Saggi

Cosa vogliono le donne

Jong Erica

Descrizione: L'autrice di Paura di volare fa il punto sulla donna del terzo millennio. Un ritratto affettuoso che le donne vorranno leggere per capirsi e gli uomini per cercare di capirle.

Categoria: Saggi

Editore: Bompiani

Collana:

Anno: 2014

Traduttore: Tilde Arcelli Riva

ISBN: 9788845247125

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Noi artisti subiamo il fascino del sudiciume perché sappiamo che ogni essere umano nasce nella sporcizia. Gli esseri umani vengono alla luce tra piscio e merda, e così pure romanzi e poesie. Solo liberandoci delle inibizioni che ci fanno inchinare al decoro sociale possiamo esplorare la profondità dell’inconscio. Con il gioco pornografico, asseriamo la nostra libertà.

Da Lolita di Nabokov ad Huckleberry Finn di Twain, passando da Tropico del Cancro di Miller a Incesto della Nin, Erica Jong ci accompagna in un insolito viaggio nella letteratura dell’’800 e ‘900 (e non solo) con la forza dissacrante della sua scrittura. Ci svela segreti, aneddoti, circostanze in cui i più grandi romanzi (buona parte dei quali bistrattati e censurati dai contemporanei) sono stati generati.
Il faticoso lavoro creativo che conduce alla realizzazione di un romanzo passa spesso attraverso percorsi insidiosi e soprattutto attraverso studio, ricerca e devozione.

Creatività e gravidanza, ci spiega la Jong, non sono sovrapponibili, nonostante le numerose analogie e una donna, soprattutto se madre e scrittrice, lo sa bene.
La creazione letteraria è solo pura fatica, assai diversa dallo sviluppo di un bambino nel grembo, che va avanti a dispetto della volontà consapevole della donna.

Un tempo, quando la gravidanza non era una scelta ma un’imposizione e la femminilità un infelice stereotipo, le scrittrici rinunciavano a diventare madri per non perdere lo spazio necessario alla creatività. Oggi è certamente più facile per un’artista coltivare quello spazio anche se madre, ma non certo semplice.

L’esperienza umana e artistica della Jong costituiscono il pretesto (spesso assai divertente) per un’accurata analisi sociale e politica, oltre che culturale, del ‘900. Dalla letteratura americana a quella europea, dal primo Dopoguerra all’America di Clinton, dalla pornografia al femminismo, la Jong non fa prigionieri. Sferzante e dissacrante la sua critica – forte degli straordinari incontri che la vita e la carriera di scrittrice le hanno riservato – non ha peli sulla lingua.

Per chi ne ha letto romanzi e memorie (Paura di Volare o Il diavolo fra noi, per citarne solo alcuni), nulla di sconvolgente. La Jong ci sa fare con le parole e con le immagini: la scrittura è il suo pane e la fantasia la sua straordinaria forza.
Un po’ saggio un po’ autobiografia (la descrizione della sua casa nel Connecticut vale da sola una lettura), Cosa vogliono le donne è un elogio alla libertà della creatività, alla forza delle scrittura, al coraggio delle parole. Le voce è tutta femminile, ma non è un saggio che parla di donne e solo alle donne: tratta della Creazione, nel senso più laico del termine, contro ogni forma di immobilismo e censura. Oggi come un tempo.

Noi tutti, se siamo onesti, sappiamo che l’arte è un peto in faccia a Dio. Solo l’artista dell’establishment, la cui opera esiste principalmente per giustificare le ingiustizie dello status quo, si illude di essere simile a Dio. Il rinnegato, l’eccentrico, il ribelle, l’Henry Miller, il Rabelais, il Blake, il Neruda, il Whitman, sa che quel che rende valida la sua opera è in parte la sua criminalità. Se a un certo punto non è stato messo al bando, bruciato, privato del suo sostentamento, maledetto dagli accademici, denigrato da autoeletti custodi dell’arte, allora sa di aver fatto qualcosa di sbagliato.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Erica

Jong

Libri dallo stesso autore

Intervista a Jong Erica

Stefan Zweig scrisse Novella degli scacchi nel 1941, pochi mesi prima di suicidarsi, insieme con la seconda moglie, nella città brasiliana di Petropolis, il 22 febbraio 1942. La notizia della sua morte fu soffocata da quelle provenienti dai fronti di guerra e così anche la sua ultima, disperata protesta, non fu che un flebile grido, quasi inudibile nel frastuono di quegli anni. Nella Novella degli scacchi lo stato d'animo di abbandono, di infinita stanchezza, di rinuncia alla lotta, che portò l'autore al suicidio, è prefigurato nella sconfitta di colui che rappresenta la sensibilità, l'intelligenza, la cultura per opera di un semianalfabeta, ottuso uomo-robot. E, a rendere ancora più crudele la disfatta dello spirito, Zweig scelse come terreno dello scontro una scacchiera. Dallo sfacelo della sua «geistigen Heimat Europa», della sua patria spirituale, l'Europa, Zweig non vuole salvare nemmeno il gioco degli scacchi, ormai appannaggio non più di uomini dotati di talento, estro, passione, ma di «campioni» come Czentovic, un rozzo quanto prodigioso accumulo di facoltà puramente meccaniche.

LA NOVELLA DEGLI SCACCHI

Stefan Zweig

L'inesorabile solitudine dell'uomo, della drammatica tensione fra divenire ed essere, fra vivere e vedersi vivere. La migliore edizione in commercio rivolta alla scuola, con cronologia e bibliografia essenziale.

Uno, nessuno e centomila

Pirandello Luigi

Anita, redattrice in una rivista di moda, è quello che tutte sognano di essere: bella, giovane, elegante e colta. Ma anche tremendamente complicata. Sua madre e sua sorella, così concrete, non capiscono da dove arrivi la sua inquietudine, quella voglia di mangiarsi ogni attimo come fosse l'ultimo e di scappare a gambe levate non appena qualcuno minaccia di metterla in gabbia. Anita però lo sa bene: quando si guarda allo specchio, le sue "mille me" - così le chiama lei - riflettono i suoi cambiamenti di umore e la incoraggiano, la contraddicono, la rimproverano quando sbaglia. Perché Anita sbaglia spesso, soprattutto quando si tratta di uomini. I suoi errori più grandi sono tre: Filippo, affascinante e indisponibile, incontrato per caso su un volo per New York; Flavio, un incrocio di sguardi che si è trasformato in passione; e poi Jacopo, il marito che le è sempre stato accanto ma ultimamente sembra non capirla più. Anita crede di amarli tutti, ma forse la verità è che la vita le sta sfuggendo di mano, come la sua immagine riflessa nello specchio. Dovrà scavarsi dentro e fare i conti con un passato ancora dolorosissimo, per imparare a prendersi cura di sé senza smettere di innamorarsi e di sbagliare: solo così potrà ricominciare a vedersi, e a esistere, davvero.

Se non ti vedo non esisti

Levante

"Qui dentro troverete animali con nomi di persone, fili d'erba più grandi degli alberi, campi di grano dorati, pipe che non si possono fumare, cieli azzurri, bombette e molti bambini. Come in un quadro che si rispetti, qui dentro troverete tutto. E forse anche di più." (Dalla prefazione a cura di Neri Marcorè).

I colori della luna

Bujatti Eleonora