Poesia

Costellazioni

Spes Ilaria

Descrizione: Questo libro raccoglie testi poetici nati sull’onda di pensieri, suggestioni, emozioni diverse, evocate dalla natura, da incontri e dalla sfera dei sentimenti. Le immagini e i versi, pur nella loro puntualità, sono palpiti della stessa anima, sospesa nel cielo e incantata dal cielo. “Costellazioni” ha vinto il Premio Letterario Inediti Casinò di Sanremo Semeria – 2018.

Categoria: Poesia

Editore:

Collana: Poesia

Anno: 2018

ISBN: 978-88-6405-971-6

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

Costellazioni di Ilaria Spes

Una bella scoperta il mondo poetico di Ilaria Spes. È davvero piacevole lasciarsi trasportare dagli appassionati componimenti che costituiscono questa silloge. La lettura è scorrevole e coinvolgente, immediatamente capace di suscitare immagini e sensazioni vivide e profonde. Avvincente il desiderio esplicito di comunicazione e complicità con il lettore… di certo sapete cosa significhi…

Il concerto sensoriale della Natura è il tessuto che sostiene il discorso dell’autrice, proponendosi come interprete delle passioni e dei sentimenti umani. L’autrice crea, con apparente semplicità, atmosfere sognanti che accendono tutte le dimensioni della sensualità. Tra le righe scritte danza irrefrenabile un tripudio di colori, suoni e profumi, colti con quel linguaggio incisivo e soave che solo la poesia è capace di esprimere.

L’eterno movimento dell’esistenza e dell’universo descrive perfettamente i moti dell’anima. Ci strappano un sorriso i guizzi rapidi dell’allegria, ci impongono una piega sulla fronte i movimenti lenti della malinconia, rapiscono l’ascolto i canti delle creature dell’aria o la voce rotonda del mare. La verità interiore non manca di farsi strada dentro ogni verso, ogni giro di parole meditativo, come la meravigliosa dichiarazione

… mi mancherà quell’essere figlia
 che è rifugio per la vita…

segno inequivocabile di come queste poesie sciolgano sapientemente i lacci della dimensione personale per immergersi nel rumoroso silenzio del respiro universale.

Le età della vita si rispecchiano negli accadimenti naturali, nella narrazione delle stagioni, e soprattutto scorrono a ritmi differenti sotto l’occhio vigile e magico degli astri. Le costellazioni che vegliano inestinguibili, sentinelle di speranza, custodi di germogli della vita futura destinata a un sublime eterno rinnovarsi.

Le relazioni affettive tra le creature umane trovano un senso inscritto nell’alfabeto della Natura. Un significato che si compiace di rivelarsi, ma anche una direzione, un cammino, che insegue incessantemente una geografia appropriata. Vi si leggono gli umani nella loro veste di viandanti, incapaci di allontanarsi da quel fratello maggiore che è il mare, col suo bisbiglio mutevole capace di disegnare i desideri. Vera patria di chi ha perso per sempre il suo nido terrestre. Mare che genera una vita più profonda, che si riflette nello sguardo animico ricorrente in queste poesie, che si fa di volta in volta raccolta intimità, dialogo puro, ricordo, nostalgia, mancanza. Ma anche continuità di vita oltre ogni limite.

Laura Monteleone

____________________________________________________________

Cliccate qui per essere indirizzati alla pagina web della Casa Editrice ove poter acquistare l’opera

L’opera è stata presentata per la prima volta venerdì 21 settembre 2018  presso il Teatro dell’Opera del Casinò di Sanremo nel corso della cerimonia di premiazione della sezione narrativa del concorso letterario Antonio Semeria 2018.

