Narrativa

COSMOPOLIS

DeLillo Don

Descrizione: Un giorno nella vita del giovane miliardario Eric Packer. Un'odissea contemporanea, surreale, sullo sfondo di un'oscura minaccia e del crollo dei mercati mondiali. Dopo Underworld e Body Art, DeLillo ci offre un romanzo caustico e affascinante, ambientato in un presente che è già futuro. «Il futuro è sempre qualcosa di integro e uniforme. Nel futuro saremo tutti alti e felici» disse lei. «Ecco perché il futuro fallisce. Fallisce sempre. Non potrà mai essere il luogo crudele e felice in cui vogliamo trasformarlo».

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2003

ISBN: 9788806164669

Trama

Le Vostre recensioni

Un viaggio attraverso la città di Manhattan. Un giorno di ordinaria follia, dove un giovane direttore d’azienda, multimilionario con strane manie, lascia come di consueto il superattico in cui vive per recarsi dal barbiere nel West Side, nell’altro lato della città.

Il tutto a bordo di una limousine bianca, simbolo dell’arroganza e della futilità del nostro tempo, su cui si alternano personaggi improbabili, anch’essi visioni di un mondo sfalsato, dove le leggi del mercato e della finanza hanno stravolto i punti di vista e decomposto la realtà.

Quello che sembra un viaggio nervoso attraverso una città in preda ai deliri della pubblicità e della borsa, diventa per Eric Packer un viaggio interiore dentro se stesso e verso lo scardinamento  di tutte le scelte effimere fatte sino a quel momento.

Il futuro diventa inesistente. Ecco perché presto accadrà qualcosa, forse oggi stesso. Per correggere l’accelerazione del tempo. Per riportare la natura alla normalità“.

Un ritorno alle origini che passa attraverso la distruzione di un personaggio e della sua esistenza, precaria quanto il sistema su cui è ancorata la società in cui vive, un sistema che mostra ora le sue debolezze, un’economia lontana dalla realtà e capace di fare la fortuna solo di chi sa speculare.

Un sistema destinato ad abortire e ad annientare la personalità degli individui.

Eric Packer osserva come in un monitor ciò che accade all’esterno, estraneo ed impassibile, a tratti morboso, uno spettacolo che aumenterà in lui la consapevolezza e la necessità della propria fine.

Quella era la prospettiva più tetra di tutte, che là fuori non ci fosse nessuno. Lo lasciava in una condizione sospesa, ogni cosa materiale e coerente in un’indistinta rovina alle sue spalle ma nessun momento culminante davanti a sè“.

Ritroviamo in Cosmopolis il De Lillo delle origini. Un viaggio che ricorda quello di Americana (1971), ma con le atmosfere apocalittiche e violente del ventunesimo secolo. Un libro che è stato  letto, a distanza di qualche anno, come una premonizione delle debolezze del sistema finanziario e della catastrofe economica che ne sarebbe seguita

La narrazione è  vibrante e nervosa: si alternano frasi spezzate e periodi sospesi. Le visioni, dapprima spiazzanti, diventano parte integrante e necessaria della descrizione.

Il delirio si rivela, però, a tratti forzoso e pretenzioso.

Un De Lillo da leggere per chi trova nel postmodernismo e nell’analisi della decadenza del mondo contemporaneo una necessaria riflessione sul nostro tempo.    

 A David Cronenberg si deve la trasposizione cinematografica di Cosmopolis nel 2012.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Don

Delillo

Libri dallo stesso autore

Intervista a DeLillo Don


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Figlio unico di madre single, J.R. cresce ascoltando alla radio la voce del padre, un dj di New York che ha preso il Volo prima che lui dicesse la sua prima parola. Poi anche quella voce scompare. Sarà il bar di quartiere, con l'umanità varia che lo popola, a crescerlo e farne un uomo. Appassionata e malinconicamente divertente, una grande storia di formazione e riscatto, di turbolento amore tra una madre e il suo unico figlio, ma anche l'avvincente racconto della lotta di un ragazzo per diventare uomo e un indimenticabile ritratto di come gli uomini rimangano, nel fondo del loro cuore, dei ragazzi perduti.

IL BAR DELLE GRANDI SPERANZE

Moehringer J. R.

IL SIGNORE DI BARCELLONA – di José Lloréns

Vic Gamalero è un ragazzo nevrotico e geniale: ossessionato dal denaro, incapace di distinguere la linea che separa la gratuità dell'affetto dalla pervasiva presenza dei soldi, se ne fa prestare continuamente da genitori, amici, fidanzate, sconosciuti, provando ogni volta qualcosa di simile al sentimento amoroso. Imbastisce menzogne di ogni genere, inventa e veste molteplici identità (si improvvisa giornalista e impresario teatrale, si spaccia per architetto e consulente d'impresa), nessuna delle quali pare essere definitiva; nel frattempo, la sua natura camaleontica e la sua stupefacente capacità di entrare nelle vite degli altri lo portano a contatto con persone di ogni tipo: disadattati, miliardari, attori precari, recuperatrici di credito, giovani di buona famiglia, eroine del volontariato. Fino a quando, tra truffe e debiti accumulati in modo sempre più disordinato, Vic si ritroverà sull'orlo del baratro. Scritto con una lingua rapida e avvincente, tra dialoghi battenti, scene indimenticabili e squarci di pura comicità, “Il mio impero è nell'aria” è il ritratto di un formidabile antieroe italiano del terzo millennio: cattolico, borghese ma sempre ai margini della convivenza civile, il suo rapporto patologico col denaro lo conduce nelle viscere di un paese che proprio del denaro - il suo desiderio, la sua cronica mancanza o la sua scandalosa abbondanza - sembra aver fatto una malattia inguaribile.

IL MIO IMPERO E’ NELL’ARIA

Ricuperati Gianluigi

Ci sono due tipi di passione. Una non mi piace, l'altra non m'interessa. Cosa hanno in comune la vita di Elsina Marone, miliardaria, impareggiabile ancheggiatrice e una breve esperienza da pilota di Formula 1, e quella di Salvatore Varriale detto (dai nemici) 'a Libellula, boss della camorra nascosto (dagli amici) in uno scantinato del casertano? E quelle di Peppino Valletta, romantico cantante di piano-bar, che vive per il figlio disabile, e di Linda Giugiù, imbattibile, o quasi, al tavolo da poker? O ancora quelle di Aristide Perrella, inesorabile e mostruosa forza della natura, di Donna Emma, perfida viceportiera in un signorile stabile sulla panoramica di Napoli, di Girolamo Santagata, "avvocato romano e misantropo internazionale", di Enza Condé, scienziata di fama planetaria, di Marco Valle, bolognese e taciturno, e di Settimio Valori, "infaticabile patrocinatore di se stesso e uomo di sconcertante banalità"? Hanno in comune che sono, appunto, vite. E come ogni vita sono composte di tutte le cose che ci sembrano decisive e non lo sono, di sparuti momenti di felicità e abissi di dolore, di una apparente monotonia rotta da squarci di luce e grazia, da illuminazioni improvvise, da migliaia di aspetti forse irrilevanti ma non per questo secondari. Partendo dai ritratti del fotografo Jacopo Benassi, Paolo Sorrentino immagina l'esistenza delle persone immortalate, senza conoscere i loro nomi, le loro generalità, che cosa facciano o abbiano fatto.

Gli aspetti irrilevanti

Sorrentino Paolo