Saggi

Cosa vogliono le donne

Jong Erica

Descrizione: L'autrice di Paura di volare fa il punto sulla donna del terzo millennio. Un ritratto affettuoso che le donne vorranno leggere per capirsi e gli uomini per cercare di capirle.

Categoria: Saggi

Editore: Bompiani

Collana:

Anno: 2014

Traduttore: Tilde Arcelli Riva

ISBN: 9788845247125

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Noi artisti subiamo il fascino del sudiciume perché sappiamo che ogni essere umano nasce nella sporcizia. Gli esseri umani vengono alla luce tra piscio e merda, e così pure romanzi e poesie. Solo liberandoci delle inibizioni che ci fanno inchinare al decoro sociale possiamo esplorare la profondità dell’inconscio. Con il gioco pornografico, asseriamo la nostra libertà.

Da Lolita di Nabokov ad Huckleberry Finn di Twain, passando da Tropico del Cancro di Miller a Incesto della Nin, Erica Jong ci accompagna in un insolito viaggio nella letteratura dell’’800 e ‘900 (e non solo) con la forza dissacrante della sua scrittura. Ci svela segreti, aneddoti, circostanze in cui i più grandi romanzi (buona parte dei quali bistrattati e censurati dai contemporanei) sono stati generati.
Il faticoso lavoro creativo che conduce alla realizzazione di un romanzo passa spesso attraverso percorsi insidiosi e soprattutto attraverso studio, ricerca e devozione.

Creatività e gravidanza, ci spiega la Jong, non sono sovrapponibili, nonostante le numerose analogie e una donna, soprattutto se madre e scrittrice, lo sa bene.
La creazione letteraria è solo pura fatica, assai diversa dallo sviluppo di un bambino nel grembo, che va avanti a dispetto della volontà consapevole della donna.

Un tempo, quando la gravidanza non era una scelta ma un’imposizione e la femminilità un infelice stereotipo, le scrittrici rinunciavano a diventare madri per non perdere lo spazio necessario alla creatività. Oggi è certamente più facile per un’artista coltivare quello spazio anche se madre, ma non certo semplice.

L’esperienza umana e artistica della Jong costituiscono il pretesto (spesso assai divertente) per un’accurata analisi sociale e politica, oltre che culturale, del ‘900. Dalla letteratura americana a quella europea, dal primo Dopoguerra all’America di Clinton, dalla pornografia al femminismo, la Jong non fa prigionieri. Sferzante e dissacrante la sua critica – forte degli straordinari incontri che la vita e la carriera di scrittrice le hanno riservato – non ha peli sulla lingua.

Per chi ne ha letto romanzi e memorie (Paura di Volare o Il diavolo fra noi, per citarne solo alcuni), nulla di sconvolgente. La Jong ci sa fare con le parole e con le immagini: la scrittura è il suo pane e la fantasia la sua straordinaria forza.
Un po’ saggio un po’ autobiografia (la descrizione della sua casa nel Connecticut vale da sola una lettura), Cosa vogliono le donne è un elogio alla libertà della creatività, alla forza delle scrittura, al coraggio delle parole. Le voce è tutta femminile, ma non è un saggio che parla di donne e solo alle donne: tratta della Creazione, nel senso più laico del termine, contro ogni forma di immobilismo e censura. Oggi come un tempo.

Noi tutti, se siamo onesti, sappiamo che l’arte è un peto in faccia a Dio. Solo l’artista dell’establishment, la cui opera esiste principalmente per giustificare le ingiustizie dello status quo, si illude di essere simile a Dio. Il rinnegato, l’eccentrico, il ribelle, l’Henry Miller, il Rabelais, il Blake, il Neruda, il Whitman, sa che quel che rende valida la sua opera è in parte la sua criminalità. Se a un certo punto non è stato messo al bando, bruciato, privato del suo sostentamento, maledetto dagli accademici, denigrato da autoeletti custodi dell’arte, allora sa di aver fatto qualcosa di sbagliato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Erica

Jong

Libri dallo stesso autore

Intervista a Jong Erica


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Con la protervia della bellezza giovane, Chéri, ragazzo «coi capelli dai riflessi blu come le penne dei merli», irrompe nella vita di Léa, donna leggera e sapiente - ma nel triangolo amoroso apparirà il rivale più temibile: il Tempo, corruttore di corpi. L'autunnale opulenza di lei e l'acerbo smalto di lui vengono spiati, attimo dopo attimo, da un occhio a cui nulla sfugge, talché la vicenda, scandita dalle scene di una magistrale commedia demi-mondaine, diventa la cronaca della catastrofe di Léa, dove il sentimento è delicatamente avvolto nella fisiologia e brama di sprofondare «in quell'abisso da cui l'amore risale pallido, taciturno e pieno del rimpianto della morte». Quanto a Chéri, giunto all'acme della sua esistenza di 'bello' dinanzi a cui le donne si inchinano, percepisce una vaga inquietudine: «Non distingueva i punti precisi in cui il tempo, con tocchi impercettibili, segna su un bel viso l'ora della perfezione e poi quella di una bellezza più evidente, che annuncia già la maestà di un declino». E quel declinomaestoso vivremo nella Fine di Chéri, dove la punta avvelenata della storia del giovane emerge con fredda chiarezza dalla prosa avvolgente, atmosferica, precisa di Colette.

