Letteratura americana

Cosmopolis

DeLillo Don

Descrizione: «Nell’anno 2000. Un giorno di aprile». Siamo sull’East River. Il giovane miliardario Eric Packer sale sulla limousine per andare a tagliarsi i capelli a Hell’s Kitchen, il quartiere dove è nato e cresciuto. È l’inizio di un viaggio che lo porterà ad attraversare Manhattan per andare incontro al proprio destino. Eric Packer non pare intenzionato a uscire dal proprio mondo e, blindato nella limousine su cui viaggia, controlla i mercati finanziari globali da cui è ossessionato, racchiuso nella sua bolla di lusso. Ma il mondo esterno è più forte di ogni suo tentativo di starne alla larga. In un solo giorno, perciò, incontrerà gli uomini e le donne della sua vita, si troverà a partecipare al funerale di un famoso rapper, a un rave party all’interno di un teatro abbandonato, a una protesta no-global repressa con violenza dalla polizia, in una spirale di autodistruzione che sembra non giungere mai alla fine. A nove anni dall’uscita del libro, David Cronenberg porta in concorso a Cannes 2012 Cosmopolis con Robert Pattinson che interpreta il giovane miliardario Eric Packer.

Categoria: Letteratura americana

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili scrittori

Anno: 2006

ISBN: 9788806180805

Recensito da Angelo Favaro

Le Vostre recensioni

Cosmopolis. “Consapevole di ciò che mi sta intorno” De Lillo nell’incubo della contemporaneità

Cosmopolis mette in forma romanzesca la fine dell’Impero, la caduta di Bisanzio, dove ovviamente Bisanzio è New York e, invece di trovarci nel 29 maggio 1453, siamo in un giorno di aprile del 2000; Costantino XI della dinastia dei Paleologi potrebbe essere interpretato da Erik Packer, giovanissimo miliardario; il nemico non è Maometto II con l’esercito turco, ma i riti e i miti della civiltà dei consumi ormai travolta dalle distorsioni del capitalismo maturo, nel suo stadio terminale, morituro, ma non morto.

Un intero giorno per recarsi dall’appartamento di 48 stanze sull’East River, attraversando Manhattan, fino a Hell’s Kitchen, solo per tagliarsi i capelli, su una limousine, che «aveva il pavimento in marmo di Carrara, estratto dalle cave in cui Michelangelo, mezzo millennio prima, aveva sfiorato con la punta del dito la bianca pietra stellata». In un giorno nel quale sarebbe opportuno non muoversi, Erik invece sulla sua auto incontra analisti, consulenti, il medico, gli amici, amori, lavora, beve, riflette, fa l’amore, parla. Un giorno come nella tragedia greca, per rispettare l’unità di tempo, ma divagando rispetto all’unità di luogo, se non si considera la limousine, perché in tal caso anche l’unità di luogo è salva. L’unità d’azione è poi assicurata dall’assenza d’azione, almeno fino alla conclusione del romanzo, conclusione che non voglio rivelare! Il giorno scelto è capricciosamente quello nel quale il Presidente degli Stati Uniti andrà nella città di New York: le strade saranno intasate dalle proteste e dalle manifestazioni di dissenso, e Erik viaggerà lentamente e pazientemente, fino alla meta. Tutti dubitano e sanno dubitare. Lui, non può dubitare. Perciò sfida la vita, la città, le previsioni finanziarie, le sue ossessioni, le ambiguità.

Quel che Don De Lillo riesce a instillare nel lettore in Cosmopolis, da maestro della narrazione che sa attraversare tutti i registri, dal filosofico al burlesco, dal drammatico all’aulico, fino all’elegia, toccando vertici poetici e cadendo nella più infima melmosa e pastosa espressione gergale, è il ritmo dell’enigma. Dalla prima all’ultima pagina del romanzo a dominare è proprio l’insensatezza di un’intera civiltà, quella capitalistica e degli intermittenti flussi economici e finanziari, alla ricerca di un significato, che sosta nel dubbio e nell’inquietudine del disfacimento senza fine. In Cosmopolis, il passato e il futuro incombono a loro modo su un presente devastato e devastante, e questa devastazione è narrata da Don De Lillo fra le righe di tutto il testo, ove si arrischia a inserire la storia parallela delle Confessioni di Benno Levin, come intermezzo esistenziale alla prima parte e alla seconda parte del romanzo. Surreale la presenza di Benno che ha ossessioni mentali scollegate dall’azione e soffre di panico culturale contratto su internet. Benno è lo scrittore. Uno scrittore che vuole assomigliare a un altro.

La narrazione è rapida, quasi violenta, lascia col respiro a metà. Il flusso degli incontri è travolgente.

«Il sesso ci smaschera. Il sesso vede dentro di noi. Ecco perché è così devastante».

Erik non riesce a dormire, fa ginnastica, è ossessionato dallo yen, investe una fortuna per farlo crollare, ma le cose vanno diversamente. È un geniale analista finanziario. Ama l’arte. Ha anche una moglie che scrive poesie, e al contrario degli altri lei non fa sesso con lui.

La sua fiducia è in un’eloquenza tutta particolare e lontana dall’eloquenza della Scolastica: «L’eloquenza di alfabeti e sistemi numerici, ora pienamente realizzata in forma elettronica, nel sistema binario del mondo, l’imperativo digitale che definiva ogni respiro dei miliardi di esseri viventi del pianeta. Lì c’era il palpito della biosfera. I nostri corpi e oceani erano lì, integri e conoscibili».

