Saggi

Fuori da questa crisi, adesso!

Krugman Paul

Descrizione: Queste sono solo alcune delle domande a cui il saggio risponde. Sul lavoro: «Ci sono prospettive di reinserimento nel mondo del lavoro ?» Sui giovani: «Quando potranno liberarsi dalla maledizione di essersi laureati nella fase peggiore dell' economia?» Sulla ripresa dell'economia: «Per uscire dalla depressione occorre un rilancio della spesa pubblica?»

Categoria: Saggi

Editore: Garzanti

Collana: Saggi Corsari

Anno: 2012

ISBN: 9788811686705

Recensito da Giacomo Robutti

Le Vostre recensioni

Nella prima metà del 2012, mentre l’autore scrive questo pamphlet, le economie dei Paesi più sviluppati sono in recessione o stagnano. Alcuni Stati faticano a pagare i debiti contratti via via che questi vengono a scadenza. Per Krugman, la soluzione è semplice e netta: è necessario aumentare decisamente la spesa pubblica, affinché la domanda di beni e servizi aumenti, e pertanto il ciclo economico riparta.

A seguito della crisi dei mutui subprime, i soggetti privati sono impegnati in un’azione di deleveraging, ovvero di riduzione del loro debito pregresso. Conseguentemente, i loro consumi sono bassi.

Una politica tradizionale di sostegno alla crescita è l’aumento della liquidità a disposizione, che si traduce in una riduzione del tasso di interesse praticato a chi si indebita, e conseguentemente in un aumento dei prestiti finalizzati a consumi o a investimenti. Nel contesto attuale, tuttavia, nessuna politica monetaria espansiva è plausibile. Ciò non è dovuto al pericolo di un’inflazione incontrollabile. Infatti, in un contesto di depressione economica tale eventualità non si può, secondo Krugman, verificare e, in ogni caso, vi sono buoni motivi per augurarsi un tasso d’inflazione moderatamente elevato, intorno al 4%. Piuttosto il problema è che siamo in una “trappola di liquidità”. I tassi d’interesse ai quali è possibile prestare denaro sono già tanto bassi (in ragione degli aumenti di liquidità attuati in passato) che i potenziali prestatori preferiscono non prestare denaro, dal momento che ne trarrebbero un ben misero guadagno a fronte del rischio assunto.

Nell’aumento della spesa pubblica non bisogna neppure temere i bond vigilantes, ovvero gli acquirenti, attuali o potenziali, di titoli del debito pubblico. In questa fase, salvo per i Paesi più indebitati, non c’è ragione di ritenere che essi, temendo l’aumento del rischio di insolvenza, chiedano maggiori interessi o riducano i volumi acquistati, nonostante molti abbiano nel recente passato sostenuto il contrario.

Krugman è il guru economico della sinistra mondiale. Le sue proposte, che adattano il pensiero keynesiano alla situazione corrente, implicano un intervento più intenso degli Stati sovrani nell’economia, attraverso la leva della spesa.

Al lettore curioso ma digiuno è doveroso rivolgere un avvertimento. Le idee di Krugman sono, ad oggi, minoritarie nel dibattito economico e, anzi, le dottrine keynesiane per un lungo periodo sono state considerate ormai superate (eccellenti articoli che criticano gli argomenti di Krugman possono essere trovati qui: http://noisefromamerika.org/articolo/moltiplicatore-investimenti-pubblici-favole e, con limitato riferimento alla sola situazione italiana, qui: http://www.lavoce.info/guarire-la-crisi-con-il-debito-forse-ma-non-qui/). Chi scrive non ha conoscenze sufficienti per pronosticare se la recente crisi finanziaria sarà in grado di riportare in auge tali teorie. In ogni caso, questo pamphlet è un ottimo punto di partenza per accostarsi al dibattito corrente, che speriamo possa far progredire la scienza economica. D’altronde, la crisi scoppiata a partire dal 2007 ha appunto solo questo pregio: offrire agli studiosi una grande quantità di dati di realtà con i quali testare la validità delle varie teorie (magra consolazione…).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paul

Krugman

Libri dallo stesso autore

Intervista a Krugman Paul


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

William Stoner ha una vita che sembra essere assai piatta e desolata. Non si allontana mai per più di centocinquanta chilometri da Booneville, il piccolo paese rurale in cui è nato, mantiene lo stesso lavoro per tutta la vita, per quasi quarantanni è infelicemente sposato alla stessa donna, ha sporadici contatti con l'amata figlia e per i suoi genitori è un estraneo, per sua ammissione ha soltanto due amici, uno dei quali morto in gioventù. Non sembra materia troppo promettente per un romanzo e tuttavia, in qualche modo, quasi miracoloso, John Williams fa della vita di William Stoner una storia appassionante, profonda e straziante. Come riesce l'autore in questo miracolo letterario? A oggi ho letto Stoner tre volte e non sono del tutto certo di averne colto il segreto, ma alcuni aspetti del libro mi sono apparsi chiari. E la verità è che si possono scrivere dei pessimi romanzi su delle vite emozionanti e che la vita più silenziosa, se esaminata con affetto, compassione e grande cura, può fruttare una straordinaria messe letteraria. È il caso che abbiamo davanti. (Dalla postfazione di Peter Cameron)

Stoner

Williams John

Peter abbandona poco più che ragazzo il paese natale per scoprire il mondo; impara a osservare con distacco gli esseri umani e arriva ad auspicare il ritorno a un mondo primordiale, pre-urbano. Introduzione di Chiusano I. A.

PETER CAMENZIND

Hesse Hermann

Una giovane donna va in anni recenti alla ricerca del misterioso passato dei reclusi di un enorme lager in un'isola greca dove il regime dei colonnelli confinò insieme folli, poeti e oppositori politici. E sprofonda, come il coniglio di Alice, seguendo tracce semicancellate archivi polverosi e segni magici, in una catena imprevista di orrori e segreti dove la pazzia sempre più si mostra come eterno segno dell'opposizione e della ribellione e il passato rivive in storie miracolose, in una festa del linguaggio e della parola. Nella seconda parte del romanzo la detection su follia, normalità e violenza della giovane donna si allarga al mondo contemporaneo e finisce col diventare inevitabile, sconvolgente autobiografia dell'autrice, dove il nodo del rapporto con la madre e la scoperta del fantasma della propria follia (e di quella materna) si aprono in immagini di rara forza. Unica salvezza è la parola poetica, la passione di dire e raccontare che unisce i mondi nel gesto individuale di chi ha il coraggio di cercare ancora "la prima verità".

La prima verità

Vinci Simona

Le streghe di Lenzavacche vennero chiamate nel 1600 in Sicilia un gruppo di mogli abbandonate, spose gravide, figlie reiette o semplicemente sfuggite a situazioni di emarginazione, che si riunirono in una casa ai margini dell' abitato e iniziarono a condividere una vera esperienza comunitaria e anche letteraria. Furono però fraintese, bollate come folli, viste come corruttrici e istigatrici del demonio. Secoli dopo, durante il fascismo, una strana famiglia composta dal piccolo Felice, sua madre Rosalba e la nonna Tilde rivendica una misteriosa discendenza da quelle streghe perseguitate. Assieme al giovane maestro Mancuso si batteranno contro l'oscurantismo fascista per far valere i diritti di Felice, bambino sfortunato e vivacissimo.

Le streghe di Lenzavacche

Lo Iacono Simona