Chéri – La fine di Chéri

Colette

C'è un patrimonio di inestimabile valore nascosto in una lussuosissima villa di Hollywood Heights. Si tratta di una collezione di vini tra i più pregiati e preziosi che si possano trovare sul mercato: Lafite Rothschild, Latour, Margaux, Figeac, Pétrus.Ogni bottiglia vale migliaia di dollari e Danny Roth, un ricco avvocato, le conserva gelosamente lontano da occhi indiscreti. Ma un giorno commette un errore e accetta di parlare dei suoi favolosi esemplari al «Los Angeles Times» per la pagina di enologia. Un peccato di vanità fatale, perché durante la notte di Capodanno qualcuno fa irruzione nella villa e i vini vengono rubati. Per indagare sul furto viene assoldato Sam Leavitt, un investigatore privato dal passato oscuro e rocambolesco: prima ladro-gentiluomo, poi avvocato. Sam è l'unico in grado di risolvere velocemente questa spinosa questione, proprio grazie ai suoi trascorsi non limpidissimi. Per localizzare una refurtiva così preziosa le prime ore sono fondamentali. Ecco perché Sam non perde tempo e inizia subito un viaggio che dai filari di viti della Califomia lo porta fino nei vigneti baciati dal caldo sole del Sud della Francia, a Bordeaux, la capitale mondiale del vino. Qui, aiutato dalla bellissima e misteriosa esperta di vini Sophie Costes, si mette sulle tracce di un ricco collezionista di Marsiglia, Monsieur Reboul. È solo un caso che l'uomo l'anno prima abbia tentato di comprare parecchi dei vini scomparsi? Per scoprirlo Sam e Sophie dovranno addentrarsi nei bui corridoi della cantina di Reboul, anche usando mezzi non del tutto leciti...

IL COLLEZIONISTA DI MARSIGLIA

Mayle Peter

Venezia, 1981. Una giovane coppia, appartata su una panchina dei giardini della Biennale, a Sant'Elena, viene aggredita. Il ragazzo resta ucciso, la ragazza precipita in un silenzio al limite della follia, che rende impossibile risalire al colpevole. Alla Polizia non rimane che archiviare il caso. Venezia, oggi. Dalle acque della laguna affiora un cadavere. Si tratta di Mirco Albrizzi, immobiliarista molto conosciuto e vittima troppo illustre per passare inosservata. Se le autorità vorrebbero archiviare la faccenda come suicidio, il commissario Nicola Aldani, incaricato delle indagini, riconosce inequivocabili i segni dell'omicidio. È un caso scomodo, e a complicarlo ci si mette anche quel commissario Zennari, da tempo in pensione, che pretende aiuto per chiudere una storia ormai dimenticata, risalente a molti anni prima, l'aggressione ai giardini della Biennale... Ma nulla avviene per caso, e ben presto le due piste si confondono, le acque si intorbidano, gli indizi si inquinano... Sullo sfondo della vicenda, vivida e inconfondibile, Venezia: l'altana sul tetto, dove Aldani ama rifugiarsi; la laguna davanti alle fondamente Nove, dove il pilota del commissario fa sfrecciare il vecchio Toni, la lancia in dotazione alla Polizia; il dialetto, che risuona nelle calli e lungo i rii; le acque e le foschie, complici di misteri e custodi di verità.

Acqua morta

Catozzi Michele

Erchomai, ha detto Sebastian. Sto arrivando. E ancora una volta sul mondo degli Shadowhunters cala l’oscurità. Mentre intorno tutto cade a pezzi, Clary, Jace e Simon devono unirsi tra loro e con tutti quelli che stanno dalla loro parte, per combattere il più grande pericolo che la società dei Nephilim abbia mai affrontato: Sebastian, fratello di Clary, il traditore, colui che ha scelto il male. Nulla, in questo mondo, può sconfiggerlo, e forse i tre – uniti da un legame indissolubile – saranno costretti a cercare un altro mondo dove lo scontro estremo abbia per loro una speranza di vittoria. Il mondo dei demoni. Ma il prezzo da pagare sarà altissimo: molte vite saranno perdute per sempre, e l’amore sacrificato per il bene comune, per scongiurare la distruzione definitiva di un mondo che non sarà mai più lo stesso. Perché la fine è anche l’inizio.

Shadowhunters. Città del fuoco celeste

Clare Cassandra