Narrativa

CREPUSCOLO

Gay William

Descrizione: Sospettando che ci sia qualcosa di strano nella sepoltura del padre, l'adolescente Kenneth Tyler e sua sorella Corrie fanno una terribile scoperta: la bara è stata profanata. Ma scoperchiando altre tombe, capiscono che c'è di peggio: cadaveri evirati, morti composti in fogge oscene. A dedicarsi alle perverse pratiche necrofile è l'impresario funebre, Fenton Breece. Mentre sua sorella vorrebbe ricattare il becchino, Tyler è invece ossessionato dall'idea di consegnarlo al giudizio della legge e degli uomini. Deve però sfuggire a Granville Sutter, un criminale assunto da Fenton Breece per recuperare - ad ogni costo - le prove incriminanti raccolte dal ragazzo. Comincia così l'avventurosa fuga per la salvezza del giovane Tyler, un inseguimento per le tortuose lande dell'Harrikin, oscura terra di nessuno e di confine.

Categoria: Narrativa

Editore: Gea Schirò

Collana:

Anno: 2006

ISBN: 9788895860053

Recensito da Alessandra Lusso

Le Vostre recensioni

 

Kenneth e sua sorella Corrie scoprono che Fenton Breece, impresario di pompe funebri, è la persona peggiore alla quale avrebbero potuto affidare la sepoltura del padre: le tombe sono profanate, i cadaveri ricomposti in pose oscene e i morti disturbati nel loro riposo eterno. Prima che la terribile verità possa venire allo scoperto, Breece assolda un uomo, Granville Sutter, perché recuperi per lui le prove incriminanti raccolte dai due ragazzi. Ad ogni costo.

Il Tennessee è patria di ottimi scrittori. Lo è stata per Cormac McCarthy, che vi ha ambientato più o meno velatamente gran parte dei suoi romanzi, cogliendo le suggestioni potenti di una terra aspra e bellissima. Lo è ora anche per William Gay, che di McCarthy ha molto, e che nel suo “Crepuscolo” ha calato una storia terrorizzante e nera in un contesto dalla bellezza quasi fiabesca, ossia le sconfinate bassure vergini e ricoperte di vegetazione del Tennessee, che Gay chiama semplicemente “i territori”. E’ qui che Gay racconta un’America lontana almeno qualche mondo da quella affascinante e patinata, a volte decadente, di cui siamo abituati a sentire dalle voci della letteratura e della cinematografia più nota di grande distribuzione: quella di Hollywood e di Kerouac, di Ellis e delle palme sbattute dal vento sulla Mulholland Drive.

Ed è questo il vero innesco della storia, il fatto che sotto i piedi dei protagonisti si dipani una magica terra di nessuno -la regione selvaggia dell’Harrikin- in cui ci sia spazio per una dimensione di assoluta bellezza, fuori dal tempo, pronta a inghiottire nel silenzio le umane vicende e tutti i loro drammi.

Il bestiame sconfina nell’Harrikin e se ne perde notizia. Anche alcuni cacciatori sono scomparsi, e gente che pensava di conoscere i boschi ha perso ogni senso dell’orientamento; qui perfino le bussole diventano inaffidabili e strane.

In fuga da una implacabile caccia all’uomo nelle terre di nessuno, lontano da ogni regola morale o giuridica, i protagonisti di Crepuscolo conosceranno aberrazione e paura, ma anche la grandezza di forze misteriose capaci di travolgere ogni patimento:

Quello che pensava Tyler era che i morti sono talmente al di là di qualunque cosa i vivi possano fare per loro da rasentare l’inconcepibilità, e lui non si era impegnato a incontrare nessuno da nessuna parte. Temeva che oltre il raso grigio trapunto della bara ci fosse solo un mondo di mistero che oltrepassava ogni comprensione umana e non teneva i vivi nella sia pur minima considerazione. Un mondo di tenebra assoluta e profondissimi silenzi“.

Violenza e bellezza, paura e contemplazione sono miscelate in un unico romanzo, che addirittura un lettore d’eccezione come Stephen King definisce “Il più bello e terrorizzante degli ultimi anni”.

Edito in Italia da una piccola casa editrice, la Gea Schirò, Crepuscolo è una piccola perla nera che ci sia augura raggiunga il vasto pubblico che merita anche prima di una trasposizione cinematografica.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

William

Gay

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gay William

Una volta Ella era una ragazza spensierata, aperta, sempre pronta a sorridere e a infrangere le regole per provare nuove emozioni. Lei e Micha erano grandi amici, e insieme formavano una splendida coppia. Ma una notte accadde qualcosa di terribile, che sconvolse le loro vite e distrusse irrimediabilmente la loro amicizia. Poi Ella andò al college, lasciandosi tutto alle spalle, chiudendosi in se stessa. Nascose il suo segreto al mondo e si trasformò in una ragazza ligia, riservata, senza sogni e senza desideri. Ora però sono iniziate le vacanze estive ed Ella sta per tornare a casa. Ma non immagina che Micha la sta aspettando. Micha sa tutto di lei, conosce i suoi più intimi segreti, ed è deciso a disseppellire i fantasmi del passato e a far sì che Ella ritorni la ragazza vivace e allegra che era un tempo, la ragazza che lui ama e amerà per sempre.

NON LASCIARMI ANDARE

Sorensen Jessica

Il venir meno della promessa del lavoro per tutti (mito degli anni Cinquanta) e l'affermarsi di condizioni lavorative saltuarie pone il problema di come assicurare a tutti condizioni di vita dignitose. Il tema è quello del "reddito garantito" o "reddito di cittadinanza" o "basic incom", cioè di un reddito minimo assicurato dallo Stato in mancanza di attività lavorativa. La soluzione, molto discussa a livello teorico, è oggi adottata in tutti i paesi europei eccettuate l'Italia, la Grecia e l'Ungheria. In Italia c'è una sola sperimentazione, prevista da un decreto legislativo del 1998, ormai abbandonata nel tempo. Sui fondamenti etici e politici del reddito di cittadinanza, sulle realizzazioni in Europa e sulle possibilità in Italia, fa il punto il volume di Giuseppe Bronzini, magistrato, autore di numerose pubblicazioni in materia.

Il reddito di cittadinanza

Bronzini Giuseppe

Chi è Siddharta? È uno che cerca, e cerca soprattutto di vivere intera la propria vita. Passa di esperienza in esperienza, dal misticismo alla sensualità, dalla meditazione filosofica alla vita degli affari, e non si ferma presso nessun maestro, non considera definitiva nessuna acquisizione, perché ciò che va cercato è il tutto, il misterioso tutto che si veste di mille volti cangianti. E alla fine quel tutto, la ruota delle apparenze, rifluirà dietro il perfetto sorriso di Siddharta, che ripete il "costante, tranquillo, fine, impenetrabile, forse benigno, forse schernevole, saggio, multirugoso sorriso di Gotama, il Buddha, quale egli stesso l'aveva visto centinaia di volte con venerazione". Siddharta è senz'altro l'opera di Hesse più universalmente nota. Questo breve romanzo di ambiente indiano, pubblicato per la prima volta nel 1922, ha avuto infatti in questi ultimi anni una strepitosa fortuna. Prima in America, poi in ogni parte del mondo, i giovani lo hanno riscoperto come un loro testo, dove non trovavano solo un grande scrittore moderno ma un sottile e delicato saggio, capace di dare, attraverso questa parabola romanzesca, un insegnamento sulla vita che evidentemente i suoi lettori non incontravano altrove.

SIDDHARTA

Hesse Hermann

Storia d’amore con sorpresa