Poesia

Costellazioni

Spes Ilaria

Descrizione: Questo libro raccoglie testi poetici nati sull’onda di pensieri, suggestioni, emozioni diverse, evocate dalla natura, da incontri e dalla sfera dei sentimenti. Le immagini e i versi, pur nella loro puntualità, sono palpiti della stessa anima, sospesa nel cielo e incantata dal cielo. “Costellazioni” ha vinto il Premio Letterario Inediti Casinò di Sanremo Semeria – 2018.

Categoria: Poesia

Editore:

Collana: Poesia

Anno: 2018

ISBN: 978-88-6405-971-6

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

Costellazioni di Ilaria Spes

Una bella scoperta il mondo poetico di Ilaria Spes. È davvero piacevole lasciarsi trasportare dagli appassionati componimenti che costituiscono questa silloge. La lettura è scorrevole e coinvolgente, immediatamente capace di suscitare immagini e sensazioni vivide e profonde. Avvincente il desiderio esplicito di comunicazione e complicità con il lettore… di certo sapete cosa significhi…

Il concerto sensoriale della Natura è il tessuto che sostiene il discorso dell’autrice, proponendosi come interprete delle passioni e dei sentimenti umani. L’autrice crea, con apparente semplicità, atmosfere sognanti che accendono tutte le dimensioni della sensualità. Tra le righe scritte danza irrefrenabile un tripudio di colori, suoni e profumi, colti con quel linguaggio incisivo e soave che solo la poesia è capace di esprimere.

L’eterno movimento dell’esistenza e dell’universo descrive perfettamente i moti dell’anima. Ci strappano un sorriso i guizzi rapidi dell’allegria, ci impongono una piega sulla fronte i movimenti lenti della malinconia, rapiscono l’ascolto i canti delle creature dell’aria o la voce rotonda del mare. La verità interiore non manca di farsi strada dentro ogni verso, ogni giro di parole meditativo, come la meravigliosa dichiarazione

… mi mancherà quell’essere figlia
 che è rifugio per la vita…

segno inequivocabile di come queste poesie sciolgano sapientemente i lacci della dimensione personale per immergersi nel rumoroso silenzio del respiro universale.

Le età della vita si rispecchiano negli accadimenti naturali, nella narrazione delle stagioni, e soprattutto scorrono a ritmi differenti sotto l’occhio vigile e magico degli astri. Le costellazioni che vegliano inestinguibili, sentinelle di speranza, custodi di germogli della vita futura destinata a un sublime eterno rinnovarsi.

Le relazioni affettive tra le creature umane trovano un senso inscritto nell’alfabeto della Natura. Un significato che si compiace di rivelarsi, ma anche una direzione, un cammino, che insegue incessantemente una geografia appropriata. Vi si leggono gli umani nella loro veste di viandanti, incapaci di allontanarsi da quel fratello maggiore che è il mare, col suo bisbiglio mutevole capace di disegnare i desideri. Vera patria di chi ha perso per sempre il suo nido terrestre. Mare che genera una vita più profonda, che si riflette nello sguardo animico ricorrente in queste poesie, che si fa di volta in volta raccolta intimità, dialogo puro, ricordo, nostalgia, mancanza. Ma anche continuità di vita oltre ogni limite.

Laura Monteleone

____________________________________________________________

Cliccate qui per essere indirizzati alla pagina web della Casa Editrice ove poter acquistare l’opera

L’opera è stata presentata per la prima volta venerdì 21 settembre 2018  presso il Teatro dell’Opera del Casinò di Sanremo nel corso della cerimonia di premiazione della sezione narrativa del concorso letterario Antonio Semeria 2018.

