Poesia

Costellazioni di Ilaria Spes

Spes Ilaria

Descrizione: La silloge poetica vincitrice del Premio Casinò di Sanremo 2018

Categoria: Poesia

Editore: De Ferrari

Collana:

Anno: 2018

ISBN: 9788864059716

Recensito da Franco Di Carlo

Le Vostre recensioni

Costellazioni di Ilaria Spes

Queste Costellazioni di Ilaria Spes (Genova, De Ferrari, 2018) sono inserite in un canone topologico e cronologico in cui lo spazio risulta sempre temporalizzato. al pari del tempo che viene spazializzato. Uno spazio-tempo, quindi, che investe sincronicamente anche i luoghi e gli istanti dell’andamento espressivo, delle scelte tecnico-formali, e i temi e i contenuti (simbolici) della poesia. Come anche le indicazioni delle stagioni e delle costellazioni: poesia astrale, dunque, mitica e naturalistica. Un panismo, quasi religioso, perciò, e certo non-dannunziano percorre il discorso poetico di Ilaria Spes: basti pensare alla Chioma (cometa) di Berenice (di origine callimachea) e ai vari insiemi stellari che corrispondono, naturalmente, ai vari tempi-spazi stagionali: primavera, estate (Lira)  e autunno (Andromeda). Le poesie, dunque, “brillano” di luce riflessa ma pura e divengono nutrimento dell’anima e dell’ars poetica, specchio del De-siderio provenendo e nascendo dal Cielo Stellato. Un’origine quindi sicuramente mitica e sacrale. La natura, vegetale e animale, è perciò umanizzata: parla, sente, ascolta, piange, gioisce, desidera, sogna, prova sensazioni e sentimenti. E contemporaneamente, l’esser-ci dell’uomo viene “naturalizzato” e considerato un elemento Principale della Natura-naturans-Mater: la sua esistenza è inconcepibile senza questa originaria dimensione “sacra”, simbiotica e simpatetica. La Musa Naturale e Poetica esprime una musicalità “celeste”: di qui il ricorso a scelte figurali quali la sinestesia, l’anafora e l’ossimoro: che prevalgono sicuramente a dimostrazione del chiaro obiettivo e procedimento espressivo di Ilaria Spes: conferire al dettato poetico una sintassi e sopra tutto un ritmo (discorsivo e tematico), dolcemente e malinconicamente “vago” e melodico, una nuova e delicata “armonia”. Per questo sono presenti echi leopardiani, presenze pascoliane, rimandi ungarettiani: il Viaggio nasce, dunque, da una mancanza iniziale, che conduce al sogno, all’attesa, al de-siderio, alla nostalgia della vicinanza. E infine al “dolce naufragio” nel Mare della Vita della Natura. Poesia visiva, perciò, con-sustanziale agli Elementi Primigeni: l’acqua, il mare, la terra e il cielo, la Luna, il sole, i cicli del Dì e della Notte, della luce e dell’oscurità, dell’Anima e del Corpo, delle Stagioni e delle Costellazioni.                                                                                                                                                                                   
Franco Di Carlo
________________________________

Leggi:

Franco Di Carlo

Le poesie di Franco Di Carlo: La conoscenza – parte prima

Le poesie di Franco Di Carlo: La conoscenza – parte seconda

Le poesie di Franco Di Carlo: La conoscenza – parte terza

Le poesie di Franco Di Carlo ispirate a Pasolini

Le città sottili

Leonia

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ilaria

Spes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Spes Ilaria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un raccapricciante delitto si è consumato nella città di Metz. Il dottor Valadier, medico legale in pensione, si trova inspiegabilmente coinvolto nelle indagini e si mette sulle tracce degli assassini. Più le sue ricerche procedono, più una complicata trama viene alla luce, intessuta da menti sottili e diaboliche. All'insaputa dell'intera umanità, è in corso una guerra combattuta da forze occulte che si muovono nell'oscuro universo dell'Esoterismo. Le origini di due antichi popoli, gli Ebrei e gli Zingari, legati da un comune destino di sofferenza e di persecuzione, sono la chiave per comprendere l'incredibile vicenda che sta per compiersi. La protagonista è una giovane e bellissima zingara, che si dibatte tra la sottomissione al suo Dio e la passione per un uomo. Un dilemma che riflette quello dell'intera umanità, alla vigilia di un eccezionale cambiamento. La Zingara fa le carte al mondo, e scopre l'Angelo del Giudizio, mentre un'epoca spirituale sta per tramontare e un'altra completamente nuova, sta per sorgere.

La zingara di Metz

Rosaci Domenico

L'Exposition Universelle et Internationale de Bruxelles del 1958 è il primo evento del genere dopo la Seconda guerra mondiale. La tensione politica tra la Nato e i paesi del blocco sovietico è al suo culmine. In piena Guerra fredda, dietro la facciata di una manifestazione che si propone di avvicinare i popoli della Terra, fervono operazioni d'intelligence in cui le grandi potenze si spiano a vicenda. Incaricato di sovrintendere alla gestione del pub Britannia nel padiglione inglese è un giovane copywriter del Central Office of Information di Londra, Thomas Foley, che si trova così catapultato al centro di un mondo d'intrighi internazionali di cui diventa un'inconsapevole pedina.

EXPO 58

Coe Jonathan

Ci sono molti modi d'intendere il giallo, genere che ormai ha mille sfaccettature e sa accontentare anche i palati più raffinati. Per Gaia Conventi il giallo ha soprattutto una vena comica, perché di tutto si può ridere, persino in mezzo alla tormenta che costringe un oste, un carabiniere e un curiale a indagare sulla morte di una mummia estense. E non stupitevi di scovare mummie ad Arginario Po, ridente paesino a pochi chilometri da Ferrara, non stupitevi nemmeno di non trovare la località su Google Maps. In "Quarti di vino e mezze verità" l'autrice - ridendo - vi svelerà una strana e cupa storia estense. Arginario Po torna anche nella seconda novella: in "La locanda del Giallo" il morto arriva quando serve e fa più comodo. A parecchia gente. Sarà quindi il caso di far svolgere le indagini alla combriccola di giallisti invitata alla kermesse. Ottima occasione per mettere all'opera gli esperti del settore e per farsi quattro risate ai danni dell'editoria.

Novelle col morto

Conventi Gaia

Chi mai, se non lo stesso Busi, avrebbe potuto scrivere la sua "autobiografia non autorizzata", lanciandola spericolatamente al mondo in una lingua affabulatoria, epigrammatica, di un’eleganza senza pari e di un’oscenità terribile e al contempo scanzonata? Un romanzo che riconduce al punto di partenza secondo un percorso perfettamente circolare nel quale nulla accade perché tutto è già accaduto e non resta che prendere atto della verità così come la scrittura la riconosce e la indaga, la tenta, invano, a uscire allo scoperto attraverso personaggi che vorrebbero sottrarsi e restare misteriosi ma che sono troppo incantevoli e stregoneschi per non far girare la fantasia a mille del lettore.

Vacche amiche

Busi Aldo