Saggi

Croce rossa

Puliafito Alberto

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Aliberti

Collana:

Anno: 2011

ISBN:

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

Testo di inchiesta scomodo che svela il lato oscuro di una struttura che gode, nell’immaginario collettivo, di un’immagine internazionalmente immacolata, la Croce Rossa Italiana.

Alberto Puliafito, già avvezzo a inchieste di questo tipo (ha scritto Protezione civile Spa), decide di inoltrarsi in vicoli decisamente ostici, nel tentativo di costruire un pensiero critico nei confronti di un simbolo ritenuto intoccabile, come può essere la CRI, cercando di dimostrare alcune tesi di fondo:

- è possibile un modello alternativo a quello proposto, internazionalmente, della Croce rossa.

  • - esiste uno scollamento fra gli intenti originari della Croce rossa e l’operato dei suoi vertici.
  • - esiste uno scollamento fra i vertici della Croce rossa e la base dei volontari, dei precari, dei militari, quelli che lavorano sul campo e non dietro a una scrivania.
  • -  esiste un’idea di Croce rossa che non è affine a quell’immagine raccontanta mediaticamente.

Partendo dalla storia della CRI, che affonda le sue radici nella ottocentesca battaglia di Solferino contro gli austriaci, Puliafito elenca i sette Principi Capitali, che ne costituiscono lo spirito e l’etica: Umanità, Imparzialità, Neutralità, Indipendenza, Volontariato, Unità e Universalità, evidenziando il paradosso logico che ne scaturisce. La neutralità costringe il volontario a non prendere posizioni, ritrovandosi ad operare anche in regimi come quello nazista, mantenendo spesso il silenzio su fatti tragici, ma questo comportamento cozza con il primo principio, quello dell’Umanità.

L’esigenza di neutralità ad ogni costo non può esistere nemmeno negli aiuti umanitari. E’ questa la tesi che sposa l’autore dell’inchiesta, cercando di affermare che potrebbero esistere diversi modelli di cooperazione e aiuto che partono dal basso.

 

La CRI oggi è un ente di diritto pubblico non economico con prerogative di carattere internazionale. Ha per scopo l’assistenza sanitaria e sociale sia in tempo di pace sia in tempo di conflitto. Ente di alto rilievo, è posta sotto l’alto patronato del presidente della Repubblica e sottoposta alla vigilanza della Stato.

Tuttavia ciò che rende il tutto poco chiaro è la logica del commissariamento straordinario: i  commissari ricevono i loro incarichi per nomina politica (la CRI viene commissariata prima dal 1980 al 1998, poi dal 2003 fino a oggi) e questo meccanismo preclude il concetto di indipendenza della CRI.

Puliafito si concentra sull’opera svolta dagli ultimi commissari straordinari: Mariapia Garavaglia, Maurizio Scelli e Francesco Rocca.

L’inchiesta svela buchi neri nel bilancio della CRI, 154 immobili di cui si sono perse le tracce, pacchi doni per l’Abruzzo o fondi raccolti per Haiti utilizzati poi per altri fini, per non parlare del 118 in Sicilia che è divenuto un meccanismo di assunzione in campagna elettorale, con un danno per le casse pubbliche di circa 37 milioni di euro.

 

Lavoro di critica decisamente interessante, ben sviluppato e in linea con un’idea di informazione libera, il più possibile autocostruita, capace di svelare i lati oscuri non solo della Croce Rossa Italiana, ma di gran parte del nostro sistema politico/sociale, di cui la CRI ne è uno specchio eloquente soprattutto per l’immagine immacolata che da sempre l’accompagna.

