Narrativa

CREPUSCOLO

Gay William

Descrizione: Sospettando che ci sia qualcosa di strano nella sepoltura del padre, l'adolescente Kenneth Tyler e sua sorella Corrie fanno una terribile scoperta: la bara è stata profanata. Ma scoperchiando altre tombe, capiscono che c'è di peggio: cadaveri evirati, morti composti in fogge oscene. A dedicarsi alle perverse pratiche necrofile è l'impresario funebre, Fenton Breece. Mentre sua sorella vorrebbe ricattare il becchino, Tyler è invece ossessionato dall'idea di consegnarlo al giudizio della legge e degli uomini. Deve però sfuggire a Granville Sutter, un criminale assunto da Fenton Breece per recuperare - ad ogni costo - le prove incriminanti raccolte dal ragazzo. Comincia così l'avventurosa fuga per la salvezza del giovane Tyler, un inseguimento per le tortuose lande dell'Harrikin, oscura terra di nessuno e di confine.

Categoria: Narrativa

Editore: Gea Schirò

Collana:

Anno: 2006

ISBN: 9788895860053

Recensito da Alessandra Lusso

Le Vostre recensioni

 

Kenneth e sua sorella Corrie scoprono che Fenton Breece, impresario di pompe funebri, è la persona peggiore alla quale avrebbero potuto affidare la sepoltura del padre: le tombe sono profanate, i cadaveri ricomposti in pose oscene e i morti disturbati nel loro riposo eterno. Prima che la terribile verità possa venire allo scoperto, Breece assolda un uomo, Granville Sutter, perché recuperi per lui le prove incriminanti raccolte dai due ragazzi. Ad ogni costo.

Il Tennessee è patria di ottimi scrittori. Lo è stata per Cormac McCarthy, che vi ha ambientato più o meno velatamente gran parte dei suoi romanzi, cogliendo le suggestioni potenti di una terra aspra e bellissima. Lo è ora anche per William Gay, che di McCarthy ha molto, e che nel suo “Crepuscolo” ha calato una storia terrorizzante e nera in un contesto dalla bellezza quasi fiabesca, ossia le sconfinate bassure vergini e ricoperte di vegetazione del Tennessee, che Gay chiama semplicemente “i territori”. E’ qui che Gay racconta un’America lontana almeno qualche mondo da quella affascinante e patinata, a volte decadente, di cui siamo abituati a sentire dalle voci della letteratura e della cinematografia più nota di grande distribuzione: quella di Hollywood e di Kerouac, di Ellis e delle palme sbattute dal vento sulla Mulholland Drive.

Ed è questo il vero innesco della storia, il fatto che sotto i piedi dei protagonisti si dipani una magica terra di nessuno -la regione selvaggia dell’Harrikin- in cui ci sia spazio per una dimensione di assoluta bellezza, fuori dal tempo, pronta a inghiottire nel silenzio le umane vicende e tutti i loro drammi.

Il bestiame sconfina nell’Harrikin e se ne perde notizia. Anche alcuni cacciatori sono scomparsi, e gente che pensava di conoscere i boschi ha perso ogni senso dell’orientamento; qui perfino le bussole diventano inaffidabili e strane.

In fuga da una implacabile caccia all’uomo nelle terre di nessuno, lontano da ogni regola morale o giuridica, i protagonisti di Crepuscolo conosceranno aberrazione e paura, ma anche la grandezza di forze misteriose capaci di travolgere ogni patimento:

Quello che pensava Tyler era che i morti sono talmente al di là di qualunque cosa i vivi possano fare per loro da rasentare l’inconcepibilità, e lui non si era impegnato a incontrare nessuno da nessuna parte. Temeva che oltre il raso grigio trapunto della bara ci fosse solo un mondo di mistero che oltrepassava ogni comprensione umana e non teneva i vivi nella sia pur minima considerazione. Un mondo di tenebra assoluta e profondissimi silenzi“.

Violenza e bellezza, paura e contemplazione sono miscelate in un unico romanzo, che addirittura un lettore d’eccezione come Stephen King definisce “Il più bello e terrorizzante degli ultimi anni”.

Edito in Italia da una piccola casa editrice, la Gea Schirò, Crepuscolo è una piccola perla nera che ci sia augura raggiunga il vasto pubblico che merita anche prima di una trasposizione cinematografica.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

William

Gay

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gay William


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Che cosa va punito? In che modo? Con quali obiettivi? Come dobbiamo intendere la responsabilità e la colpa? Questioni come queste sono strettamente correlate ai mutevoli contesti politico-ideologici, alle tendenze culturali, all'evoluzione del pensiero filosofico e anche ai paradigmi elaborati dalle scienze. Il libro offre un quadro dei temi e dei problemi di fondo del diritto penale contemporaneo, sottolineando il rapporto di forte tensione, e in alcuni casi di contraddizione, tra i principi che dovrebbero conformare un diritto penale liberaldemocratico degno di questo nome e il concreto diritto penale che viene applicato nei tribunali.

Prima lezione di diritto penale

Fiandaca Giovanni

Il volume raccoglie due dei più importanti romanzi di Joseph Roth. Nella Leggenda del santo bevitore Andreas, un clochard, vive sotto i ponti di Parigi. Quando un misterioso passante gli dona una piccola somma di denaro, egli la accetta promettendo di restituirla la domenica successiva con un'offerta in chiesa. Ogni volta che ha in tasca il denaro sufficiente per saldare il suo debito, però, Andreas non resiste alla tentazione di usarlo per rincorrere vizi e piaceri e la restituzione di quei duecento franchi diventa la sua tormentata ragione di esistere. Da questo racconto, tradotto in tutto il mondo e considerato il testamento letterario di Roth, è tratto l'omonimo film di Ermanno Olmi. In Fuga senza fine, Franz Tunda, tenente dell'esercito austriaco, viene fatto prigioniero dai russi e riesce a salvarsi grazie all'aiuto di un mercante di pellicce siberiano, che lo nasconde in casa sua. A guerra finita, Franz, dopo molte peripezie e avventure sentimentali, ritorna finalmente in Austria, ma ormai non è più lo stesso. Metafora del disincanto e dello smarrimento che ha colpito la generazione vissuta in Europa tra le due guerre, questo breve e intenso romanzo è considerato il più autobiografico tra quelli di Roth.

FUGA SENZA FINE

Roth Joseph

1 – Introduzione alle sezione letteratura erotica

"La giustizia degli uomini non mi tocca. Nessun tribunale della terra saprebbe giudicarmi", Così esordisce nel romanzo il protagonista Tullio Hermil. Costantemente infedele alla moglie Giuliana, in un tardivo tentativo dì riavvicinamento alla propria consorte egli scopre che questa porta in seno il frutto di un unico, irreparabile tradimento. Fra sé e la rinnovata passione verso Giuliana si frappone il piccolo intruso, e Tullio non esita a provocare la morte della creatura innocente. Influenzato da Tolstoij e Dostoevskij, pregno dell'incipiente decadentismo contemporaneo, intriso delle letture di neurologia e psichiatria, questo romanzo dannunziano conobbe alla sua uscita nel 1892 un grande successo in Francia (dove fu subito tradotto) e nel resto dell'Europa, prima ancora che in Italia.

L’innocente

D'Annunzio Gabriele