Narrativa

COSI’ IN TERRA

Enia Davide

Descrizione: In una Palermo sporca e violenta, un bambino di nove anni, cresciuto in una famiglia di pugili, sale per la prima volta sul ring. Nel suo formidabile esordio, Davide Enia racconta cinquant’anni di storia, dalla campagna italiana in Africa durante il secondo conflitto mondiale al tragico 1992 - quando nel capoluogo siciliano tornano a esplodere le bombe - passando per il periodo della ricostruzione post bellica, gli anni del «sacco di Palermo» e quelli della mattanza di mafia. Usando con una maestria da togliere il fiato tutti i registri narrativi, dal tragico all’onirico al comico al sentimentale, Enia restituisce un impietoso ritratto di un mondo ricolmo di ironia e violenza, con una scrittura carnale, epica, dolce e feroce.

Categoria: Narrativa

Editore: Dalai

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788866202110

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Con il suo primo romanzo, giunto a ridosso della cinquina che si è contesa il premio Strega 2012 e finalista del premio Bancarella 2012, Davide Enia dimostra che nelle sue vene scorre sangue siciliano verace, quello che animò anche  Verga e Pirandello. “Così in terra” è una rappresentazione che combina verismo – in una reinterpretazione dei giorni nostri e con uno stile arricchito dal palermitano, “un dialetto bello e profondo, capace di velocità e forza” – e senso drammatico del teatro, dosando le due ispirazioni con il gusto crudo per il colore.

La storia narra la saga di tre generazioni in una mescolanza di dimensioni temporali, grazie alle quali l’autore intercala i fatti della guerra d’Africa vissuti dal nonno, i decenni del dopo guerra e i fatti di mafia più recenti (“Nella strada dietro la piazza, grida, ambulanze e sirene della polizia. La colonna sonora di Palermo”).

L’atmosfera che si respira è quella di una guerra perenne, anche perché i protagonisti (Davidù detto “Il poeta”, suo padre “Il paladino”, tragicamente e prematuramente morto in un incidente stradale, e lo straripante zio Umbertino) praticano la boxe con il sogno – infrantosi per il padre e per lo zio – di diventare campioni nazionali. Sebbene Davidù bambino dichiari agli altri coetanei: “Mica sono come voi che volete fare il lavoro dei vostri padri, io posso fare quello che voglio, io sono più fortunato di voi, io sono orfano.”

Il romanzo, dicevo, è pervaso da crudezza e crudeltà: nei rapporti personali (non solo tra gli adulti, ma anche tra i bambini pronti a infierire sul più debole, quel Gerruso al quale viene chiesto un terribile rito sacrificale), nella rappresentazione del rapporto tra i due sessi secondo gli stilemi propri del maschilismo più bieco, nel simbolismo mafioso (“Se l’ammazzato ha i coglioni in bocca è perché ha fatto danno con la femmina sbagliata; i piedi nel blocco di cemento e poi giù in mare è la sorte per chi s’ammucca i piccioli della famiglia; il morto con il pesce in bocca è uno che parlava assai.” Sino alla “squagliatina nell’acido”).

E questa essenza umana, ferina e primordiale, invade le pagine senza soluzione di continuità rispetto al mondo animale (“Il primo maiale, il padre di Nicola glielo fece sgozzare a sette anni … Con le galline la regola è semplice: una mano tiene fermo il corpo, l’altra gira il collo.”), che ispira metafore cruente (“gli attimi che precedono la mattanza, quando la fiocina è ancora salda nelle mani …”) . E si unifica ai fatti estremi vissuti dai soldati in terra d’Africa e interpretati dal nonno.

Eppure, nella Palermo assediata dall’emergenza criminale (“Mi mancava un solo incontro per il titolo nazionale, uno soltanto, quando a Palermo, dopo cinquant’anni, tornarono le bombe”), ove occorre “cambiare strada per un’intuizione improvvisa, diffidare delle facce estranee, provare ansia quando sotto casa si trovava  parcheggiata un’automobile mai veduta prima”, sbocciano alcuni fiori.