Puliafito, giovane giornalista nonché regista, proprio grazie alla freschezza di un linguaggio moderno, pur cercando di salvaguardare le motivazioni profonde dei volontari, non ha paura di dirigere il mirino dell’inchiesta verso i vertici più alti:

“Raccontare è un diritto e un dovere, allora, sì, se occorrerà, se necessario sarò anche disposto a sparare sulla Croce Rossa.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Puliafito

Libri dallo stesso autore

Intervista a Puliafito Alberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Perché proprio 365 storie d'amore? Perché questo genere letterario è il solo che riesce a muoversi fra i vari sottogeneri della letteratura senza mai perdere la propria identità. Il romance è infatti declinato in decine di sfumature che contemplano escursioni nello storico, nel thriller, nella fantascienza, nell'erotico, nel fantasy e chi più ne ha più ne metta, pur mantenendo sempre la passione e i sentimenti saldamente in tolda di comando. Insomma, l'importante è che siano belle storie d'amore, dopodiché poco importa se ne sono protagonisti un pistolero e una bella ragazza all'epoca del far west o due viaggiatori dello spazio. E non importa nemmeno se i due innamorati sono entrambi uomini o entrambe donne, perché al lettore di romance piace esplorare tutte le possibili declinazioni dell'amore, senza restare ingabbiati nel pregiudizio eterosessuale. Un genere letterario, quindi, estremamente aperto e ricettivo, che offre grandi possibilità ai lettori ma anche agli scrittori, che possono sbizzarrirsi a descrivere storie d'amore e di passione all'interno dei sottogeneri a loro più congeniali.

365 STORIE D’AMORE

AA.VV.

Onça-pintada

La bruciante e tragica ascesa di Julien Sorel, giovane avventuroso, romantico e calcolatore, nella Francia della Restaurazione. Il protagonista del piú celebre romanzo dello scrittore francese sfida se stesso e la società che vorrebbe conquistare: i suoi amori travolgenti e la sua arida sete di dominio, che di volta in volta gli consentono di affermarsi e lo portano alla distruzione, sono i segni distintivi di una letteratura che è riuscita a misurarsi con le piú profonde e misteriose contraddizioni del cuore umano. Il fascino estremo di un personaggio ambizioso e inquietante nel più celebre romanzo di Stendhal. Con uno scritto di Giuseppe Tomasi di Lampedusa e una nota bibliografica.

Il rosso e il nero

Stendhal

Alcuni anni prima di essere in odore di Pulitzer, Elizabeth Strout tornò in libreria con “Resta con me” dopo il fortunato esordio di “Amy e Isabelle”. In questo secondo romanzo, una nuova esplorazione nel caleidoscopio dei sentimenti, tutto prende forma intorno a Tyler Caskey, un pastore protestante, e al tempo in cui vive, la fine degli anni Cinquanta. Il contesto, chi ha imparato a conoscere la Strout lo sa bene, è quel Maine ancorato a un antico passato di emigrazione, una provincia con la P maiuscola, claustrofobica ma anche capace di squarci edenici su una natura dolce e screziata dai colori più intensi. Qui, a metà del secolo scorso, vive un reverendo insieme alla figlia, una bambina di cinque anni tanto silenziosa in casa quanto capace di improvvise e violente esplosioni di ribellione a scuola, con i compagni di classe e le insegnanti. Ma a West Annett, in questa comunità che è una bolla di vetro, nulla passa inosservato, men che meno la figlia di un pastore: un esempio di probità e purezza, o così dovrebbe essere. L’autorevolezza di cui gode Tyler Caskey viene così gradualmente erosa da giudizi superficiali, velenosi, mentre la sua personale convinzione religiosa subisce una profonda frattura: i sermoni sono adesso rarefatti discorsi indirizzati a una comunità viziata, perdono di senso di fronte allo spietato silenzio di una figlia che ha perso la madre in un’età in cui non si dovrebbe. Poi, nell’ora più buia di Tyler, una straordinaria scoperta metterà alla prova la sua religiosa umanità e la sua volontà di resistere alle sfide. Quelle stesse sfide che, presto o tardi, mettono alla prova ognuno di noi. “Resta con me” conduce il lettore nelle pieghe più oscure dei nostri rapporti affettivi, lì dove la vertigine provoca quello sbandamento disarmante e voluttuoso da cui, preso in mano il coraggio, potremmo però riemergere con una nuova consapevolezza. Si scende, per risalire più in alto: questa è Elizabeth Strout, nella sua scrittura puntuale, nei chiaroscuri

RESTA CON ME

Strout Elizabeth