari, alle persone che amiamo e che all’improvviso sembrano deformate dalla nostra malattia. Vittorino Andreoli, da sempre abile narratore della fragilità psichica dell’essere umano, descrive per la prima volta il proprio mondo sconvolto dalla notizia del cancro. Una rivelazione che di colpo lo trasforma da dottore in paziente.

Categoria: Saggi

Editore: Rizzoli

Collana: Saggi italiani

Anno: 2014

ISBN: 9788817075695

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“Il corpo segreto” di Vittorino Andreoli è un’opera che si articola in tre parti, ciascuna delle quali ha una propria fisionomia.

Nella prima parte l’autore ci svela i retro-pensieri di un conferenziere abituato a confrontarsi con la propria professione: le idee che accompagnano la relazione da svolgere, il rapporto personale con il tema trattato (“Nel primo foglietto era indicato il titolo: Il corpo malato. Ed era evidente che mi dovevo occupare di due cose: la prima era il corpo, il sostantivo, e la seconda l’aggettivo, malato”), le tecniche che sorreggono l’impalcatura di un mestiere che implica varie interazioni con argomenti e persone. Il protagonista, in particolare, nell’imminente conferenza di Roma si deve misurare con un tema vagamente profetico: quello del corpo malato.

E proprio in coda alla conferenza, quando il relatore si accinge a partecipare alla cena di rappresentanza, scoppia il dramma: un’emorragia che pone l’uomo al cospetto della fragilità corporale.
Si apre così la seconda parte, quella dedicata all’evoluzione della patologia: un ricovero d’urgenza, affrontato nella solitudine della trasferta romana, preludio di future sofferenze (“Quella notte fu un’eterna esperienza di fine. Continuavo a morire, e mi pareva che la mia coscienza ormai funzionasse soltanto per cogliere il momento di passaggio dalla vita alla morte”), le prime diagnosi, le apprensioni (“come se fossi già entrato nel ruolo del tutto speciale del morto”), il trasferimento a Brescia per affidarsi alle mani di uno specialista amico. Questa è la parte più interessante dell’opera, trattata con umorismo e con spirito paradossale (“l’idea di una roba ingrandita con enormi vasi sanguigni… mi aveva riportato a quel tondo della Medusa di Caravaggio, con i serpenti al posto dei capelli…”). Nella constatazione che la malattia alla prostata rivela parti segrete, da sempre ignorate (“Ignoravo perfino che esistesse. Certo, il nome lo avevo sentito, ma non mi sembrava avesse un’importanza maggiore della milza, di cui pure non avevo conoscenza alcuna”), delle quali non ci si è mai curati. La conoscenza avviene anche attraverso pratiche terapeutiche aliene (“Mi piegai proprio come doveva aver fatto Giordano Bruno, sottoposto a tante sevizie, prima del rogo in Campo de’ Fiori”) e vissute con naturale emotività e sospetto (“Un’asta di ferro che sembrava presa da una famosa esposizione sugli strumenti di tortura”).

La terza parte del romanzo è dedicata alla convalescenza. La malattia costringe a rinunciare all’agognata vacanza scozzese a Inverkirkaig, nella casa tanto amata sul mare, a contatto con la natura selvaggia, con la dorata solitudine di luoghi impervi e di relazioni essenziali. Ma dall’impossibilità di coronare il proprio sogno di vacanza nascono nuovi stimoli e la scoperta di una località altrettanto affascinante, più a portata di mano: sul lago di Garda, a Punta San Vrigilio presso il conte Agostino Guarienti di Brenzone.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vittorino

Andreoli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Andreoli Vittorino


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Conoscete la differenza tra vita “vera” e vita “reale”? E sapete qual è il significato di un sogno ricorrente, quello in cui vi rubano la bicicletta? E perché il ciclista stagionato colleziona carabattole? Vi siete poi mai chiesti qual è la vetrina più bella, per una libreria? In questo libro conoscerete il Lindo, favoloso custode di una favolosa dimora di campagna; e Veniero, artista, skipper, allevatore di asini pavoni e galline, nonché provetto ortolano, vignaiolo, muratore e soprattutto amico; e poi Teodoro, l’uomo volante dell’Altipiano. Se volete sapere cosa si prova a visitare un cimitero di caduti della Prima guerra mondiale; se siete curiosi di sapere com’è andata a finire a due ragazzini che hanno sottratto la bici al prete per farci un giretto, se ancora vi andrebbe di attraversare la Francia a pedali, partendo da Cuneo – dove Totò ha fatto il militare tre anni – per arrivare a Brest allora queste e molte altre sono le storie che incontrerete in questo libro vagante e divagante come un ciclista che non si è mai pentito di essere montato in sella.

IL CICLISTA IMPENITENTE

Pauletto Giancarlo

Un negozio di scarpe in cui scorrono sogni proibiti e aspirazioni segrete. Una festa esclusiva e due sorellastre crudeli. Un fratello combinaguai e una portinaia adorabile come fata madrina. Se Cenerentola vivesse ai giorni nostri, probabilmente dovrebbe scegliere fra il principe dei suoi sogni conosciuto via mail e un vicino molto sexy ma molto meno romantico. E di sicuro non si accontenterebbe di una scarpetta che non abbia almeno un tacco quindici. Una commedia romantica per sorridere, emozionarsi e sognare. Perché andare alla ricerca dell’anima gemella e andare alla ricerca della scarpa giusta non è poi tanto diverso. E Mara Roberti ci insegna che con un paio di scarpe da sogno ai tuoi piedi, nessun desiderio è impossibile.

LE SCARPE SON DESIDERI

Roberti Mara

Una seconda chance è sempre possibile. Basta alzare lo sguardo e tendere la mano. Qualcuno la afferrerà. Commovente e allegro, il romanzo-antidoto contro il cinismo bestseller in Francia. Ferdinand vive tutto solo nella sua grande fattoria in campagna. Figli e nipoti hanno tanti di quegli impegni, e a lui restano il gatto, un bicchierino ogni tanto, e un sacco di tempo libero. Un giorno, facendo visita alla vicina, Ferdinand scopre che un nubifragio le ha devastato il tetto. Non ci dorme tutta la notte. Ma il mattino successivo si fa coraggio e invita Marceline a trasferirsi da lui. Lei e tutti i suoi animali, ben inteso: il cane, un vecchio gatto, e l'asino Cornélius. Lo spazio proprio non manca. A poco a poco la fattoria si riempie di fermento, agitazione, nuova vita. Perché dopo Marceline arrivano anche un amico di Ferdinand rimasto vedovo di recente, due vecchine un po' smemorate, uno studente che rimette in sesto l'orto, e alla fine anche Paulette... Un'incantevole commedia di sentimenti e belle emozioni. Un romanzo lieve ma capace di far riflettere su il significato dell'amicizia e il dialogo tra le generazioni. Un successo sorprendente in Francia, per un libro che ha intenerito e fatto sorridere tantissimi lettori.

E POI… PAULETTE

Constantine Barbara

Don Piero è un giovane sacerdote nato e cresciuto al Portello, un quartiere popolare di Padova, sul finire dell''800...

La guerra di don Piero

Costa Renato