Saggi

Croce rossa

Puliafito Alberto

Descrizione:

Categoria: Saggi

Editore: Aliberti

Collana:

Anno: 2011

ISBN:

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

Testo di inchiesta scomodo che svela il lato oscuro di una struttura che gode, nell’immaginario collettivo, di un’immagine internazionalmente immacolata, la Croce Rossa Italiana.

Alberto Puliafito, già avvezzo a inchieste di questo tipo (ha scritto Protezione civile Spa), decide di inoltrarsi in vicoli decisamente ostici, nel tentativo di costruire un pensiero critico nei confronti di un simbolo ritenuto intoccabile, come può essere la CRI, cercando di dimostrare alcune tesi di fondo:

- è possibile un modello alternativo a quello proposto, internazionalmente, della Croce rossa.

  • - esiste uno scollamento fra gli intenti originari della Croce rossa e l’operato dei suoi vertici.
  • - esiste uno scollamento fra i vertici della Croce rossa e la base dei volontari, dei precari, dei militari, quelli che lavorano sul campo e non dietro a una scrivania.
  • -  esiste un’idea di Croce rossa che non è affine a quell’immagine raccontanta mediaticamente.

Partendo dalla storia della CRI, che affonda le sue radici nella ottocentesca battaglia di Solferino contro gli austriaci, Puliafito elenca i sette Principi Capitali, che ne costituiscono lo spirito e l’etica: Umanità, Imparzialità, Neutralità, Indipendenza, Volontariato, Unità e Universalità, evidenziando il paradosso logico che ne scaturisce. La neutralità costringe il volontario a non prendere posizioni, ritrovandosi ad operare anche in regimi come quello nazista, mantenendo spesso il silenzio su fatti tragici, ma questo comportamento cozza con il primo principio, quello dell’Umanità.

L’esigenza di neutralità ad ogni costo non può esistere nemmeno negli aiuti umanitari. E’ questa la tesi che sposa l’autore dell’inchiesta, cercando di affermare che potrebbero esistere diversi modelli di cooperazione e aiuto che partono dal basso.

 

La CRI oggi è un ente di diritto pubblico non economico con prerogative di carattere internazionale. Ha per scopo l’assistenza sanitaria e sociale sia in tempo di pace sia in tempo di conflitto. Ente di alto rilievo, è posta sotto l’alto patronato del presidente della Repubblica e sottoposta alla vigilanza della Stato.

Tuttavia ciò che rende il tutto poco chiaro è la logica del commissariamento straordinario: i  commissari ricevono i loro incarichi per nomina politica (la CRI viene commissariata prima dal 1980 al 1998, poi dal 2003 fino a oggi) e questo meccanismo preclude il concetto di indipendenza della CRI.

Puliafito si concentra sull’opera svolta dagli ultimi commissari straordinari: Mariapia Garavaglia, Maurizio Scelli e Francesco Rocca.

L’inchiesta svela buchi neri nel bilancio della CRI, 154 immobili di cui si sono perse le tracce, pacchi doni per l’Abruzzo o fondi raccolti per Haiti utilizzati poi per altri fini, per non parlare del 118 in Sicilia che è divenuto un meccanismo di assunzione in campagna elettorale, con un danno per le casse pubbliche di circa 37 milioni di euro.

 

Lavoro di critica decisamente interessante, ben sviluppato e in linea con un’idea di informazione libera, il più possibile autocostruita, capace di svelare i lati oscuri non solo della Croce Rossa Italiana, ma di gran parte del nostro sistema politico/sociale, di cui la CRI ne è uno specchio eloquente soprattutto per l’immagine immacolata che da sempre l’accompagna.

Puliafito, giovane giornalista nonché regista, proprio grazie alla freschezza di un linguaggio moderno, pur cercando di salvaguardare le motivazioni profonde dei volontari, non ha paura di dirigere il mirino dell’inchiesta verso i vertici più alti:

“Raccontare è un diritto e un dovere, allora, sì, se occorrerà, se necessario sarò anche disposto a sparare sulla Croce Rossa.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Puliafito

Libri dallo stesso autore

Intervista a Puliafito Alberto

Questa è la storia di una solitudine individuale e collettiva scritta sotto forma di diario. Protagonista è Santomè, inpiegato in una grossa azienda di Montevideo, schiacciato dalla monotonia della vita di ogni giorno. Vedovo, vicino alla pensione, Santomè ha difficoltà a stabilire un rapporto con i suoi figli. Ma quando nell'azienda viene assunta la giovane Laura, Santomè sente nascere un amore insperato che lo porterà a vivere una relazione clandestina, che sembra illuminare il suo futuro.

La tregua di Mario Benedetti

Benedetti Mario

MASTRO DON GESUALDO – di Giovanni Verga

Un giovane prigioniero di guerra nordcoreano, ribattezzato Yohan dagli americani, viene mandato via mare in Brasile perché si ricostruisca una vita dopo gli orrori di un conflitto che ha finora poco interessato la letteratura. Grazie all'abilità manuale che ha dimostrato al campo, viene assegnato come aiutante nella bottega di un sarto giapponese, a sua volta emigrato, a sua volta spaesato nel nuovo continente. Unico legame con l'altro capo del mondo, uno dei marinai giapponesi della nave che fa scalo a intervalli regolari nel porto. E unico interlocutore l'uomo di mezza età che taglia e cuce pazientemente nella piccola, spartana bottega. Interlocutore silenzioso, e non solo per problemi linguistici, il sarto trasmette a Yohan, insieme alla sua arte, anche la malinconica serenità raggiunta negli anni. I due tacciono su un passato drammatico: il lettore viene a conoscere quello del ragazzo tramite una serie di flashback che rivelano con parole scarne le vicende spaventose della guerra, dello sradicamento e della prigionia mitigata solo dalla compagnia di un amico più sfortunato. Ed è grazie al silenzio leggero, colmo di gentilezza, saggezza ed empatia del sarto, e all'incontro con due straordinari ragazzi di strada brasiliani, che Yohan a poco a poco comincia a rinascere, a creare legami di affetto, e perfino a sognare.

La riva del silenzio

Yoon Paul

Storia del nuovo cognome è il seguito dell’amica geniale, pubblicato nel 2011. L’amica geniale racconta l’infanzia e l’adolescenza di due ragazze napoletane, Lila e Lenù, seguite nelle intense peripezie della loro amicizia, in un quartiere povero e feroce negli anni del passaggio a un benessere conquistato con ogni mezzo. Al cuore del romanzo c’è il rapporto tra le due amiche, un rapporto di affetto, di gelosia, di competizione, di emulazione, di rifiuto e di attrazione vertiginosa. Ritroviamo le due protagoniste e la loro straordinaria amicizia nelle nuove prove che la vita mette loro davanti. Lila si sposa a soli diciassette anni con un giovane del quartiere arricchitosi con commerci e traffici non sempre limpidi, e diventa la signora Carracci in una nuova esistenza dove agio e violenza, frustrazione e potere si mischiano. Lenù continua invece a studiare, suscitando l’ammirazione e l’invidia dell’amica. È una gara a chi delle due riuscirà a uscire dal quartiere che le imprigiona, a liberarsi da un ambiente che entrambe odiano. Ameranno anche lo stesso uomo.

Storia del nuovo cognome

Ferrante Elena