Saggi

Fuori da questa crisi, adesso!

Krugman Paul

Descrizione: Queste sono solo alcune delle domande a cui il saggio risponde. Sul lavoro: «Ci sono prospettive di reinserimento nel mondo del lavoro ?» Sui giovani: «Quando potranno liberarsi dalla maledizione di essersi laureati nella fase peggiore dell' economia?» Sulla ripresa dell'economia: «Per uscire dalla depressione occorre un rilancio della spesa pubblica?»

Categoria: Saggi

Editore: Garzanti

Collana: Saggi Corsari

Anno: 2012

ISBN: 9788811686705

Recensito da Giacomo Robutti

Le Vostre recensioni

Nella prima metà del 2012, mentre l’autore scrive questo pamphlet, le economie dei Paesi più sviluppati sono in recessione o stagnano. Alcuni Stati faticano a pagare i debiti contratti via via che questi vengono a scadenza. Per Krugman, la soluzione è semplice e netta: è necessario aumentare decisamente la spesa pubblica, affinché la domanda di beni e servizi aumenti, e pertanto il ciclo economico riparta.

A seguito della crisi dei mutui subprime, i soggetti privati sono impegnati in un’azione di deleveraging, ovvero di riduzione del loro debito pregresso. Conseguentemente, i loro consumi sono bassi.

Una politica tradizionale di sostegno alla crescita è l’aumento della liquidità a disposizione, che si traduce in una riduzione del tasso di interesse praticato a chi si indebita, e conseguentemente in un aumento dei prestiti finalizzati a consumi o a investimenti. Nel contesto attuale, tuttavia, nessuna politica monetaria espansiva è plausibile. Ciò non è dovuto al pericolo di un’inflazione incontrollabile. Infatti, in un contesto di depressione economica tale eventualità non si può, secondo Krugman, verificare e, in ogni caso, vi sono buoni motivi per augurarsi un tasso d’inflazione moderatamente elevato, intorno al 4%. Piuttosto il problema è che siamo in una “trappola di liquidità”. I tassi d’interesse ai quali è possibile prestare denaro sono già tanto bassi (in ragione degli aumenti di liquidità attuati in passato) che i potenziali prestatori preferiscono non prestare denaro, dal momento che ne trarrebbero un ben misero guadagno a fronte del rischio assunto.

Nell’aumento della spesa pubblica non bisogna neppure temere i bond vigilantes, ovvero gli acquirenti, attuali o potenziali, di titoli del debito pubblico. In questa fase, salvo per i Paesi più indebitati, non c’è ragione di ritenere che essi, temendo l’aumento del rischio di insolvenza, chiedano maggiori interessi o riducano i volumi acquistati, nonostante molti abbiano nel recente passato sostenuto il contrario.

Krugman è il guru economico della sinistra mondiale. Le sue proposte, che adattano il pensiero keynesiano alla situazione corrente, implicano un intervento più intenso degli Stati sovrani nell’economia, attraverso la leva della spesa.

Al lettore curioso ma digiuno è doveroso rivolgere un avvertimento. Le idee di Krugman sono, ad oggi, minoritarie nel dibattito economico e, anzi, le dottrine keynesiane per un lungo periodo sono state considerate ormai superate (eccellenti articoli che criticano gli argomenti di Krugman possono essere trovati qui: http://noisefromamerika.org/articolo/moltiplicatore-investimenti-pubblici-favole e, con limitato riferimento alla sola situazione italiana, qui: http://www.lavoce.info/guarire-la-crisi-con-il-debito-forse-ma-non-qui/). Chi scrive non ha conoscenze sufficienti per pronosticare se la recente crisi finanziaria sarà in grado di riportare in auge tali teorie. In ogni caso, questo pamphlet è un ottimo punto di partenza per accostarsi al dibattito corrente, che speriamo possa far progredire la scienza economica. D’altronde, la crisi scoppiata a partire dal 2007 ha appunto solo questo pregio: offrire agli studiosi una grande quantità di dati di realtà con i quali testare la validità delle varie teorie (magra consolazione…).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paul

Krugman

Libri dallo stesso autore

Intervista a Krugman Paul

La tragedia d’un personaggio (commento e testo)

La ragazza di Bube

Cassola Carlo

Guidata dal vecchio giardiniere che curava in Persia le terre della sua casa d’infanzia, Marjan Aminpour ha imparato sin da bambina a coltivare le piante. A Ballinacroagh, il villaggio dell’Irlanda occidentale dove, dopo essere scappata dall’Iran khomeinista, si è stabilita assieme a Bahar e Layla, le sue sorelle più piccole, Marjan ha aperto il Caffè Babilonia, un locale ricavato dall’ex panetteria di Estelle Delmonico, la vedova di un fornaio italiano. Col cardamomo e l’acqua di rose, il basmati, il dragoncello e la santoreggia, Marjan prepara le sue speziate ricette persiane, e la gente di Ballinacroagh accorre ogni giorno numerosa al Caffè Babilonia, attratta dalle pareti vermiglie, dalle zuppe di melagrana e dal samovar del tè sempre pronto. Marjan potrebbe finalmente godere dei suoi meritati piccoli trionfi se un perfido scherzo del destino non si fosse preso la briga di turbarla profondamente: Layla, la sorellina che si è conquistata subito la simpatia dell’intera Ballinacroagh, si è innamorata, ricambiata, di Malachy McGuire, uno dei figli di Thomas McGuire, il boss del villaggio che possiede un’infinità di pub e ambirebbe volentieri a mettere le mani sul Caffè Babilonia...

CAFFE’ BABILONIA

Mehran Marsha

In queste settimane, il mondo della politica internazionale è in subbuglio: sono stati pubblicati numerosi e compromettenti documenti diplomatici riservati, provenienti dal Dipartimento di Stato americano. A farlo è stato Julian Assange, l’attivista Internet che con il suo sito, Wikileaks, ha aperto una nuova era nel giornalismo investigativo, svelando on line scandali e fenomeni di corruzione politica ripresi da decine di testate. Quello di Wikileaks è uno dei tanti e significativi esempi della rivoluzione dei modi e delle forme in atto nel giornalismo, internazionale e italiano, che vengono trattati nell’originale e interessantissima inchiesta di Bruno e Mastrolonardo, due giornalisti di crescente visibilità impegnati nella divulgazione dei temi legati ai nuovi media e alla cultura digitale. In un viaggio tra le divisioni online dei media più innovativi, centri universitari all’avanguardia, minuscole agenzie di comunicazione che uniscono design, tecnologia e, talvolta, guardano alla controinformazione, il libro osserva da vicino l’universo dei creativi e dei rivoluzionari della notizia, raccontandoci le loro storie, invenzioni e progetti.

La scimmia che vinse il Pulitzer

Bruno Nicola