Costellazioni è disponibile on line presso:

– La Feltrinelli
https://www.lafeltrinelli.it/…/…/costellazioni/9788864059716

La redazione

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ilaria

Spes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Spes Ilaria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La promessa di un viaggio è sempre la speranza di una rinascita. Non serve andare troppo lontano. Per riscoprirsi a volte basta solo staccarsi un po' da sé stessi. Due donne e un uomo, estranei l'uno all'altro eppure indissolubilmente legati, incroceranno i loro destini sulle orme di un padre fantastico da chi odiato, da chi sognato, da chi semplicemente amato come Natura vuole che il figlio ami il padre in giro fra la vecchia Europa e i sogni che non hanno confini. Solo così rinasceranno una seconda volta. Solo così saranno liberi.

IL VIAGGIO DI JOËLLE

Sacco Vanessa

Πεταλούδες

Nella vivace Istanbul, la vita della libraia turco-tedesca Kati Hirschel scorre fin troppo tranquilla. Il nuovo appartamento che condivide con lo spagnolo Fofo è ormai sistemato, tutti i debiti sono stati pagati e la libreria di cui va tanto fiera - l’unica in tutta la città specializzata in libri gialli - è ben frequentata da locali e turisti. Forse per noia, o per la mancanza di un fidanzato che la tenga occupata, Kati si lascia trascinare da una chiaroveggente che dovrebbe aiutare Fofo a risolvere i suoi problemi di cuore. Le cose prendono una piega inaspettata quando la lettrice di fondi di caffè «vede» la morte di una giovane donna. Temendo che possa trattarsi della fidata collaboratrice Pelin, la libraia corre in ospedale e scopre che la vita in pericolo è un’altra: quella di Nil, ricoverata in terapia intensiva dopo un misterioso malore. Com’è possibile che una donna di neanche trent’anni, in perfetta salute, sia improvvisamente colpita da un attacco cardiaco? E perché aveva la schiuma alla bocca? Il caso è decisamente sospetto e risveglia subito la proverbiale curiosità di Kati, che insieme a Hakan, fratello della «vittima», comincia a scavare nella vita di Nil e a notare altre stranezze. Ad esempio che la giovane, pur essendo disoccupata da sei mesi, poteva permettersi oggetti costosi e una lussuosa abitazione in uno dei quartieri più eleganti di Istanbul. Ce n’è abbastanza per ipotizzare un coinvolgimento in affari loschi. O la presenza di un ricco amante, magari sposato e interessato a sbarazzarsi di lei. Ancora più singolare risulta però la passione di Nil per il tango, legata probabilmente alla decisione di scrivere un romanzo ambientato tra Turchia e Argentina, due paesi accomunati da anni di dittatura militare, da violenze e ingiustizie nei confronti di oppositori e minoranze. E così, grazie al solito mix di intuito, faccia tosta e conoscenza della società turca, Kati porterà avanti anche quest’indagine a modo suo, tra chiacchiere e bicchieri di tè.

Tango a Istanbul

Aykol Esmahan

Jean Rhys divenne improvvisamente un caso letterario alla metà degli anni Sessanta, con la pubblicazione del romanzo Il grande mare dei Sargassi (un caso diffusosi dall'Inghilterra assieme alla scoperta della letteratura femminile come genere letterario specifico). In quel momento, Jean Rhys era quasi ottantenne, e aveva alle spalle una vita ricca di ferite e delusioni, iniziatasi, come per altre scrittrici del secolo, nel declino del colonialismo europeo. E aveva alle spalle una conclusa stagione di racconti, degli anni Venti e Trenta, i cui ricorrenti protagonisti erano donne vinte in tristi stanze londinesi o parigine. Poi, a trent'anni di distanza, il suo maggior romanzo. E questa autobiografia di un'infanzia e adolescenza in Dominica, in cui il teatro del mondo delle ultime colonie dà un respiro profondo e un orizzonte infinito al racconto di una diversità che si fa progressivamente emarginazione, lontananza spirituale. Smile please, ordinava inutilmente la mamma a una bambina distratta davanti al fotografo; e quella incapacità di sorridere a comando, dal primissimo ricordo infantile, diventa l'emblema di una vita.

SMILE PLEASE

Rhys Jean