Come lo sport. Così “il pugilato serve a mantenere un equilibrio costante … è una disciplina che insegna il rispetto e il sacrificio”.

E le amputazioni e le violenze narrate permettono e promettono un contrasto: perché “le ferite della carne, ago e filo e non sanguinano più. I tagli dell’anima, invece, sono fontane di sangue.”

In questa prospettiva, la parte finale del romanzo si mantiene drammaticamente incalzante: lì si susseguono i punti di vista e le angolazioni narrative convergono tutte su Davidù, che lotta per il titolo nazionale e per conquistare il suo sogno d’amore. A questo punto per il lettore non è più soltanto un dettaglio scoprire se “il poeta” riuscirà a laurearsi campione, visto che “le finali nazionali erano tabù per la mia famiglia.”

Nel punto di accumulazione dell’adrenalina e della tensione, mi sono ritrovato sotto il ring e ho sentito una scarica di pugni, alcuni dritti dritti allo stomaco. Immedesimandomi nella faziosità di Gerruso. “Così in terra”, così è stato per …

 

… Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Davide

Enia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Enia Davide

Periferia di Milano, anni Settanta. Gli anni del terrorismo e della droga, dei sogni di Oriente e di liberazione. Una mattina, nella classe di un Istituto Agrario, fa la sua apparizione Giulia, una giovane professoressa di lettere che parla di letteratura e di poesia con una passione sconosciuta. È quell'incontro a «salvare» Massimo Recalcati che, in questo libro dedicato alla pratica dell'insegnamento, riflette su cosa significa essere insegnanti in una società senza padri e senza maestri, svelandoci come un bravo insegnante sia colui che sa fare esistere nuovi mondi, che sa fare del sapere un oggetto del desiderio in grado di mettere in moto la vita e di allargarne l'orizzonte. È il piccolo miracolo che può avvenire nell'ora di lezione: l'oggetto del sapere si trasforma in un oggetto erotico, il libro in un corpo. Un elogio dell'insegnamento che non può accontentarsi di essere ridotto a trasmettere informazioni e competenze. Un elogio della stortura della vite che non deve essere raddrizzata ma coltivata con cura e riconquistata nella sua singolare bellezza.

L’ora di lezione

Recalcati Massimo

La i-settimana dedicata a Pasolini

Chi di noi non ha mai desiderato di scappare via? Da noi stesse, dai nostri impegni, dai mille piccoli fallimenti che quotidianamente rosicchiano la nostra autostima? Bernadette l'ha fatto davvero. Ha piantato in asso consorte e figlia (mostruosamente precoce) ed è andata a nascondersi là dove nessuno penserà mai di cercarla. Solo l'assistente personale, sua vera e propria alter ego digitale, efficientissima e sempre pronta a condonare ogni sua debolezza, sa dove si trovi. Ma la figlia Bee, raccogliendo indizi dove può, ricompone pezzo dopo pezzo il folle puzzle della vita di Bernadette, donna ordinaria e insieme straordinaria, aspirante eremita e nevrotica persa, pozzo senza fondo di ironia, misantropia, e altre imprevedibili risorse. Fino a indovinare la destinazione di Bernadette e a ricostruire le motivazioni della fuga.

Dove vai Bernadette?

Semple Maria

Holly Golightly, la protagonista di questo estroso romanzo breve, è una cover-girl di New York, attrice cinematografica mancata, generosa di sé con tutti, consolatrice di carcerati, eterna bambina chiassosa e scanzonata. È un personaggio incantevole, dotato di una sorprendente grazia poetica. Intorno a lei ruotano tipi bizzarri come Sally Tomato, paterno gangster ospite del penitenziario di Sing Sing, O.J. Berman, il potente agente dei produttori di Hollywood, il "vecchio ragazzo" Rusty Trawler, Joe Bell, proprietario di bar e timido innamorato...

Colazione da Tiffany

Capote Truman