Costellazioni è disponibile on line presso:

– La Feltrinelli
https://www.lafeltrinelli.it/…/…/costellazioni/9788864059716

La redazione

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Ilaria

Spes

Libri dallo stesso autore

Intervista a Spes Ilaria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Reykjavik, estate 1976. L'agente Erlendur, ventottenne, presta servizio nella polizia stradale e passa le notti di pattuglia. La routine è sempre la stessa: incidenti stradali, piccoli furti, schiamazzi davanti ai locali, risse tra barboni. Ed è proprio in queste notti di lavoro che nel giovane Erlendur inizia a delinearsi l'interesse per le persone scomparse, per chi misteriosamente viene inghiottito dal nulla. Poi una notte, un caso diverso: alcuni ragazzini trovano il corpo senza vita di un barbone, annegato nelle acque basse di un canale. Erlendur è il primo a presentarsi sul posto e riconosce nel senzatetto una sua vecchia conoscenza, Hannibal, che aveva incontrato più volte durante i giri di pattuglia in centro e che l'aveva particolarmente colpito per la profonda disperazione. Ma quella stessa notte scompare anche una donna dei quartieri alti, una giovane moglie infelice. Due casi assolutamente diversi, senza nessun punto di contatto, se non per la cocciutaggine di Erlendur che inizia una sua indagine privata...

Le notti di Reykjavik

Indridason Arnaldur

Marzo 1953: Flavio Villareale, prestante cinquantenne, attore, regista e proprietario del Teatro Imperiale, un elegante edifi cio liberty in zona Stazione Centrale, viene trovato senza vita nel suo appartamento di via Vitruvio, a due passi dal teatro. A scoprire il cadavere è Umberto Calcaterra, socio di Flavio e amministratore del teatro. L’esame del medico legale riscontra i segni inequivocabili di una morte per soffocamento: Flavio Villareale è stato ucciso. Trovare l’assassino è compito degli uomini del commissariato Porta Venezia, guidati dal commissario capo Mario Arrigoni. I primi colloqui già mettono in evidenza la personalità della vittima, geniale artista ma pessimo soggetto sul piano umano: assatanato di sesso, dedito a pratiche sadomasochistiche, non esita a sfruttare il suo fascino e la sua posizione professionale per sedurre ogni bella donna che incontri sul suo cammino. Come se ciò non bastasse, pesanti ombre arrivano anche dal passato: mussoliniano fi no al fanatismo, pare abbia denunciato oppositori veri e presunti del regime all’Ovra, la polizia segreta fascista, appropriandosi, in cambio dei loro beni. Toccherà al commissario Arrigoni risolvere il mistero, tra giovani e bellissime attrici, vecchi suggeritori, e camerati non troppo pentiti... Per concludere che, ancora una volta, con un po’ di generosità e meno egoismo, non ci sarebbero stati né morti né assassini.

Arrigoni e l’omicidio di via Vitruvio

Crapanzano Dario

VA’ DOVE TI PORTA IL CUORE

Tamaro Susanna

Allan Karlsson compie cento anni e per l'occasione la casa di riposo dove vive intende festeggiare l'evento: Allan, però, è di un'altra idea e decide di punto in bianco di scappare. Con le pantofole ai piedi scavalca la finestra e si dirige alla stazione degli autobus. Lì ruba la valigia a un giovane biondo dall'aria feroce, sale sul primo autobus che gli capita e inizia così, sbarcando in uno sperduto villaggio svedese sconosciuto, una serie esilarante di equivoci e di incontri, anzitutto con Julius Jonsson - un settantenne ladro e truffatore. I due dovranno sfuggire al biondo che li insegue, e finiranno col farlo fuori dandogli una botta in testa con un asse. Poi, aprendo la valigia rubata, scopriranno che è piena di 52 milioni di corone svedesi, e inizieranno quindi la loro fuga dalla polizia e da una gang criminale che vuole recuperare il denaro, in un viaggio rocambolesco tra Mercedes, camion e donne fatali. Finiranno nell'esotica Bali, dove Allan troverà l'amore: l'ottantenne Amanda.

Il centenario che saltò dalla finistra e scomparve

Jonasson Jonas