Cosa cerca dunque Erik? Nulla! Nemmeno sé stesso … nulla fatto di nulla … rimane la pulsione e la deviazione, che però non ci cercano, ma si agiscono, si affrontano, si condensano nell’insaziabile pretesa di consunzione.

«Nessuno morirà. Non è questo il credo della nuova cultura? Verranno tutti assorbiti dentro flussi di informazioni. Non ne so nulla. I computer moriranno. Stanno morendo nella loro forma attuale. Sono quasi morti come unità distinte […] si stanno fondendo nel tessuto della vita quotidiana».

Non un romanzo sulla comprensione dell’uomo e del mondo, ma sull’impossibilità di conoscere l’uomo e il mondo, dunque sull’oppressione e sulla incomprensione, in un crescendo di violenza anch’essa insensata. Incomprensibile. L’incubo non è nel non riuscire a comprendere, ma nel non voler nemmeno tentare di comprendere quel che è oltre le analisi e i pixel dei dati.

Cosmopolis è un grande romanzo distillato in poche pagine, uno di quei romanzi capaci non solo di disturbare, ma di turbare profondamente, perché nemmeno la morte può più salvarci dall’essere perfettamente “consapevoli di ciò che ci sta intorno”, ma non da quel che ciascuno è dentro.

Angelo Fàvaro

Qui qualche informazione in più sul film tratto dal libro.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Don

Delillo

Libri dallo stesso autore

Intervista a DeLillo Don


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

10 REGOLE PER VIVERE COL PARTNER – di Paola Capitani

Si può sfuggire allo scorrere del tempo, come scrive l'autore di LA SCIENZA DI VIVERE PER SEMPRE? Esiste una connessione profonda tra la presenza di uno strano essere a Dartmoor, una nave in bottiglia, il tracciato di un ricamo all'uncinetto che rappresenta il mondo intero e le fate di Cottingley? Tra una recensione da consegnare e un libro da scrivere, Meg Carpenter non se la passava né troppo bene né troppo male. Aveva un ragazzo che era il classico inetto, certo. Arrivare alla fine del mese non era proprio una passeggiata, certo. E i libri erano tutta la sua vita, si potrebbe dire. Almeno fino a quando, tra le pagine di un testo di pseudoscienza, Meg non ha cominciato a guardare il suo tragico universo con occhi diversi. Tra psicologia e tarocchi, enigmi buddisti e teoremi di fisica, antiche cosmologie e leggende fatate, Meg si è messa alla ricerca delle risposte definitive a tutte le domande sul senso della vita e su come le relazioni nascano, crescano e poi, miseramente, muoiano. Mescolando filosofia e humour, ironia e colpi di genio, con IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO Scarlett Thomas ci regala un altro giro di giostra nella migliore letteratura: quella che fa sognare e riflettere senza soluzione di continuità.

IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO

Thomas Scarlett

Gideon Cross. Innamorarmi di lui è stata la cosa più semplice che mi sia mai capitata. È successo istantaneamente. Completamente. Irrevocabilmente. Sposarlo è stato un sogno. Rimanere con lui sarà la sfida della mia vita. L’amore è trasformazione. Il nostro è sia un rifugio che la più violenta delle tempeste. Due anime ferite legate insieme. Abbiamo condiviso i più profondi e inconfessabili segreti. Gideon è lo specchio che riflette tutte le mie debolezze e tutta la bellezza che non riesco a vedere in me. Lui mi ha dato tutto. Ora devo essere io quella forte, devo dimostrare di essere per lui un sostegno come lui lo è stato per me. Insieme possiamo affrontare chi sta cercando di mettersi così crudelmente tra di noi. Anche se la battaglia più dura sarà quella che intraprenderemo per mantener fede alle nostre promesse. Giurarsi amore è stato solo l’inizio. Lottare per il nostro amore ci renderà liberi o ci dividerà per sempre.

Insieme a te. The crossfire series Vol. 5

Day Sylvia

Da bambina Lucy Nelson vede il padre alcolista finire in galera. Da quel giorno ha cercato di redimere qualunque uomo le capitasse intorno, per la rovina sua e dei suoi amanti. Quando Roy e Lucy iniziano a uscire insieme, lui lo fa perché sta cercando se stesso, lei perché non sopporta più una madre remissiva e un padre ubriacone. Si innamorano, o cosi credono. Quando Lucy cede alle estenuanti insistenze, alle canzoni romantiche e alle parole rassicuranti di Roy e "va fino in fondo", rimane incinta. Da quel momento in avanti, come in una tragedia greca in cui, qualunque cosa si faccia, non si può sfuggire al destino, tutto precipita. Lucy non vuole ripercorrere le orme della madre, non vuole diventare la moglie di un uomo egoista, debole e fallito, ma si convince di essere già quel tipo di donna, trascinando il matrimonio - e se stessa - alla rovina. Uscito subito prima del Lamento dì Portnoy, questo terzo romanzo di Philip Roth contiene già tutto il sarcasmo, l'ironia tagliente, l'inquietudine morale delle opere della maturità. Ma possiede una caratteristica che lo rende una stella preziosa: è l'unico romanzo del maestro di Newark ad avere per protagonista una donna. Con Lucy, Roth consegna alla storia della letteratura un personaggio agghiacciante e commovente, incarnazione di una donna che lotta per non sprofondare nella propria follia.

Quando lei era buona

Roth Philip